Cerca

Lombardia Uno-Bresso under 16: padroni di casa indomabili, una prima frazione da urlo

Casiroli
Trenta minuti di grande calcio e 3 gol segnati al temine del primo tempo consento al Lombardia uno di archiviare con molto anticipo il match contro il Bresso, che dal canto suo ha fatto ciò che ha potuto, contro un avversario che oggi si è rivelato nettamente superiore. Una seconda frazione più equilibrata, con gli ospiti messi meglio in campo e coi padroni di casa in gestione della partita, ha visto il risultato consolidarsi sul 4-1. La squadra di Gagliardi ha messo in mostra grandi doti, giocando un calcio davvero spettacolare, anche considerando a giovane età dei suoi interpreti. Il Bresso ha subito troppo nei primi 20/25 minuti, ma l'impressione è che poco potesse fare contro la maggiore qualità degli avversari. Dopo un solo minuto dal fischio di inizio il Lombardia uno è già in vantaggio: punizione dalla trequarti che spiove in area, respinta incerta del portiere Bonasera, la palla giunge ad Aiverson che posizionato all'altezza del deschetto deposita comodamente nella porta sguarnita. Un minuto dopo gli ospiti avrebbero l'opportunità di siglare l'immediato pareggio, ma la palla calciata dagli avanti bressesi termina di poco a lato. Al nono minuto Tarantini serve bene Pozzati in area, ma la sua conclusione viene respinta in angolo dalla difesa ospite. Ancora Pozzati calcia da distanza ravvicinata un minuto dopo, ma il tiro termina a lato. Al tredicesimo il Lombardia Uno raddoppia: Aiverson serve sulla corsa Casiroli, che si inserisce alle spalle dei difensori e con una conclusione da vero attaccante, pur essendo un difensore, deposita in rete con un rasoterra nell'angolo opposto a quello di tiro. Al quindicesimo ancora padroni di casa vicini al gol: serie di passaggi rapidi e ravvicinati tra Pagni-Tinazzi-Aiverson, tiro di quest'ultimo parato da Bonasera. Al ventesimo si rivede il Bresso, che su azione d'angolo si rende pericoloso col generoso Mazzeo, il cui colpo di testa centrale finisce tra la braccia di Russetti. Alla mezz'ora terzo gol della squadra di Gagliardi: sugli sviluppi di una rimessa laterale, la palla arriva a Campana, che stoppa male in mezzo a un nugolo di avversari a centro area, riuscendo comunque a concludere con un tiro fulmineo che castiga nuovamente il portiere ospite. Null'altro succede fino al duplice fischio arbitrale che sancisce la fine del primo tempo. Nella ripresa il Bresso si ripresenta in campo rivoluzionato. Sono ben 4 infatti le sostituzioni operate da Manzo, evidentemente insoddisfatto dei suoi. Ed è proprio uno dei nuovi entrati, Korateng, a rendersi pericoloso al primo minuto con un tiro scoccato da destra che termina di poco sul fondo. Due minuti dopo identica azione dei bressesi, questa volta il tiro è scoccato da Mazzeo, che coglie la parte esterna del palo. Al nono conclusione da fuori area di Campana, bella la risposta del portiere. Al diciottesimo ancora Mazzeo porge a Servillo la palla del possibile 3-1, ma tu per tu col portiere calcia a lato. Al venticinquesimo Pagni, servito da Pozzati entra in area e si libera bene per il tiro, palla sul palo. Cinque minuti dopo un tiro di Ripamonti viene deviato da un difensore, la palla sembra destinata all'angolino basso alla destra di Russetti, che invece interviene con un colpo di reni strepitoso deviando in angolo. A 3 minuti dal termine arriva il gol della bandiera per gli ospiti: Pietraru viene servito in profondità, la palla sembra lunga, Russetti chiude lo specchio della porta in uscita, ma il rimpallo favorisce l'attaccante che realizza il 3-1. Al trentanovesimo Casiroli tenta nuovamente l'incursione solitaria in avanti, azione prepotente che gli consente l'ingresso in area da destra, tiro lento ma preciso in diagonale, col pallone che si insacca a fil di palo. La partita termina dopo quattro minuti di recupero.

