Cerca

All Stars Under 16

Terrazzino fa il Courtois e Valentini non trema; Chieri campione contro il Lascaris

Rigori decisivi per la finale. I penalty decidono anche il terzo posto, la spunta il Chisola sul Volpiano

Chieri Under 16 vincente Torneo All Stars

Il Chieri 2006 vince il torneo All Stars categoria Under 16 (foto Cassarà)

Il Chieri non dimentica, anzi impara dagli errori, e riscatta la sconfitta ai quarti di finale per mano del Lascaris battendo proprio i bianconeri in finale del torneo All Stars, dopo una partita e una serie di rigori intensissime, nonostante fosse l'ultima partita dell'anno.

Il Lascaris mostra perché è campione. Balice al timone per i 2006, sotto l'occhio vigile, però, di Andrea Mirasola in tribuna. E allora ecco che torna il 4-2-3-1 marchio di fabbrica dell'ex (ormai) tecnico dei 2005. Kingidila guadagna un posto dietro Massaro, mentre De Luca e Sconfienza compongono gli esterni. Il Chieri, invece, opta per un 4-3-3 molto mobile in cui l'uomo chiave è, manco a dirlo, Alessandro Guida, libero di svariare tra la fascia di destra e la trequarti. Gli equilibri, però, durano poco, perché i bianconeri vogliono dimostrare una volta di più la loro mentalità vincente, aggredendo subito l'avversario. Passano solo tre minuti e Kingidila segna in seconda battuta su suggerimento di Friso, in proiezione offensiva. Sembrano pronti a riaffiorare gli incubi dei quarti di finale per il Chieri, ma i collinari, stavolta, reagiscono e anzi, sembrano essere loro a fare la partita. Pericoli, però, non se ne vedono, fino a quando verso fine primo tempo De Luca controlla un gran pallone in area ma calcia a lato, a cui fa eco Manfredi due minuti più tardi rubando palla a Naso ma non centrando la porta da posizione defilata.

Pennella Valentini. Il Chieri c'è, e l'ha dimostrato. Pronti via nella ripresa dentro Di Filippo a dar maggiore fisicità là davanti, ma la differenza per gli azzurri la fa il centrocampo. Ottavo minuto e Valentini si vede arrivare una palla dalle sue parti dopo un'azione nell'area bianconera; il numero 5 non ci pensa due volte e calcia di prima, impattando benissimo e trovando una traiettoria imprendibile per Lavina. 1-1. I collinari si accendono ancora di più, e al 16' Italiano, dopo aver lisciato il pallone, è costretto a fare gli straordinari su Guida, fermato sul più bello. Lo spettro dei calci di rigore comincia ad aleggiare sul campo, ma Manfredi va ad un passo dal miracolo, spedendo a lato a tu per tu con Lavina al 20'. Si deciderà tutto dagli undici metri.

Terra-Vale e il Chieri la alza. L'errore iniziale di Favilla promette bene per i collinari, che dopo aver gustato la vittoria falliscono però con De Lucia. Si va ad oltranza, ma è necessario un solo giro perché Naso si fa ipnotizzare da Terrazzino e il successivo rigore, con Valentini alla battuta, è perfetto e regala il trionfo azzurro.

IL TABELLINO DELLA FINALE

CHIERI-LASCARIS 5-4 (dopo i calci di rigore)
RETI (0-1, 1-1): 3’ Kingidila (L), 8’ st Valentini (C).
CHIERI (4-3-3): Terrazzino, Cavuoto (6’ st Curci), Fasone (6’ st Castagna), Rizzo, Valentini, Mastrototaro, Manfredi, Spinelli (16’ st Pacconi), Macri (1’ st Di Filippo), Guida, De Lucia. A disp. Peretto, Lorini, Pistelli, Mancini.
LASCARIS (4-2-3-1): Lavina, Friso, Italiano, Mammolenti, Mingarelli (16’ st Caputo), Naso, De Luca, Kingidila (23’ st Favilla), Massaro (6’ st Ragusa), Bisi (11’ st Malavasi), Sconfienza (4’ st Algarotti). A disp. Allegretti, Peinetti, Ponzano. All. Balice.
AMMONITI: 18’ st De Lucia (C), 22’ st Curci (C).
SEQUENZA RIGORI: Favilla (L) FUORI, Di Filippo (C) GOL, Mammolenti (L) GOL, Guida (C) GOL, Malavasi (L) GOL, De Lucia (C) PARATO, Ragusa (L) GOL, Mastrototaro (C) GOL, Caputo (L) PARATO, Castagna (C) FUORI. A oltranza: Naso (L) PARATO, Valentini (C) GOL.

I MIGLIORI

CHIERI
Guida 8
Una volta di più uomo chiave, le sue scorribande sono sempre un problema per gli avversari e con lo spazio che la squadra gli concede può svariare molto e far male. Ad un passo dall'assist per Manfredi, che però spreca.
Valentini 8.5
L'arcobaleno stupendo che riporta tutto in parità e, ciliegina sulla torta, il rigore che vuol dire coppa per il Chieri. Dopo una stagione regolare terminata forse prima delle aspettative, dimostra ancora una volta che questa squadra deve ripartire anche da lui. Fondamentale.
Terrazzino 8
Dopo essersi sporcato i guantoni in poche occasioni, ai rigori tira fuori la sua versione migliore, allacciandosi le scarpe e parandone ben due. Ci sono anche le sue manone su questo trofeo.

LASCARIS
Kingidila 7.5 C'è un ruolo che non possa fare? Messo dietro punta gioca con intelligenza e mettendoci i soliti quattro polmoni, togliendosi anche la soddisfazione del gol.
De Luca 7 A costo di essere ripetitivi, anche nei tornei di fine stagione. Qualsiasi sia l'avversario poco importa, se tira dritto non lo fermi, e Fasone lo sa bene, trovandosi più volte costretto a rincorrere.

