Cerca

Under 16

Fortitudo-Monferrato: Metti due "P" nel motore: Pampuro ispira, Pomponio nella ripresa entra, grande doppietta dopo il rigore di Turco, e per il Monferrato non c'è scampo.

Fortitudo gioca a memoria e assedia gli ospiti che, con una distinta striminzita, nel secondo tempo restano in dieci per mancanza di sostituti subendo così una inevitabile e cocente tripletta. Saccon con le sue parate limita anche i i danni.

Fortitudo-Monferrato: Metti due "P" nel motore: Pampuro ispira, Pomponio nella ripresa entra, grande  doppietta dopo il rigore di Turco, e per il Monferrato non c'è scampo.

Per essere la prima di campionato, la Fortitudo presenta subito il suo biglietto da visita che sa di volontà, forza, preparazione fisica adeguata e una rosa di tutto rispetto: coesa in difesa efficace a centro campo, bocche di fuoco da mettere a punto, almeno quelle del primo tempo. Bastano pochi minuti ai rossi del duo Spinoglio-Montessoro per prendere in mano le redini del carro e condurlo a proprio piacimento. Il Monferrato oltre alla panchina corta, a detta dell'allenatore Mimmo Laiso, è rimaneggiato per l'assenza di due presenze importanti in attacco. E non può fare altro che contenere l'esuberanza del pacchetto offensivo occimianese e tentare qualche timido contropiede, che nulla può contro il bunker rosso cavallino. Padronanza territoriale ma niente tiri nello specchio, il primo pericolo arriva dalle parti di Saccon al 18' con un secco diagonale di Turco che scheggia la traversa. Dopo cinque minuti arriva l'unica azione pericolosa da rete dei giallo blu di Laiso, con Canepari che tutto solo si fa ipnotizzare da Camillo che lo chiude con tempismo a valanga, murando il pallone che schizza lontano. Dopo due minuti arriva il gol della Fortitudo che sblocca il risultato, dopo alcuni tentativi falliti di poco, con il rigore patito da Ottone buttato giù da Singh. Esecuzione perfetta, sinistro di Turco nell'angolo destro, spiazzato completamente Saccon. In grande evidenza Pampuro che dall'inizio della gara ha scodellato a centro area tanti palloni poco sfruttati dalle punte. Infatti fino alla chiusura del tempo i due attaccanti, ben serviti dall'esterno alto inanellano una serie di conclusioni nello specchio che peccano di determinazione e anche di precisione, a volte troppo centrali, altre a mirare palo e traversa. Bernardi e Turco fautori di questi "gol mancati" a volte anche per sfortuna , soprattutto al 30' il numero 7 ed al 39' il numero 9 che scheggia il palo da buona posizione.

Cambi azzeccati

Nella ripresa l'andamento della gara si svolge sulla falsa riga del primo tempo. Spinoglio e Montessoro hanno capito che un gol é poco e correre pericoli inutili potrebbe far male. All' 11' Mancinelli dai venticinque metri di destro fa partire un tiro a giro che sfiora il sette, e pochi minuti dopo sempre allo stesso modo coglie il sette, il pallone non entra. Urge fare qualcosa, e i due allenatori lo capiscono e sostituiscono Boscain con Pomponio e Busato con Osenga, intanto esce per infortunio Torre e il Monferrato non avendo sostituti resta in dieci. Le sostituzione rosse cominciano a dare i frutti sperati, Pomponio con la sua fisicità e bravura mette in difficoltà la retroguardia gialloblu ed al 17' con un potente diagonale a mezz'altezza raddoppia facendo sparire il magone di un'improbabile pareggio, che a volte è dietro l'angolo. C'è solo una squadra in campo ed al 29' arriva la doppietta di Pomponio che di prepotenza dall'interno dell'area abbatte Saccon con una bomba respinta col corpo, sulla ribattuta non può nulla, un altro destro forte e il pallone finisce nel sacco. In chiusura di tempo in acrobazia di destro Pomponio batte a rete, sarebbe stato un eurogol, ma la traversa gli nega la tripletta. Prestazione da incorniciare con gli applausi del pubblico che, bisogna sottolinearlo, è stato molto corretto, diciamo da Otto.

