Cerca

Under 16 A-B

Si rompe una vertebra, torna in campo dopo 3 mesi ed è protagonista nei professionisti: la storia di Nicolò Galeazzi

Nato a Milano e cresciuto a Pavia, il classe 2006 dell'Alessandria si sta prendendo la scena in maglia grigia

Si rompe una vertebra, torna in campo dopo 3 mesi ed è protagonista nei professionisti: la storia di Nicolò Galeazzi

Nicolò Galeazzi, classe 2006 in forza all'Alessandria

Se è vero che non tutti i mali vengono per nuocere, il brutto infortunio che ha colpito Nicolò Galeazzi - attualmente in forza all'Under 16 Nazionale dell'Alessandria - racconta di un male che, col senno di poi, ha rappresentato un trampolino di lancio niente male. Categoria Esordienti, il baby difensore classe 2006 è un giocatore della Franco Scarioni - nota società milanese, nonché una delle scuole calcio maggiormente riconosciute nella zona - e si appresta a giocare una delle partite più importanti della propria vita, quella contro il Milan. Per Nicolò è un anno particolare, essendo l'ultimo prima del salto nell'agonistica: su di lui c'è l'Atalanta, pronta a offrirgli un posto nella propria rosa per la stagione successiva. Durante la partita l'infortunio che non ti aspetti: un brutto colpo alla schiena che, da lì a qualche mese, l'avrebbe portato alla rottura definitiva di una vertebra.

LA CARRIERA DI NICOLÒ GALEAZZI

  • FRIGIROLA CALCIO
  • PAVIA
  • ACCADEMIA PAVESE
  • FRANCO SCARIONI
  • PERGOLETTESE
  • PIACENZA
  • ALESSANDRIA

Nel frattempo niente Atalanta ma un trasferimento più vicino casa, precisamente alla Pergolettese. In maglia gialloblù gioca appena due amichevoli, prima della ricaduta definitiva che lo tiene lontano dai campi per ben tre mesi. Il ritorno in campo avviene a gennaio, quando lascia i cremaschi per spostarsi leggermente più a sud, accasandosi così al Piacenza. In Emilia Romagna ci rimane fino all'agosto del 2021, quando la sua giovane carriera prende una sterzata decisiva: trasferimento all'Alessandria in prestito con diritto di riscatto, quest'ultima opzione che verrà probabilmente esercitata dal club grigio in caso di mantenimento della cadetteria con la prima squadra. È la fine di un incubo e l'inizio di una favola, la quale racconta di una stagione vissuta da assoluto protagonista in un campionato Nazionale, confrontandosi con squadre come Juventus, Torino e Genoa.

Galeazzi in maglia Alessandria

NUMERI

Nel caso di Nicolò, i numeri parlano chiaro e solo eloquenti: sia per le doti prettamente fisiche, che per gli aspetti più tecnici e legati al rendimento sul rettangolo verde. Partiamo dai primi. 190 centimetri per 85 chilogrammi: calciatore classe 1997? No, calciatore classe 2006. Se di mestiere fai il difensore centrale e ad appena 16 anni puoi contare su un fisico di questo tipo, pare evidente che il futuro non possa che essere dalla tua parte. Inoltre, nel caso in cui tali caratteristiche si dovessero sposare con quelle più prettamente calcistiche - ed è proprio questo il caso di Nicolò, arrivando ai numeri legati al mondo del pallone - è quasi scontato immaginare un difensore pressoché perfetto. Chiedere conferma agli attaccanti di Genoa, Como e soprattutto Juventus, visto che la coppia d'assi Pisano-Pugno è stata limitata alla grandissima proprio dal difensore milanese.

I NUMERI DELLA STAGIONE

  • PRESENZE: 15
  • MINUTI GIOCATI: 909
  • MEDIA VOTO: 6.3
  • AMMONIZIONI: 3
  • ESPULSIONI: 1
  • SOSTITUZIONI IN: 4

Nato a Milano e cresciuto a Pavia, i primi passi nel mondo del pallone li percorre al Frigirola Calcio. Poi Pavia, Accademia Pavese, Franco Scarioni, Pergolettese, Piacenza e infine Alessandria. Un percorso in netta crescita, divenuta quasi esponenziale nell'ultimo anno: 909 minuti distribuiti in 15 presenze lo hanno reso uno dei punti fermi nella formazione grigia, collezionando anche una media voto niente male di 6.3. La sfida al Como dello scorso 24 aprile ha messo la parola fine alla regular season dei piemontesi, spostando dunque l'attenzione verso quello che potrà essere il futuro. Nel caso di Galeazzi, la palla passerà prima all'Alessandria e poi al Piacenza: decisivo sarà anche il futuro della prima squadra dei grigi, attualmente in lotta per mantenere la categoria e non scendere in Serie C. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400