Cerca

Pagelloni Under 16

Girone C: l'Alpignano conquista la vetta senza conoscere sconfitta, di seguito Chisola e Lucento pronte a dar battaglia

Un girone di qualità dove la Cbs deve accontentarsi, per il momento, del quarto posto; ma nulla è ancora deciso.

Pagelloni Under 16. Girone C: L'Alpignano conquista la vetta senza conoscere sconfitta, di seguito Chisola e Lucento pronte a dar battaglia.

Pagelloni Under 16. Girone C

Un girone di andata ricco di un bel gioco portato in campo da rose con ottime qualità tecniche, ma meno pieno di colpi di scena, dove le squadre che sulla carta erano le favorite hanno effettivamente primeggiato sulle altre. Mozzafiato però la rincorsa al podio tra le 4 big Alpignano, Lucento, Chisola e Cbs vinta per il momento dai ragazzi di Campasso. Non resta che attendere il ritorno per vedere se la regina d’Inverno si vedrà costretta a cedere la corona o se invece si confermerà prima nel girone. 

ALPIGNANO 10 
Il bilancio del turno di andata è semplice quanto strabiliante, una serie di numeri primi, proprio come il posto in classifica conquistato dai ragazzi di Campasso: 13 i turni di campionato, 11 le incredibili vittorie tra le quali quelle dei match a scontro diretto contro le concorrenti Chisola e Lucento e solo 2 sfortunati pareggi. Nel primo c’è lo zampino del Paradiso (e non solo in senso lato) mentre nell’altro un rigore concesso al 40’ a favore della Sanmartinese; per il resto l’Alpignano non sa cosa vuol dire sconfitta e resta imbattuto per tutto il turno di andata. Una serie di numeri che descrive un campionato perfetto e il grande lavoro di gruppo fatto dai biancoazzurri. Vederli scendere sul terreno di gioco è un piacere, trainati dal talentuoso Capitan Guzman che dal centrocampo dirige i giochi e incita i suoi a mantenere sempre alto il livello della prestazione. Con 7 gol all’attivo, uno dei quali ha deciso lo scontro diretto contro il Chisola, apre la strada al suo attaccante Alessandro Rotolo che ha invece siglato ben 8 reti. La loro è anche la miglior difesa del girone con sole 8 palle subite grazie agli impenetrabili Gianluca Centinaro e i Matteo Gioannini e Baschirotto a difendere il campo da qualsiasi incursione e ad alleggerire il lavoro del talentuoso portiere Gabriele Colucci. L’esito di questa prima parte di campionato premia quindi una squadra di innegabile talento che scende in campo compatta e dove ogni tassello si incastra perfettamente con l’altro per andare a ricreare un bellissimo puzzle dai colori abbaglianti della Vittoria. 

CHISOLA 9.5
Chissà se al termine del primo turno di campionato, i biancoblù avrebbero immaginato che sarebbero stati quei 3 punti a fare la differenza. Se infatti avessero vinto loro il prematuro scontro diretto contro l’Alpignano capolista, si sarebbero aggiudicati il titolo di campioni d’Inverno al posto dei biancoazzurri. Ma non basta certo questo a togliere valore al grande campionato giocato dai ragazzi di Alessi, che oltre a quella prima sconfitta, sono stati vittima di altri due soli momenti di incertezza con i pareggi contro Lucento e Vanchiglia per poi collezionare splendenti vittorie che gli permettono di posizionarsi al secondo posto in classifica. Una squadra a cui non si può recriminare niente con il miglior comparto di attacco del girone tra i cui componenti spicca il capocannoniere indiscusso Mattia Leo che ha portato a casa 15 reti (in media una ogni 52 minuti trascorsi in campo). Una rosa di elevata qualità, che possiede risorse valide anche negli elementi che subentrano dalla panchina, come il centrocampista Andrea Achino che pur non partendo spesso titolare, nei suoi 391 minuti di gioco ha collezionato 9 gol. Stesso numero di reti segnate dal compagno di reparto Alessio Racca. Con una squadra con queste potenzialità, che sa scendere in campo e far girare palla con un fraseggio perfetto e sa trovare la porta con estrema facilità, non ci si poteva che aspettare un esito positivo di questa prima parte di campionato, soprattutto se nella retroguardia troviamo a proteggere il risultato difensori di spessore come Andrea Gironda e Federico Cavallero. Non vediamo l’ora di rivederli all’opera dopo le festività natalizie, nella lotta per il primo posto contro Lucento e Alpignano.

