Cerca

Afforese Under 16: le difficoltà fanno crescere i ragazzi, parola del tecnico Cristian Tosoni

Cristian Tosoni Afforese Under 16
Nella vita, in generale, le difficoltà aiutano una persona a crescere. Questo perché nei momenti difficili ci si concentra per trovare la soluzione migliore e si fanno proprie le esperienze legate a quella determinata situazione. Come spesso accade, questo concetto è facile da proiettare nel mondo del calcio: ogni giocatore, durante un match, deve costantemente cercare di compiere la scelta più giusta per dare un apporto che possa definirsi fondamentale alla propria squadra. E se in un calciatore con diversi anni di carriera alle spalle si parla di esperienza, per un giovane la scelta giusta è assolutamente sinonimo di crescita. Ben vengano dunque le difficoltà per quanto riguarda i giovani, se con "difficoltà" si intende una costante sfida che possa appunto far crescere i calciatori del futuro. È questo il pensiero di Cristian Tosoni, attuale allenatore della squadre Under 16 dell' Afforese. Il tecnico, che vanta un passato da portiere nel bresciano e anche un'esperienza pregressa sulla panchina della Lombardina, ha infatti spiegato: «Le difficoltà contribuiscono ad alzare l'asticella qualitativa dei ragazzi, che si trovano sempre davanti a sfide molto stimolanti. Io che non ho un vero e proprio credo calcistico, se non quello di tenere la palla, che se vogliamo oggi è anche un po' banale da dire, penso che l'allenatore debba esser bravo a fare due cose: disegnare una squadra che possa mettere tutti i ragazzi nelle condizioni di fare bene ma anche sottoporre gli stessi a situazioni che possano farli ragionare». Sul lavoro dell'allenatore poi Tosoni ha voluto fare una riflessione più particolare, sulla società gialloblù: «Io ho scelto l'Afforese perché mi aveva convinto il progetto, e infatti mi rendo sempre conto che la società mette a disposizione ogni tipo di mezzo a noi allenatori per svolgere al meglio il nostro lavoro. Inoltre abbiamo squadre in ogni categoria: un gran numero di allenatori permette un buono scambio di idee e di punti di vista. Anche noi allenatori cresciamo e lo facciamo così. Poi la società è una scuola calcio Milan e questo ci permette di avere molti vantaggi in termini di strumenti». Importante, nei meccanismi di una squadra, è sicuramente il gruppo, perché l'essere affiatati tra giocatori si trasforma poi in intesa sul campo. Lo spogliatoio dell'Afforese Under 16 è, come detto dal tecnico Tosoni, «abbastanza affiatato. Alcuni elementi sono arrivati la scorsa estate e si sono inseriti bene mentre altri hanno lasciato il gruppo perché magari non volevano accettare determinate regole. Non è un'amalgama del tutto perfetta, ma il lavoro dell'allenatore è anche questo, unire i ragazzi. Ragazzi che, tra l'altro, sono in un'età complicata, perché diciamo che lasciano il mondo dei più piccoli e si affacciano all'età adulta, quindi devono iniziare a prendersi le loro responsabilità». Infine, Tosoni ha confessato di essere genuinamente contento e in trepidazione per la ripresa degli allenamenti, ora che sono passati esattamente sei mesi dall'unica gara ufficiale disputata questa stagione: «Partiamo mercoledì con gli allenamenti. Ne faremo due a settimana, ovviamente nel massimo rispetto delle norme anti-COVID, come del resto abbiamo sempre fatto. I ragazzi sono carichi e non vediamo l'ora di rivederci sul campo».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400