Cerca

Under 16 A-B

Torino-Monza: lo show di Di Paolo e le parate di Bellocci lanciano Semioli e battono gli imbattuti

Prima caduta per gli uomini di Lupi che hanno dovuto scontrarsi con dei torelli scatenati e con una difesa ospite impenetrabile

Torino-Monza 3-1. Lo show di Di Paolo e le parate di Bellocci lanciano Semioli e battono gli imbattuti

Serviva un'impresa per battere gli imbattuti. E impresa ci è stata. Il Toro di Semioli ha demolito un Monza in giornata in no, grazie a un super Di Paolo, e ha messo in cascina 3 punti importanti per classifica. Granata schierati in campo con il consueto 4-2-3-1, per sfruttare la velocità di Scarfiello da un lato e di Di Paolo dall'altro; Lupi che ha risposto a Semioli con il medesimo modulo, con Nenè in verticale a Zini. 

Il faro in mezzo alla lotta: Di Paolo fa 1-0. Pronti via e il Monza ha la prima grande, enorme, opportunità del match: Macheroni vince un duello a sinistra e si infila in area tra Muratore e Sardo; avanza e calcia, ma è superlativo Bellocci a toccare il pallone in uscita. Brianzoli in trance agonistica nell'inizio di partita, con il Torino in difficoltà soprattutto sulle seconde palle e sotto il piano dell'aggressività, e altra importante opportunità allo scoccare del minuto numero 14: altra azione a sinistra dei biancorossi, con Capolupo che salta l'uomo e mette dentro per Mascheroni, il quale tutto solo in scivolata mette fuori. Da qui in poi il Monza esce fuori dalla partita e si fa dominare dal Torino. Semioli urla, i suoi lo ascoltano e iniziano a prendere in mano il gioco: i due centrocampisti, Rossi e Armocida iniziano a girare e i granata iniziano a divertire e a divertirsi. Il primo squillo arriva al 16': Dimitri recupera un buon pallone nei pressi della trequarti, lo lavora, e premia la sovrapposizione di Di Paolo a destra; il 7 finta, controfinta, e mette sul secondo pallo per un tutto solo Raballo che per poco non riesce a mettere dentro a porta sguarnita. E' solo il primo allarme per gli uomini di Lupi; il pericolo non è percepito e allora i padroni di casa iniziano a credere sempre più nell'impresa grazie alle straordinarie giocare di Di Paolo e Scarfiello. Ed è proprio l'11 a far venire nuovamente i brividi lungo la schiena di Bonazzoli (33'): Raballo va a contrasto in scivolata in area su Beretta dopo un brutto rinvio del portiere, sul pallone si avventa Scarfiello il quale calcia di prima intenzione a giro sul secondo palo con la palla che termina però abbondantemente a lato. I biancorossi reagiscono solo nel finale, e lo fanno con Nenè (il più pericoloso dei suoi) al 39': Zini (in ombra e nervoso per tutto il match) crossa in area, dopo una buona azione personale di Lanzani, per il propri numero 10; Nenè svetta a botta sicura ma trova una straordinaria risposta di Bellocci (uno dei migliori portieri della categoria) che alza sopra la traversa. Scampato l'unico pericolo della prima frazione, il Torino prima dell'intervallo trova il gol del vantaggio e vede premiati gli sforzi di un primo tempo condotto in lungo e in largo: azione insistita dei ragazzi di Semioli, con Armocida bravo a recuperare palla e a mettere Di Paolo tutto solo davanti al portiere. Il numero 7 controlla e calcia, incrociando all'angolino alla destra di Bonazzoli e facendo esplodere il tifo di casa sugli spalti di un Cit Turin tremante per il freddo artico. Primi 45' di gara che si chiudono dunque sul risultato di 1-0, con i sabaudi in forma super. 

