Cerca

Under 16

Cannistraro, il razzo neroverde: 7.5, Essalhi, il danzatore rossoblù: 7.5

Rotiroti e Ruschena non fanno passare nessuno: le pagelle di Lainatese-Castellanzese

Cirigliano Lorenzo

Cirigliano Lorenzo, apre lui le danze per i neroverdi

La Castellanzese è un treno senza freni: finisce 0-2 contro la Lainatese di Trombetta. Dopo un primo tempo contratto e del tutto equilibrato, i neroverdi dilagano in campo e in 5' chiudono la gara. Prima Cirigliano, poi capitan Ruschena: il gioco è fatto. Oltre ai marcatori, in luce anche il difensore Rotiroti, da due settimane in questo reparto. Per la formazione di casa, invece, un grande Essalhi che con velocità e dribbling si rende insidioso.

LAINATESE

Frediani 7 Attento durante la prima frazione di gioco con un occhio di riguardo su diverse conclusioni avversarie. Sui due gol subiti può poco e niente, anzi, durante gli ultimi attimi della gara salva ancora i suoi.
Milan 7 Durante i primi minuti anticipa più e più volte l’attacco ospite, dimostrando grande attenzione. Benissimo anche nella seconda fase, è il più attento lì dietro.
Scotti 6 Lento. Il giocatore ha un po' sulla coscienza il secondo gol, nella manovra offensiva non dà il giusto ritmo ai suoi compagni.
Signo 6 Non brilla al meglio durante la prima frazione di gioco. La partita si gioca tutta a centrocampo ed è qui che c’è un buco nei rossoblù. Stesso discorso per il secondo tempo.
Marabini 6 Attento. Il difensore è sempre anticipo sulle punte avversarie e mette grinta in ogni pallone toccato.
Italiano 6.5 Bene lì dietro, prende pochi rischi e, nonostante i due gol subiti, conduce una prestazione più che sufficiente.
Rancilio 7 Ci mette la zampa in più di un’occasione durante la prima frazione, con interventi precisi e puntuali. Bene anche in fase offensiva, con un ritmo veloce sulla fascia destra. Nella seconda parte della gara si spenge un po' e ragiona meno, ma resta tra i pochi che ci credono ancora. (26’ st Monteverdi sv).
Villani 6 Il capitano è sicuro e a centrocampo e forse quello che "brilla" di più, ma manca la condizione fisica e si vede. Esce zoppicando. (7’ st Colombi 6).
Essalhi 7.5 Che motorino! È il più insidioso dei rossoblù, con guizzi di velocità e dribbling che riescono sempre. Si fatica a contenerlo e, tra gli 11 rossoblù, è quello che spicca di più. Peccato che sia sempre solo in avanti.
Marangelli 5.5 Durante la prima frazione di gioco si avvicina alla rete in più di un’occasione, ma gli manca forse un po’ più di sicurezza e grinta nei contrasti. Perde pian piano la mentalità giusta e, complice un fallo troppo ingenuo, abbandona il campo.
Pogliani 6 Primo tempo di sacrificio, giocato soprattutto spalle alla porta per servire i compagni di reparto. (17’ st Napoli 6.5).
All. Trombetta 6.5 Partenza a mille per i rossoblù che, nonostante la disparità in classifica, non abbassano di certo la testa, anzi. Il primo tempo è uno spettacolo da guardare, con botta e risposta continui. Nel secondo tempo, però, la carica neroverde è troppo difficile da frenare e, complice l'inferiorità numerica e il primo caldo, i 10 rossoblù si spengono.


