Cerca

Under 16

Leinì-Strambinese: La decide capitan Ballarin dal dischetto, sesta vittoria consecutiva gialloblù

Echinoppe entra e si procura il rigore, passo falso della formazione ospite, che però si rivela un'ottima squadra

Leinì Under 16

I ragazzi di Mattia Toscano che si godono il secondo posto in classifica

E' il capitano gialloblù Thomas Ballarin, dagli 11 metri, a decidere la super sfida tra Leinì e Strambinese. Era una partita importante per tutte e due le squadre, il tecnico del Leinì Mattia Toscano voleva confermare il campionato bello fatto fin qui dai suoi ragazzi e dare un segno forte ai vertici della classifica; Claudio Grosso invece voleva dimostrare che i suoi ragazzi non si ritrovano lì per caso, in quarta posizione. I presupposti per assistere ad una bella partita c’erano tutti, da una parte le giocate di capitan Ballarin e Isolato per cercare di mettere in movimento gli uomini in avanti, cosa che è riuscita solo nel secondo tempo con l’ingresso di Echinoppe, e dall’altra parte la velocità di Martusciello e Durisotti continuamente lanciati da Vanotti. I piani di gioco erano questi, cercare di muovere la palla per poi attaccare la profondità. Partita maschia, per lungo tempo dominata da una prova buona, tralasciando qualche errorino in fase di disimpegno, dei due portieri Bili e Ghiardi.

Strambinese a mille. Il campo non è nelle migliori condizioni e sicuramente questo influenza la prestazione di tutte e due le squadre, ma sicuramente a partire meglio è la squadra di capitan Durisotti, che riesce più spesso a trovare gli attaccanti e a rendersi pericolosa dalle parti di Bili. La prima occasione per la squadra in azzurro arriva al terzo minuto, quando Maxim, autore di un’ottima prestazione, lancia Durisotti che scatta verso la porta; ottimo lavoro in copertura di Bruni che controlla l’uscita sicura di Bili. I due attaccanti azzurri Durisotti e Martusciello si trovano bene, e la prima prova di ciò è all’undicesimo, quando il secondo mette la palla in profondità per il primo che solo davanti a Bili prova un pallonetto che finisce largo di poco. Serviva un episodio per sbloccare mentalmente i padroni di casa e l’episodio arriva al sedicesimo quando sugli sviluppi di un corner Bruni rischia l’autogol; Bili arriva sul pallone, lo blocca e successivamente ad una carica lo lascia entrare in porta. L’arbitro, Nizzia di Chivasso, autore di un’ottima prestazione, ravvisa il fallo e annulla così il vantaggio della Strambinese. Dopo questa occasione gli uomini di mister Toscano si svegliano e iniziano a creare occasioni a raffica. La prima al 21’ quando Stratta lascia lì la palla, Rapalino lo anticipa, ma viene fermato da una grande uscita di Ghiardi. Al 24’ entra finalmente nel gioco Schiavo, fino a lì poco coinvolto, che spizza per Mosca che da ottima posizione calcia alto sopra la traversa. L’occasione più nitida per il Leinì è al 29’, quando Ghiardi, di poco fuori dall’area si prepara per rilanciare un pallone che mal rimbalza sul non perfetto terreno di gioco del Comunale. L’effetto di questi strani rimbalzi è un liscio totale del portiere ospite, la palla finisce nei piedi di Mosca che dopo aver anticipato Rossi, calcia alto sopra la traversa. Il tema tattico di mister Grosso è chiaro, palla davanti e cercare di costruire qualcosa fra le due punte e il trequartista. Sono proprio loro tre che collezionano l’occasione migliore per la Strambinese. Siamo al 33’ quando Martusciello la tocca per Vanotti che di prima intenzione calcia di destro; un ottimo tiro che trova però una grande risposta di Bili, che poi tira un sospiro di sollievo quando Durisotti fallisce il tap-in vincente.

L’episodio che cambia la partita. In palio ci sono punti pesanti, e questo in campo si vede. La partita è molto bloccata, da una parte Bruni e Cardillo e dall’altra Aibino, Rossi e Stratta, non hanno difficoltà a gestire le folate degli attaccanti. Serve qualcosa che cambi la partita, che dia una scossa. Questa cosa la trova Toscano, che al rientro dagli spogliatoi lascia in panchina un opaco Schiavo per far entrare un decisivo Echinoppe. Da subito il numero 16 in maglia gialla fa ammattire la difesa ospite, grazie alla sua velocità e alle sue giocate spalle alla porta. La prima occasione del ragazzo neoentrato è all’8’, quando da calcio di punizione Bruni la mette in mezzo e dopo una serie di lisci Echinoppe la mette fuori di poco, dando l’illusione del gol e facendo sussultare i tifosi ospiti. La formazione in azzurro sembra essere rientrata male nel secondo tempo e per tutti i quaranta minuti crea poco o niente, se non grazie a qualche sfuriata di Durisotti. L’episodio che decide la partita è al 30’, quando Echinoppe lanciato in area viene colpevolmente steso da Tognozzi. Per l’arbitro non ci sono dubbi, è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta capitan Ballarin, che spiazza il portiere e porta in vantaggio il Leinì. La formazione ospite non trova più il guizzo per portarsi in avanti e trovare il pareggio. Mister Toscano può quindi godersi un’altra vittoria dei suoi ragazzi, che non mollano la presa.

