Cerca

Rapid Torino Under 15: Giorgio Torri guida la carica dei 2006

Rapid Torino Under 15

Rapid Torino Under 15

Un lavoro di crescita che parte tre anni fa quello di Giorgio Torri e i suoi 2006 del Rapid Torino, e che ha già iniziato a dare i suoi frutti. «Quando tre anni fa sono arrivato al Rapid – spiega Torri – Mi è stato chiesto di prendere e un gruppo e insegnare loro a giocare a calcio. Erano 10 o poco più e adesso siamo arrivati ad avere una rosa di 23 giocatori. Il progetto a lungo termine era quello di portare i ragazzi a togliersi delle soddisfazioni. Ho detto subito loro che c’era del lavoro da fare e che i frutti li avremmo raccolti nel settore giovanile e così è stato». Infatti il Rapid è stato bloccato sul più bello, sia in questa stagione che nella scorsa. «La scora stagione – continua il tecnico – abbiamo iniziato male ma già a gennaio avevamo iniziato ad assestarci. L’obiettivo era quello di chiudere più o meno a metà classifica, poi c’è stato lo stop». L’obiettivo d questa stagione invece è ben diverso. Un avvio davvero promettente quello dell’Under 15 che, se tolta la gara con la Sisport definita dal tecnico stesso una squadra «fuori categoria», ha collezionato due vittorie nette: 4-1 con l’Accademia Beppe Viola Real Torino e 3-0 con il Borgata Cit Turin. «Se si dovesse riprendere – confessa Torri – faremo di tutto per conquistare il secondo posto, a cui ambiscono anche San Giorgio e Vianney. Certo, bisognerà vedere la modalità di ripresa dei campionati, si vocifera che vogliano concludere l’andata e poi giocare i PlayOff. In ogni caso noi ci siamo e daremo tutto».  E, i segnali positivi sono arrivati anche prima del campionato. In un triangolare giocato a ridosso della prima ufficiale con Collegno Paradiso (solida corazzata che ha dimostrato il suo valore nella scorsa stagione) e Pianezza (gruppo Regionale), il Rapid è riuscito a imporsi conquistano il primo posto. «Se escludiamo la gara con la Sisport – sottolinea Torri – nelle ultime 8 gare ufficiali abbiamo subito solo un gol. E’ un traguardo di cui vado molto fiero perché ci abbiamo lavorato tanto». [caption id="attachment_253699" align="alignnone" width="1344"] Rapid 2006 Rapid 2006[/caption] Quali sono i segreti del Rapid? Innanzi tutto in estate sono arrivati tre innesti, tutti con esperienza Regionale. Stiamo parlando dei gemelli centrocampisti  Matteo e Giorgio De Paoli, ex Cit Turin, e di Cristian Imbriani, atro rinforzo in mediana, tornato in biancorosso dopo un anno all’Atletico Torino. E’ stato inoltre tesserato anche l’attaccante Kledi Buthi, che già si allenava con il Rapid ma è sceso in campo nell’ultima gara prima dello stop. «E’ entrato al posto di Filippo Neboli e ha giocato un’ottima gara – dice di lui il tecnico – non solo ha segnato ma si è anche procurato un rigore. Un ragazzo di ottime prospettive». Scendono in campo con un collaudato 3-5-2 e la filosofia di Giorgio Torri è votata all’attacco. «Giochiamo molto alti, la linea di difesa è a centrocampo». I 2006 biancorossi sono guidati dal loro capitano Edoardo Rivera, indispensabile non solo tecnicamente ma anche per il suo carisma. «Durante gli allenamenti ci sono io che tiro le fila, ma durante la partita Edoardo mi tiene compatto il gruppo -  spiega Torri – si batte là in mezzo al campo e segna anche tantissimo. Le sue punizioni sono micidiali, raramente non fa gol». Partendo dall’estremo difensore, vediamo chi  sono gli interpreti del 3-5-2 di Giorgio Torri. Tra i pali Alessio Ricciardi, diventato portiere da poco. Fino agli Esordienti era un giocatore di movimento, poi si è spostato in porta, anche perché il gruppo aveva bisogno di un portiere. Insieme a Ricciardi va con i 2006 Mattia Rizzi, portiere classe 2007, parte integrante del gruppo di Aldo Urzi. La linea difensiva vede al centro Giorgio Puglisi, centrocampista che il tecnico ha abbassato nelle retrovie. Fisico notevole, sfrutta la sua potenza per presidiare la difesa. A sinistra, Andrea Biffo con un passato al Borgata, c’è unico mancino puro a disposizione di Torri, mentre a destra gioca Diego Doria. Sulla corsia mancina c’è Matteo De Paoli, elemento assolutamente insostituibile e, ad arare la fascia destra, c’è Dario Cavarretta. Cristian Imbriani gioca centrale di centrocampo, con Giorgio De Paoli e Edoardo Rivera. La coppia d’attacco, invece è composta da Filippo Neboli e Denis Limonciello. Il tecnico comunque effettua spesso i cambi disponibili, tra di loro c’è il laterale destro Federico Neri, che sta completando un importante discorso di crescita iniziato tre anni fa che lo ha visto migliorare molto e diventare una colonna biancorossa.  Ultimi ma non ultimi, i collaboratori di Giorgio Torri: «Ci tengo a ringraziare particolarmente il mio vice, l’allenatore in seconda Gabriele Macchia, e i dirigenti Gianpaolo Rivera e Riccardo De Paoli, senza di loro nulla sarebbe possibile». Anche in questo periodo di stop forzato il legame con i ragazzi non si è spezzato: «Ci sentiamo molto spesso – racconta il tecnico – Nel primo lockdown facevamo allenamenti Zoom e videochiamate, in questo secondo stop non è stato così, anche perché mi sono dedicato con Aldo Urzi (allenatore dei 2007 al Rapid, ndr), al corso Uefa C e abbiamo preso il patentino. In ogni caso ho dato ai ragazzi una scheda di allenamenti in modo che possano tenersi fisicamente in forma e siano pronti alla ripartenza, anche per evitare problemi muscolari ed infortuni». LA ROSA DEL RAPID Portieri: Alessio Ricciardi, Mattia Rizzi Difensori: Diego Doria, Andrea Biffo, Giorgio Puglisi, Edoardo Di Felice, Matteo Barone, Davide Gallia, Edoardo Ceretto, Alessandro Fastampa Centrocampisti: Andrea Vuono, De Paoli Giorgio, De Paoli Matteo, Edoardo Rivera, Cristian Imbriani, Dario Cavarretta, Angelo Dodan, Manuel Cipollone, Federico Neri Attaccanti: Denis Limonciello, Kledi Buthi, Filippo Neboli, Samuel Bosso Allenatore: Giorgio Torri Allenatore in seconda: Gabriele Macchia Dirigenti: Gianpaolo Rivera e Riccardo De Paoli
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400