Cerca

Under 16

De Crescenzo e la filosofia del trequartista: Ausonia avanti sul Ponte

Con le reti di Cristini, Di Maio e Laddaga i neroverdi superano gli ottavi di finale con una prestazione convincente.

Ausonia U16

De Crescenzo, man of the match

L'Ausonia vince e convince, con una prestazione di squadra complessivamente ottima e singoli come De Crescenzo e Gualtieri, autori di un match straordinario; ad aprire le danze è Cristini nel primo tempo, poi nel secondo chiudono i subentrati Di Maio e Laddaga; per gli ospiti, i migliori sono Russo e Loffredo, che hanno difeso alla grande nonostante la grande pericolosità degli avversari.

PARTENZA BRUCIANTE

Pronti via e sono subito i neroverdi a partire forte, con la prima grande occasione al quinto minuto: Braiotta si invola sulla fascia destra e crossa per Colombo che stoppa la palla e calcia, ma trova la grande opposizione di Lodovici; due minuti dopo Colombo si trasforma in uomo assist, lanciando con una precisa spizzata di testa De Crescenzo che dal limite dell'area tenta il pallonetto, ma la palla finisce alta di poco. All'undicesimo è il turno dei blues di rendersi pericolosi: Comensoli prende palla a centrocampo, parte in percussione solitaria e arrivato al limite tira, ma Lattisi si distende e devia in angolo. I padroni di casa, passato lo spaventano, tornano in controllo delle operazioni e al sedicesimo trovano il vantaggio: Gualtieri lancia sulla trequarti dove puntuale si fa trovare De Crescenzo, il trequartista protegge perfettamente palla ed effettua un lancio preciso per Cristini, il quale si invola verso la porta e beffa con un tocco delicato Lodovici in uscita; è uno a zero per l'Ausonia. La reazione del Ponte San Pietro non arriva, i neroverdi continuano a controllare il match e al ventottesimo vanno di nuovo vicini al gol: De Crescenzo, decisamente in stato di grazia quest'oggi, salta secco Russo e mette in mezzo per l'accorrente Bombara, che calcia con potenza ma trova sulla sua strada il solito Lodovici che effettua una gran parata. Passano solo due minuti e l'Ausonia ha un'altra chance per il raddoppio, con gli stessi protagonisti dell'azione precedente ma a ruoli invertiti: Bombara si incarica di battere un calcio d'angolo, e lo fa calciando rasoterra verso il limite dell'area, dove arriva De Crescenzo che calcia di prima intenzione ma è sfortunato e colpisce il palo. Non ci sono più emozioni fino al duplice fischio del direttore di gara, si va all'intervallo sull'uno a zero.

IN PIENO CONTROLLO

La ripresa si apre nello stesso modo in cui si era chiusa la prima frazione: Ausonia subito pericolosa al secondo minuto, quando De Crescenzo serve Cristini in area, l'attaccante calcia puntando l'angolino alto ma ancora una volta Lodovici ci arriva e salva i suoi. I blues sembrano non riuscire a trovare le contromisure adatte per arginare il gioco dei padroni di casa, che sfiorano nuovamente il raddoppio al decimo, quando De Crescenzo vede la sovrapposizione di Bombara e lo serve in corsa, il terzino calcia con potenza ma spedisce la palla di poco alta sopra la traversa. La risposta ospite arriva al ventitreesimo, con l'occasione più nitida della loro partita: Gerdeselko prende palla sulla fascia sinistra, parte in azione personale e arrivato al limite dell'area effettua un fantastico tiro a giro basso che sfiora il palo alla sinistra di Lattisi. Quando sembrava che per gli ospiti ci fosse margine per tentare la rimonta, arriva il gol del raddoppio neroverde a firma di due subentrati: siamo al venticinquesimo, Borghi scappa al suo diretto avversario sulla fascia sinistra e lancia sulla fascia opposta, dove Di Maio è bravissimo a stoppare il pallone, a resistere al contrasto di Loffredo e a trovare una conclusione forte e precisa che finisce nell'angolino alto, dove Lodovici non può arrivare; è due a zero Ausonia. Sulle ali dell'entusiasmo, i padroni di casa costruiscono un'occasione dopo l'altra: la più importante arriva al trentesimo, quando Colombo dal centro dell'area calcia a botta sicura ma la sua conclusione finisce sulla traversa; sulla ribattuta arriva Di Maio che da ottima posizione non calibra bene il tiro e spedisce la palla sopra il montante. Al quarantesimo arriva il gol che sancisce anche la fine del match: Gualtieri con un fantastico lancio pesca sulla trequarti offensiva Borghi, che è bravissimo a stoppare e ad effettuare un cross preciso sul quale si fionda Laddaga che con una grande incornata gonfia la rete e fissa il punteggio sul tre a zero. I padroni di casa quindi avanzano ai quarti di finale dei playoff, confermando quanto di buono fatto vedere durante la stagione regolare; gli ospiti, invece, chiudono qui la loro stagione con una prestazione opaca ma che non cancella quanto di buono fatto vedere durante il campionato.

