Cerca

Tornei

Il cielo è rossonero sull'Annovazzi! Il gioco "infernale" del Milan è il nuovo inno al calcio femminile

Le rossonere di Ilenia Prati rimontano l'Atalanta in finale e si aggiudicano la Bracco Cup 2022

Milan Unde 15

Le rossonere festeggiano posando con la Women's Bracco Cup

Il Milan di Ilenia Prati alza al cielo di Milano la Bracco Cup Annovazzi 2022 piegando in finale un'Atalanta battagliera e capace di «spaventare il diavolo» con un gol lampo nei primi minuti. La rimonta è però immediata, ragionata e micidiale: gara ribaltata già nella prima frazione e messa in ghiaccio nel secondo tempo, con un 3-1 che incorona meritatamente le rossonere nel prestigioso evento di casa Enotria.

Lo scacchiere. Milan in campo con il solito sistema 2-4-2: davanti a Piombo il granitico blocco formato da Pomati e Carulli, in mezzo al campo Peres ha compiti più pratici e organizzativi, con la bacchetta magica in mano a Tomaselli; sulle fasce «sgasano» Montaperto e Bonanomi, davanti il dorato tandem Lupatini-Stendardi. Grande assente della serata è il capitano dell'Atalanta, Elena Vitale (impegnata con uno stage federale insieme alla compagna Parimbelli) che tanto preziosa era stata nel cammino della Dea: le nerazzurre scendono così in campo con Pellegrino tra i pali, linea difensiva composta dalle ottime Ghisleni e Corbetta, centrocampo che poggia sulla sicurezza di Chiappa e Osypchuk supportate dal lavoro a tutta fascia di Campana a sinistra, e di Bertola (stella stabilmente nel gruppo Under 17 ma convocata proprio per sopperire all'assenza di Vitale) a destra. In attacco Testa come punto di riferimento, con Amura che svaria attorno alla compagna con libertà di manovra.



Devil May Cry. Rispetto alla partita con l'Inter, giocata quasi completamente in difesa, l'Atalanta si mostra da subito più intraprendente. Dopo un primo tentativo di Penny Amura arriva infatti il vantaggio bergamasco: Ghisleni prova la violenta conclusione su punizione, Piombo non riesce a trattenerla e sulla respinta si fionda come uno sparviero Testa, che mette dentro l'1-0 nerazzurro. Il Milan ci mette qualche minuto a entrare in partita, ma una volte prese le redini dell'incontro non le lascerà più. La prima risposta è una punizione sulla traversa di Angelica Montaperto, preludio al gol del pareggio che arriva tre minuti dopo (8'), quando Tomaselli ricama l'assist per Stendardi, perfetta nell'esecuzione di destro. Montaperto prova a mettersi in proprio con una staffilata che lambisce il palo (13'), ma la statuaria numero 13 dà stavolta il meglio come assist-woman. Il gol del 2-1 infatti si sviluppa da un'esterna all'altra: Montaperto rientra sul destro e crossa per l'incursione fulminante della sua opposta, Bonanomi, che impatta di testa, Pellegrino interviene ma non riesce a impedire il 2-1 rossonero. L'Atalanta prova a reagire con una bella serpentina ancora di Amura, ma perde sul finire di frazione l'autrice del gol, Sara Testa, con Brugali chiamata a sostituirla in attacco già prima dell'intervallo.

Welcome to Palopoli. Nella ripresa Prati sostituisce Carulli con Rovati in difesa (dentro anche Rai per Piombo), spostando Montaperto sulla fascia opposta (a sinistra entra Di Falco), e dando spazio a centrocampo a Rabbolini per Tomaselli. In attacco Lupatini cede il posto a Palopoli. Nell'Atalanta la mossa è il decentramento di Chiappa sulla destra (al centro va Cortinovis entrata al posto di Amura), con Bertola avanzata in attacco al fianco di Brugali. Cambiano dunque le interpreti rossonere, ma la qualità resta immutata, e dopo una doppia iniziativa di Bertola a cavallo del minuto 9, il Milan pone definitivamente il suo marchio diabolico sulla sfida. Al minuto 13' Stendardi ispira Palopoli, che addomestica il pallone con un controllo da panico, e batte Belloli (subentrata anche lei per Pellegrino). Sul 3-1 l'Atalanta perde un po' di morale e lascia spazio, nell'ultima porzione di gara, a un calcio spaziale delle rossonere. La palla danza da una parte con giocate di fino, triangolazioni vorticose, lampi che rinconciliano con l'essenza di questo sport. C'è spazio ancora per una punizione velenosa di Stendardi, e per un'altra, proprio sulla sirena, ancora di Palopoli, che si stampa sull'incrocio dei pali.

La festa. Al fischio finale esplode la gioia del Milan al termine di una sfida vera in un torneo di prestigio (non è un mistero come il campionato non sia un test probante per giocatrici di questo livello. Gloria al Milan, espressione eccellente di un calcio, quello femminile, che esige più attenzione e rispetto anche da parte di un sistema calcio centrale che non ne promuove abbastanza lo sviluppo). Onore all'Atalanta, fiera avversaria capace di arrivare in finale al posto dell'Inter, e di lasciare una piccola ferita nel cammino perfetto delle rossonere.

CLICCA QUI PER LE FORMAZIONI

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400