Cerca

Torino-Atalanta Under 15 Femminile: le granata danno Battaglia ma devono arrendersi a tanta Bellagente

aurora battaglia toro under 15 femm

Aurora Battaglia, autrice del vantaggio granata

Un Torino che passa in vantaggio nonostante soffra per buona parte del primo tempo e un'Atalanta che proprio quando sembra subire l'entusiasmo avversario mette invece le cose in chiaro. Il test match tra le granata di Giovanni Russo e la nerazzurre guidate da Gennaro De Maria finisce 1-4 con le ragazze ospiti padrone del campo sin dall'inizio ma che vanno in svantaggio al 18' con il gol firmato Aurora Battaglia. Un fuoco di paglia quello del Toro, con la Dea che trova il pareggio già al 1' della ripresa grazie a una sontuosa Greta Bellagente, migliore in campo e protagonista sin dal calcio d'inizio. Il destro dalla distanza di Micaela Galbusera al 12' e l'opportunismo in area di Sveva Camillo al 14' indirizzano verso Bergamo una gara poi chiusa nel terzo tempo dal quarto e definitivo gol di Anna Santangeletta, bravissima a mettere a sedere l'avversaria diretta e il portiere Margherita Vaccarino (comunque protagonista con diversi interventi importanti) prima di trovare il gol con un elegante scavetto che le vale l'acclamazione dei genitori orobici sugli spalti. Dominio Dea ma scatto Toro. Già al 2' si intuisce chi sarà la protagonista assoluta della gara: è Greta Bellagente a provarci per prima con un tiro da posizione defilata che termina però sull'esterno della rete difesa da Giulia Sigrisi. Il tandem nerazzurro con Cristina Minuscoli sulla fascia sinistra funziona alla grande e i tentativi da quella parte arrivano a ripetizione. Bellagente è letteralmente incontenibile e all'8 si guadagna e calcia una bella punizione che trafigge la barriera ma finisce ancora larga. Calcio piazzato anche all 11', questa volta lungo sul secondo palo a tentare di scavalcare un'attenta Sigrisi. Le granata provano a rispondere al 15' con Alice Degani che lancia bene in profondità Aurora Battaglia la quale tenta l'acrobazia col tacco per lanciarsi da sola verso la porta: gesto pregevole ma che non va a buon fine. L'Atalanta continua però ad attaccare con insistenza e chiama ancora Sigrisi ad un paio di belle uscite in anticipo coi piedi - un fondamentale che la numero uno dimostra di saper padroneggiare alla grande. Nonostante il chiaro dominio territoriale atalantino, a passare in vantaggio in chiusura di primo tempo sono a sorpresa le ragazze di Russo: azione che arriva a svilupparsi confusamente sino all'area nerazzurra e Aurora Battaglia è la più lesta ad avventarsi sul pallone trovando l'1-0 con un tiro beffardo che supera Martina Panzeri, fino a quel momento mai chiamata in causa. Pari e sorprese. Il gol subìto potrebbe togliere certezze all'Atalanta ma nei fatti si verifica il contrario. Già al 1' arriva infatti l'1-1 con Greta Bellagente che scappa sull'out mancino e dopo tanto provarci trova il gol con un bel destro sul secondo palo. Passano tre minuti e la stessa Bellagente è ancora protagonista con una bella punizione parata da Sigrisi, sulla cui ripartenza granata è Giada Guarini ad avere una grande occasione di raddoppiare ma viene fermata da un'ottima uscita di Panzeri. Guerini si dimostra la vera risposta granata a Bellagente: la numero quindici del Toro mette in difficoltà la Dea con la sua velocità e al 5' ci vuole un super intervento in scivolata di Cristina Minuscoli per fermarla. Proprio quando il Toro sembra in grado di tenere le redini della partita, arriva però un'altra sorpresa: al 12' è infatti l'Atalanta a trovare il vantaggio con un tiro improvviso di Galbusera dalla lunga distanza che coglie Sigrisi per una volta impreparata. È così 1-2 e partita ribaltata. Una rimonta che regala tranquillità a una Dea che dopo il pareggio si era un po' contratta. Le ragazze di De Maria tornano così a macinare gioco e al 14' trovano la terza marcatura grazie all'opportunismo di Sveva Camillo sugli sviluppi di un corner. Il Torino ha bisogno di qualcuna che possa dare una scossa e questa risponde al nome di Nicole Magnino. La numero nove si prende la squadra sulle spalle e in chiusura di secondo tempo va vicino al gol con una traiettoria potente su punizione. Bijoux Santangeletta. Alla stessa Magnino si dive anche il buon avvio granata nel terzo tempo. La centravanti riprende da dove aveva finito e va vicino al gol con un gran destro già al 1'. Subito dopo ha una grande occasione anche la combattiva Vittoria Anselmo che però manca al momento della conclusione tirando debolmente tra le braccia di Panzeri. La Dea risponde con Marta Ripamonti e Maya Amoroso, entrambe ben fermate da Margherita Vaccarino. Al 6' torna a farsi vedere anche Guarini per un Toro che però non riesce a trovare la via della rete. Ecco che allora l'Atalanta ne approfitta e al 12' chiude la partita grazie alla gemma di Anna Santangeletta: la numero diciassette riceve palla sulla sinistra, entra in area, dribbla l'avversaria diretta e con una finta fa andare a terra Vaccarino per poi trafiggerla con un morbido tocco sotto per l'1-4. Le torelle sono inevitabilmente tramortite e nei minuti finali non riescono a imbastire azioni degne di nota. C'è poi ancora solo il tempo per il destro di Gaia Casanova che al 19' chiama Vaccarino a una difficile deviazione in corner. Finisce così con una vittoria convincente per l'Atalanta ma anche per il Torino gli spunti positivi non mancano.  

