Cerca

Under 16 A-B

Monza-Como: altra frenata della capolista, ai biancorossi non basta Zocco Ramazzo per superare gli ospiti, in vantaggio con Mastromatteo

Un assedio costante monzese non è abbastanza per riconquistare i tre punti in campionato, ma è complice la forte difesa comasca

Monza-Como: altra frenata della capolista. Ai biancorossi non basta Zocco Ramazzo per superare gli ospiti, in vantaggio con Mastromatteo

Termina 1-1 la sfida che poteva indurre a pensare ad una ripresa del Monza dopo il ko contro il Torino, ma di fronte i biancorossi trovano un avversario preparato. Parte subito forte la sfida del Centro Sportivo Monzello, con il Como che passa al 5' con un velenoso cross di Arrighi, sul quale si avventa Mastromatteo che, aiutato da una deviazione, sigla lo 0-1. Tutt'altro che in forma pare infatti la formazione di Lupi. Nel primo tempo fatica fin da subito a far girare la palla e le imbucate comasche sono spesso pericolose per la porta di Negri. Il Monza tuttavia, per tutta la gara mette sotto pressione la difesa del Como a pieno organico, ma è solo nel secondo tempo che riesce ad acciuffare il definitivo pareggio. La sensazione è che con un po' più di precisione e, forse, con un diverso approccio alla partita, i biancorossi avrebbero potuto conquistare quei tre punti valevoli una riconferma al primo posto. I meriti del Como non sono comunque pochi. La doppia linea serrata di difesa e centrocampo viene superata con difficoltà per lunghi tratti del match, e le ripartenze in velocità delle ali mettono diverse volte in grande difficoltà la comunque attenta linea a 3 monzese.

Solo una metà. La sfida, che si presentava come un testa-coda tra le due formazioni, la indirizzano immediatamente gli ospiti. Corti, conoscendo le abilità avversarie, prepara la partita pensando a tenere bassa e stretta la difesa a 4 e cercando di costruire e ripartire quanto possibile in fase di possesso, e l'immediato vantaggio facilita le cose. E' quindi anche per questo che per gran parte degli 80' si gioca a una sola metà campo, quella del Como. Ciononostante, nella prima parte il possesso del Monza è spesso sterile e poco efficace. È infatti l'11 comasco a cercare più volte la conclusione a rete, pur senza costruirsi clamorose occasioni. E se prima dell'intervallo Pisoni è poco impegnato, nella ripresa la squadra di Lupi è più propositiva e più decisa a ricercare il gol. "Solo una metà" è quel che si può dire anche per la partita giocata dai padroni di casa, che si rendono molto pericolosi, appunto, solo nella seconda frazione di gioco. Tuttavia, davanti a loro si pone una difesa organizzata, volta a resistere a diverso tipo di pericoli e, soprattutto, attenta e precisa. In particolare, Airaghi e Pasqual riescono a sporcare ogni tentativo di cross o imbucata centrale.

Cambi decisivi. Uno dei compiti più difficili dell'allenatore è sempre scegliere gli 11 titolari. Lupi non commette questo errore, Lanzani e D'Alpaos interpretano i rispettivi ruoli nella maniera corretta e il loro rendimento è influenzato dal complicato momento in cui giocano. Sono però Zocco Ramazzo e De Crescenzo a cambiare la partita. Quando entrano dopo l'intervallo, il primo cambia due ruoli e rigenera la fase offensiva del Monza, mentre il secondo aiuta la velocità nel palleggio sua e dei compagni. Inoltre, l'allenatore biancorosso cerca la freschezza con Anzuoni e Berretta, che non deludono le aspettative in questo senso. Le sostituzioni effettuate risultano perciò decisive, perché è il numero 19 ad andare in rete sul cross di Capolupo, ed è il 14 ad andare più vicino alla rete del 2-1 con una punizione respinta in bello stile da Pisoni. È dunque anche grazie a queste se nella seconda frazione la partita è ben indirizzata a favore dei padroni di casa, che trovano presto il pareggio ma non chiudono comunque la questione.

