Cerca

Under 16

Pari firma la rimonta neroverde, per un finale di campionato da incorniciare

Il CG Bresso chiude al quarto posto, difendendolo proprio dagli assalti del Cologno

Lorenzi Luce, Jacopo Balbi, Filippo Pari CG Bresso U16

Da sinistra: Luce, Balbi e Pari, l'asse portante della vittoria

L'ultima di campionato per Cologno e CG Bresso (almeno da calendario) prende dalla tradizione una partita piacevole e vissuta con grande intensità, e terminata 2-1 in favore degli ospiti. Al triplice fischio festeggiano i ragazzi di Balbi, riuniti a centrocampo tra cori e grida perché il campionato personale è più che vinto, complice un quarto posto di grande valore. I biancoverdi chiudono a quota 41 punti, tenendo sicuramente dietro gli avversari, impegnati domani nel recupero a Cinisello. Per i gialloverdi di Senatore un'annata condita da qualche problema di troppo che ha reso più complicato programmare al meglio la stagione.

CAGGIANO SARACINESCA

Sin dal principio si avverte una differente intensità tra le due squadre. Il Cologno, infatti, parte decisamente più contratto faticando a prendere le misure. Per contro il CG Bresso, privo dello squalificato Formica, cerca di calcare l'inerzia favorevole appoggiandosi a Pastoressa e Ballini. La punta si infila con irrisoria facilità tra i centrali gialloverdi, mentre l'esterno affonda il coltello grazie alla collaborazione di Damato. Tolta l'immediata replica di Farano, che manda alto di testa da due passi sul cross di Facchini, è un monologo di occasioni per gli ospiti. Ci pensa Caggiano a tenere in piedi il Cologno, anche se è costretto comunque a capitolare. Il vantaggio bressese matura da calcio d'angolo, ben battuto da Ballini, con Pastoressa che svetta su Gianstefani e scrive 31 gol stagionali. Il bomber potrebbe raddoppiare poco dopo, sempre grazie all'indiretto assist di Damato, ma il suo esterno viene pizzicato quanto basta da Caggiano per allungarlo in corner. La squadra di Senatore impiega parecchio prima di proporre la prima trama interessante, stoppata nel suo epilogo ma è pur sempre un segnale. Il tecnico dei padroni di casa passa al 4-2-3-1 mettendo Farano sulla trequarti e accentrando Terlizzi in mediana. La mossa non paga, anzi, Pastoressa sciupa il bis ciabattando un altro traversone di Ballini, poi ecco l'episodio. Anelli insiste su un pallone in profondità nel contrasto con Martinez, giudicato irregolare dal direttore di gara che decreta il penalty. Tampellini, però, vanifica tutto calciando largo a incrociare. L'orgoglio ferito del Cologno non intacca Caggiano, che tira via un'altra ragnatela sul colpo di testa velenoso di Guadagna. Tampellini è nel vivo delle ultime chance gialloverdi: prima non controlla la punizione di Gianstefani da due passi, poi è sfortunato nel rimpallo che facilita l'uscita di Mancini. La terza volta è quella buona e la capocciata in solitaria sul cross di Damato scrive il pareggio. Qualche demerito alla retroguardia ospite per alcune marcature "saltate" nella circostanza.

