Cerca

Under 16

Pro Collegno-Venaus 10-1: La "decima" della capolista, sblocca Gonzales, tripletta Andreotti

I rossoblù la chiudono già nel primo tempo, i valsusini restano senza portiere e in dieci per mancanza di cambi in panchina

Pro Collegno Under 16

Gonzales, Fulgori, Finotti, Gerace e Andreotti festeggiano la decima vittoria (foto Cassarà)

Dieci come nessuno, a Torino. La Pro Collegno è l'unica squadra della categoria ad averle vinte tutte, i rossoblù celebrano la "decima" con altrettanti gol, anche per scrollarsi di dosso l'etichetta della squadra cinica e pragmatica che vince sempre di misura con il minimo sforzo, vanno in rete sette giocatori diversi, quattro dei quali (Bellino, D'Atri, Canavesi e Bozza) per la prima volta in questa stagione, a testimonianza della compattezza dell'organico a disposizione del giovane tecnico Claudio De Chirico e del suo mentore Francesco Ottembrini. Solo applausi per il Venaus, sbarcato in via antica di Rivoli con solo 12 giocatori effettivi, perdendo dopo mezz'ora per infortunio l'unico portiere Ludovico Romano, i sostenitori valsusini in tribuna hanno esultato come se avessero vinto al gol della bandiera siglato da Nicolò Reynaud. «Gia era difficile affrontare la Pro Collegno - spiga a fine partita il tecnico del Venaus, Alberto Geremia (classe '86) -, dopo aver perso Ludovico tra i pali e aver giocato 50' con un giocatore di movimento tra i pali, siamo rimasti anche in dieci senza cambi a disposizione per l'infortunio a Enrietta. Davvero sfortunati».

La Pro Collegno fa la voce grossa dal primo minuto, Fulgori servito da Bozza spara alto un buon pallone, come contro la Torinese la sblocca subito Jacopo Gonzales, giocatore che sta avendo un impatto fondamentale sul cammino dei rossoblù: rasoterra di destro dal limite dell'area e palla nell'angolino basso dove Romano non può arrivare. Il Venaus gioca con la difesa a tre, in cui il più piccolo, Gabriel Arietti, dirige le operazioni, a centrocampo spicca Alessandro Caffo, uno dei cinque 2007 in campo per la squadra di Alberto Geremia. In mediana però la comandano Gonzales, Andreotti e Canavesi, che azionano gli esterni propulsivi D'Atri e Finotti. Il raddoppio della Pro Collegno arriva da un'invenzione di Lorenzo Andreotti, defilato sulla destra fa partire un tiro che scavalca Romano e si infila in porta. Il numero 1 del Venaus accusa un primo acciacco e viene soccorso dalla panchina, alza bandiera bianca quando deve raccogliere in fondo al sacco un tiro non irresistibile di capitan Bellino, al suo primo centro stagionale. Tra i pali del Venaus va Luca Andreani, giocatore di movimento, incoraggiato a gran voce dallo spensierato pubblico valsusino. Il nuovo portiere ospite riesce anche a intuire ma non a respingere il rigore battuto da Edoardo Bozza prima del riposo, tiro secco e angolato, che passa dalla stessa mattonella trovata da Gonzales in occasione del primo gol. L'unico tiro in porta del Venaus, anche pericoloso, era arrivato da un calcio di punizione battuto direttamente in porta da quasi 30 metri da Reynaud (altro 2007) e controllato in due tempi da Dughera. Il rigore per la Pro Collegno se l'era procurato Diego D'Atri che subito dopo aveva colpito anche la parte alta della traversa. Il numero 7 della Pro Collegno cerca con insistenza la prima gioia personale e la trova al 7' della ripresa, fiondandosi su una palla vagante in area del Venaus dopo un lungo batti e ribatti e un salvataggio di Nucera sulla linea di porta. C'è gloria anche per la bomba terra aria di Fabio Canavesi, poi il gol della bandiera del Venaus: tiro dalla bandierina di Enrietta, ben appostato c'è il numero 2 Reynaud che trova lo spiraglio tra secondo palo e portiere, esultanza e i giocatori del Venaus portano la palla al centro, memori degli incitamenti di Geremia dalla panchina nel primo tempo «non abbiamo nulla da perdere, giochiamocela comunque». Gli ospiti restano anche in dieci per infortunio a Enrietta e senza cambi, la Pro Collegno si sfoga andando a rete altre quattro volte, due con Andreotti e due con Tommy Fierro.

IL TABELLINO

PRO COLLEGNO-VENAUS 10-1

RETI (6-0, 6-1, 10-1): 5' Gonzales (P), 18' Andreotti (P), 30' Bellino (P), 40' rig. Bozza (P), 7' st D'Atri (P), 21' st Canavesi (P), 23' st Reynaud (V), 24' st Andreotti (P), 32' st Fierro (P), 34' st Andreotti (P), 37' st Fierro (P).

PRO COLLEGNO (4-4-1-1): Dughera 6, Bozza 7 (6' st Pili 6.5), Di Noia 7, Gonzales 7 (6' st Chiribau 7), Gerace 6.5, Bellino 7, D'Atri 7 (10' st Vespa 6.5), Canavesi 7.5, Fulgori 6.5 (15' st Fierro 7), Andreotti 7.5, Finotti 6.5 (10' st Balboni 6.5). A disp. Quitadamo. All. De Chirico - Ottembrini 7.

