Cerca

San Pancrazio Under 16, intervista doppia a Massimo Simoni e Michele Piantoni sul magico megaminimondo giallonero

Michele Piantoni San Pancrazio U16

Michele Piantoni San Pancrazio U16

Massimo Simoni guida l’Under 16 e 15 del San Pancrazio, una delle due anime di Palazzolo Sull’Oglio (l’altra è rappresentata dal Pro Palazzolo). Da ormai un lustro nel vivaio palazzolese e di lunga militanza nei settori giovanili - allena dal 1997 -, in questa intervista racconta quel “punto” contro il Genoa e insieme al suo vice Michele Piantoni (nella foto in alto) parla del progetto giallonero. Allora, Simoni, come si sta in questo club? «Direi molto bene, questo è il quinto anno che faccio parte della "famiglia" San Pancrazio. C'è la possibilità di poter lavorare serenamente in un ambiente tranquillo e disteso». Lei, Piantoni, vuole aggiungere qualcosa? «Anzitutto ringrazio il San Pancrazio che mi ha dato l'opportunità di allenare i ragazzi cercando di trasmettere loro la passione e l'amore che ho per questo sport. Qui mi trovo anch'io benissimo, perché è una società fatta da persone perbene». Soddisfatto dell’organico? Simoni. «Visto il campionato che dovremmo disputare, la rosa a mia disposizione è buona e competitiva in tutti i reparti; l'unico neo - se vogliamo vederlo - è il ruolo del portiere, ma solamente sotto l'aspetto numerico visto che spesso vado a batter cassa tra i 2006: il nostro "Viane" (Filippo Vianelli, ndr ) è sicuramente all'altezza della situazione». È d’accordo, Piantoni? «Sì, perché in porta abbiamo grande qualità, così come in difesa: i centrali sono tecnici e rocciosi, i terzini veloci e moderni, spesso quasi degli attaccanti aggiunti. A centrocampo c’è un ottimo mix di qualità e sostanza, mentre in attacco abbiamo finalizzatori bravi sia di testa, che di destro e sinistro». Il modulo adottato dalla squadra? Simoni. «Non mi sono mai fossilizzato seguendo un modulo rispetto ad un altro, detto questo stiamo adottando il 4-2-3-1 già dallo scorso anno con buoni risultati». Proseguiamo con lei, mister, l’obiettivo stagionale se per ipotesi riprenderà la stagione? «La crescita sportiva ed umana di tutta la squadra e portare i ragazzi il più lontano possibile da altre pericolose strade». Gli allenamenti come sono nella normalità? «Faccio 2 allenamenti settimanali, in cui cerco di fare un giusto mix di tecnica, tattica e forma fisica senza tralasciare ovviamente l'aspetto ludico del gioco del calcio». Com’è lo staff? «Sono fortunatissimo, ho a disposizione due fantastiche persone: Michele Piantoni e Gabriele Vianelli. Il primo è più di un braccio destro, visto che è ancora in piena attività calcistica (milita con la Prima squadra in Prima Categoria). Michele riesce a stimolare i ragazzi durante le esercitazioni e poi non si lascia sfuggire nulla. Il secondo, Gabriele, è sempre disponibile oltre che essere il primo grande tifoso della squadra e visto il suo passato si prende cura del portiere». E per lei, Piantoni, com’è lavorare con Simoni? «Io e Massimo lavoriamo insieme da 3 anni, collaboriamo in piena sintonia. Cerco sempre di rubargli qualche conoscenza vista la sua esperienza. L’80% degli allenamenti è con la palla per migliore sia la tecnica individuale che quella collettiva. Il restante 20% lo dedichiamo al lavoro senza palla: rapidità, velocità e resistenza». A chi si ispiri come allenatore? Simoni. «Oronzo Canà…  ma non scriverlo dai!». Non posso esimermi… e una gara che vorrebbe rigiocare o quella che ricorda più volentieri? «Nessuna gara vorrei rigiocare, ogni partita fa storia a sé, ma da tutte bisogna trarre elementi e considerazioni utili. Invece le partite che ricordo volentieri sono tante, tra queste anche qualcuna persa.  Però - e vale anche come aneddoto - quando allenavo gli esordienti del Palazzolo, erano tutti bimbi del 1994, fummo invitati a partecipare ad un torneo a Verdellino (comune della provincia di Bergamo, ndr) dove partecipavano società professionistiche». Quali erano? «Nel nostro girone c'erano Verona, Genoa e Atalanta. Tre gare in un unico pomeriggio, alla fase finale passava sola la prima del girone. Prima partita contro il Verona: beccati non pochi. Negli spogliatoi vedevo i miei piccoli meravigliati ed intimoriti ed allora ho detto loro che se avessimo ottenuto almeno 1 punto contro Atalanta e Genoa sarei tornato a Palazzolo a piedi».  Un punto contro squadre del genere è quasi impossibile... «Ti assicuro che la strada per arrivare a Palazzolo… è stata lunga! Ma fortunatamente un genitore comprensivo mi ha raccattato in auto».  Incredibile. «Il Genoa, nonostante avessi messo in porta un giocatore di movimento, non riusciva a segnare. Unico nostro tiro, su punizione, e gooolll: PALAZZOLO 1 GENOA 0! Ed io a piedi… Contro l'Atalanta nuova batosta poi, ma i bimbi si erano comunque divertiti molto». Un ringraziamento conclusivo, Simoni?  « Oltre allo staff ringrazio il San Pancrazio e tutte le altre società dove ho avuto l’opportunità di allenare. Inoltre ringrazio i miei ragazzi ed ex atleti - me li ricordo tutti! - con i quali ho avuto la fortuna di divertirmi insieme. Infine un ringraziamento particolare a mia moglie Maria Rosa che nonostante brontoli spesso alla fine mi consente di continuare questa mia attività». Qual è invece il suo auspicio, Piantoni? «Spero che tutto il mondo posso uscire al più presto da questo tragico momento. Voglio rivedere campi verdi pieni di bambini che inseguono un pallone, allora sì che torneremmo a sorridere! Ci manca». [caption id="attachment_257655" align="aligncenter" width="900"] Tutti la rosa del San Pancrazio Under 16 in posa con gli allenatori Michele Piantoni (a sinistra) e Massimo Simoni (a destra)[/caption]

SAN PANCRAZIO UNDER 16 ANNO 2005 - 2020/2021

STAFF MASSIMO SIMONI, ALLENATORE MICHELE PIANTONI, VICE ALLENATORE GABRIELE VIANELLI, PREPARATORE PORTIERI PORTIERI FILIPPO VIANELLI ALESSANDRO MAMBRITO (CLASSE 2006) DIFENSORI MATTEO CAPELLI ALBERTO FUMAGALLI MARCO GITTINI ALESSANDRO LANCINI FEDERICO LANCINI DAVIDE MALZANI ALESSANDRO PERLETTI NICOLÒ TURLA CENTROCAMPISTI BADR ASIN MARCO DE MATTEIS JACOPO GHIO GIORGIO MAGRI DAVIDE MARINI GIORGIO THEODOROU MIRKO URRACCI ATTACCANTI FILIPPO GORINI ALESSANDRO GOZZINI MATTEO MALZANI MARCO RONDI LUCA ZANARDI
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400