Cerca

Torino-Lecco Under 16: implacabile Jarre, bomba beffa Bertolio, pareggio elettrizzante al Cit Turin

Jarre
Al triplice fischio del direttore di gara Jacopo Talamo della sezione di Cuneo è 1-1 il test match tra Torino e Lecco. I padroni di casa guidati dal tecnico Roberto Fogli non riescono a imporsi nei confronti di un avversario, il Lecco di Alessandro Vicinanza Toscano, solido e ben organizzato. I granata vanno in vantaggio a metà del primo tempo con la trasformazione esemplare dagli undici metri di capitan Ashi Jarre, gli ospiti rimangono in partita e trovano la parità prima della fine dell'intervallo con una conclusione da fuori di Bertolio gestita non al meglio da Pietroluongo. Nella ripresa le occasioni scarseggiano e il risultato non cambia. Prestazione leggermente sotto tono per il Torino a cui è mancato peso sotto porta e un pizzico di cattiveria agonistica in alcuni duelli fisici; può essere soddisfatto invece il tecnico ospite che sfiora con un calcio semplice ma efficacie. Da sottolineare sul risultato di 1-0 l'errore dal dischetto di Felice, ipnotizzato da un grande intervento di Brian Pietroluongo. I Granata partono forte. Fogli sistema i suoi ragazzi con un 4-4-2 scolastico per dare ampiezza alla manovra senza concedere spazi alle ripartenze avversarie: Pietroluongo tra i pali, Prete terzino destro, Laureana terzino sinistro, Gallea e Omorogbe possenti difensori centrali; la diga in mediana viene eretta da D'Abramo e Tahiri, mentre Ferreri e Manissero sono i due esterni di centrocampo; la coppia d'attacco è composta dal capitano Jarre e Patruno. Il Torino parte bene, pressando alto e cercando di chiudere gli avversari nella loro metà campo. Il frutto del buon avvio granata viene colto intorno alla metà del primo tempo quando la conclusione a botta sicura di Ferreri impatta sul palo e Jarre è il più lesto di tutti ad avventarsi sulla ribattuta, atterrato però nel disperato tentativo di recupero della difesa costringendo il direttore di gara a fischiare il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta proprio il capitano del Toro che con freddezza supera Tasca concludendo centralmente. La reazione del Lecco. I lombardi sono squadra vera e non subiscono il contraccolpo psicologico, riuscendo da subito a rialzare la testa e rimanere in partita. Vicinanza Toscano opta per un 4-4-2 speculare a quello offerto dai padroni di casa: l'estremo difensore è Tasca, Zulli terzino destro, Berti terzino sinistro, capitan Ziu e De Simone al centro della difesa; Ranfi e Felice sono i due centrocampisti centrali, Lanotte esterno destro, Grieco esterno sinistro; tandem offensivo composto da Bianchi e Bertolio. Dopo il vantaggio granata, il Lecco alza il baricentro dimostrando immediatamente tutte le sue qualità offensive: al 30' Lanotte accelera a metà campo, spezzando in due la retroguardia granata e procedendo a grandi falcate verso la porta avversaria; la sgroppata del numero 8 bluceleste viene bruscamente interrotta una volta penetrato in area, quando Laureana sbaglia i tempi dell'intervento finendo per commettere fallo. Dagli undici metri si presenta  Felice che non angola abbastanza la sua conclusione con destro permettendo ad un super Pietroluongo di prendersi la scena e bloccare in due tempi la più ghiotta chance ospite per trovare immediatamente il pareggio. Ora sì che il contraccolpo psicologico potrebbe farsi sentire. Ma proprio in questa fase complicata arriva il meritato pareggio ospite: altro coast to coast, questa volta di Bertolio, che giunto al limite dell'area granata lascia partire un destro di collo pieno che non sembra esattamente imprendibile; Pietroluongo però, forse ancora con la testa al grande intervento di pochi minuti prima, è a dir poco rivedibile e così si lascia sfuggire il pallone che rotola beffardamente in rete. La prima frazione di gioco si chiude dunque con il risultato in parità. Nella ripresa entrambi i tecnici optano per un massiccio turnover, concedendo spazio a tutti gli effettivi coinvolti; l'intensità della gara cala leggermente e le occasioni da gol scarseggiano. A pochi giri d'orologio dal triplice fischio ecco un'ultima chance per i padroni di casa: D'Abramo si libera sull'out di destra, porta palla fin sul fondo e lascia partire un cross interessante che taglia tutta l'area e trova la testa di Scariano ben posizionato sul secondo palo; il terzino sinistro da poco in campo al posto di Laureana, non ha il fiuto del gol di un centravanti e il suo colpo di testa termina alto di qualche centimetro. 1-1 dunque il risultato finale che lascia ad entrambi gli allenatori sensazioni positive per il proseguo della stagione.

IL TABELLINO

TORINO-LECCO 1-1 RETI (1-0, 1-1): 23' rig. Jarre (T), 36' Bertolio (L). TORINO (4-4-2): Pietroluongo 6 (1' st Brezzo 6), Prete 5.5, Laureana 6 (15' st Scariano 6), Tahiri 6.5 (25' st Colletta 6), Gallea Beidi 6, Omorogbe 6.5, Manissero 6 (32' st Haratau sv), D'Abramo 6.5, Patruno 6.5, Jarre 7 (32' st La Vecchia sv), Ferreri 6.5 (15' st Terranova 6). A disp. Panetta. All. Fogli 6. LECCO (4-4-2): Tasca 6 (1' st Bulaukin 6), Zulli 6 (21' st Pellegrino 6), Berti 6 (30' st Ballabio sv), Ranfi 6.5, De Simone 6 (30' st Bonifacio sv), Ziu 6.5, Bianchi 6.5 (13' st Di Pietro 6), Lanotte 6.5, Bertolio 7 (30' st Panzeri sv), Felice 6.5, Grieco 6 (21' st Galluccio 6). All. Vicinanza Toscano 7. ARBITRO: Talamo di Cuneo 6. COLLABORATORI: Manzari di Torino e Palmulli di Torino. NOTE: 30' Pietroluongo (T) para un calcio di rigore a Felice (L).