LUCENTO 9.5
Altro fiore all’occhiello del girone, l’unico neo per il Lucento di Piazza resta la sconfitta contro l’Alpignano. Oltre al pareggio con il Chisola (con la quale condivide a pari merito il secondo posto) e quello inaspettato con il Garino, anche per i rossoblù il campionato si può riassumere in un tripudio di vittorie. 48 le reti totali segnate e soli 15 gol subiti danno l’idea di un’altra squadra di grande valore e di una rosa completa con ottimi elementi sia nel comparto di attacco che in quello difensivo. Con la scelta frequente di utilizzare la difesa a 3 i rossoblù sono in grado di frenare la maggior parte delle azioni offensive avversarie guidati da Alexandro Buda (che ha collezionato anche 2 gol e diversi assist) accompagnato da Andrea Mannarino con 804 minuti trascorsi sul terreno di gioco. Altro valore aggiunto è sicuramente il giocatore Aleks Qanaj che ha dato il meglio di se con 4 reti che portano il suo nome, affiancato dal poliedrico Mario Brun che presta il suo contributo alla squadra qualsiasi sia il ruolo che Piazza sceglie per lui. Nel comparto offensivo spiccano invece le 12 reti siglate dal bomber di casa Andrea Trombini seguito a ruota dal compagno di reparto Giuseppe Veglia con 9 gol segnati. Un campionato che si prospetta ancora lungo e ricco di spettacolo, dove sicuramente i rossoblù metteranno cuore e gambe per raggiungere l'agognata vetta.

 

CBS 8
Il fatto che i rossoneri debbano accontentarsi del quarto posto riflette l’elevata qualità di questo girone, infatti i ragazzi di Negro sono scesi in campo con grande valore e piglio da squadra di punta mancando solo gli appuntamenti più importanti contro le prime in classifica. Ma 9 vittorie e un pareggio a reti pulite contro il Bsr Grugliasco sono il riassunto avvincente di una squadra tenace e propositiva, capace di dominare il campo e difendere il risultato lasciando agli avversari davvero poche opportunità di spuntarla. Con solo 11 palle incassate è una delle migliori difese del campionato con Andrea Caprara che oltre ad arginare gli avversari risulta incisivo anche sottoporta andando a segno ben 5 volte. A confermare le prestazioni da squadra di livello le 12 reti siglate dall’attaccante Alessio Argento, uno dei giocatori più prolifici del campionato accompagnato da Simone De Luca con 6 gol. Chissà se smussando ancora un po' le piccole mancanze dei suoi, Negro non riesca a ottimizzare ulteriormente il rendimento della squadra per andare a disturbare le tre caravelle in cima alla classifica, ritagliando per se un posto sul podio: di sicuro le qualità della rosa fanno ben sperare.   

VANCHIGLIA 7.5 
Quinto posto di diritto per il Vanchiglia di Cuccarese che ha vinto tutti i match contro le squadre che ha superato in classifica, pareggiando in 2 clean sheet con Paradiso e Bruinese. Peccato non sia riuscita ad avere la meglio negli incontri ostici con le prime del girone, anche se contro il Chisola ha combattuto con gambe e fiato per strappare il pareggio sul 3-3. Una squadra dalle buone potenzialità, che probabilmente, acquisendo maggiore consapevolezza, potrebbe risultare ancora più incisiva e capitalizzare di più. I meriti maggiori vanno ai due giocatori posti agli estremi opposti nella terreno di gioco, il portiere Emanuele De Chirico che ha lasciato la sua porta inviolata in ben 7 partite e la punta Alessio Vitale che ha all’attivo 14 reti (solo una in meno rispetto al capocannoniere di casa Chisola). A separarli un centrocampo a tre con Marco Schiavuzzi e Alessandro Marasco tra i giocatori più presenti sul rettangolo di gioco; e la difesa affidata alle sapienti mani di Stefano Pomella che nei i suoi 909 minuti giocati ha cercato di ostacolare quanti più avversari possibile. Andare a scomodare il podio sembra un’impresa quantomeno ardua, ma i granata stanno lì a combattere per salvare la categoria e in questo non hanno di certo deluso le aspettative.

N. HESPERIA 7.5
Quinta a pari merito con il Vanchiglia, le due squadre hanno alle spalle un percorso assai peculiare. Dominando nei match più abbordabili, anche i biancorossi non sono riusciti a fare il colpaccio contro le squadre più impegnative, aggiungendo però al taccuino delle sconfitte anche quella subita dai granata, che non gli ha permesso quindi di scavalcarli in classifica. Una squadra che solitamente subisce davvero poco, (solo 16 i gol incassati in questa prima parte di campionato) grazie alla solidità della difesa garantita da Luca Marrese, che oltre alle buone doti difensive, si è distinto in campo con 3 gol a suo nome; due dei quali hanno deciso la combattutissima partita contro la Sanmartinese. La maggior parte delle reti segnate se le dividono i due attaccanti Federico Linciano ( 6 gol) e Etinoshappines Ukponmwan che ha trovato la porta 5 volte. Una squadra che può mirare tranquillamente alla salvezza e che magari durante le festività natalizie può ricevere in dono qualche elemento utile alla squadra per scavalcare ulteriori posizioni in classifica. 

