Cerca

Under 16 Serie C

Seregno-Pro Patria: Rossetto e Sagliocchi archiviano la pratica nel primo tempo e rialzano la classifica dei tigrotti

Gli Spartans falliscono un rigore con Suatoni a fine primo tempo e non riescono più a rientrare in partita, collezionando la quinta sconfitta consecutiva

Antonio Sagliocchi , Pro Patria Under 16

Antonio Sagliocchi, autore del gol del 2-0 in favore della Pro Patria

Continua a piovere sul bagnato in casa Seregno che, per la quinta volta in questa stagione perde, arrendendosi alla Pro Patria. Tigrotti bravi a sfruttare nel migliore dei modi le due palle gol del primo tempo, prima con il guizzo di Rossetto e poi con il super mancino di Sagliocchi: entrambi da situazioni di palla inattiva. In una gara complicata, sono stati gli episodi a deciderla, e la bravura della squadra di Tomasoni si è vista, anche nel secondo tempo, quando il passivo poteva essere decisamente più pesante. Per la Pro Patria si tratta della seconda vittoria consecutiva in questo campionato, dopo un inizio di certo non brillante, che ora può rilanciare i tigrotti verso un campionato diverso.

Cinismo Pro Patria. Dopo una prima fase di studio delle due squadre, è al 13’ che cambia la storia della partita: la Pro Patria si rende pericolosa con Simone Garantola, che si guadagna un calcio di punizione da zona laterale ad altezza del centrocampo dopo un brutto fallo ai suoi danni. Alla battuta si incarica lo stesso Garantola, che mette in mezzo una palla al bacio, colpita da Molinari all’indietro, dove si avventa prima di tutti Luca Rossetto che con il destro non sbaglia e infila De Gennaro. La Pro Patria è sul pezzo però, e al 18’ si avvicina al gol del raddoppio con la zuccata di Gavin, che però termina di poco a lato della porta difesa da De Gennaro. Passa soltanto qualche minuto, e la Pro Patria trova il gol del raddoppio: Cofussi, tutto solo in area di rigore, col mancino calcia, ma De Gennaro salva il Seregno e devia in calcio d’angolo. Proprio dal calcio d’angolo battuto dallo stesso Cofussi, Gavin è bravissimo a lottare da terra senza perderla, servendo così Sagliocchi, che con il mancino la piazza all’angolino, lì dove questa volta De Gennaro non può arrivare. Col passare dei minuti la gara non cambia, è la Pro Patria a condurre la partita, in un match comunque fatto di lotte e di duelli più che di azioni da gol. il Seregno si sveglia sul finir di tempo, guadagnandosi un calcio di rigore con Calegari, atterrato nettamente da Galvin: nessun dubbio per il direttore di gara Santeramo, che indica il dischetto. Dagli undici metri si presenta Suatoni, che però calcia centralmente e a mezza altezza, facendosi neutralizzare da Marascio, che respinge alla sua sinistra, mantenendo inviolata la porta della Pro Patria. Dopo oltre sette minuti di recupero Santeramo manda le squadre a riposo.



Senza storia. Gli ospiti rientrano in campo con lo stesso piglio del primo tempo, decisi a calare il tris, e dopo neanche un minuto di gioco Cofussi potrebbe iscriversi al tabellino, ma il suo diagonale sinistro termina fuori, salvando la squadra di casa. Il Seregno reagisce e si riaffaccia in avanti, provandoci con il mancino di Natoli, deviato in calcio d’angolo però. Qualche minuto dopo, invece, tocca a Rossetto, che semina il panico tra le maglie del Seregno e si guadagna un calcio di punizione quasi a ridosso dell’area di rigore: alla battuta c’è sempre il mancino di Cofussi, che termina di poco sopra la traversa. Al 13’ Ieva si fa anche cacciare fuori per doppia ammonizione, dopo una reazione ai danni di Fazio: doccia freddissima per il Seregno, che con l’uomo in meno fa maggiore fatica e non riesce più a rientrare in partita. Al 20’ la Pro Patria potrebbe chiudere i giochi, ma sul cross di Garantola non riesce ad arrivarci Rossetto, fallendo l’appuntamento con la doppietta. Dieci minuti più tardi la colossale occasione da gol capita sui piedi di Fazio, che a tu per tu con De Gennaro fallisce clamorosamente, calciando a lato. Non accade altro, e la squadra di Tomasoni porta a casa i tre punti e la sua seconda vittoria del campionato.

IL TABELLINO

SEREGNO-PRO PATRIA 0-2
RETI: 13' Rossetto (P), 23' Sagliocchi (P).
SEREGNO (4-3-1-2): De Gennaro 7, Ieva 5, Molinaro 6, D'Onofrio 6 (38' st Chianese sv), D'Aquino 6 (26' st Ciapparelli sv), De Rosa Miranda 6.5, Brugora 6 (18' st Bruno 6), Suatoni 5.5 (38' st Borgonovo sv), Marelli 6 (18' st Cesana 6), Natoli 6 (26' st Re sv), Calegari 7 (38' st Varenna sv). A disp. Koco, Montoncelli. All. Robbiati 5.5.
PRO PATRIA (3-5-2): Marascio 7, Foti Rossito 6.5, Garantola 7.5 (35' st Prendi sv), Gavin 6.5, Sagliocchi 7.5, Di Coste 6.5 (6' st Miculi 6.5), Cofussi 7, Fiorella 6, Fazio 6 (35' st Zago sv), Ferrario 6 (35' st Cristofalo sv), Rossetto 7.5 (18' st Ajdarkosh 6). A disp. Bongini, Locorotondo, Brazzelli, Granai. All. Tomasoni 7.
ARBITRO: Santeramo di Monza 6.
ASSISTENTI: Cavaliere di Monza e Maggio di Monza.
AMMONITI: Ieva (S), Foti, Sagliocchi (P), Fazio (P).
ESPULSO: 13' st Ieva (S).

LE INTERVISTE

Felice a fine gara l'allenatore della Pro Patria Tomasoni, per la prestazione della sua squadra: «È stata una partita di rugby più di calcio, con un campo impraticabile. Una gara sicuramente particolare. Al di là della prestazione, che per me si fa fatica a giudicare, sono molto contento dell'atteggiamento messo in campo dai ragazzi».

Commenta così, invece, Giancarlo Robbiati, oggi chiamato a sostituire Anania in panchina: «Abbiamo giocato in un pantano incredibile, l'ha vinta chi ha sfruttato la palla lunga. Sui due gol concessi siamo stati impreparati, e sulle seconde palle sono stati più lesti di noi. Nel secondo tempo siamo rimasti anche in dieci, e sostanzialmente la gara è andata a calare di qualità e di intensità. Non conoscevo il gruppo, ma i ragazzi si sono sicuramente impegnati. La Pro Patria ha avuto qualcosa in più ed è stata più brava».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400