LE PAGELLE

TORINO Pietroluongo 6 Prima disinnesca il rigore di Lanotte, poi qualche minuto più tardi é troppo incerto sulla conclusione da fuori di Bertolio. Prestazione con luci e ombre. 1' st Brezzo 6 Risponde presente nelle poche circostanze in cui chiamato in causa nella ripresa. Prete 5.5 Tante sovrapposizioni sulla fascia destra per creare superiorità; a volte manca di lucidità nell'ultima giocata. Gallea 6.5 Prestazione senza sbavature; si conferma centrale difensivo di grande affidabilità. Omoregbe 6 Trova praticamente sempre l'anticipo sugli attaccanti avversari, facendo valere tutta la sua fisicità. Laureana 6 Non si sbilancia troppo dando copoertura al reparto; da rivedere nell'episodio del rigore ospite quando atterra Lanotte all'altezza del dischetto con un tackle troppo ruvido. 15' st Scariano 6 Terzino dotato di buona gamba e ottima tecnica; peccato per quel colpo di testa di poco alto nel finale. D'Abramo 6.5 Grande corsa abbinata ad uno spiccato senso della posizione che gli consente di recuperare tantissimi palloni in fase di interdizione. Tahiri 6.5 Partita ordinata e precisa; gioca spesso a due tocchi, sbaglia poco e in chiusura di primo tempo sfiora anche il gol con una conclusione al volo dentro l'area. 25' st Colletta 6 Si posiziona davanti alla difesa e prende le redini della manovra granata, specialmente in fase di impostazione. Manissero 6 Ala sinistra brillante che ama accentrarsi e combinare nello stretto con le punte. Buon dribbling e grande tecnica individuale. (32' st Haratau sv). Ferreri 6.5 Anche lui come Manissero tende sempre ad accentrarsi per lasciare la corsia libera alle sovrapposizione di Prete. Nel primo tempo colpisce un palo ed é pericoloso con un paio di conclusioni da fuori. 15' st Terranova 6 Gioca diversi palloni e combina bene con i compagni, dimostrando grande abilità palla al piede. Jarre 7 Gioca alle spalle di Patruno e gode della libertà di svariare. Glaciale dal dischetto e sempre lucido con il pallone tra i piedi. (32' st La Vecchia sv). Patruno 6.5 Oggi prima punta, fa tanto lavoro sporco spalle alla porta; quando riesce a girarsi e puntare sono dolori per i difensori del Lecco. All. Fogli 6 I suoi ragazzi giocano un calcio pulito, fatto di fraseggio e giocate a uno o due tocchi; stavolta però è mancato un po' di peso specifico e cattiveria agonistica negli ultimi trenta metri. LECCO Tasca 6 Bravo a disimpegnarsi con i piedi quando i suoi lo chiamano in causa nel giro palla; incolpevole sul gol granata. 1' st Bulaukin 6 Nessun intervento particolarmente complicato ma comunque fa intravedere segnali di affidabilità richiamando i compagni nei minuti finali. Zulli 6 Partita più di contenimento; nella ripresa si concede anche qualche avanzata in fase offensiva. 21' st Pellegrino Entra per dare freschezza sulla corsia destra e limitare le scorribande granata. Berti 6 Qualche pallone perso in fase di costruzione ma comunque prestazione positiva; fase difensiva ineccepibile. (30' st Ballavio sv). De Simone 6 Centrale molto rapido e abile anche nell'impostazione dal basso; gara senza errori. (30' st Bonifacio sv). Ziu 6.5 Il leader della retroguardia ospite gioca una splendida gara con personalità e attenzione. Ranfi 6.5 Vero metronomo della formazione lombarda; tocca tantissima palloni e non ne sbaglia quasi nessuno. Felice 6.5 Abbina qualità e quantità in modo eccellenti; nel finale alza il suo baricentro giocando a ridosso degli attaccanti ma senza riuscire ad incidere. Peccato per l'errore dal dischetto. Lanotte 6.5 Prestazione positiva, accelerazioni e buone giocate. Grieco 6 Un paio di conclusioni da fuori con cui impensierisce il portiere granata; per il resto gara ordinata e precisa. 21' st Galluccio 6 Dentro nel finale per dare nuova verve alla fase offensiva ospite. Bertolio 7 Gara di grande sacrificio con Gallea in marcatura strettissima su di lui; trova il gol con un ottimo spunto e un po' di fortuna. (30' st Anzeri sv). Bianchi 6.5 Lotta su ogni palla a disposizione; lavora molto bene spalla alla porta facendo sponde utili per le incursioni dei compagni. 13' st Di Pietro 6 Si posiziona in mezzo al campo e aiuta Ranfi nelle operazioni di filtro davanti alla difesa; bene anche quando c'è da impostare. All. Vicinanza Toscano 7 Il Lecco è una squadra che sa soffrire ma sa coalizzarsi nelle difficoltà per rialzare la testa; prestazione assolutamente maiuscola contro un avversario di prestigio. ARBITRO Talamo di Cuneo 6 Corrette le due chiamate sugli episodi da rigore; per il resto nessun ammonito e gare semplice da gestire.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400