BRUINESE 7 
Una squadra ostica, che quando scende in campo lo fa per creare un buon gioco, non importa quale sia l’avversario da battere. Ha frenato il Vanchiglia in un pareggio senza gol e ha comunque dato del filo da torcere al Chisola che, abituato a dominare il campo, contro i biancoblù è riuscita a vincere con un solo gol di vantaggio. Anche contro il Lucento hanno portato in campo tutta la loro grinta e anche se il risultato finale è una dura tegola, in realtà i biancoblù non hanno mai mollato, e dopo il vantaggio ottenuto da Filippo Tizzani, hanno risposto alla goleada del Lucento con una doppietta di Andrea Simonerelli (5 reti in campionato). Nota di merito anche all’estremo difensore Matteo Pomatto che ha giocato minuto per minuto tutti i 13 turni di andata, lasciando la sua porta inviolata in 3 incontri e dimostrando di essere sempre pronto a sostenere i suoi dal fondo del campo. Anche Andrej Murariu ha dato un forte contributo ai suoi con 1020 minuti trascorsi a difendere la propria parte del terreno di gioco. Con una rosa così tenace, la Bruinese è la mina vagante del campionato, e anche le prime in classifica devono stare attente perché con i biancoblù l’esito delle partite non è mai scontato.  

SANMARTINESE 6.5
La vera impresa in questo turno di andata è stato il pareggio contro l’Alpignano capolista. Una partita dove i ragazzi di Lizza hanno giocato con grinta e determinazione scavalcando il gap qualitativo della rosa biancoazzurra. Per tutto il primo tempo hanno lottato per non concedere all’avversario nemmeno un’occasione e al 35’ sono riusciti a trovare il vantaggio con Alessandro Randazzo (3 reti segnate nel campionato). Un secondo tempo più difficile dove gli ospiti avevano recuperato la partita conducendola sull’1-2 finché non è rigore per i biancoviola e Matteo Lenzi non delude dal dischetto conquistando un punto che ha un sapore più dolce della vittoria. Se la Sanmartinese avesse giocato tutti gli altri match con la stessa forza di volontà avrebbe probabilmente intascato più punti e una più elevata posizione in classifica. Comunque lodevole il lavoro svolto dai ragazzi, soprattutto da Nicola Pappalettera che, come Lenzi, ha siglato 7 gol in questo turno di andata. La soluzione per Lizza è quindi quella di infondere nei suoi la consapevolezza che con concentrazione e determinazione hanno tutte le carte in regola per ottenere risultati soddisfacenti. 


PARADISO 6
Il calendario non è certo stato clemente con i nerazzurri di De Filippo che si sono ritrovati a dover affrontare nei primi turni di campionato, tutti i match dagli avversari più arcigni, ritrovandosi alla quarta giornata con un solo punto conquistato. Inclemenza accentuata dal fatto che i leoni fossero una squadra in costruzione e solo lasciandogli un po’ di tempo per adattarsi sono riusciti a trovare la giusta sicurezza per disputare partite di qualità. Tra queste, il pareggio contro l’Alpignano, partita che avrebbero anche potuto vincere se non avessero mancato di segnare il rigore conquistato a favore; e la combattuta vittoria contro la Sanmartinese,che arrivava da un momento d’oro. Proprio in quella partita si è distinto Alessio Ferrero, con una magica doppietta; e dal dischetto, il talentuoso centrocampista Samuele Braconcini, che molto spesso è il fulcro del gioco per i leoni di via Galvani con all’attivo 3 gol. Ma il segreto del successo nerazzurro è Pedro di Santo un giocatore dalle evidenti capacità offensive che però viene sfruttato da De Filippo come terzino per portare velocità sulla fascia e trovare profondità ma anche per garantirsi la copertura necessaria a non incassare gol dagli avversari. Presenza costante in campo è invece Tommaso Scrigna con più di 1000 minuti di gioco trascorsi tra le linee difensive.