VENAUS (3-5-2): Romano 6 (31' Andreani 6), Reynaud 7, Nucera 6.5, Arietti 7, Clerico 6, Enrietta 6, Laidelli 6, Caffo 6.5, Bonincontro 6.5, Croletto 6, Soravito 6. All. Geremia 6.5. Dir. Davì - Caffo.

ARBITRO: Manuel Georges Elombat di Torino 6.5.

AMMONITI: 28' Bozza (P), 27' st Andreotti (P).

NOTE: Angoli 11-1.

LE PAGELLE

PRO COLLEGNO

Dughera 6 Deve respingere solo una punizione di Reynaud, lo stesso che poi sul secondo palo segnerà il gol della bandiera per il Venaus.

Bozza 7 Spende subito il cartellino e a un certo punto rischia anche il secondo giallo per una trattenuta di maglia, interpreta però il ruolo con autorità, la stessa con cui trasforma il rigore del 4-0 prima del riposo.

6' st Pili 6.5 Idolo della curva che lo incita a gran voce, invocando una sua rete, lui si butta in avanti e spinge tanto.

Di Noia 7 Tecnico e vivace, dal suo lato non lascia passare praticamente nulla.

Gonzales 7 In grandissima forma, ancora una volta la sblocca lui con un tiro dalla distanza, a centrocampo le prende tutte.

6' st Chiribau 7 Libero da marcature perché schierato a centrocampo, può dare sfogo alla sua vocazione di impostazione della manovra. Pennella il calcio d'angolo per il primo gol di Fierro.

Gerace 6.5 La sua duttilità in difesa fa molto comodo alla squadra, stavolta gioca da centrale e partecipa tanto all'azione.

Bellino 7 Marcatura asfissiante su Croletto, la punta del Venaus, con un tiro velleitario da 25 metri trova anche il primo gol personale in campionato.

D'Atri 7 Ottima prestazione, colpisce una traversa, si prende il rigore e si toglie la soddisfazione del gol. Anche per lui il primo stagionale.

10' st Vespa 6.5 Il solito contributo in zona offensiva con tanti traversoni.

Canavesi 7.5 Altro giocatore che sta attraversando uno stato di forma eccellente, oltre al doppio lavoro a centrocampo segna con una bomba dai 22 metri.

Fulgori 6.5 Era quello che stava segnando di più ultimamente, cerca con caparbietà il gol, non gli arriva la palla giusta.

15' st Fierro 7 Timbra una doppietta che gli dà un'iniezione di fiducia, bellissimo lo stacco di testa dell'8-1.

Andreotti 7.5 Un gol impossibile, il primo, nel finale arrotonda il punteggio per la sua tripletta personale che lo proietta a quota 9 in classifica marcatori, lascia tirare il rigore a Bozza.

Finotti 6.5 Grande spinta sulla corsia di sinistra dove sfonda fin dai primi minuti, va anche al tiro più volte.

10' st Balboni 6.5 Supporta la manovra offensiva con tante giocate, bello l'abbraccio con cui va a festeggiare le rete di Canavesi.

All. De Chirico 7  Mentalità vincente, utilizza bene tutti gli effettivi che a disposizione, dieci su dieci con grande merito.

VENAUS

Romano 6 Fa anche un paio di buoni interventi, si fa male e ne risente il suo intervento sul tiro di Bellino, si arrende e chiede il cambio.

31' Andreani 6 Quasi un eroe, si alza dalla panchina per mettersi indosso la maglia di Romano e difendere la porta del Venaus al cospetto della capolista, sospinto dagli incitamenti non sfigura neanche.

Reynaud 7 A conti fatti è l'autore degli unici due tiri nello specchio della porta del Venaus, uno respinto, uno finisce in rete.

Nucera 6.5 In fase di spinta non trova spazi, in contenimento può vantare un salvataggio sulla linea di porta.

Arietti 7 Il migliore dei suoi, gioca centrale difensivo e mette tante di quelle pezze nonostante il passivo pesante.

Clerico 6 Corre e lotta in mezzo al campo tra i giganti della Pro Collegno.

Enrietta 6 Esterno a destra, si propone spesso sulla sua corsia dove però trova fiera opposizione da parte di Di Noia.

Laidelli 6 Anche lui a livello di generosità non demerita.

Caffo 6.5 Ha il numero 10 sulle spalle ed è un 2007, combatte come un leone e fa vedere anche delle belle giocate.

Bonincontro 6.5 Parte da seconda punta a supporto di Croletto, indietreggia il suo raggio d'azione per forza di cose e va a pressare la Pro Collegno in ogni parte del campo.

Croletto 6 Ha il fiato di Bellino sul collo, non riesce mai a scrollarselo di dosso, tantomeno ad arrivare al tiro, lo tiene però impegnato per tutta la partita.

Soravito 6 Centrale di sinistra in difesa, fronteggia D'Atri che ha un passo diverso dal suo, cercando di contenerlo.

All. Geremia 6.5  La squadra combatte fino all'ultimo minuto tra tante difficoltà che si moltiplicano nell'arco degli 80 minuti e questo è un aspetto molto positivo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400