Il TABELLINO

LOMBARDIA UNO-BRESSO 4-1                                                                                RETI: 1 Aiverson, 13' e 39' st Casiroli, 30' Campana(L), 33' st Pietraru (B) Lombardia Uno (3-1-3-3) Russetti, Casiroli, Torres, Gallo, Chitoni (29' st Griu), Pagni Tarantino (11' st Chiarini), Campana (24' st Calanda), Pozzati (20' st Bonato), Aiverson (dal 49 Robustelli), Tinazzi, Pagni (1' st Volonte) A disp. Pastore, Facchinetti  All Gagliardi 8. Bresso (4-2-3-1) Bonasera, Lozza, Meroni, De Marco, Origlio (1'st Vigliante), Ripamonti, Fiore, Moroni (1' st Sevillo), Pocino (1'st Pietraru), Ieni (1'st Korateng), Mazzeo a disp. Daja, Bizzarri, Ardenghi, Locatelli All Manzo 6.                                            Arbitro Arena Davide sezione di Milano 6.5 partita corretta che non richiede particolare severità, arbitra senza alcuna sbavatura.  

LE PAGELLE

LOMBARDIA UNO                                                                                                    Russetti 8 Sarebbe una domenica di ordinaria amministrazione, ma il colpo di reni con cui nel finale sventa il gol ospite su tiro deviato da un compagno è da applausi. Casiroli 8,5 Nel primo tempo le sue incursioni fanno a fette la difesa avversaria, nel secondo tiene più la posizione. Con due gol segnati si merita la palma di migliore in campo. Pozzati 6,5 partita ordinata, il gioco passa più per il lato opposto Chitoni 6,5 Baluardo davanti alla difesa, non occorrono gli straordinari oggi. Torres 6,5 Giornata tranquilla, pochi sussulti per lui. Gallo 6,5 Come per il compagno di reparto non deve faticare troppo Iverson 7,5 inizia alla grande, segna il gol che sblocca la partita, cala un pochino alla distanza (dal 49 Robustelli 6) Campana 8 Lavora una infinità di palloni, è il cuore del gioco, si inserisce spesso in area e in una di queste sortite trova il gol Tinazzi 6,5 Si vede poco al tiro, ma apre molti spazi per i compagni Pagni 7 Non lo becchi mai, gioca tra le linee, smista, si inserisce e tira. Solo il palo gli nega il gol (dal 51 Volonte 6) Tarantino 6,5 lavoro oscuro, esce all’intervallo (dal 41 Chiarini 6) All Gagliardi 8 la sua squadra gioca un primo tempo spettacolare, nella seconda frazione gestisce il risultato   BRESSO                                                                                                                  Bonasera 6 Il primo gol nasce da un suo errore, nella ripresa si riscatta con un bell’intervento Lozza 6 Quando la sua squadra passa alla difesa a 3 riesce a disimpegnarsi con maggiore sicurezza                                                                                                       Origlio 5,5 Dalla sua parte c’è Aiverson che nel primo tempo è incontenibile. Esce all’intervallo (dal 41 Vigliante 6) Ripamonti 6 A centrocampo è una lotta impari, combatte ma in quella in zona gli avversari dominano l’incontro. Meroni 5,5 A inizio partita naufraga insieme ai suoi compagni, poi inizia a marcare a uomo e riesce a contenere meglio le avanzate avversarie. De Marco 6 Arrivano avversari da tutte le parti all’inizio e non sa che parte voltarsi. Col passare del tempo prende meglio le misure Moroni 6 Si vede poco, esce alla fine del primo tempo (dal 41 Servillo 6) Fiore 6 Come Ripamonti, fa quello che può Mazzeo 6,5 Generosissimo, lotta per tutta la partita, anche se non trova quasi mai spiragli per tirare Porcino 6 viene poco rifornito, non riesce a servire la punta né a inserirsi (dal 41 Pietraru 6,5) Ieni 6 Fatica, esce dopo la prima frazione (dal 41 Korateng 6,5) All Manzo 6 Riesce ad aggiustare la squadra nel secondo tempo, ma la partita ormai è decisa

INTEVISTE

Al termine dell'incontro la soddisfazione di Gagliardi del Lombardia Uno, è evidente «I ragazzi hanno fatto tutto quello che avevo chiesto loro, sono entrati in campo con determinazione, aggressività e messo in mostra grande qualità. Questo ci ha permesso di chiudere la partita nel primo tempo e di gestire il risultato nella seconda parte. Non era facile dopo 8 mesi di lockdown ritrovare questa intensità». Amareggiato, direi quasi arrabbiamo invece Manzo, tecnico del Bresso «Siamo partiti male, abbiamo preso un gol assurdo, non si può omaggiare un avversario già forte con questi regali. Nel primo tempo non abbiamo fatto nulla di quello che dovevamo fare, alcuni dei miei ragazzi dovrebbero parlare meno e correre di più. Le gerarchie potrebbero cambiare in futuro. Comunque nel secondo tempo, dopo aver operato alcuni cambi, ho avuto una risposta migliore dalla mia squadra, siamo riusciti a creare alcuni occasioni e a contrastare meglio gli attacchi del Lombardia Uno».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400