Cerca

Under 16 A-B

Sotto di 3 reti a 12 minuti dalla fine, Mosconi fa doppietta e l'Inter vince in rimonta

Pazza rimonta dei nerazzurri nell'andata degli ottavi: Roma annichilita nel finale

Mattia Mosconi

La doppietta del sotto età Mosconi accende le speranze di rimonta nerazzurra

4-3 in rimonta per i nerazzurri, in una di quelle partite in grado di ricordare il motivo per cui questo sport è così imprevedibile e per questo entusiasmante. Tra i romani in tribuna, sicuramente ce n'era qualcuno che nel 2018 ha gioito per la memorabile rimonta ai quarti di Champions League ai danni del Barcellona; oggi, invece, questi hanno assistito increduli alla rimonta nerazzurra che nessuno si sarebbe aspettato fino a 17 minuti dalla fine (includendo i 5' di recupero). I giallorossi si erano infatti imposti in campo per buona parte della gara e conducevano per 3-0, poi, che sia per la stanchezza della Roma o per i cambi azzeccati di Annoni, il Biscione accende una timida fiammella di speranza al 28' con la rete di Mosconi (il sotto età che non ha giocato ieri con la sua Under 15 per scendere in campo titolare quest'oggi). Quella fiammella diventa un incendio meno di 10 minuti dopo, con un'altra rete di Mosconi che convince finalmente i nerazzurri a crederci. La risposta dei ragazzi di Annoni potrebbe sembrare tardiva, ma è proprio agli sgoccioli di una partita giocata a mille che i giallorossi sembrano aver finito la benzina e lasciano spazi per sbizzarrirsi agli attaccanti avversari. Questi ultimi puntano sui subentrati De Pieri e Lavelli, che coronano le loro ottime prestazioni con un gol a testa (Lavelli su rigore a secondi dalla fine), mettendo la loro firma a una vittoria che ha dell'incredibile. Una Roma ad alta intensità e una pazza, pazzissima Inter: è lecito aspettarsi di tutto nella gara di ritorno a Roma che separa i nerazzurri dai quarti di finale.

TROPPA ROMA

Spinti da Fois e Spinaccè, i padroni di casa cercano subito la profondità e nei primi istanti di gara schiacciano nella loro metà campo i giallorossi. Questi ultimi ci mettono però pochi minuti a prendere le misure, tanto che vanno a segno nella prima occasione da gol in loro favore. Un'occasione di certo non nitida, perché il capolavoro balistico da fuori area di De Campos ha stupito tutti una volta entrato in rete - la reazione al gol del compagno Litti, mani in testa e sguardo sbalordito, è l'immagine che meglio descrive quanto spettacolare sia questo gol. Dopo il vantaggio i romani prendono ancora più confidenza e si esibiscono in trame precise in fase offensiva, annullando un'Inter troppo rinunciataria. Il raddoppio è una pura conseguenza di quanto si vede in campo: al 12' Almaviva si avventa su un pallone vagante in area, e approfitta dello spazio lasciatogli dalla difesa avversaria per scaraventare in rete. Dal 20' i milanesi provano a rialzarsi e cercano di rientrare in partita con le conclusioni di Zanchetta e Venturini, che trovano però la pronta risposta tra i pali di De Franceschi. Nel finale la Roma sfiora il 3-0 con un tiro a giro di Mirra: lento ma dalla parabola beffarda che sorvola la traversa. Termina 0-2 il primo tempo; l'Inter, protagonista di qualche buon momento ma dalle manovre troppo lente e prevedibili, è adesso chiamata all'impresa

17 MAGICI MINUTI

L'inizio della ripresa conferma quanto visto nella prima metà di gara: la lenta fase di possesso interista fatica a risalire la corrente di maglie giallorosse, e il gol dello 0-3 arriva dopo 4 minuti. Questa volta la firma è del terzino Litti, che entrando in area da sinistra batte il portiere con una gran botta in diagonale. Nei minuti che seguono la Roma abbassa il ritmo e prova a contenere gli avversari in virtù dell'ampio vantaggio, ma la stanchezza inizia a prendere il sopravvento e l'attacco interista si fa avanti con sempre più insistenza. La prima rete dei padroni di casa arriva al 28': discesa sulla fascia di Lavelli e palla tesa in mezzo, il portiere devia la traiettoria ma indirizza il pallone dalle parti di Mosconi che non sbaglia quello che è un rigore in movimento. La marcatura del classe '07 sembra essere buona solo a salvare l'orgoglio del Biscione, ma al 37' arriva anche il secondo gol. E qui, credere alla rimonta diventa obbligatorio. La rete è ancora di Mosconi, (imbucato in area da De Pieri) che fa partire un tiro incrociato che si insacca nell'angolino con precisione chirurgica. Il Biscione adesso prova a straripare ai danni di una Roma in affanno, e al primo dei 5 minuti di recupero De Pieri concretizza la remuntada con una marcatura personale, controllando a bordo area un pallone ribattuto dalla difesa e calciando dritto in rete. Date le circostanze, i padroni di casa avrebbero già molto da esultare per questo 3-3, ma a secondi dalla fine arriva l'episodio che manda definitivamente in estasi i milanesi presenti a Interello, e i protagonisti sono ancora i subentrati De Pieri e Lavelli. Il primo dribbla la difesa e si addentra in area, dove si conquista un calcio di rigore. Al dischetto va Lavelli, e durante la sua rincorsa il silenzio e la tensione sono palpabili, salvo venire poi infranti dai festeggiamenti nerazzurri che seguono il rigore trasformato e il fischio finale.