IL TABELLINO

  TORINO-ATALANTA 1-4 RETI (1-0, 1-4): 18' Battaglia (T), 1' st Bellagente (A), 12' st Galbusera (A), 14' st Camillo (A), 12' Santangeletta (A). TORINO: Sigrisi G. 6.5, Sigrisi S. 7, Villa 6.5, Degani 7, Civitico 7, Anselmo 8, Grieco Nicole 6.5, Bosio 7, Mangino 8, Sotgiu 7.5, Battaglia 8.5, Vaccarino 7.5, Esposito 7, Barra 6.5, Guarini 8, Tantillo 7, Tavella 6.5, Caffaratto 6.5. All. Russo 6.5. ATALANTA: Panzeri 7.5, Raccagni 7, Amoroso 6.5, Minuscoli 7.5, Balossi 7, Galbusera 8.5, Foini 7, Bellagente 9.5, Gregis 7, Amoruso 8, Camillo 8, Ripamonti 8.5, Brivio 7, Casanova 8, Cattivelli 7.5, Santangeletta 8.5, Villa 7. All. De Maria 8. ARBITRO: Silvia Zoppetto di Pinerolo 7.  

LE PAGELLE

  TORINO Sigrisi G. 6.5 Partita praticamente perfetta se non fosse per il tiro di Galbusera probabilmente battezzato fuori ma che invece si insacca sul primo palo. Per il resto è molto convincente sia con le mani che con i piedi. Sigrisi S. 7 Ha davanti a sé l'avversaria più impegnativa che potrebbe trovare. Le difficoltà sono inevitabili ma lei è brava a rimanere concentrata e a mettere più argine che può. Villa 6.5 Dalla sua parte l'Atalanta attacca meno e lei potrebbe provare a farsi vedere un po' di più in fase di spinta. In ogni caso dietro non sfigura. Degani 7 Ottima guida difensiva e piede educato per provare anche a far ripartire l'azione. Riesce ad annullare bene la centravanti avversaria Marika Gregis. Civitico 7 Anche lei si fa vedere con un paio di bei lanci per le avanti granata. Inoltre è lei a prendersi la fascia da capitano quando Sotgiu non è in campo. Anselmo 8 L'ultima a mollare. Fa tanta lotta in mezzo al campo e si rende protagonista con alcuni break interessanti. Ha anche una grande occasione per andare in gol che si crea lei stessa dopo il recupero palla. Grieco Nicole 6.5 Così come Villa, potrebbe provare a chiedere di più il pallone per tentare di spingere sulla sinistra. Gioca da esterno alto ma in fase offensiva non si vede abbastanza. Bosio 7 Un buon inizio di gara in mezzo al campo, poi svanisce un po' con il passare dei minuti. Quando il Toro sembra più padrone del match c'è comunque molto del suo. Mangino 8 Vera e propria pivot che fa girare molto bene la squadra in zona avanzata. Dal secondo tempo in poi le conclusioni granata sono praticamente tutte sue. Sotgiu 7.5 Così come la compagna di reparto Bosio, inizia bene e poi cala un po'. Avrebbe anche un paio di opportunità per calciare in porta ma preferisce la soluzione d'altruismo. Battaglia 8.5 In una gara di sofferenza là davanti lei riesce comunque a trovare il gol del vantaggio con un'azione insistita da vera attaccante d'area di rigore. Vaccarino 7.5 Quando può si fa sempre trovare pronta. Tante belle parate in tuffo e anche dal punto di vista vocale si fa sentire incitando le compagne e chiamandole a tenere alta l'attenzione. Esposito 7 È chiamata spesso al raddoppio della marcatura su Bellagente e non può che perdere un po' di lucidità. Si mostra molto volitiva rimanendo in campo nonostante un pestone doloroso subìto nel primo tempo. Barra 6.5 Fa la sua parte portando forze fresche e disputando un partita ordinata senza però particolari lodi. Guarini 8 Il cambio di marcia granata è tutto merito suo. Da pari-ruolo di Bellagente è la risposta di velocità che Russo manda in campo per fare male alla Dea. Ci va vicino in un paio di occasioni senza però trovare la gioia personale. Tantillo 7 Si dà da fare con alcune corse tra zona centra e centro-destra avanzato. Tanta fatica che le fa onore senza però poter incidere in zona gol. Tavella 6.5 Così come Barra prova a dare il suo contributo sull'out mancino quando però le ragazze granata attaccano soprattutto dalla parte opposta. Caffaratto 6.5 Anche lei si piazza soprattutto a sinistra senza poter di fatto incidere. Maya Amoroso è un'avversaria ostica che la costringe soprattutto a difendere. All. Russo 6.5 Nonostante l'Atalanta si dimostri superiore, le ragazze granata mettono in campo tutta la combattività e l'organizzazione che il tecnico si aspetta di vedere. Unica nota stonata il fatto che dopo il vantaggio le torelle si facciano rimontare troppo in fretta.   