LEINÌ-STRAMBINESE 1-0

RETE: 30' st rig. Ballarin.

LEINÌ (4-2-3-1): Bili An. 6.5, Martello 6 (40' st Rosolen sv), Zara 6 (19' st Caruso 6), Ballarin 7, Bruni 6.5, Cardillo 6, Rapalino 6 (35' st Manca sv), Isolato 6.5, Schiavo 6 (1' st Carratello 6), Mosca 6 (12' st Lacitignola 6), Matarrese 6 (1' st Echinoppe 7.5). A disp. Dibiase, Abrate, Tancorre. All. Toscano 7. Dir. Isolato - Manca.

STRAMBINESE (3-4-1-2): Ghiardi 6.5 (22' st Tognozzi 6), Ballesio 6 (8' st Ranaboldo 6), Maxim Mario 6.5 (22' st Gazzola 6), Aibino 6, Rossi 6 (28' st Morgano sv), Stratta 6 (22' st Di Nuzzo 6), Gozzano 6.5 (28' st Carreras sv), Regruto Tomalino 6, Martusciello 6 (8' st Zanna 6), Vanotti 6, Durisotti 6.5. All. Grosso 6.

ARBITRO: Nizzia di Chivasso 6.5.

AMMONITI: 17' Rapalino (L), 39' st Carratello (L).

LE PAGELLE

LEINI

Bili 6.5 Si fa trovare sempre pronto e sfoggia anche qualche ottimo intervento.

Martello 6 Su quella fascia si trova un ottimo Maxim, lo patisce all’inizio, ma poi gli prende le misure e controlla sempre bene la situazione.

Cardillo 6 In difficoltà con i tre uomini offensivi della Strambinese, ma se la cava sempre.

Bruni 6.5 E’ più lento di Martusciello e Durisotti e lo si nota, però riesce a bloccarli in ogni situazione.

Zara 6 Difende bene, ma non si spinge troppo nella trequarti avversaria, quando forse ne aveva l’occasione.

19' st Caruso 6 Non va mai in affanno e il suo compitino lo svolge molto bene.

Isolato 6.5 Non bene nella prima frazione con troppi errori tecnici, nella ripresa domina letteralmente il centrocampo correndo per dieci.

Ballarin 7 Sfoggia qualche bel lancio ed è l’autore del gol partita con un’ottima realizzazione dal dischetto.

Matarrese 6 E’ l’unico pensiero di Toscano per tutto il primo tempo. Non ingrana e il tecnico lo cambia.

1' st Echinoppe 7.5 Porta la sua squadra ad una vittoria importante, si muove bene spalle alla porta, la protegge e fa giocare i compagni. Si guadagna anche il rigore decisivo.

Mosca 6 Si muove bene dietro la punta e crea tante occasioni, ne butta però un paio clamorose.

12' st Lacitignola 6 Mostra qualche palla in verticale interessante, ma nulla di più.

Rapalino 6 Detta più volte il passaggio in profondità, ma viene servito poco; le volte in cui lo servono non riesce a rendersi pericoloso.

Schiavo 6 Non era la sua giornata, non riesce a proteggere palla e se la fa portare via troppo facilmente.

1' st Carratello 6 Si muove bene e dà una scossa alla sua squadra.

STRAMBINESE

Ghiardi 6.5 Bene tra i pali, con più di qualche intervento interessante, da rivedere con la palla fra i piedi. Dal 22’ del II t. Tognozzi 6 Commette il fallo da rigore con un’uscita così così, tra i pali se la cava bene.

Albino 6 Vittima di una difesa un po' pasticciona e pericolante, fa poco per cambiare il trend.

Stratta 6 Il migliore dei tre dietro con più di un intervento decisivo, anche lui in difficoltà con la palla nei piedi.

22' st Di Nuzzo 6 Viene messo per cercare di cambiare la partita, ma non sortisce a pieno l’effetto desiderato.

Rossi 6 Non brillantissimo in fase di impostazione.

Ballesio 6 Con il gioco che non si sviluppa troppo sulle fasce non è tanto impegnato, non fa errori, ma non fa nulla di eclatante.

8' st Ranaboldo 6.5 Va spesso sul fondo con ottimi dribbling, ma gli manca l’ultimo passaggio.

Regruto 6 Sufficiente la sua prestazione in mezzo al campo, va in difficoltà quando il suo dirimpettaio sale in cattedra.

Gozzano 6.5 E’ uno dei pochi a crederci veramente fino alla fine, ma le sue energie non sono dalla sua parte e ad un certo punto perde lucidità.

Maxim 6.5 Migliore dei suoi per gran parte del tempo, la scivolata è il suo habitat e fa grandi chiusure con questo mezzo.

22' st Gazzola 6 La sua prestazione non fa discutere, non lo si vede tanto, sia nel bene che nel male.

Vanotti 6 Dei tre avanti della formazione azzurra è quello che deve lanciare gli altri, non sempre ci riesce e appare troppo nervoso in certe occasioni.

Durisotti 6.5 Corre tanto e bene, più volte scappa alla retroguardia avversaria, ma non riesce mai a finalizzare.

Martusciello 6 Numero 9 atipico, veloce e si muove tanto, manca però un punto di riferimento là davanti.

8' st Zanna 6 Poco pericoloso e mai nel vivo dell’azione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400