Cerca

Under 16

Il Sarnico si deve arrendere al cospetto di un Ferrari eroico

Vanzulli ancora monumentale, ma stavolta non basta

Pagani, Colosio e Ferrari del Ciliverghe

I tre moschettieri del Ciliverghe, autori delle reti del trionfo gialloblù: da sinistra a destra, Pagani, Colosio e il migliore in campo Ferrari

Il Ciliverghe mette a segno il colpaccio nel girone D: battuta la capolista Sarnico (che in classifica si vede così scavalcare dai rivali del Brusaporto) con uno scoppiettante 3-2, risultato frutto di una partita giocata ad alta intensità dai locali, mai domi anche dopo essere stati raggiunti per ben due volte dai rivali nella ripresa. Uomo partita è sicuramente Ferrari: il numero 19 del Ciliverghe infatti, appena entrato dalla panchina, si guadagna subito un rigore e poi, dieci minuti prima dello scadere, si inventa dal nulla il gol-vittoria, sigillando un trionfo che può rappresentare una svolta per la stagione dei ragazzi di Galvano.

IL MAGO COLOSIO

La fase di studio iniziale si prolunga per almeno un quarto d'ora: Uesse Sarnico più spigliato (pur perdendo in avvio Ferrari per infortunio), Ciliverghe "operaio", tutto carattere e contropiede. I ritmi rimangono comunque bassi, con qualche imprecisione di troppo a metà campo. Solo al 16' la partita si accende con lo schema da calcio da fermo chiamato da Pagani per l'accorrente Blasi: il tocco centrale del terzino non trova però nessun compagno e Arici spazza in calcio d'angolo, salvando i suoi. Alla mezz'ora, con il gioco spesso fermo e il nervosismo che sembra crescere pian piano, arriva invece il gol che sblocca il match: azione insistita di Gabossi al limite dell'area ed imbucata geniale per l'inserimento di Colosio. Il mediano del Ciliverghe non perdona, apre il destro e mette la palla nell'angolino, trovando l'1-0. La reazione dei bergamaschi è immediata: al 33' Faye incrocia male a fil di palo, sprecando una palla al bacio arrivatagli sulla corsa; due minuti dopo invece il mancino di Xhepa si perde sul fondo. Ma i padroni di casa rispondono eccome; anzi, sfiorano il raddoppio ancora con Colosio che, servito nello stretto da Sberna, calcia da fuori trovando stavolta il miracolo in tuffo di Bertoletti. Prima dello scadere arriva lo squillo del capocannoniere del campionato, Vanzulli: il 9 sfiora l'incrocio con un numero pazzesco in girata e un sinistro potentissimo.

Marco Vanzulli (a sinistra) e Cristian Arici (a destra), i migliori in campo per l'Uesse Sarnico

FERRARI LA SVOLTA

La ripresa coglie impreparati i bresciani, che infatti concedono un tiro dal dischetto dopo soli due minuti per un presunto tocco di mani in area di Prandini. Benaglio segna, glaciale, anche se Muchetti intuisce l'angolo. Ma il Sarnico è entrato in campo con altro piglio rispetto alla prima frazione e lo dimostra con il palo clamoroso colpito da Vanzulli e che fa tremare la porta per diversi secondi. Al 9' è il momento della svolta che si rivelerà decisiva al termine della gara: Ferrari subentra ad Amato per il Ciliverghe e dopo nemmeno un minuto si guadagna un rigore. Pagani, forse il giocatore con più personalità del team di Mazzano, si incarica della battuta e spiazza l'estremo difensore ospite. 2-1 e controsorpasso, ma il vantaggio gialloblù non dura, perché al 12', su azione di contrattacco orchestrata magistralmente, il rapidissimo Vanzulli scatta sul filo del fuorigioco e spara in rete, scavalcando Muchetti e trovando la ventiseiesima rete stagionale. Il pareggio ritrovato porta le due squadre ad allungarsi, entrambe alla ricerca di un gol che significherebbe un balzo fondamentale in classifica. A trovarlo (anzi, ad inventarselo), al 31', è proprio Ferrari, l'uomo della provvidenza, che sfonda da solo in area dopo essersi liberato dell'avversario in marcatura con un dribbling. Tocco preciso di destro a prendere il tempo al portiere e beffarlo: la rete si gonfia, dopodiché è solo festa grande, con l'autore del gol travolto dall'entusiasmo dei compagni. Inutili risultano gli assalti finali del Sarnico. Il Ciliverghe amministra con calma e buona tecnica e al triplice fischio l'esultanza per una vittoria sofferta ma fortemente voluta e meritata riecheggia tra le mura di Casa Cili.

IL TABELLINO

CILIVERGHE-UESSE SARNICO 3-2
RETI (1-0, 1-1, 2-1, 2-2, 3-2): 31' Colosio (C), 3' st rig. Benaglio (U), 11' st rig. Pagani (C), 12' st Vanzulli (U), 31' st Ferrari (C).
CILIVERGHE (4-3-3): Muchetti 6.5, Pietta 7.5, Blasi 7, Ferrai 7, Prandini 7, Colosio 8, Sberna 7, Gabossi F. 6.5 (19' st Scolari 6.5), Amato 6 (9' st Ferrari 8), Pagani 8, Assini 7. A disp. Sberna, Filippini, Bianchini, Colli, Foletti, Caldera, Aboussaad. All. Galvano 7.5. Dir. Pasotti.
UESSE SARNICO (4-3-3): Bertoletti 7, Arici 7.5 (32' st Facchinetti sv), Gagliarde 6, Giardini 6, Pelati 6.5 (1' st Barucco 6.5), Signorelli 6.5, Ferrari 6 (11' El Marghichi 6.5, 32' st Cortesi sv), Xhepa 7, Vanzulli 8, Benaglio 7.5, Faye 6. A disp. Brugali, De Micco, Rossi. All. Duci 6.
ARBITRO: Pagliuca di Brescia 6.5.
AMMONITI: Gagliarde (U), Bertoletti (U), Pagani (C), Amato (C), Ferrai (C), Blasi (C), Pietta (C).