ATALANTA Panzeri 7.5 Sfortunata in occasione del rocambolesco gol di Battaglia ma poi sempre presente quando chiamata a fermare i tentativi granata. Superlativa in particolare su Guarini in avvio di secondo tempo. Raccagni 7 Importantissima per duttilità, se la cava alla grande sia a destra che a sinistra. Nonostante sia meno rapida di alcune avversarie dirette, è brava a sopperire usando al meglio le lunghe leve. Amoroso 6.5 Inizia con la fascia da capitano al braccio ma stranamente gioca soltanto la prima frazione. I più maliziosi potrebbero pensare a una punizione per il gol dello svantaggio subìto proprio in chiusura di tempo. Minuscoli 7.5 Anche lei si fa notare per la duttilità. Parte a sinistra nella linea difensiva e poi si sposta al centro per guidare la retroguardia bergamasca che non a caso non subisce più gol. Balossi 7 Buona gara in mezzo al campo soprattutto dal punto di vista dell'interdizione. In fase di costruzione si vede invece meno lasciando l'iniziativa alla compagna di reparto Galbusera. Galbusera 8.5 È lei a tenere in mano le redini del centrocampo per gran parte della gara. Trova poi il gol più importante con un destro dalla lunga distanza che inganna Sigrisi. Foini 7 Partita senza infamia e senza lode sulla fascia destra. L'Atalanta attacca soprattutto con Bellagente dalla parte opposta e la numero sette si limita a dare equilibrio. Bellagente 9.5 Girl of the Match. Fa capire sin da subito che è in grado di decidere le sorti della gara quando le pare e piace. Praticamente metà dei tentativi totali nerazzurri portano il suo nome. Bellissimo il gol che pareggia i conti in avvio di ripresa. Gregis 7 Fa soprattutto lavoro sporco là davanti. Meno incisiva di quando ci si potrebbe attendere da una punta ma in ogni caso importante per far salire la squadra. Amoruso 8 Entra sulla destra nella seconda frazione e la squadra cresce di qualità a vista d'occhio. Numero dieci vera per le capacità in conduzione palla e nel saper difendere la sfera. Camillo 8 Mette anche il suo nome nel tabellino con un gol da attaccante vera quale è. La sua rete è quella che di fatto taglia le gambe alle granata. Ripamonti 8.5 Non trova il gol ma dà tantissimo fastidio con la sua costante pressione in zona avanzata. La crescita di sicurezza delle bergamasche si deve molto anche a lei. Brivio 7 Buona gara in copertura sull'out di destra. Così come Foini, anche lei è chiamata a dare equilibrio a una squadra spesso a trazione anteriore. Casanova 8 Ottima soprattutto in tandem con Ripamonti. Forza fresca e intraprendenza che regalano lampi di tecnica in velocità molto interessanti sul centro-destra offensivo. Cattivelli 7.5 Entra per sostituire la capitana Sara Amoroso da centrale difensiva e spegne sul nascere tutti i tentativi di ingresso in area nerazzurra. Santangeletta 8.5 La terza frazione verrà ricordata quasi esclusivamente per la sua perla. Un gol simbolo della sua qualità, intelligenza e lucidità. Villa 7 Dà il suo contributo per permettere alle ragazze bergamasche di uscire dal campo del Santa Rita con una prestazione convincente. Sostituisce Bellagente sulla sinistra senza farla rimpiangere. All. De Maria 8 La sua squadra domina sin dalle prime battute e nonostante lo svantaggio si porta casa una grande vittoria con tre gol di scarto. Cosa potrebbe chiedere di più alle sue ragazze?   ARBITRO Silvia Zoppetto di Pinerolo 7 Ha il grande merito di prendere decisioni veloci senza tentennamenti. Quando le sembra fallo fischia subito altrimenti lascia correre per poi eventualmente fermare il gioco solo in caso di infortunio potenzialmente serio. Conduzione più che positiva.  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400