CASTELLANZESE


Saravalli 7.5 Grande parata dopo 5’ sul tiro dal limite del capitano avversario. Per il resto della gara compie semplici parate su conclusioni non troppo destabilizzanti. 
Ciapparelli 7 La fascia destra è il suo regno, quando parte è difficile da fermare. In fase difensiva non ha alcuna sbavatura da segnalare. (30’ st Kovaci sv).
Ferdani 7.5 Sempre troppo libero sulla fascia sinistra, i suoi cross al centro dell’area sono precisi e puntuali. Bene anche in fase difensiva, mantiene la sua posizione con forza e tenacia. (21’ st Americo 6).
Pagliuca 7 Un lottatore che non cade mai. Per contenerlo bisogna tirargli la maglia, ma anche in quel caso il 4 neroverde non molla. La partita dei neroverdi, grazie a lui e ai suoi compagni di reparto, si vince tutta a centrocampo. Qualità.
Rotiroti 7 Compito difficile: marcare Essalhi. Spesso lo anticipa e ha la meglio, altre volte fatica un po’ soprattutto su qualche dribbling ma sono poche le sbavature. Soprattutto per un giocatore che fino a due settimane fa giocava a centrocampo.
Ruschena 7.5 Il capitano è timido, ma non sul campo: sicuro e tecnico, i suoi lanci in avanti innescano grandi azioni.
Cirigliano 7.5 Quando parte sulla fascia destra la Lainatese trema. Tanti cross in area, durante la prima frazione la tenta anche lui personalmente, poi finalmente apre le danze. (30’ st Pegoraro sv).
Ildefonsi 7 Ma che classe ha? L’8 neroverde non si ferma davanti a niente e nessuno, danzando sul pallone con grande semplicità e dimostrandosi il fantasista che è. (26’ st Albe sv).
De Lilla 6.5 Partita di grande sacrificio, giocata maggiormente spalle alla porta. La sua fisicità sovrasta i difensori. Prestazione sufficiente. (5’ st Fusha 6.5).
Cannistraro 7 Quanta tecnica. Il 10 neroverde è una spina nel fianco per i padroni di casa, e non molla niente per tutti i minuti della gara. È tra i pochi che corre fino all'ultimo respiro, peccato per l'assenza di gol.
Rupolo 6.5 Stesso discorso del compagno Cannistraro. L'11 neroverde ha tanta, troppa, qualità! Un gioco di gambe pulito, dribbling al bacio: prestazione ottima. (15’ st Aazame 6.5).
All. Serrati 8 I neroverdi sono un po' bloccati durante la prima frazione di gioco, poi prendono il ritmo e la reazione nella seconda parte si vede tutta. Quanta tecnica e qualità.


 
 
ARBITRO

Bianchi di Legnano 7 Conduzione di gara impeccabile senza alcuna svista. Giusta l'espulsione di Marangelli su un'entrata troppo dura per essere invisibile. 

LE INTERVISTE

Subito dopo la gara, il tecnico neroverde Serrati commenta: «Primo tempo faticoso, un po' me l'aspettavo perché quando inizia a fare caldo non è semplice soprattutto alla loro età. Questo tipo di partite con questa stagione che inizia a farsi sentire diventa complicato. È chiaro che noi siamo preparati anche per correre un po' di più degli altri nei secondi tempi, infatti siamo usciti bene. Il problema è che quando ci sono giornate come oggi, se non hai la testa collegata non è facile. Se avessimo giocato con più attenzione e determinazione sarebbe andato meglio il primo tempo. Poi la situazione è migliorata; conosco bene i miei giocatori, se andiamo in vantaggio si tranquillizzano altrimenti si mettono in difficoltà per problemi a sviluppare ciò che sanno. Siamo andati in vantaggio ma in superiorità numerica non ho visto un buon giro palla, solo soluzioni individuali. Vorrei vedere ciò che prepariamo in settimana, basterebbe controllare e muoversi al posto che forzare la soluzione. Dovevamo sfruttare di più le soluzioni, stiamo parlando di ragazzi che stanno ancora imparando».

Tra i migliori in campo, il tecnico ci tiene a sottolineare: «Abbiamo trovato una soluzione importante, Rotiroti fino a due partite fa giocava a centrocampo e non era titolare perché peccava un po' sul dinamismo, ma lì dietro è stato davvero bravo e ci permette di costruire da dietro. Ci sta dando delle buone cose, nell'impostazione mi è piaciuto tanto. Anche il nostro capitano Ruschena molto bene, ha fatto gol e poteva segnare anche nel primo tempo. Si esprime al 50%, se si accorge delle sue potenzialità farà davvero bene».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400