LE PAGELLE

CILIVERGHE

Muchetti 6.5 Sicuro tra i pali, prova ad amministrare (non sempre con successo) alcuni palloni smistandoli lontano con i piedi.
Pietta 7.5 Grande prova al centro della difesa: pilastro imprescindibile per la retroguardia.
Blasi 7 Completa nella ripresa una prova a dir poco perfetta. Si permette pure qualche giocata di lusso.
Ferrai 7 Maestoso in copertura, è un muro vivente. Vero protagonista nei gialloblù.
Prandini 7 Tutto perfetto; l'unica macchia forse è il tocco di mani da cui scaturisce il rigore, ma si fa ampiamente perdonare.
Colosio 8 Primo tempo da dominatore vero: trova un gran gol, da mezzala pura.
Sberna 7 Si muove e crea pericoli, fornendo passaggi interessanti ai compagni e intimorendo gli avversari. 
Gabossi F. 6.5 Si inventa l'assist del gol che sblocca il match. Poi rifiata un po' troppo.
19' st Scolari 6.5 Personalità e fisico al servizio della squadra, anche nei delicati minuti finali.
Amato 6 Anonimo per una buona parte del match, si mette comunque a disposizione dei compagni di reparto.
9' st Ferrari 8 In mezz'ora di gioco decide una gara intera: prova a dir poco eccezionale.
Pagani 8 Tanta classe, con assist al bacio e un rigore imparabile. Riferimento importantissimo per la squadra.
Assini 7 Lotta e si propone, con tanto coraggio e rischiando qualcosa ogni tanto. Ma alla fine ne vale la pena.
All. Galvano 7.5 Vittoria fondamentale, soprattutto per il morale della squadra. I progressi sperati iniziano a vedersi.

Per il Ciliverghe un successo strepitoso contro la capolista Sarnico, con tre punti d'oro conquistati in chiave salvezza

UESSE SARNICO

Bertoletti 7 Nel primo tempo compie un miracolo salvando in tuffo un tiro di Colosio già battezzato in porta.
Arici 7.5 Il migliore dei suoi per tenacia e precisione; nel primo tempo non sbaglia quasi niente. Esce sfinito (32' st Facchinetti sv).
Gagliarde 6 A sinistra soffre le incursioni avversarie e ripiega di molto il raggio d'azione.
Giardini 6 Perde lucidità con il passare dei minuti, ma non si arrende mai e supporta la squadra.
Pelati 6.5 Guardiano della difesa bergamasca, limita i danni sulle incursioni avversarie.
1' st Barucco 6.5 Non sbaglia il tempo degli interventi e si sacrifica molto per la squadra.
Signorelli 6.5 Frangiflutti prezioso, non riesce però a trovare il tocco ispiratore per i compagni davanti.
Ferrari 6 Costretto da un infortunio in avvio ad abbandonare presto il campo, non ha tempo per mettersi in evidenza.
11' El Marghichi 6.5 Ha bisogno di spazio, ma quando lo trova sa essere pericoloso (32' st Cortesi sv).
Xhepa 7 Pilone difficilissimo da superare, è fondamentale il suo lavoro in fase di ripartenza.
Vanzulli 8 L'ultimo ad arrendersi: sfiora l'incrocio, colpisce il palo e trova l'ennesimo gol in campionato. Stavolta, però, non basta.
Benaglio 7.5 Rigore perfetto: non sbaglia in un momento delicatissimo del match. Grande freddezza.
Faye 6 Qualche ottima incursione, ma anche tanta imprecisione sotto porta e un po' di confusione nelle giocate decisive.
All. Duci 6 La sconfitta gli costa la testa della classifica. Ora deve ripartire per rimanere in lotta per il titolo: la battaglia è apertissima. Quello di oggi è uno stop difficilmente pronosticabile alla vigilia.

ARBITRO

Pagliuca di Brescia 6.5 Non commette errori ed è sempre molto vicino all'azione. Giusti i due rigori concessi.

LE INTERVISTE

Questo il commento del tecnico del Ciliverghe, Galvano, e del suo vice, Pasotti. Entrambi si dichiarano soddisfatti: «In una partita difficile, abbiamo dato tutto e siamo riusciti a dimostrare quanto valiamo quando ci impegniamo. Nel finale abbiamo costruito anche delle buone trame di gioco; può essere una vittoria che segna una svolta nel nostro campionato ed è all'insegna della continuità perché è un risultato ottenuto attraverso la crescita costante. Ci sono alcuni aspetti ancora da modellare, affinché questo atteggiamento diventi poi una costante, ma questo è il lavoro che stiamo facendo ora, quindi siamo soddisfatti: è una scossa non indifferente per noi dal punto di vista psicologico e dà sicuramente morale.»

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400