IL TABELLINO

INTER-ROMA 4-3
RETI (0-3, 4-3): 6' De Campos (R), 12' Almaviva (R), 4' st Litti (R), 28' st Mosconi (I), 37' st Mosconi (I), 41' st De Pieri (I), 45' st rig. Lavelli (I).
INTER (4-3-1-2): Zamarian 6.5, Re Cecconi 6.5 (1' st Della Mora 6.5), Castegnaro 6.5 (5' st De Pieri 8), Zanchetta 6.5 (5' st Ciardi), Garonetti 6.5, Chiesa 6.5, Venturini 6.5 (25' st Bertagnon sv), Fois 7 (16' st Gaverini 7), Mosconi 8.5, Tigani 6.5 (18' st Granziera 6.5), Spinaccè 7 (16' st Lavelli 7.5). A disp. Castelnuovo, Djibril. All. Annoni 7.
ROMA (5-3-2): De Franceschi 7, De Luca 6.5 (28' st Cioffredi sv), Litti 7.5 (34' st Carpineti sv), Ragone 6.5, Mirra 7, Plaia 6.5, De Campos 8, Mannini 7.5, Tumminelli 7, Almaviva 7 (28' st Nardozi sv), Della Rocca. A disp. Guerrieri, Feola, Ceccarelli, Aliaj, Fravola, Papa. All. Falsini 7.
ARBITRO: Garofalo di Torre del Greco 6.5.
ASSISTENTI: Viola di Abbiategrasso e Guarino di Abbiategrasso.
AMMONITI: Lavelli (I), Plaia (R), Tumminelli (R).

LE PAGELLE

Zamarian 6.5 Nessuna colpa sui gol subiti, salva anzi la sua difesa con diverse uscite e interventi.
Re Cecconi 6.5 Mostra una buona visione di gioco in chiusura e fraseggia con Venturini lungo la fascia, pur faticando a trovare spazi.
1' st Della Mora 6.5 Si esibisce in qualche buona chiusura e accompagna la manovra offensiva, rendendosi protagonista di una prestazione tutto sommato completa.
Castegnaro 6.5 In fase di possesso fatica a trovare pertugi, ma sbaglia poco o nulla in chiusura.
5' st De Pieri 8 Entra e dà nuova energia alla fase offensiva. Trova spesso la profondità approfittando dei varchi lasciati dalla difesa avversaria; fornisce un assist, segna un gol e si procura un rigore. What else?
Zanchetta 6.5 Lascia qualche spazio di troppo in fase di non possesso, ma cerca sempre di verticalizzare durante le ripartenze.
5' st Ciardi 6.5 Lotta su ogni pallone e dà compattezza al suo reparto. Trova subito il suo posto in campo e mostra una buona intesa coi compagni.
Garonetti 6.5 Si fa trovare al posto giusto in fase di non possesso, cercando di contenere al meglio gli avversari sulla trequarti.
Chiesa 6.5 Dopo un primo tempo in chiaroscuro, si rende protagonista di qualche recupero tempestivo a centrocampo, riuscendo a mantenere alta la squadra in cerca del pareggio.
Venturini 6.5 Prova a sfondare in velocità. I marcatori prendono presto le sue misure, ma lui riesce a sorprenderli in qualche occasione. (25' st Bertagnon sv).
Fois 7 Una delle poche note liete del primo tempo nerazzurro. Riesce a rendersi pericoloso palla al piede lungo la fascia, dalla quale arriva in area e crea qualche azione da gol. Nella ripresa si impossessa anche della corsia centrale e neutralizza diversi tentativi di ripartenza avversari.
16' st Gaverini 7 Prova a dare dinamicità alla manovra offensiva, e col suo ingresso, infatti, il gioco dell'Inter si fa molto più verticale.
Mosconi 8.5 Cerca il fraseggio coi compagni nel primo tempo, ma senza successo. Nell'ultimo quarto d'ora si rende invece inarrestabile: si muove tra le linee e non dà punti di riferimento agli avversari, facendosi trovare al posto giusto dai compagni e segnando una doppietta che verrà ricordata a lungo.
Tigani 6.5 Riceve pochi palloni con cui provare a costruire, ma cerca costantemente di far salire la squadra con le sue giocate.
18' st Granziera 6.5 Dà una mano in tutto il campo e sbaglia poco in fase di possesso. Mantiene la squadra solida e compatta coi suoi movimenti.
Spinaccè 7 Riesce a rendersi pericolo per tutta la durata della gara. Buona la sua intesa coi compagni di reparto, coi quali si muove a bordo area e tesse trame promettenti.
16' st Lavelli 7.5 Arma segreta della panchina nerazzurra. Conquista palloni e li smista dalla trequarti. Propizia il primo gol e segna quello del definitivo vantaggio.
All. Annoni 7 Tre quarti di gara decisamente troppo sofferti e uno svantaggio che sembrava insormontabile, ma questa vittoria denota l'ottima forma fisica e lo spirito della sua squadra, che è apparsa lucida e ispirata anche nei minuti finali. Grande merito va anche al suo intuito: i cambi effettuati si sono rivelati decisivi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400