Cerca

Under 16

Il Lombardia Uno vola ai quarti con il suo fenomeno Raimondi

Una gemma su punizione del talento con la fascia al braccio è l'ago della bilancia, ma i rossoneri devono sudare per battere Bufano e compagni

Bertoni, Raimondi Lombardia Uno Under 16

Gioia incontenibile: Bertoni e Raimondi esultano al triplice fischio finale. I loro gol valgono l'accesso ai quarti

Doveva essere un ottavo di finale da fuochi d’artificio e così è stato. Il Lombardia Uno riesce a superare il Villa con un 2-1 incorniciato da giocate e colpi di scena, nato da un botta e risposta fra Vitali e Raimondi nel primo tempo, e risolto solamente in zona cesarini dal killer istinct di Bertoni. Va ricordato che ai padroni di casa sarebbe bastato un pari, ma non sono stati fatti troppi calcoli perché il big match avrebbe potuto riservare brutte sorprese. La favola dei bianconeri finisce dunque qui, a testa altissima, in un ottavo di finale dal coefficiente di difficoltà elevatissimo. Finisce al termine di una stagione impressionante, culminata con un primo tempo in particolare pressoché perfetto. Bisogna raccontarsela tutta quando di parla del 4-2-3-1 di Bosco: il tecnico ha più di una semplice certezza fra i pali: Bufano è un fuori categoria capace di ogni parata di sorta. Dinnanzi a lui poi è ben collaudata la coppia centrale Farella-Trezzi; mentre Vitali sulla trequarti è  l'altro vero elemento chiave: il 10 sa sia concludere l'azione che vedere e servire le corse dei compagni Del Bigallo, Gialloreto e Marzo. Per i rossoneri la vittoria certifica la bontà e i valori del proprio organico. Il 4-3-3 di Innamorato è mutevole e imprevedibile in avanti: Lisco e Raimondi sono due frecce sui lati che non amano dare riferimenti, mentre Bertoni sa usare fisico e piedi per creare scompiglio alla retroguardia avversaria. A Nava l'arduo compito di dare equilibrio e sostanza sulle seconde palle in mediana.

CLICCA QUI PER LE PAGELLE

BOTTA E RISPOSTA

Non ci sono né calcoli da una parte, né timori reverenziali dall’altra. La partita assomiglia fin da subito a uno scontro fra titani. In campo c’è grande equilibrio, spezzato per la prima volta solo da un’incertezza di Farella sulla quale Bertoni fa il rapace; l’opportunità viene tuttavia prontamente disinnescata da una magistrale diagonale interna di Bonni. Il pericolo corso non mina più di tanto la personalità dei ragazzi di Bosco, che reagiscono quasi nell’immediato con una gran botta dai venti metri ad opera di Vitali; provvidenziale la deviazione in corner del roccioso centrale D’Agati. Pastore tira un sospiro di sollievo, ma solo per pochi secondi, perché sulla battuta dello stesso calcio d’angolo deve compiere uno straordinario intervento su Marzo. Dopo i due ravvicinati squilli bianconeri, il terzo è quello buono: al 26’ l’estremo difensore di casa non può proprio nulla sul mancino sotto misura dell’ispiratissimo Vitali. Chiunque accuserebbe un colpo del genere, non la Lombardia Uno: Raimondi impiega infatti solo tre minuti per rimettere le cose a posto, su punizione, dipingendo una splendida traiettoria a scavalcare la barriera, destinata sotto all’incrocio dei pali. È bene sottolinearlo, l’1-1 è una perla rara. A questo punto le due formazioni si ricompattano e tornano a fiutare a testa bassa nuovi sentieri verso i quarti di finale. I padroni di casa ne troverebbero uno interessante sull’unico contropiede del primo tempo, ma una scelta errata presta incredibilmente il fianco alla ripartenza ospite: Vitali rompe le linee, Del Bigallo ricama, Gialloreto crossa e Marzo colpisce a botta sicura: palo clamoroso! Niente da fare per il forte numero 9. Siamo agli sgoccioli della prima frazione e i ragazzi di Innamorato non vogliono essere da meno in nessuna statistica: il loro forcing finale offre a Summa il tempo per scheggiare una traversa.

