Cerca

Under 16

Il diamante classe 2006 tra dribbling e fame di vittorie

Per il talento di via Olimpia un cammino esaltante costellato di gol

Stefano Superti

Stefano Superti, attaccante del Ghedi

È il punto di riferimento imprescindibile per l'attacco. È colui che con il gol ha un feeling particolare. È Stefano Superti. Con i suoi gol sta illuminando il cammino del Ghedi, portandolo nelle zone alte di classifica, a ridosso delle migliori squadre del girone D. Un ruolino di marcia, quello del numero 9, che parla da solo: 19 gol siglati fin qui e un finale di stagione tutto da vivere che si preannuncia colmo di nuove emozioni. 

LA SCHEDA DI STEFANO SUPERTI

  • NOME: Stefano
  • COGNOME: Superti
  • ANNO: 2006
  • RUOLO: Attaccante
  • PRESENZE: 17
  • RETI: 19
  • MINUTI IN CAMPO: 1187
  • MEDIA VOTO: 7.35
  • SKILLS: Forza fisica, dribbling, tecnica, velocità

I NUMERI DI UN PREDESTINATO

Il destino dei giocatori chiave, quelli da cui dipende in larga parte la tenuta di una squadra, è quello di non potersi cullare sulle buone prestazioni sfornate in un dato periodo della stagione. Bisogna insistere, continuare sulla strada tracciata - possibilmente a suon di gol, in questo caso - e puntare a traguardi sempre più alti. E il centravanti classe 2006 sembra proprio intenzionato a diventare uno dei predestinati, caricandosi sulle spalle le sorti del Ghedi allenato da Parola. 

Ribadiamo il dato: 19 gol in 17 partite. La matematica non è un'opinione, lo sappiamo, per cui l'oltre 1 gol di media a partita ci restituisce perfettamente il calibro del talentino di Via Olimpia. E se questo non bastasse, l'enorme apporto fornito dal numero 9 lo percepiamo chiaramente dal numero di gare in cui ha impresso il suo nome sul taccuino dei marcatori: 13. Ben 6, inoltre, le doppiette messe a referto (tra cui spiccano quelle "doppie", cioè sia all'andata che al ritorno, contro Cellatica e Breno). La classifica marcatori è eloquente: se il bomber dell'Uesse Sarnico, Vanzulli, appare imprendibile con i suoi 25 centri, alle sue spalle ecco spuntare proprio Superti. Talento, talento e ancora talento, insomma. Di quello puro, cristallino.

La rosa del sorprendente Ghedi allenato da Gabriele Parola, protagonista di una stagione di ottimo livello e con la consacrazione di Stefano Superti

IDENTIKIT DEL PICCOLO CAMPIONE

I numeri, alla lunga, possono però annoiare e noi vogliamo rimanere invece incollati all'aspetto tecnico, quello che ravviva settimanalmente l'avventura sui campi di gioco. L'abitudine a veder spiccare il nome di un determinato giocatore può, a volte, far dimenticare quali caratteristiche stanno alla base del suo successo. Fondamenti tecnici che, specie in ragazzi così giovani, richiedono costante allenamento per essere consolidati. A volte, però, possono già rappresentare un punto di forza tale da contraddistinguere le prestazioni di un giocatore: il nome di Superti ne è un ottimo esempio. 

Forza fisica, dribbling, tecnica e velocità. Quattro caratteristiche, quattro modi di vivere e affrontare il terreno di gioco. Quando tutti questi elementi si mescolano tra loro, però, il risultato finale non può che essere esplosivo. Ne sanno qualcosa le difese avversarie, quelle che devono sudare le proverbiali sette camicie per fermare i tentativi del centravanti bresciano. Sforzi, come abbiamo visto, molto spesso vani, perché per Superti trovare la porta è un gioco da ragazzi. Quando il pallone è in suo controllo, difficile che l'azione vada a spegnersi senza sussulti. L'inventiva è parte integrante del suo bagaglio tecnico e ogni occasione è propizia per portarla alla ribalta. Uno di quei giocatori, dunque, da cui è impossibile staccare gli occhi anche solo per un istante. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400