Cerca

Under 16

Top e Flop, il meglio e il peggio dell'11ª giornata: vola la Folgore Caratese, frena l'Accademia Inter, prima vittoria del Cimiano

Caronnese e Villa Valle sempre in forma, bene anche il Breno, deludono Schuster e Real Calepina

Folgore Caratese

La formazione della Folgore Caratese di Galimberti in campo per la sfida contro l'Accademia Inter

Top e Flop, scelgo te. Ecco la quarta puntata della primissima rubrica dedicata all'Under 16! Come raccontato a questo link, da quest'anno vi basterà scannerizzare un qualsiasi qr-code del giornale per diventare utenti premium della nostra applicazione (Android e Ios), con la possibilità di leggere - sempre sulla nostra app - articoli come questo, tutte le rubriche per l'Élite, le prossime novità sull'Under 16 e addirittura le partite a pagamento seguite il weekend successivo.In poche parole, bentornato Promossi e Bocciati! In attesa di tutte le altre rubriche che potete conoscere a questo link.

TOP

  • CARONNESE

La Rhodense non ha avuto occasione di giocare, rinviato il match degli arancioneri per impraticabilità del campo, ma i rossoblù erano comunque chiamati a vincere per continuare ad inseguire la Solbiatese e proiettarsi già in un futuro con i diretti concorrenti vincenti nel turno di recupero. Non deludono le aspettative Brugnone e i suoi ragazzi che portano a casa tre punti importantissimi in una trasferta non semplice a Lainate contro Trombetta. La partita si era anche messa in salita con i padroni di casa che erano in vantaggio per 2-1 alla fine del primo tempo. Nella ripresa gli ospiti la rimettono in piedi e grazie al solito Gaetano Montagno segnano il gol vittoria del 2-3, che porta altri tre punti in saccoccia. Seconda vittoria consecutiva per i rossoblù.

  • FOLGORE CARATESE

Due partite importanti di fila, due scontri diretti contro contendenti al titolo o comunque alle primissime posizioni del calibro di Brianza Olginatese e Accademia Inter; due partite da dentro o fuori che avrebbero deciso il futuro di questa squadra. Il risultato è stato sorprendente. Due chance, sei punti. In entrambi i casi la formazione di Galimberti ha dimostrato di essere in grado di giocare un grande calcio e anche di saper preparare le partite tatticamente. Contro l'Accademia Inter, squadra molto fisica, era dura a centrocampo con gli interpreti brianzoli che peccano un po' in termini di centimetri; così la soluzione: out Mariconti (entrato comunque nel secondo tempo) e spazio per Carbone, più alto e forte fisicamente. La vittoria arriva grazie alla rete di Modica nel primo tempo, ma nella ripresa i ragazzi di Galimberti sanno soffrire e si intascano il secondo posto in classifica.

  • VILLA VALLE

Se settimana scorsa abbiamo “bacchettato” i giallorossi per la prova sottotono contro la Casati Arcore, ora è la volta di premiare senza indugi quanto mostrato al cospetto della Virtus Ciserano Bergamo. Il pareggio 0-0, per quanto visto, sta stretto agli ospiti, scesi in campo grintosi e determinati a fare il colpaccio e rimettere in discussione il primato nel girone. I tre punti alla fine non sono arrivati, dunque la Virtus è campione d’inverno, ma la prestazione dei ragazzi guidati da Gatti ha fatto tabula rasa dei dubbi emersi dopo l’ultimo impegno. I giocatori migliori della rosa giallorossa non hanno mancano l’appuntamento con la partita, senza dubbio, più complicata e importante. Turani, Mocchi, Carrara e Vanoncini ci hanno messo l’anima e hanno costruito le migliori occasioni da gol per gli ospiti. Una partita che, per alcuni tratti, il Villa Valle controlla alla grande e gestisce da squadra di alto livello. Per quanto, infatti, i rossoblù di Busi potessero non essere brillanti come sempre, la caratura dell’avversario comportava dei seri rischi di perdere la gara alla minima distrazione. Contro l’Academy Brianza Olginatese, altro scontro in alta quota, di fronte a una squadra tutt’altro che facile da affrontare.

  • BRENO

Dopo l’inatteso stop nel turno infrasettimanale sul campo della Real Calepina, la formazione granata riparte alla grande e piazza un successo di larga misura. La nuova trasferta questa volta sorride e di molto ai ragazzi allenati da Bruno Stefani, con il 2-5 sulla Mario Rigamonti. Tre punti di grande importanza, che permettono al Breno di superare al terzo posto in classifica lo Scanzorosciate (ko contro il Brusaporto) e di mantenersi in scia con le migliori del girone (Uesse e, appunto, i gialloblù di Radici). Bella prestazione, quella di domenica, in cui Cattaneo fa la voce grossa in mezzo al campo e si rivela il migliore del giorno tra i suoi (oltre ad andare pure in rete). Il solito Tignonsini mette il sigillo (il quarto personale) in una partita che Battaglia (doppietta e prime marcature stagionali) incanala definitivamente verso gli ospiti. Quarta vittoria fuori casa su sette partite (con, all’esordio, il 3-3 pirotecnico contro il Brusaporto), decisamente un ruolino di marcia da grande squadra. Nel prossimo turno, in casa contro un Cellatica in ripresa, l’opportunità di blindare la terza posizione prima della sosta invernale.

  • CIMIANO

Dopo dieci partite e due mesi di attesa, torna la vittoria in casa Cimiano, che vince di misura per 1-0 contro il Club Milanese. La rete della vittoria la segna Noah Camisasca al 7' su un calcio di punizione dal limite dell'area. I rossoneri sono in netta crescita e stanno raccogliendo i frutti della gestione Finocchiaro, giocando in maniera gagliarda e vendendo cara la pelle fino all'ultimo minuto. La prossima partita in casa contro il Villa secondo in classifica sarebbe significata una sconfitta quasi certa se ne avessimo parlato solo tre settimane fa, mentre adesso può rappresentare un trampolino di lancio per uscire definitivamente dalle zone basse della classifica.

