Cerca

Under 15

Capitan Di Noia disegna calcio, Bellafemina para l'impossibile, Cavaglià mette la firma: il derby della Mole è granata

Il Torino frena la Juventus, prestazione da incorniciare per le torelle di Roberto Colombo che volano in vetta alla classifica

Capitan Di Noia disegna calcio, Bellafemina para l'impossibile, Cavaglià mette la firma: il derby della Mole è granata

Le protagoniste indiscusse: Alice Bellafemina, Giulia Di Noia, Valentina Cavaglià

Il derby della Mole che ha illuminato la prima di ritorno se l'è aggiudicato il Torino dell'allenatore Roberto Colombo con una vittoria per 1-0 firmata Valentina Cavaglià sulla Juventus del tecnico Luca Vood; i tre punti valgono la vetta in solitaria del Girone A. 


Il Torino tira fuori grinta e determinazione e porta a casa una maestosa prestazione nonostante l'avversario di temutissimo rispetto. Brilla il capitano Giulia Di Noia che ha disegnato calcio durante tutto il corso della gara trascinando da vero leader la squadra al trionfo. Un lavoro da manuale è stato svolto dalla retroguardia granata, guidata da una perfetta Alice Bellafemina che ha parato l'impossibile opponendosi alle numerosissime occasioni bianconere. La Juventus esce inaspettatamente sconfitta ma tanto di cappello per la determinazione delle zebre, che hanno tentato fino all'ultimo secondo di infilare la palla nel sacco e strappare almeno un pareggio. Da applausi la prestazione di Martina Tosello, Sara Dalla Gasperina e del capitano Marta Iannaccone, le più in forma e pericolose della formazione juventina. 

Un perfetto equilibrio. Il lungo periodo di stop per le due professioniste del Girone A sembra non essere mai trascorso: entrambe scendono in campo più grintose che mai. Le prime azioni offensive sono avanzate dalla Juventus che spinge a tutto gas sulla fascia sinistra sfruttando la velocità di Martina Tosello che però gioca sul filo del fuorigioco e in più di un'occasione commette infrazione secondo l'arbitro Converso della Sezione di Collegno. Le squadre sono equilibrate, dimostrano un'efficace offensività ma non si sbilanciano troppo per non rischiare nei primi minuti di gioco.


Il Torino ha un'occasione d'oro a metà del primo tempo con una punizione da posizione accattivante, sul pallone si piazza il capitano Giulia Di Noia che però colpisce in pieno la barriera. È calcio d'angolo per le torelle, che calciano basso e male e  favoriscono la ripartenza bianconera con Sara Della Gasperina; il portiere granato Alice Bellafemina legge astutamente l'azione e anticipa l'attaccante juventina. 


La Juventus risponde a tono con un tiro da fuori area del capitano Marta Iaccannone - che nel mentre ha rimediato un giallo per fallo a centrocampo - prontamente respinto da Bellafemina. Le zebre sono agguerritissime e alla disperata ricerca del gol che decreterebbe il vantaggio ma la difesa granata spazza via ogni pallone non lasciando alcuno spazio vacante. 
Il Torino si rende ancora pericoloso da calcio piazzato: un'altra punizione, calciata sempre da Di Noia, termina di poco alta sopra la traversa al termine del secondo tempo.

Vecchio cuore granata. Il Torino disputa una grandissima prova di coraggio e grinta: non si risparmia in difesa portando a casa una delle migliori prestazioni stagionale e osa in attacco sfruttando i tanti calci piazzati fischiati a favore. Le sostituzioni sulla panchina della Juventus - che vedono l'entrata in campo di Vittoria Giaquinto e Esmeralda Di Bello rispettivamente al posto di Rebecca Perfetti e Sara Dalla Gasperina - non cambiano il volto della sofferta gara, sempre condotta prevalentemente dalla formazione granata.


Il match si sblocca al quinto minuto del terzo tempo: sull'ennesima punizione al limite dell'area si posizione Giulia Di Noia che disegna una spettacolare parabola prontamente respinta dal portiere bianconero Sabrina Nespolo, il rimpallo favorisce le torelle terminando sui piedi di Valentina Cavaglià che come, con un gioco da ragazzi, buca la rete decidendo il derby. Adesso il Torino è una furia, aiutato dal vivacissimo supporto della tribuna che incita costantemente la squadra alla vittoria.
La Juventus tenta il tutto per tutto: Giulia Robino - che rimedia un giallo per proteste perché alla ricerca di un fallo - libera un potente mancino ma ancora una volta la porta di Alice Bellafemina è impenetrabile. È proprio il portiere granata a rendersi protagonista nel finale di partita salvando il risultato sul tiro del capitano bianconero Iannaccone e di Vittoria Giaquinto. 
Dopo tre minuti di recupero, il derby termina 1-0 per il Torino che vola a punteggio pieno in vetta al campionato.

IL TABELLINO

TORINO-JUVENTUS 1-0
RETE: 5' Cavaglià.
TORINO (3-2-3): Bellafemina, Nota, Massaboia Gaia, Falconi, Di Noia, Cavaglià, Romano, Marmo, Scolamiero, Lanzillotta, Dare, Solito, Montanini, Cortese, Capra, Carotenuto. All. Colombo. Dir. De Mauro.
JUVENTUS (3-2-3): Nespolo, Falvo, La Greca, Bovolenta, Bertora, La Rocca, Di Bello, Robino, Giaquinto, Iannaccone, Tosello, Graneri, Dalla Gasperina, Macagno, Perfetti, Santarella. All. Vood.
ARBITRO: Converso di Collegno.
AMMONITE: 17' Iannaccone (J), 14' Robino (J).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400