SPARTIACQUE

La ripresa riprende il copione dei primi quaranta minuti. Pastoressa vede crescere la torre dei rimpianti di altri due piani: il primo per aver stretto troppo un diagonale da posizione centrale, il secondo per il lob estremamente sufficiente che Caggiano blocca senza problemi. Rispetto alla prima frazione, adesso lo schema è univoco per entrambi gli schieramenti, pronti ad affidarsi ai lanci lunghi. Da un lato Anelli deve lottare come un leone, faticando nel controllo, dall'altro Pastoressa è micidiale quando deve attaccare lo spazio. La differenza la fanno le due coppie di difensori centrali, con il duo bressese Martinez-Luce che fa buona guardia. A oscurare la vallata contribuisce anche Mancini, puntale nelle uscite anche prendendosi qualche rischio. Ancora Tampinelli a sprecare da due passi su sviluppo di calcio d'angolo con schema battuto corto, poi la lunga girandola di cambi che però non sembra incidere. Protesta il Cologno per il gol annullato ad Anelli, un bel destro a giro da posizione defilata, ma scaturito da una posizione dello stesso calciatore quantomeno dubbia. Quando poi il subentrato Grande calcia debolmente in ripartenza tutto sembra apparecchiato per un pareggio. E invece no, perché prima Pari è freddissimo nell'angolare il destro verso il secondo palo (ottimo lancio di Balbi, anche qui dubbi sulla posizione di partenza), poi il direttore di gara prolunga la contesa di ulteriori tredici minuti dove succede di tutto: due espulsioni ingenue, molteplici infortuni e una confusione che rende il tutto surreale agli occhi degli spettatori.

Il Cologno di Senatore al completo

IL TABELLINO

Cologno-CG Bresso 1-2
RETI (0-1,1-1,1-2): 12' Pastoressa (CG), 40' Tampellini (Co), 38' st Pari (CG).
COLOGNO (4-3-3): Caggiano 8, Salemi 6, Damato 6.5 (17' st Guairacaja 6), Farano 6.5 (31' st Di Troia sv), Pietrapiana 6.5 (36' Molina Nunez), Gianstefani 5.5, Nigro 6 (40' st Capano sv), Terlizzi 6 (1' st Cantelli 6.5), Anelli 6.5, Tampellini 6.5, Facchini 6.5. A disp. Rizzi, Rigoldi. All. Senatore 6. Dir. Facchini.
CG BRESSO (4-3-3): Mancini 7.5, Spina 6.5 (26' st Di Pace sv), De Sanctis 6 (22' st Piscitelli sv), Martinez 6.5, Luce 7, Colombo 6.5, Ballini 6.5, Balbi 7, Pastoressa 6.5, Guadagna 6 (18' st Grande 6), Pari 7. A disp. Rudelli, Zuppelli. All. Balbi 7. Dir. Spina.
ARBITRO: Malavazos di Milano 6.
AMMONITI: Anelli (Co), Molina Nunez (Co), Capano (Co), Martinez (CG), Grande (CG).
ESPULSI: 38' st Gianstefani (Co), 45' st Ballini (CG).

Il CG Bresso di Balbi chiude con il sorriso

LE PAGELLE

COLOGNO

Caggiano 8 Eccellente prestazione del portiere che compie un paio di parate strepitose, su Pastoressa e Guadagna. Veloce anche nel far ripartire l'azione.
Salemi 6 Il capitano cerca di farsi vedere in appoggio durante la costruzione ma è spesso impreciso e con le idee poco chiare. In difesa concede campo facilmente.
Damato 6.5 Nei primi dieci minuti sembra ancora avvolto dalle coperte, indormento. Poi si sveglia a sforna un bell'assist pur continuando a soffrire Ballini.
17' st Guairacaja 6 Buttato nella mischia per dare maggiore pericolosità, fallisce la sua occasione.
Farano 6.5 Da esterno alto è praticamente impalpabile, meglio quando viene accentrato alle spalle di Anelli. Veloce di pensiero ma non con i piedi. (31' st Di Troia sv).
Pietrapiana 6.5 Nella mezz'ora in campo patisce meno la fisicità di Pastoressa e aiuta Damato.
36' Molina Nunez 5.5 Dal primo minuto all'ultimo ingaggia un duello nervoso con Pastoressa che per fortuna non degenera. Irruento e spesso cattivo.
Gianstefani 5.5 Va subito in grande difficoltà su Pastoressa, che lo sfila troppo facilmente. Poi qualche protesta di troppo gli costa il rosso nel finale.
Nigro 6 Agisce da mezz'ala ma, a conti fatti, non riesce a dare granché né in una fase né nell'altra. Certo, le palle lunghe lo tagliano fuori. (40' st Capano sv).
Terlizzi 6 Così come Nigro da interno di centrocampo garantisce un apporto minimo. Anche nel centrocampo a due, tuttavia, fornisce poco sprint.
1' st Cantelli 6.5 Molto meglio da terzino che da mezz'ala, spinge bene anche se è poco preciso.
Anelli 6.5 Giornata davvero dura per il bomber, appesantito dagli impegni ravvicinati. Si procura il rigore, ma in generale deve faticare tanto per concludere.
Tampellini 6.5 La cosa migliore è il modo in cui resetta dal rigore sbagliato, continuando a macinare gioco. Perfetti anche i tempi d'inserimento, come sul gol.
Facchini 6.5 Parte fortissimo sull'out mancino, poi viene troppo ignorato. Non manca comunque di creare movimento anche per la salita dei terzini.
All. Senatore 6 Non il miglior modo di chiudere la stagione, a prescindere dal risultato. Sul suo viso un po' di amaro in bocca per come è andata la stagione.