BUFANO L'AGGIUSTAGUAI

La ripresa inizia con un deja vu: Summa spinge tanto sulla destra e si ritrova ancora nelle condizioni di calciare; stavolta il suo esterno collo finisce alto. Il Villa ha lasciato libero qualche spazio di troppo e ora cerca di raccapezzarsi. Non un obiettivo facile dinnanzi agli strappi pregni di tecnica degli attaccanti rossoneri. Le cose si complicano ancora di più per Trezzi e soci se è Raimondi, in giornata di grazia, a godere di metri da attaccare in ripartenza; come al 10’, quando il solo Bufano riesce a fermare il funambolico numero 7 involato a rete. Il miracolo del numero uno vale come un gol e una pacca sulle spalle dei compagni. Eppure, al rientro dal cooling breack del 20’, il duello si ripete tale e quale. Nel mezzo, una girata di Bertoni sibila vicinissima alla traversa. Il tempo passa e il Villa ha bisogno di una rete. Tranchellini la cerca dalla lunga distanza, Pastore trattiene. La manovra dei bianconeri è verticale e coraggiosa, ma all’atto pratico risulta sterile e inevitabilmente sbilanciata in avanti. La Lombardia Uno invece non fatica a gestire i tempi della giocata all’interno di spazi sempre più di invitanti da attaccare in contropiede. Ecco il motivo del continuum di occasioni rossonere nei secondi quaranta minuti. Su questa traccia Bufano si consacra protagonista dell’incontro: il portierone, di carattere tutt’altro che arrendevole, è sbalorditivo nel salvare il risultato su un lob di Bertoni prima, e su un destro da pochi passi di La Mantia poi, tenendo così ancora in piedi la baracca. Perché se da un lato i padroni di casa sembrano in totale controllo, dall’altro l’1-1 lascia totalmente intatte le speranze degli ospiti per il gran finale; detto, fatto: gli ultimi cinque giri di lancetta sono al cardiopalma. Il Villa si riversa nell’altra metà, trovando addirittura con una punizione di Silvestri la pronta risposta di Pastore. Sul più bello però accade il fattaccio: Marzo lascia in inferiorità numerica i suoi con una ingenuità a gioco fermo. L’episodio è l'ossigeno di cui necessitavano i rossoneri, che in pieno recupero raddoppiano senza pietà con l’ultimo guizzo di Bertoni. Il 2-1 arriva nel momento in cui Catarinella di Gallarate aveva già il fischietto in bocca e sfocia nel grido liberatorio e collettivo di chi sa di essere approdato con merito ai quarti.

TABELLINO

LOMBARDIA UNO-VILLA 2-1
RETI (0-1, 2-1): 26' Vitali (V), 29' Raimondi (L), 47' st Bertoni (L).
LOMBARDIA UNO (4-3-3): Pastore 6.5, Summa 7, Petruzzelli 6, Nava 6.5, Minoia Pietro 6.5 (22' Chawla 6), D'Agati 7, Raimondi 7.5, Marra 6.5, Bertoni 7, Aguiari 6 (28' st Cannata 6), Lisco 6 (3' st La Mantia 6). A disp. Zanforlin, Lionello, Cara, Zippò, Gandini, Rea Chritian. All. Innamorato. Dir. Zanforlin.
VILLA (4-2-3-1): Bufano 8, Bonni 6.5 (20' st Rinaldi 6), Zanchetta 6, Tranchellini 6.5 (29' st Silvestri 6.5), Farella 6, Trezzi 6.5, Gialloreto 6.5, Faravelli 6.5 (38' st Caletti sv), Marzo 6, Vitali 7 (20' st Bruno 6), Del Bigallo 6.5 (20' st Orsenigo 6). A disp. Maltese, Di Vita Vita, Jayasuriya, Pivi. All. Bosco. Dir. Vitali.
ARBITRO: Giannotta di Busto Arsizio  6.5.
ESPULSO: 45' st Marzo (V).
AMMONITI: Tranchellini (V), Bufano (V), Petruzzelli (L).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400