Cerca

Under 16

Calcio Cinisello-Niguarda: Ossama ispira il festival del gol, prima gioia e primo bottino pieno della stagione per Anzani

Dopo un primo tempo povero di emozioni, una ripresa da 8 gol entra nella storia del campionato: i padroni di casa dilagano nel finale

Calcio Cinisello-Niguarda Ossama ispira il festival del gol, prima gioia e primo bottino pieno della stagione per Anzani

Ossama (Calcio Cinisello), incredibile il suo poker dalla panchina

La sfida tra Calcio Cinisello e Niguarda entra negli annali del calcio di provincia, una partita che per tanti aspetti è stata molto di più di una semplice competizione sportiva: l'inizio lento, la ripresa strabiliante, i colpi di scena, le illusioni e il cinismo, il tutto contornato da una nebbia sempre più fitta, da calcio anni 70', che ha dato alla sfida un'aura di leggenda che l'ha resa un instant classic in simultanea.

Partenza lenta. Ritmi contratti a inizio gara: il pallone staziona soprattutto a centrocampo, con le due squadre che non trovano soluzioni che illuminino la manovra. Quando però a scontrarsi sono le due peggiori difese del campionato numeri alla mano, basta poco per creare un varco decisivo: è proprio quello che succede al 9', quando Ingrassia vince il contrasto fisico con Prus al limite dell'area e si presenta solo davanti a Sentinelli, battuto con freddezza aprendo il piattone destro. L'1-0 non cambia più di tanto la trama del match: i ritmi restano compassati e gli errori tecnici sovrastano in quantità le giocate, ma a farsi preferire per intensità sono comunque i padroni di casa, galvanizzati dal vantaggio e dalla verve offensiva soprattutto di Ingrassia e Pavlovic. I primi segnali di vita ospiti arrivano al 19': Avoyli recupera palla sulla trequarti e scarica un destro che si abbassa all'ultimo, ma finisce soltanto per sfiorare la traversa della porta di Pidlisnyi. Al 23' Cinisello vicinissimo al 2-0: altra grande azione di Ingrassia, palla in mezzo per la corrente Greco che a porta sguarnita incespica sul pallone, quando ormai il più sembrava fatto. Verso la fine del primo tempo la sfida cresce per ritmo e velocità: i capovolgimenti di fronte sono continui, ma le due squadre faticano nella musica dell'ultimo passaggio e non trovano le note della melodia del gol, ma solo conclusioni decisamente stonate. Proprio a pochi secondi dalla fine del primo tempo invece arriva il tocco giusto dopo la trequarti per il Niguarda: Avoyli scappa bene alla difesa ma è chiuso da una provvidenziale uscita di Pidlisnyi.