IL TABELLINO

MONZA-COMO 1-1
RETI (0-1, 1-1): 5' Mastromatteo (C), 15' st Zocco Ramazzo (M).
MONZA (3-5-2): Negri 7.5, Ranieri 6.5, Capolupo 7.5, Contiero 6.5, Bagnaschi 6, Beretta 7, Lanzani 6 (1' st Zocco Ramazzo 8), D'Alpaos 6 (1' st De Crescenzo 7), Nenè 6 (19' st Anzuoni 6.5), Lamorte 6.5 (19' st Berretta 6), Scarabelli 6 (37' st Pasini sv). A disp. Vailati, Brocchi, Mereghetti, Valdese. All. Lupi 6.5.
COMO (4-3-3): Pisoni 7, Bobbo 7.5, Mantovani 7, Airaghi 7, Pasqual 6.5, Ortelli 6.5, Croci 6, Mazzaglia 6, Mastromatteo 7 (30' st Testa sv), Arrighi 7, Pinotti 6.5. A disp. Ferrari, Mattiussi, Pascucci, Rispoli, Lacerenza, Bikovskis, Frezzato, Bernardi. All. Corti 6.5.
ARBITRO: Orazietti di Nichelino 6.5.
ASSISTENTI: Franzon di Busto Arsizio e Moscolari di Bergamo.
AMMONITI: Nenè (M), Bobbo (C).

LE PAGELLE

MONZA
Negri 7.5 Gioca costantemente fuori dai pali. Si propone in fase di costruzione, anche se a volte esagera e tiene troppo palla. E' monumentale quando con una parata plastica salva su un colpo di testa a botta sicura. 
Ranieri 6.5 Vince molti duelli aerei, è deciso nei contrasti e attento a difendere. Va vicino al gol al 26', su uno stacco aereo dallo sviluppo di un calcio d'angolo.
Capolupo 7.5 Fatica nel primo tempo, ma nel secondo sale in cattedra. Si fa servire ogni volta che intravede lo spazio per spingere lateralmente, mette cross interessanti e dialoga con i compagni. Dal suo mancino è confezionato l'assist per l'unico gol biancorosso.
Contiero 6.5 Aiuta nella manovra da dietro, cresce di condizione col passare dei minuti e tocca un numero indefinito di palloni. E' un riferimento per i compagni, ma al 22' st sbaglia un'ottima opportunità da rete, a tu per tu con Pisoni.
Bagnaschi 6 Agisce da braccetto di sinistra e viene molto coinvolto in fase di possesso palla, anche nella metà campo avversaria. Difensivamente non ha grandi problemi perché poco impegnato.
Beretta 7 È il leader della difesa e della squadra. Da capitano carica i suoi compagni e gestisce molti palloni in ogni zona del terreno di gioco, anche se si fa sempre trovare al suo posto quando chiamato in causa, al centro della difesa. È attento nelle chiusure e non si tira indietro se ha da affondare il contrasto, facendolo in maniera pulita.
Lanzani 6 E' a tratti impreciso, ma è molto propositivo quando può attaccare con la squadra. Effettua qualche traversone, ma che non viene sfruttato.
1' st Zocco Ramazzo 8 Il migliore del Monza. Sin da quando entra in campo offre qualità e quantità, mettendosi a disposizione prima da quinto di centrocampo e poi da attaccante. Sigla la rete del definitivo 1-1 chiudendo una bella azione di Capolupo.
D'Alpaos 6 Rappresenta il motore del centrocampo biancorosso. Corre tanto e spende energie, ma palla al piede fatica a dimostrare le sue qualità.
1' st De Crescenzo 7 Entra con grande personalità in una partita difficile per la sua squadra. Cresce di rendimento nel corso della partita e dona vivacità all'intero centrocampo. Il suo ingresso aiuta Contiero e Lamorte a velocizzare il giro palla.
Nené 6 Va un po' in difficoltà quando lasciato isolato. Tenta comunque di dialogare con i compagni abbassandosi e al 38' sfiora la gioia personale calciando di poco largo un tiro da fuori area.
19' st Anzuoni 6.5 Si posiziona sulla corsia di destra. Oltre a quello offensivo deve effettuare del lavoro difensivo importante, ma spende qualche fallo ingenuo che consente agli avversari di guadagnare secondi preziosi.
Lamorte 6.5 In avanti è sempre molto propositivo, e alle volte anche più indietro, quando non riesce a trovare spazi. Cerca ogni tanto la conclusione a rete ma non riesce a mettersi in mostra quanto vorrebbe.
19' st Berretta 6 Anche per lui la personalità è un fattore decisivo. Gestisce il gioco nella zona centrale e porta palla con sicurezza. Tuttavia, ha poche occasioni per dimostrare le sue doti.
Scarabelli 6 Nel primo tempo è quello che crea più problemi alla difesa comasca con degli ottimi inserimenti. Nella seconda frazione cala un po' di rendimento ma confeziona un assist importante per la chance non sfruttata di Contiero. (34' Pasini sv). 
All. Lupi 6.5 Come anticipato, indovina tutti i cinque cambi, che risultano infatti determinanti. Sprona e guida la squadra dal primo all'ultimo, ma paga forse un approccio alla gara superficiale dei suoi ragazzi.