IL TABELLINO

Ausonia 3
Ponte San Pietro 0
RETI: 16' Cristini (A), 25' st Di Maio (A), 40' st Laddaga (A).
AUSONIA (4-3-1-2): Lattisi 6.5, Braiotta 6.5 (26' st Latrell sv), Bombara 6.5 (23' st Borghi 7), Cravino 6.5 (28' st Formichella sv), Pascarella 6.5, Zucchelli 7, Salerno 6.5 (33' st Rubin sv), Gualtieri 7, Colombo 7 (33' st Ibrahim sv), De Crescenzo 7.5 (26' st Laddaga 6.5), Cristini 7 (17' st Di Maio 7). A disp. Endrizzi. All. Di Benedetto 7.5. Dir. Spiniella.
PONTE SAN PIETRO (4-3-3): Lodovici 6.5, Russo 6.5 (33' st Cancilla sv), Plebani 6 (23' st Kyryliak 6), Rroku 6, Busi 6, Loffredo 7, Zambelli 6 (33' st Shala sv), Bottero 6, Nahum 6, Gerdelesko 6.5 (28' st Carta sv), Comensoli 6.5 (36' st Daghetti sv). A disp. Villa. All. Gargantini 6. Dir. Spagnolo.
ARBITRO: Bruscagin di Gallarate  6.
AMMONITI: Rroku (P).

LE PAGELLE 

AUSONIA
Lattisi 6.5 Viene chiamato in causa poche volte, ma quando serve è sempre pronto a proteggere la sua porta; inoltre, infonde sicurezza a tutto il reparto con le sue uscite sempre puntuali.
Braiotta 6.5 Gara ottima in entrambe le fasi per il terzino, oggi molto propositivo in avanti e quasi insuperabile dietro (26' Latrell sv).
Bombara 6.5 In teoria sarebbe un terzino, in pratica è un attaccante aggiunto; oggi va più volte vicino al gol, e anche in difesa svolge i suoi compiti molto bene.
23' st Borghi 7 Impatto incredibile sulla partita, sforna due assist in diciassette minuti, e anche difensivamente gioca un grande spezzone di partita.
Cravino 6.5 Inizia la partita da mezz'ala, poi si sposta nella difesa a tre, e in entrambi i ruoli riesce a disimpegnarsi bene difendendo alla grande ed essendo sempre preciso nel giro palla (28' st Formichella sv).
Pascarella 6.5 Il centrale gioca una bella partita, grazie al suo fisico e al suo ottimo tempismo negli anticipi tiene a bada gli attaccanti avversari.
Zucchelli 7 Grande partita per il centrale, che è sempre lucido in fase di impostazione e quando c'è da difendere riesce a farlo alla grande, sia uscendo in anticipo sia marcando perfettamente le punte dei blues.
Salerno 6.5 Con un mix di grinta e qualità, il centrocampista dà un ottimo apporto alla squadra in entrambe le fasi (33' st Rubin sv).
Gualtieri 7 Il capitano è il dominatore del centrocampo, recupera tantissimi palloni e detta i ritmi di gioco alla perfezione, la sua precisione nei passaggi è davvero incredibile, grande prestazione per lui.
Colombo 7 Anche se non entra nel tabellino dei marcatori, la punta è uno dei grandi protagonisti di giornata: si trova a meraviglia con i compagni di reparto, gioca perfettamente di sponda ed è sempre nel vivo del gioco (33' st Ibrahim sv).
De Crescenzo 7.5 Il man of the match quest'oggi è il trequartista, bravissimo a fare da collante tra centrocampo e attacco, sempre lucido nell'ultimo passaggio, ma anche grintoso quando c'è da aiutare la squadra a difendere o pressare; ottima gara per lui.
26' st Laddaga 6.5 Entra ed è subito protagonista, riuscendo a mettere la sua firma sulla gara con un gran gol di testa.
Cristini 7 Grande prova per lui, autore del gol che sblocca la partita e decisivo con i suoi continui movimenti che mandano in tilt la difesa avversaria.
17' st Di Maio 7 L'attaccante ha un grande impatto sul match, si regala un gol e con il suo mix di forza fisica e tecnica manda in crisi i suoi diretti avversari.
All. Di Benedetto 7.5 La squadra è molto organizzata e gioca un grande calcio, ed è sicuramente merito del tecnico, bravo anche ad indovinare i cambi.