Di tutto e di più. Se il primo tempo aveva regalato poche emozioni, l'inizio della ripresa è la più grande antitesi possibile, i 3 minuti più folli della stagione: al 2' arriva il 2-0 del Cinisello con Ossama che mette in rete su cross di Ingrassia, sul nuovo calcio d'inizio arriva però subito il 2-1 ospite con una fuga solitaria di Schreiner Ravani, che brucia Pidlisnyi con il destro. Ma non è ancora finita: passano infatti soltanto altri 40 secondi e Ingrassia va di nuovo via sulla fascia, altra palla in mezzo per Ossama e l'azione fotocopia del 2-1 questa volta vale il 3-1 per il Cinisello. Tre minuti che ci ricordano che amiamo il calcio perché è illogico, tre minuti che ricordano che il football è al suo meglio quando ci sorprende: ma anche tre minuti che consegnano un preziosissimo doppio vantaggio ai padroni di casa e aprono la partita, con le squadre che si allungano, la nebbia che scende sul campo e la situazione che assume delle sfumature sempre più iconiche. Al 17' poi anche il risultato torna in bilico: azione insistita del Niguarda, Poloni risponde a Ossama nella sfida tra subentrati e punisce un'incertezza di Pidlisnyi con il tocco sottomisura per il 3-2. Ma il secondo tempo più pazzo dell'anno non finisce certo qui: passa appena un minuto e il Cinisello ritrova il doppio vantaggio, con Pavlovic che corregge in rete una goffa respinta della difesa. Doppio vantaggio da una parte, doppia illusione di aver riaperto la gara dall'altra: il colpo è durissimo per il Niguarda, ma la squadra di Catalayud Rodriguez non si arrende e si butta in attacco con coraggio, sfiorando il gol sia con Velardo che con Schreiner Ravani. Il Cinisello prova ad abbassare un po' i ritmi per amministrare il vantaggio, ma quasi senza volerlo trova al 34' il gol che mette definitivamente la parola fine alla contesa: è di nuovo il super subentrato Ossama a timbrare il cartellino su una palla vagante in area. A questo punto gli ospiti, rimasti fin lì in gara con le unghie e con i denti, crollano psicologicamente: in 2 minuti arrivano i gol di Rancati e Ossama, che firma un incredibile poker partendo dalla panchina. Il risultato finale è quindi un largo 7-2: punizione fin troppo severa per un Niguarda che è rimasto in gara fino a pochi minuti dalla fine, vittoria però ampiamente meritata per un Calcio Cinisello che si toglie la grande soddisfazione della prima vittoria stagionale.

IL TABELLINO


Calcio Cinisello-Niguarda 7-2
RETI: 9' Ingrassia (C), 2' st, 4'st Ossama (C), 3' st Schreiner Ravani (N), 17' st Poloni (N), 18' st Pavlovic (C), 34' st, 38' st Ossama (C), 36' st Rancati (C).
CALCIO CINISELLO (4-3-3): Pidlisnyi 6, Fanelli 6 (35' st Severino sv), Fanelli 6.5, Geremicca 6.5, Dinescu 6.5, Santis Munoz 6.5, Greco 6 (25' st Rancati 6.5), Carmona Contreas 7.5, Mohamed 6 (27' Ossama 9), Ingrassia 7.5 (35' st Calabrese sv), Pavlovic 7. A disp. Severino, Noia, Santiago Tocas. All. Anzani 8.
NIGUARDA (4-4-2): Sentinelli 5.5, De Regibus 6 (22' st Saouo 6), Sabrani 6, Prus 5.5, Ferrera 6, Giocondo 6.5, Lazzarin 6 (8' st Ceolin 6), Avoyli 6.5, Velardo 6.5, Schreiner Ravani 6.5, Mercenaro 6 (1' st Poloni 6.5). A disp. Valderama, Aftohui. All. Catalayud Rodriguez 6.
ARBITRO: Saadi di Cinisello Balsamo 6.5.

LE PAGELLE

CALCIO CINISELLO
Pidlisnyi 6 Non irreprensibile sul 3-2, per il resto sventa alcune potenziali occasioni avversarie.
Fanelli 6 Qualche incertezza in marcatura, lotta contro le ali ospiti perdendo qualche duello di troppo. (35' st Severino sv).
Fanelli 6.5 Dà sicurezza al reparto con un paio di chiusure importanti, prova di buona solidità.
Geremicca 6.5 Utile soprattutto nel far ripartire l'azione, quando serve poi sa essere ruvido per recuperare palla.
Dinescu 6.5 Soffre un po' nel momento di maggiore spinta ospite, ma non va mai davvero in affanno.
Santis Munoz 6.5 Tanti contrasti e grinta in mezzo, più efficace che elegante da vedere, ma conta la sostanza.
Greco 6 Buon ritmo e corse frequenti sulla fascia, clamorosa però quell'occasione fallita sull'1-0.
25' st Rancati 6.5 Timbra anche lui il cartellino col 6-2, bel destro dal limite.
Carmona Contreas 7.5 A centrocampo sembra uno e trino, è dappertutto sia in fase di impostazione che di interdizione.
Mohamed 6 Poco movimento, non fa neanche in tempo ad entrare in gara che deve già uscire.
27' Ossama 9 Una giornata che non dimenticherà mai: poker dalla panchina, in quanti nella storia del calcio ci sono riusciti?
Ingrassia 7.5 Segna un gol e ne ispira almeno altri due, insostituibile perno offensivo della squadra. (35' st Calabrese sv)
Pavlovic 7 Si aggiunge al festival del gol col colpo di testa del 4-2, colpo che impreziosisce una gara piena di discese sulla fascia.
All. Anzani 8 La squadra è cinica, ma soprattutto crea tanto e finalizza: la classifica è laconica, ma ci sono il tempo e le qualità per migliorarla.