  • SEDRIANO

Dopo due sconfitte contro due corazzate del calibro di Seguro e Alcione, tornano i tre punti in casa Sedriano. I ragazzi di Randisi travolgono per 1-5 il Sempione di Siliberti, soprattutto grazie alle due straordinarie doppiette di Gabriele Moda e di Giorgio Parrella. I gialloblù stanno offrendo un gioco offensivo molto convincente e si sta finalmente vedendo la mano esperta dell'allenatore che permette a tutti i reparti di esprimersi al massimo delle proprie possibilità. La Triestina sarà la prova di maturità per capire gli orizzonti di questa squadra.

FLOP

  • ACCADEMIA INTER

Dopo il turno di riposo e la partita rinviata contro il Lombardia Uno di Innamorato era importante dare continuità alla bella e rotonda vittoria di Arcellasco. La Folgore Caratese, però, ha dimostrato di essere una vera macchina da guerra quando gioca in casa e i nerazzurri di Stillitano finiscono sulla lista delle vittime di Galimberti e i suoi. La partita dell'Accademia non è insufficiente, infatti dopo un primo tempo un po' sottotono riescono ad entrare in campo nella ripresa con una mentalità diversa, più aggressivi e sicuramente più concentrati. Tanti gli errori sotto porta (anche merito del portiere della Folgore), ma tante anche le scelte sbagliate quando si entra negli ultimi metri; segnali di una squadra che deve lavorare ancora tanto per raggiungere uno stato di maturità adeguato.

  • ISPRA

Prosegue la piccola striscia negativa dell'Ispra di Perna che dopo la bella vittoria in casa contro la Sestese non ha più collezionato neanche un punto. La Rhodense è davvero una corazzata, ma Universal e Morazzone erano avversarie abbordabili, certamente alla pari della formazione biancorossa, che è uscita da questi due scontri diretti con due sconfitte che potrebbero risultare pesanti. Non bastano i gol di Pettenuzzo e Lovison; il risultato è lo stesso: 1-2 con l'Universal e 1-2 con il Morazzone. Ora i giallorossi di Solaro scappano e il dodicesimo posto si allontana; importante sarà tenersi alle spalle il Villa Cassano per poter raggiungere la salvezza.

  • CONCOREZZESE

La sconfitta interna contro la Speranza Agrate fa storcere il naso. Più che altro perché, non nascondiamoci dietro un dito, l’avversario di turno era reduce da una lunghissima serie di ko. Poi, certo, il secco 0-2 finale risulta un po’ bugiardo per quanto visto in campo. La squadra guidata da Yuri Monzani gioca la propria partita a viso aperto (con un buon Carotta in evidenza, certamente il migliore in campo per i suoi), ma deve arrendersi ai gol di Avenoso e Amorosino. Insomma, rimane il rammarico di un’occasione non sfruttata, soprattutto per provare a staccarsi ulteriormente dalla zona calda della classifica. Graduatoria che, prima dell’ultima giornata di andata, vede i biancorossi al decimo posto, a +3 proprio sulla Speranza Agrate. Domenica prossima, sempre in quel di Concorezzo, vietato sbagliare al cospetto della Ghisalbese.

  • REAL CALEPINA

Quella contro il Cellatica era una partita importante, sia per la classifica che per il morale. Il successo di mercoledì 8 dicembre contro il Breno, dunque, non ha avuto continuità. La prova dei ragazzi di Bolzagni, comunque, non è da buttare via. Il vantaggio firmato da Benaia, però, è risultato effimero, venendo ribaltato con tre segnature dei gialloblù. La superiorità fisica messa in campo non ha, perciò, impedito la vittoria alla squadra di Gaffurini. Uno stop che non deve far preoccupare più di tanto – al momento - riguardo la classifica, ma che certamente necessiterà di una pronta reazione in un altro scontro diretto. Sul campo del Lumezzane, infatti, nell’ultima giornata del girone d’andata saranno in palio altri tre punti fondamentali per risalire la china. I 14 punti fin qui raccolti, al netto di molte buone prestazioni fornite, appaiono un po’ pochi per rendere soddisfatto tutto l’ambiente.

  • SCHUSTER

Vincenti non è per nulla contento delle ultime prestazioni dei suoi. L'ultima partita contro la Franco Scarioni recita 5-1 in favore degli arancioneri. La squadra non riesce a giocare al massimo delle potenzialità per tutti gli ottanta minuti, facendo vedere cali di tensioni preoccupanti. Viste alcune prestazioni importanti, su tutte la rimonta da 0-2 a 2-2 contro l'Enotria, i neroverdi hanno le carte in regola per rientrare in carreggiata e tornare a muovere la classifica già dalla prossima partita nonostante il match molto complicato contro il Caravaggio.

  • SEMPIONE

Se nei top abbiamo inserito il Sedriano, qui bisogna inserire gli avversari dei gialloblù nell'ultima partita di campionato, ovvero il Sempione. Dopo la vittoria di larga misura contro la Triestina sono arrivate inaspettatamente tre sconfitte consecutive che hanno fatto scivolare la formazione di Siliberti al terzultimo posto a quota sei punti, sopra solo a Magenta e Folgore Pavia. La prossima sfida è lo scontro diretto contro il Casteggio di Marioncini, squadra che ha bisogno di dare una scossa alla classifica. La sfida tra le due compagini si preannuncia piena di spettacolo e di potenziali colpi di scena.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400