Bellocci para, Muratore segna, Di Paolo fa doppietta e il Toro vince. Come nel primo tempo, il Monza parte bene ma poi si scioglie come neve al sole. Anche qui, pronti, via e arriva la grande occasione per il pari (1'): Lanzani crossa da sinistra sul secondo palo per Nenè, ma tutto solo mette fuori. Altra opportunità qualche minuto più tardi, al 10': Mascheroni scarica in mezzo per Bagnaschi che calcia bene ma trova Bellocci che toglie la palla dall'incrocio. Come detto però, l'inizio è solo un'impressione: infatti il Torino ricomincia da dove aveva lasciato e torna a macinare gioco e a rinchiudere i lombardi nella propria area di rigore. Di Paolo continua nel suo show personale e al minuto numero 11 ha la grande opportunità per il 2-0: Rossi mette il proprio numero 7 davanti alla porta, con un passaggio filtrante degno del miglior geometra, che però tutto solo prova lo scavetto mandando la palla a lato. Il Monza non riesce a reagire, nonostante qualche cambio di Lupi (De Crescenzo per Lanzani) e, prima rischia di capitolare, e poi capitola del tutto. Le prove generali del raddoppio di casa vanno in onda al minuto 17': calcio d'angolo millimetrico di capitan Rossi, palla sul secondo pallo per Desole, sponda di testa per Raballo che prova la volèe all'indietro ma spedisce di poco fuori. Come detto era solo la prova generale. L'esecuzione, e il raddoppio, arriva dieci minuti più tardi (27'): Muratore sale sul motorino e vola a destra, ne salta due, entra in area e, da posizione semi-impossibile, calcia trovando un non attento Bonazzoli e spedendo dentro la palla del 2-0. Il Toro del pomeriggio di fine novembre non è sazio e al 37' piazza il colpo del k.o.: palla girata sulla trequarti per Di Paolo, che improvvisamente lascia partire un sinistro che si infila dietro alle spalle di un colpevole Bonazzoli. Gol magnifico quello del numero 7 di casa, in vero stato di grazia. Quando tutto sembra perduto il Monza reagisce, ma è troppo tardi. Al 40' le distanze si accorciano grazie al gol di Nenè, bravo a sfruttare un malinteso tra Bellocci e Desole e a mettere dentro a porta sguarnita. Prima del finale c'è ancora tempo per l'emozione, che è l'ultima del match: azione da sinistra a destra, con il solito Nenè che scodella dall'altro lato per un suo compagno biancorosso che viene però travolto in area di rigore. Il signor Moncalvo non ha dubbi e indica il dischetto: Mascheroni si presenta a tu per tu con Bellocci ma si fa ipnotizzare e il suo tiro decreta la fine della partita. Super impresa dunque del Torino, che accorcia sulle posizioni alte della classifica. 

IL TABELLINO

Torino-Monza 3-1
RETI (3-0, 3-1): 42' Di Paolo (T), 27' st Muratore (T), 37' st Di Paolo (T), 40' st Nenè (M).
TORINO (4-2-3-1): Bellocci 8, Muratore 7.5 (42' st Carbone sv), Ponghetti 6 (1' st Gasti 6), Rossi 6.5, Desole 7.5, Sardo 7, Di Paolo 8.5, Armocida 6.5 (40' st Sacco sv), Raballo 6, Dimitri 6.5, Scarfiello 7 (40' st Vagnati sv). A disp. Alloj, Chelotti, Ragusa, Rota, Alfano. All. Semioli 7.5.
MONZA (4-2-3-1): Bonazzoli 5.5, Anzuoni 5 (23' st Zocco Ramazzo sv), Capolupo 5.5 (23' st Poropat sv), Contiero 5.5 (23' st Ranieri sv), Bagnaschi 6, Beretta 6, Lanzani 6.5 (14' st De Crescenzo 5.5), D'Alpaos 6, Zini 5.5 (31' st Scarabelli sv), Nenè 7, Mascheroni 5.5. A disp. Negri, Mereghetti, Pasini, Valdese. All. Lupi 6.
ARBITRO: Moncalvo di Collegno 7.
ASSISTENTI: Bonomo di Collegno e Nepote di Collegno.
AMMONITI: Ranieri (M), Lanzani (M), Anzuoni (M).

LE PAGELLE

TORINO 

Bellocci 8 Fa almeno 3 parate da fuoriclasse ed è sempre sicuro in ogni uscita e in ogni decisione che prende. Condisce il tutto con il rigore parato nel finale a Mascheroni. Peccato per il piccolo errore sul 3-1, ma la sua prova rimane eccellente. 

Muratore 7.5 I primi 15 minuti di gara fatica a tenere Mascheroni ma poi, mano a mano che il tempo passa, diventa uno dei migliori. La progressione in occasione del gol è superlativa; nel finale diventa un muro in fase difensiva, esaltandosi nella lotta. (42' st. Carbone: sv)

Ponghetti 6 Non in giornata super, sbaglia qualcosina sulla sua fascia di competenza nel primo tempo. Non è pulitissimo nelle giocate, anche se non commette gravi errori. Esce dopo i primi 45'. 

1' st. Gasti 6 Si mette a destra e difende benissimo: sbaglia poco ed è efficiente. 

Rossi 6.5 E' un diesel, ma quando entra in gioco ne giova tutto il Toro: ha dei piedi che assomigliano a un compasso e ogni volta che fa un passaggio c'è sempre un perchè. 