CG BRESSO

Mancini 7.5 In assoluto non deve compiere interventi prodigiosi come il collega, ma è sempre sul pezzo nelle uscite. Sui cross ampi viene poco protetto.
Spina 6.5 Parte con qualche ingenuità su Facchini e non gradisce i consigli dei compagni. Ingaggia una serie di duelli dove lotta con ardore. (26' st Di Pace sv).
De Sanctis 6 Ci sono diverse pecche, soprattutto sulle chiusure da traversone dove è troppo attaccato ai centrali. Mai impegnato sulla fascia. (22' st Piscitelli sv).
Martinez 6.5 Commette un fallo da rigore assolutamente onesto, in generale toglie sempre campo ad Anelli. Bene anche il calcio profondo verso Pastoressa.
Luce 7 Davvero buona la partita del centrale che concede pochissimo ad Anelli, lasciandogli le briciole. Da terzino ci prova con impegno ma sembra meno a suo agio.
Colombo 6.5 Ci mette tanta quantità ma è senza dubbio un mediano completo. Porta in dote fisicità, sempre utile, e sacrificio all'occorrenza. Generoso.
Ballini 6.5 Tira matto Damato a suon di dribbling e scatti, poi però i compagni non finalizzano. Assist da corner, ben battuto, poi un'espulsione totalmente regalata.
Balbi 7 Sorprende all'inizio quando vuole impostare palla bassa, senza lanciare sistematicamente. Poi un calo fisico fino al guizzo decisivo per Pari.
Pastoressa 6.5 Fa sempre tutto bene fino alla preparazione del tiro, letture tattiche pregevoli. Poi però sciupa tutto e a volte, come questa, può costare caro.
Guadagna 6 Rispetto al resto della mediana si vede meno, tanto lavoro sporco e invisibile. Getta la spugna nella ripresa dopo la comparsa dei crampi.
18' st Grande 6 Spreca una buonissima chance di vittoria, tanta corsa in un momento difficile.
Pari 7 Ottima gestione dell'ala che esegue benissimo la fase di non possesso, utile quando chiude da centrocampista. In avanti offende poco ma pur sempre pungendo.
All. Balbi 7 La stagione si chiude con una bella vittoria di squadra, cercata e ottenuta. Il quarto posto è un trampolino importante per l'annata ventura.

ARBITRO
Malavazos di Milano 6
Pur con tutta la buona volontà del mondo si fa scivolare la partita nei minuti finali, concedendo un recupero totalmente ingiustificato. Ok il rigore e le espulsioni.

L'INTERVISTA

Balbi, all. CG Bresso: «Con la partita di oggi il bilancio è ottimo e in crescendo. All'inizio, nel girone d'andata, abbiamo fatto fatica a livello di gioco e di risultati. Nel ritorno abbiamo ampiamente superato le nostre aspettative ottenendo un meritato quarto posto. Ciò che più mi porto dentro è la crescita dei ragazzi e la determinazione nel raggiungere gli obiettivi»

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400