Cerca

Nerviano Under 16: allenatore e rifondatore della società, Gianni Farina pilastro dei bianconeri

nerviano under 16
Gianni Farina è considerabile un vero e proprio rifondatore del Nerviano, ed attualmente allena l’ Under 16. Nel 2010 la società fallì, ma ci pensarono Farina e altri due soci a rimettere in pista il club bianconero. Ad oggi si contano una squadra di Pulcini, due categorie Allievi, una Juniores, la squadra femminile (Promozione) e la Prima squadra maschile. Il tecnico in passato ha giocato a calcio; la sua fu una breve carriera che iniziò nella città dove vive tutt’ora, Parabiago. Successivamente passò anche alla Rhodense, ma dopo qualche anno la società gli fece capire che non era adatto al loro livello; da quel momento il tecnico perse lo stimolo di giocare a pallone e impegnarsi, fece ritorno a Nerviano, ma l’esperienza durò poco e continuò a giocare a pallone facendo tornei amatoriali. Nel 1985, Farina fece il primo anno in prima squadra, al Canegrate che militava in Terza Categoria. Nel 1998 Farina diventa papà e dopo qualche anno, il figlio inizierà a giocare alla Poglianese; in quel momento il tecnico si affaccia per la prima volta su una panchina, nel ruolo di dirigente. È nel 2010 che arriva la svolta per l'allenatore che sceglie di tornare al Nerviano, dove rifonda la squadra investendo denaro e tempo in un progetto che va avanti tutt’ora. Proprio Gianni Farina spiega: «Ora come ora non è facile, sono tempi difficili per tutte le società perché ci sono tutti i campionati fermi e i ragazzi non si allenano. Abbiamo iniziato a settembre, giocando più o meno le prime partite di tutte le categorie, poi purtroppo è subentarto l'ennesimo stop. Alla riapertura di qualche mese fa ci eravamo organizzati molto bene, con gli allenamenti suddivisi per giorni e categoria, così da poter fa allenare tutti a ruota, sempre seguendo i protocolli e facendo allenamenti individuali, ora siamo ancora fermi. Così diventa difficile, spero che tutto possa riprendere il prima possibile». L’allenatore racconta della sua squadra: «Alleno un bel gruppo, i ragazzi hanno voglia di giocare e si impegnano agli allenamenti; ormai è da quattro anni che alleno lo stesso gruppo, ci conosciamo bene e anche io conosco i miei ragazzi. Il portiere è solo uno, Matteo Pettano, giocatore molto forte fra i pali ed è migliorato molto anche con i piedi.  La difesa è composta da ragazzi molto fisici ma anche molto veloci, questo mi permette di giocare con la difesa alta; Francesco Napoli e Alessandro De Meo sono due giocatori molto forti e con margine di crescita, così come tutto il reparto difensivo. Il centrocampo è formato da ragazzi tecnici e tattici, Paolo Valassina e Marco Mingolla sono molto bravi a far girare la squadra. L’attacco, infine, è composto da giocatori forti fisicamente, che segnano e fanno vincere la squadra, nello specifico troviamo Christian Bellanova, Tiziano Di Lasio e Maxim Tocar, quest’ultimo è anche capitano, in quanto leader dentro e fuori dal campo». Il tecnico infine presenta il suo staff: «Alleno da solo perché mi trovo meglio, però ho tre dirigenti che sono, Daniele De Meo, Pasquale Di Lasio e Massimo Pirrotta mi danno una grossa mano e sono sempre presenti agli allenamenti e nel weekend».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400