Desole 7.5 Insuperabile: stavolta è lui il migliore nella coppia con Sardo, e sbaglia nulla. Sempre in anticipo, sempre pulito, sempre presente. Determinante. 

Sardo 7 Qualcosina soffre in avvio, dove è meno preciso del solito. Poi però si ricorda di essere Sardo e inizia a dominare l'area di rigore e a chiudere a doppia mandata la difesa. 

Di Paolo 8.5 Chapeau. Se solo passasse di più il pallone, sarebbe veramente devastante ancor di più. Freddo in occasione del primo gol, magnifico nell'inventarsi il secondo. Quando accelera il Monza non sa che pesci pigliare. Bisogna ripetersi: chapeau!

Armocida 6.5 Centrocampista di sostanza e qualità? Chiedere a Simone Armocida. Si vede poco, ma è la sua presenza è fondamentale. E' il barometro di questa squadra. (40' st. Sacco: sv)

Raballo 6 Si sbatte come un dannato sul fronte offensivo, peccando poi in brillantezza. Nel primo tempo ha la grande occasione del gol, ma non ci arriva per un non nulla; nel secondo prova la girata su corner, spedendo la palla di poco fuori. 

Dimitri 6.5 Fa un lavoro determinante, è il collante tra centrocampo e attacco. Importante la sua presenza, anche se a volte potrebbe incidere maggiormente. 

Scarfiello 7 Super Scarfiello! Vola a sinistra con tanti saluti ai difensori brianzoli. Gli manca il gol, ma c'è tempo per quello. E' uno dei migliori esterni della categoria, e lo dimostra ancora una volta. (40' st. Vagnati: sv)

All. Semioli 7.5 Pochi credevano all'impresa, e tra i pochi c'era sicuramente Franco Semioli. Prepara in maniera perfetta la gara, ingabbiando i biancorossi e gestendo i suoi come se avesse un telecomando della PlayStation in mano. 

MONZA 

Bonazzoli 5.5 Semi colpevole sul gol di Muratore, totalmente colpevole in occasione della seconda rete di Di Paolo. Altro non sbaglia ed è sicuro nelle uscite, ma per la sufficienza non basta. 

Anzuoni 5 Si ricorderà Scarfiello almeno per tutta la notte: non lo prende mai, e se lo prende è in ritardo. 

Capolupo 5.5 Samuele ha abituato a prestazioni diverse e stavolta anche lui è insufficiente: doveva difendere contro Di Paolo, e ne è uscito a pezzi. Mezzo voto in più rispetto ad Anzuoni perchè ha provato a farsi vedere in qualche occasione in avanti, ma non basta. (23' st. Poropat: sv)

Contiero 5.5 Troppo basso in mezzo al campo e il suo Monza fa fatica. Non riesce mai a trovare la giocata risolutiva, pur sbattendosi come un leone. (23' st. Ranieri: sv)

Bagnaschi 6 Alla fine i suoi prendono 3 gol, ma la coppia di centrali c'entra poco. Chiude quello che può chiudere, anche se non è sempre precissimo. 

Beretta 6 Da sufficienza anche lui, come il suo compagno di reparto Bagnaschi. Non sempre pulito ma alla fine regola Raballo. 

Lanzani 6.5 E' il più vivo dei brianzoli in un pomeriggio difficilissimo. Prova un paio di volte a farsi vedere e a far salire i suoi, ma non è "ascoltato". 

14' st. De Crescenzo 5.5 Non riesce a incidere, nonostante di tempo per farlo ne abbia. 

D'Alpaos 6 In alcune giocate ricorda Davide Frattesi, che da Monza ci è passato e ora gioca in Serie A. Abbina quantità e dinamismo, ma non lo fa in modo costante. 

Zini 5.5 Prova a dare un punto di riferimento, ma Desole e Sardo lo annullano. (31' st. Scarabelli: sv)

Nenè 7 Il migliore dei suoi, insieme a Lanzani: dai suoi piedi nascono le giocate più pericolose e riesce a timbrare il cartellino. Nel finale da un suo cross nasce il rigore, sbagliato però da Mascheroni. 

Mascheroni 5.5 Parte bene, riuscendo a impegnare in più di una occasione la retroguardia granata, finisce male, calciando un bruttissimo calcio di rigore. In mezzo tanti alti e bassi che non hanno aiutato la squadra. 

All. Lupi 6 La sufficienza solo perchè il suo Monza è comunque lassù in classifica ma, a guardare la prestazione di oggi, la sufficienza non ci dovrebbe essere. 

ARBITRO
Moncalvo di Collegno 7 Non sbaglia nulla, portando in alto il valore della classe arbitrale. Giusto il rigore concesso nel finale, bravo a farsi sentire sempre e in ogni circostanza. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400