COMO
Pisoni 7 Quando viene chiamato in causa, nella ripresa, si fa trovare pronto. Trasmette sicurezza ai compagni di reparto con uscite decise, e due sue parate sono di alto livello.
Bobbo 7.5 E' attento e pulito in fase difensiva, specie all'inizio. Se poi cala l'attenzione nel finale, cresce il suo dispendio di energie per i contrattacchi nel finale. Si scatena sulla fascia destra ogni volta che può e all'8' st si concede anche un tunnel. 
Mantovani 7 Gioca con entrambi i piedi, ma si nota che preferisca rientrare sul destro. Agisce sulla fascia di sinistra con grande personalità, lanciandosi spesso in dribbling complicati. Triangola con i centrocampisti e per quel che riguarda la difesa poche volte si riesce a superare.
Airaghi 7 Gioca una gara attenta senza troppo clamore fino a 20' dal termine. Poi, quando l'assedio del Monza si fa più insistente, si prende per mano la difesa e rispedisce al mittente qualunque cross pericoloso venga messo al centro dell'area. E' preciso e pulito in ogni intervento che effettua.
Pasqual 6.5 Si aiuta con il fisico quando deve proteggere il pallone, contrasta senza paura e disputa una partita ad alto livello di concentrazione con la leadership del capitano.
Ortelli 6.5 Rappresenta una diga per buona parte del match, fa filtrare pochi passaggi, specie nella prima frazione, ed è l'elemento fondamentale per la copertura del centrocampo.
Croci 6 Parte largo a destra, ma quando può viene a giocare dentro al campo per dialogare con i compagni, e lo fa bene. Viene comunque poco servito e nel finale è spesso isolato.
Mazzaglia 6 Fa del controllo della sfera la sua arma vincente, e il suo possesso lo porta diverse volte a trovare imbucate interessanti. Tuttavia, si nota solo a tratti.
Mastromatteo 7 Si abbassa per triangolare con i compagni quando ha poco spazio per attaccare la profondità, ma quando ne ha di più lo sfrutta bene. Trova il gol del momentaneo 0-1 e da lì in poi permette di gestire la gara nel migliore dei modi. Va vicino alla doppietta al 10' st, quando dopo una grande azione di Mantovani trova la risposta di Negri ad un tiro sottomisura. (30' st Testa sv).
Arrighi 7 Le sue abilità di dribbling sono notevoli, e lo mostra anche nel corso di questa sfida. Ribalta l'azione con facilità per buona parte dei minuti in cui ha avuto maggiormente palla, e quando può tenta anche la conclusione da fuori area. Nel primo tempo gestisce tutte le azioni offensive del Como.
Pinotti 6.5 Prima dell'intervallo è scatenato, salta ogni avversario che punta e manda in porta i compagni con personalità da vendere. Parte da sinistra ma si fa trovare in ogni posizione del campo, ma cala di rendimento col passare dei minuti, quando è poco coinvolto e inizia a proporsi di rado.
All. Corti 6.5 Prepara la sfida del Monzello con la consapevolezza dei mezzi suoi e dei suoi ragazzi, anche se è facilitato dall'episodio del primo gol. Guida la squadra fino alla fine e conquista un importante e tutto sommato meritato pareggio.

ARBITRO
Orazietti di Nichelino 6.5 Tiene identico il metro di giudizio dall'inizio alla fine. Mantiene il polso della gara con richiami precisi e diretti, gestendo al meglio i cartellini. Solo un paio gli errori.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400