Il Chisola può tornare a sorridere, il podio è suo! Al termine di una serie interminabile di rigori sono i vinovesi a vincere la finalina, non senza soffrire, trovando risposte sempre più positive dai nuovi innesti Nirta e Pauliuc, e preparandosi al meglio per la stagione che dev'essere quella del riscatto.

Otto minuti di follia. C'è un terzo posto in palio, e il torneo è comunque da onorare, e il Chisola non fa sconti. 4-3-3 classico con Nirta e Pauliuc a fare terzini mentre Gironda ha compiti più avanzati rispetto al solito. Risponde il Volpiano con un 3-5-2 coperto quanto basta, con il trio dietro Ferrante, Landi e Alba, mentre davanti la coppia è Lucca-Lazzaron. Le foxes partono fortissimo e dopo appena venti secondi sono già in vantaggio grazie all'imbucata di Lista per Lazzaron che trafigge Bruno. Doccia fredda per il Chisola che comunque non si scompone e prende presto in mano il pallino del gioco, pareggiando dopo soli otto minuti: azione insistita in area Volpiano e a sbrogliare la matassa ci pensa Nirta, con un tiro che, grazie ad una deviazione decisiva, scavalca Murgia in tuffo. Da qui in poi sembra regnare un sostanziale equilibrio. I vinovesi fanno la partita, ma tolto un tiro che accarezza il palo di Pauliuc c'è poco altro.

Finale accesissimo. Nella ripresa cominciano i protocollari cambi, classici di un torneo di fine stagione, ma la gara non sembra decollare definitivamente. Il trio del Volpiano dietro fa buona guardia, e davanti le foxes vanno a singhiozzo, sembrando sempre poco convinti. Negli ultimi minuti dei tempi regolamentari, però, si accende il Chisola, e soprattutto Gironda. Il tuttofare vinovese è protagonista in ben tre occasioni nitide: la prima non la sfrutta, calciando alto a tu per tu con Murgia, la seconda suggerisce per De Robertis al termine di una sgaloppata sulla destra, ancora alto, mentre la terza, con il medesimo risultato, gli capita sulla testa su un bel cross di Matarazzo. Niente da fare, ci penseranno i rigori.

Chisola perfetto, Volpiano quasi. La serie di rigori dura tanto, tantissimo, semplicemente perché nessuno sembra intenzionato a sbagliare. Volpiano e Chisola sembrano nate per calciare i rigori perché né Bruno e né Murgia possono anche solo sperare di toccare un solo penalty. Si va ad oltranza e anche qui regna la perfezione, fino a quando, all'ottava serie, si presenta Imbergamo, che spiazza Bruno ma allarga troppo. Vince il Chisola.

IL TABELLINO DELLA FINALINA

CHISOLA-VOLPIANO 9-8 D.C.R.
RETI (0-1, 1-1): 1’ Lazzaron (V), 8’ Nirta (C).
CHISOLA (4-3-3): Bruno, Nirta (12’ st Castellaro), Pauliuc, Racca, Petrea (8’ st Castellarin), Meriacre, Gironda, Fantone (12’ st De Robertis), Giordano, Vada, Matarazzo.
VOLPIANO (3-5-2): Murgia, Garavaglia (13’ st Notomista), Muntean (1’ st Di Giorgio), Ferrante, Landi, Alba (21’ st Mesiano), Lista (8’ st Giardino), Burruano, Lucca (15’ st Imbergamo), Fedele (21’ st Romeo), Lazzaron. A disp. Passuello, Vargas. All. Malagrinò.
AMMONITI: 24’ Giordano (C).
SEQUENZA RIGORI: Matarazzo (C) GOL, Landi (V) GOL, Castellaro (C) GOL, Romeo (V) GOL, Meriacre (C) GOL, Mesiano (V) GOL, Vada (C) GOL, Burruano (V) GOL, Giordano (C) GOL, Giardino (V) GOL. A oltranza: Pauliuc (C) GOL, Lazzaron (V) GOL, Gironda (C) GOL, Ferrante (V) GOL, De Robertis (C) GOL, Imbergamo (V) FUORI.

I MIGLIORI

CHISOLA
Gironda 8
Ok le due occasionissime non sfruttate, ma che al 26 di giugno corra ancora così non è normale. Trascina letteralmente i suoi e le palle gol che gli capitano è bravissimo a crearsele.
Nirta 7
Segna il gol del pareggio, e basterebbe questo, ma in più sembra inserirsi con facilità nel gioco vinovese, accompagnando bene l'azione e facendosi trovare pronto.
Pauliuc 7.5
Lui sembra ancora più a suo agio. Parte terzino e con la sua falcata lunga e il suo fisico sembra inarrestabile. Con i cambi scala centrale di difesa, dimostrando, oltretutto, anche grande duttilità tattica. Mostruoso.

VOLPIANO
Lazzaron 7
Rapido e scattante, non gli si può lasciare un metro che ti punisce, come in occasione del vantaggio. Cercato spessissimo dai lanci lunghi dalle retrovie, non ha altre chances per colpire.
Burruano 7.5
Torna per la finale e regala un'altra delle sue prestazioni a tutto tondo, correndo a perdifiato e lottando su ogni pallone. Nota stonata, questa potrebbe essere la sua ultima partita con questa maglia.
Alba 7
Tiene in piedi la difesa con una serie di interventi che spezzano il ritmo agli avversari e fanno ripartire i compagni. Sembra molto più a suo agio in una retroguardia a tre.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400