Cerca

Under 16 A-B

Ignazio Abate batte il Monza, esalta il Milan e sogna lo Scudetto: «I ragazzi se lo meritano»

Il tecnico dell'Under 16 rossonera racconta la sfida contro i brianzoli: «Abbiamo avuto un ottimo approccio»

Ignazio Abate

Ignazio Abate in uno scatto del derby d'andata contro l'Inter

Se il Milan di Pioli, grazie a una cavalcata strepitosa culminata con il 3-0 di Reggio Emilia contro il Sassuolo, è ritornato sul tetto d'Italia 11 anni dopo il successo firmato da Massimiliano Allegri, uno dei protagonisti di quel Diavolo - circa un mese dopo la festa di Ibra e compagni - ha tutte le carte in regola per riportare in via Aldo Rosso un altro Tricolore. Precisamente quello dell'Under 16, trofeo che manca dal 2017: in panchina 5 anni fa c'era Alessandro Lupi - ora al Monza - mentre oggi c'è Ignazio Abate, uno che conosce perfettamente la ricetta per vincere gli Scudetti. Il sogno è vivo più che mai: dopo aver eliminato il Benevento agli ottavi di finale (1-1 in Campania e 3-0 al Vismara), i baby rossoneri hanno avuto la meglio sul Monza - ironia della sorte, guidato proprio da Alessandro Lupi - nella doppia sfida dei quarti di finale. Il 4-2 dell'andata ha apparecchiato la tavola per una cena di lusso al ritorno, con il Diavolo vittorioso per 1-0 tra le mura amiche

APPROCCIO

«Abbiamo fatto un'ottima partita. L'approccio è stato molto buono e ci ha permesso di costruire diverse azioni pericolose» il racconto di Ignazio abate al termine della sfida del Vismara. Le parole del tecnico rossonero trovano conferma dai numeri, precisamente quello delle palle gol create: 5. Dalle azioni personali di Sia e Scotti (9' e 22') al sinistro velenoso di Mancioppi (16'), passando per il destro da fuori e il tentativo su punizione di Perina (28' e 32'). «Nella ripresa avremmo potuto far gol su rigore, poi siamo stati bravi a trovare il vantaggio. Su un'occasione abbiamo rischiato qualcosa ma è stato bravo Magni: tuttavia, per come giochiamo noi e per la nostra mentalità, ci sta concedere qualcosa». Il secondo tempo ha nascosto non poche insidie ai rossoneri, non tanto per l'esito della partita in sé - la qualificazione, in virtù del punteggio ottenuto all'andata e al successivo sigillo di Scotti, era praticamente cosa fatta - quanto per le 3 espulsione comminate da Carsenzuola di Legnano: una a Mancioppi per doppia ammonizione, una diretta a Bonomi e un'altra allo stesso Abate per proteste. La sentenza del giudice sportivo non si è fatta attendere: una giornata di squalifica per capitan Mancioppi e Abate, che rientreranno per la sfida di ritorno contro il Vicenza), ben 2 per Bonomi che invece tornerà a disposizione per un'eventuale finale.

Ignazio Abate a Monzello durante Monza-Cagliari

NUMERI E PERCORSO DEL MILAN

SEMIFINALE

«Ai ragazzi non posso rimproverare nulla: hanno fatto un'ottima prestazione e ora andiamo avanti, siamo contenti» il commento di Abate, che tra poco meno di 2 settimane - si tornerà in campo domenica 12 giugno - ritroverà il Vicenza per la semifinale d'andata. Un avversario che il Milan conosce molto bene, avendolo affrontato per ben 2 volte nella regular season: al Vismara, alla primissima giornata di campionato, finì in pareggio (1-1); a Vicenza, all'esordio nell'anno nuovo, i rossoneri furono capaci di calare uno strepitoso poker (1-4 il parziale finale). Un appuntamento da non fallire ma soprattutto alla portata, specie se il Milan riuscirà a replicare quanto fatto nella doppia sfida contro il Monza. «Siamo soddisfatti di essere arrivati in semifinale. Io lo sono soprattutto per i ragazzi, sono un gruppo solido e ci danno sempre dentro. Ora staccheremo qualche giorno poi penseremo al Vicenza».

Vittorio Magni, talento del Milan

L'AVVERSARIO

Villarreal in Champions League? No, Vicenza in Under 16. Il percorso dei veneti è paragonabile a quello degli spagnoli che, lontani dai confini, sono stati protagonisti di una cavalcata entusiasmante. Lo scoglio più duro arriva ora, anche se per i biancorossi è già un successo essere arrivati a un passo dalla finalissima: prima la vittoria nei playoff sul Verona, poi le doppie sfide vinte contro Bologna agli ottavi e Fiorentina ai quarti. Il tutto dopo una stagione regolare tutto sommato positiva ma non brillante, vista la quinta piazza ottenuta dietro ai colossi Milan, Inter, Atalanta e Verona con 12 punti di ritardo dalla vetta.

NUMERI E PERCORSO DEL VICENZA

  • POSIZIONE IN CLASSIFICA: 5ª
  • PUNTI: 30
  • VITTORIE: 8
  • PAREGGI: 6
  • SCONFITTE: 4
  • GOL FATTI: 24
  • GOL SUBITI: 20
  • PLAYOFF: 4-2 al Verona
  • OTTAVI D'ANDATA: 3-2 al Bologna
  • OTTAVI DI RITORNO:2-2 col Bologna 
  • QUARTI D'ANDATA: 3-1 alla Fiorentina
  • QUARTI DI RITORNO: 1-0 (perso) contro la Fiorentina
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400