PONTE SAN PIETRO
Lodovici 6.5 Incolpevole sui gol e autore di almeno tre interventi salva risultato, l'estremo difensore è uno dei migliori della sua squadra.
Russo 6.5 Nonostante dalle sue parti si aggirino avversari molto pericolosi, riesce a difendere alla grande salvando parecchie situazioni spinose con chiusure e diagonali sempre precise (33' st Cancilla sv).
Plebani 6 Il terzino soffre molto la velocità degli avversari, ma non commette gravi errori difensivi; il suo apporto offensivo, però, è davvero minimo.
23' st Kyryliak 6 Entra per dare vivacità alla manovra offensiva dei suoi ma ci riesce solo in parte.
Rroku 6 Il centrale difensivo è bravo quando si tratta di difendere corpo a corpo, ma soffre molto sulle azioni in transizione dei neroverdi, ne risulta una buona prestazione.
Busi 6 Il mediano è molto bravo quando si tratta di recuperare palloni ed intercettare passaggi, ma in fase di regia non riesce ad incidere a sufficienza.
Loffredo 7 Il centrale è il migliore dei suoi, le prova davvero tutte per fermare gli attaccanti avversari e spesso ci riesce; è bravo soprattutto negli anticipi, ottima gara per lui.
Zambelli 6 L'esterno offensivo si accende solo poche volte durante la gara, ma aiuta molto i compagni in fase difensiva (33' st Shala sv).
Bottero 6 La mezz'ala gioca molto bene in fase di rottura ma non riesce ad incidere abbastanza nel gioco offensivo dei suoi.
Nahum 6 La punta si trova spesso a combattere uno contro tre, non manca impegno da parte sua ma quest'oggi ha perso il duello contro i difensori avversari.
Gerdelesko 6.5 Il più pimpante dell'attacco blues, quando riesce a liberarsi del primo pressing avversario crea occasioni per i compagni; buona gara per lui (28' st Carta sv).
Comensoli 6.5 Mezz'ala box-to-box, gioca bene in entrambe le fasi e costruisce la più grande occasione della partita per la sua squadra (36' st Daghetti sv).
All. Gargantini 6 La squadra è ordinata a livello difensivo, ma offensivamente costruisce troppo poco; vanno comunque fatti i complimenti al tecnico e ai suoi ragazzi per la bella stagione regolare.

ARBITRO Bruscagin di Gallarate 6 Prova a limitare al minimo le interruzione e i cartellini, ma in una partita fisicamente intensa come quella di oggi forse sarebbe stato preferibile un altro metro arbitrale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400