NIGUARDA
Sentinelli 5.5 Sette gol sono tanti e lui non è esente da colpe, soprattutto sull'1-0 e sul 4-2.
De Regibus 6 Soffre tanto le folate avversarie, cerca di trovare sfogo in attacco ma con risultati modesti.
22' st Saouo 6 Dentro per dare nuova linfa, fa più che altro lavoro sporco.
Sabrani 6 Dietro si balla e non poco, lui tiene fino a pochi minuti dalla fine, quando crolla coi compagni.
Prus 5.5 Evitabilissimo l'errore sull'1-0, quando si lascia anticipare da Ingrassia in una situazione che aveva sotto controllo.
Ferrera 6 Giornata dura per tutti là dietro, cerca di stringere i denti ma non riesce a evitare i danni peggiori.
Giocondo 6.5 Tra i migliori nel miglior momento delle squadra, dà verve e geometrie alla mediana.
Lazzarin 6 Cerca con caparbietà gli scatti giusti per far male, ma raramente li trova.
8' st Ceolin 6 Uomo in più in attacco, fa presenza in area.
Avoyli 6.5 Nel primo tempo è l'unico che crea qualcosa per i suoi, nella ripresa meno offensivo ma più coinvolto nella bagarre di centrocampo.
Velardo 6.5 Cresce alla distanza, e dopo un primo tempo da fantasma va più volte vicino al gol.
Schreiner Ravani 6.5 Dà la scossa alla gara con la bella azione personale del 2-1, ma è l'unica gemma di una partita non brillantissima.
Mercenaro 6 Impegno indiscutibile, fatica però a saltare l'uomo e a creare situazioni interessanti.
1' st Poloni 6.5 Lesto e furbo sul 3-2, ingresso con motivazioni e cuore.
All.Catalayud Rodriguez 6 Il risultato è bugiardo e infinitamente punitivo per i suoi, il crollo finale nasconde una gara giocata con orgoglio.

ARBITRO
Saadi di Cinisello Balsamo 6.5
Gestisce con ordine una partita strana e imprevedibile.

LE INTERVISTE

Sprizza felicità da tutti i pori a fine gara Anzani, il tecnico del Calcio Cinisello può finalmente celebrare la prima vittoria della stagione: «I ragazzi oggi hanno giocato da squadra, ed è con questo atteggiamento che alla fine si ottengono i risultati. Abbiamo creato tanto e siamo stati anche bravi a finalizzare la grande mole di gioco, trovando una vittoria meritatissima. La classifica purtroppo è bugiarda e ci vede molto in basso, ma questa squadra ha tutto per risalire».

Trova comunque motivi di soddisfazione Catalayud Rodriguez, anche il suo Niguarda resta solissimo in fondo alla graduatoria: «Sono fiero dei miei ragazzi, che sono comunque rimasti in partita fino a pochi minuti dalla fine: il risultato è assolutamente esagerato per quanto si è visto in campo, non dobbiamo guardarlo ma dobbiamo concentrarci su quanto di buono abbiamo fatto nella nostra prestazione».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400