ROSTA 5.5
Una prima parte di campionato dove è mancata un po’ di grinta per i biancorossi, che hanno lasciato indietro punti importanti pareggiando contro Sca Asti e Giaveno. Nella rosa si distingue comunque l’ottimo attaccante Gabriele Trogu che nonostante le difficoltà della squadra è riuscito a siglare ben 8 reti, mentre Paolo Davi, suo compagno di reparto, ne ha segnate 4. Tra i giocatori che più hanno combattuto in campo troviamo i difensori Davide Usai e la roccia Lorenzo Carretta con una media di 900 minuti di gioco per ciascuno. Si sono distinti inoltre i centrocampisti Diego Fazzari e Umberto Jannon che in mezzo al terreno di gioco cercano di smistare palloni e creare prolifiche azioni offensive. Una squadra che comunque deve lavorare sulle proprie qualità e provare a fare meglio soprattutto negli incontri che risultano a loro favore, in modo da portare a casa più punti possibili e, perché no, affrancarsi nella zona salvezza della classifica.


BSR GRUGLIASCO 5.5 
Con una partita in meno a completare il turno di andata i biancorossi devono accontentarsi dell’undicesimo posto con soli 9 punti conquistati. Un vero peccato perché in qualche occasione sono riusciti ad infastidire squadre di alta caratura come il clean sheet contro il Cbs e il pareggio contro il Vanchiglia, in un match che avrebbero anche potuto vincere e nel quale hanno segnato Alessio Cencig (miglior marcatore della squadra con 7 reti totali), Mattia Catoggio e Alessandro Polizzi (entrambi con 2 gol all’attivo). La miglior partita disputata resta comunque quella contro il Giaveno Coazze dove i biancorossi hanno dominato interamente il campo e conquistato la vittoria con 3 gol di vantaggio. Durante quel match hanno trovato la rete anche il centrocampista Omar Malih e Domenico Tripodi, oltre che il solito Cencig. Non resta che sperare che questa pausa natalizia porti nuova linfa nella squadra di Nudo e che riesca a trovare ciò che gli manca per poter essere più competitivo.


GARINO 5 
Non tanti i punti conquistati dai rossoblù, ma ce n’è uno che ha il sapore di gesta eroiche ed è quello ottenuto da un incredibile pareggio contro il Lucento. In un primo tempo taciturno, i ragazzi di Percassi si sono portati in vantaggio alla ripresa con un primo gol di Luca Martelli per poi confermare con quello di Jacopo Pregnolato (miglior marcatore della squadra con 6 reti concretizzate); match che sarebbe finito così se non fosse stato per i due rigori conquistati dal Lucento. Un’impresa rimasta nell’immaginario di tutti e che mette in chiaro che la rosa del Garino, mettendoci impegno, può raggiungere buoni risultati. Altro incontro nel quale si sono distinti è sicuramente quello contro il Paradiso dove hanno vinto per 3-1 grazie alla tripletta di Pregnolato. Insostituibile anche la presenza di Thomas Dell'Aquila fulcro del gioco in mezzo al campo con all’attivo 921 minuti trascorsi nel rettangolo di gioco. Un campionato che si è rivelato comunque difficile per la rosa di Percassi, che dovrà trovare un modo per resistere e portare i suoi a fare quel gradino in più per riuscire a gestire meglio gli 80 minuti della partita. 

GIAVENO COAZZE 5
Gabriele Pinto, Dell’uomo Francesco e Lorenzo Ienco sono i tre moschettieri che hanno siglato i gol della dodicesima giornata, nel match contro l’Asti, l’unica dalla quale i ragazzi di Cogno sono usciti con il sorriso della vittoria. Grande prestazione anche per Alessandro Baldo che si è distinto in una partita in cui hanno saputo mantenere un ottimo controllo del campo e degli spazi. Tra i migliori marcatori del Giaveno troviamo inoltre Christian Barone con tre gol all’attivo e che è riuscito a segnare anche contro un ostico avversario come il N. Hesperia; seguito dal difensore Davide Croin che dà il meglio di sé contro le big siglando un gol contro il Lucento e uno alla Sanmartinese. Ovviamente questo turno di andata è un boccone amaro da mandar giù, ma l’importante è avere la forza e la determinazione di rialzarsi per provare a fare meglio.

SCA ASTI 5
Un solo punto ottenuto nel pareggio con il Rosta non può certo aiutare il bilancio di un'andata di campionato che risulta troppo difficile per la rosa di Assandri. E’ evidente la fatica con la quale i ragazzi affrontano il campo, ma allo stesso tempo apprezzabile l’impegno e la tenacia che ci mettono nel non arrendersi e nel cercare di migliorarsi partita dopo partita. Due gol a testa per Simone Panetta, Mattia Picco e Ponte Mauro ai quali si sommano la rete di Mattia Magari e quella di Andrea Mustacciu per un totale di 8 gol in tutto il campionato. Di certo non molte, ma bastano per rendere il senso dell’impegno che questi ragazzi ci mettono nell’affrontare rose molto più competitive della loro. Che questo anno nei campionati regionali possa essere terreno di prova e sperimentazione per poter fare sempre meglio negli anni a venire. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400