IL TABELLINO

FORTITUDO-MONFERRATO 3-0
RETI: 25' Turco (F), 17' st Pomponio (F), 24' st Pomponio (F).
FORTITUDO (4-3-1-2): Camillo 6.5, Avidano 7 (33' st Massola sv), Ottone 7 (34' st Troca sv), Cellini 7, Prencisvalle 7 (20' st Cordone 6), Manca 7, Turco 7 (15' st Osenga), Busato 6.5 (7' st Mancinelli 6.5), Bernardi 6.5 (32' st Tassisto sv), Boscain 6.5 (15' st Pomponio 8), Pampuro 6.5. All. Spinoglio 7. Dir. Montessoro.
MONFERRATO (4-3-1-2): Saccon L. 7, Conio 6.5, Lainà 6 (15' Singh 6.5), Pellottieri 6.5, Temporin 6 (10' st Torre 6), Gandini 6.5, Tagliabue 6.5, Melis 6, Canepari 6 (1' st D'Amico 6.5), Saccon 6.5, Fusco 6. A disp. Perfumo. All. Laiso 6.5.
ARBITRO: Zheechu di Casale 7.5.

                                                         LE PAGELLE

Fortitudo

Camillo 6.5 Poco impegnato, ma una sola parata importante che ne fa capire le potenzialità.

Avidano 7 Non perde un contrasto, sempre attento e preciso negli anticipi. 33' st Massola sv

Ottone 7 Sicurezza nelle entrate  sa anche sganciarsi, si procura il rigore dello sblocco. 34' st Troka sv

Cellini 7 Buon filtro a centro campo sa chiudere i varchi e aprire il gioco.

Prencisvalle 7 In fase aerea non ce n'è per nessuno, prestanza fisica e collaborazione col compagno di reparto.

20' st Cordone 6 Si districa bene nei minuti che gioca.

Manca 7 Raddoppi di marcatura quando servono, non si passa.

Turco 7 Sblocca il risultato con un rigore preciso  e imparabile.

15' st Osenga 6.5 Grande collaborazione col reparto avanzato. Cross pericolosi.

Busato 6.5 Vede il gioco e sa distribuire  i palloni che gli passano.

7' Mancinelli 6.5 Movimenti intelligenti e due punizioni che diventano due pennellate, per poco non vanno in rete.

Bernardi 6.5 Crea spazi e sa farsi trovare nei passaggi corti, dovrebbe essere più freddo nelle conclusioni. 32' Tassisto sv

Boscain 6.5 Spende molte energie correndo su tutta la larghezza del centro campo.

15' st Pomponio 8 Entra e decide la gara dando sicurezza la reparto. Due gol che scacciano i fantasmi ed un terzo eurogol che la traversa gli nega.

Pampuro 7.5 Instancabile sulla fascia attacca e difende, piedi buoni e visione di gioco, unitamente ad una grande determinazione nei tackle.

All. Spinoglio 7.5 Squadra preparata a dovere in tutti i reparti, convinzione e sicurezza tattica dei suoi ragazzi.

Monferrato

Saccon  L. 7 Tre gol in cui non ha responsabilità, anzi con alcuni interventi limita i danni.

Conio 6.5 Grande sofferenza nel limitare le sfuriate di Pampuro.

Laina 6 Esce quasi subito per infortunio, sacrificandosi nei primi minuti.

15' Singh 6.5 Tanta generosità.

Pellottieri 6.5 Si districa bene in alcune situazioni difficili, ma non può fare tutto o quasi.

Temporin 6 Grande sofferenza sui continui assalti degli avversari.

10' st Torre 6 Spende bene le sue forze nei minuti in cui entra.

Gandini 6.5 Chiusure e raddoppi ma nulla può su dilagare degli attacchi occimianesi.

Tagliabue 6.5 Sulla fascia si rende a volte pericoloso ma poi viene fermato al limite dell'area.

Melis 6 Mette toppe quando serve ma non riesce a esprimere di più chiuso tra gli avversari.

Canepari 6 Non è il suo ruolo e fa quel che può, vicino al gol ma Camillo glielo nega.

1' st D'Amico 6 Giocare in dieci non è facile, copre più che attaccare.

Saccon A. 6.5 qualche buon suggerimento in avanti ma anche lui deve difendere.

Fusco 6 Poco servito e quindi anche per lui ripieghi difensivi per recuperare qualche pallone

All. Laiso 6.5 Quando la coperta è corta è difficile stabilire quale parte del corpo riparare. buone potenzialità per la sua squadra. Osso duro la Fortitudo.

                                                    Interviste

Spinoglio, all. Fortitudo: Sono molto soddisfatto per la prestazione alla prima uscita stagionale. Complimenti a tutti i ragazzi che son entrati in campo con lo stesso spirito e determinazione. Grande collaborazione e compattezza di squadra.

Laiso, all. Monferrato: Non cerco scuse, bella squadra la Fortitudo che abbiamo affrontato a viso aperto ma con l'organico ridotto all'osso per infortuni vari.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400