Cerca

Under 16

I tre moschettieri, Armano, Castellano e Gay fanno tavola rotonda

Delizie e gol consegnano la vittoria all'Asca contro un generoso e rimaneggiato Bergamasco della stella Sakhi Amine

Armano Under 16

Armano, stella dell'Asca Under 16

Poche speranze, anzi pochissime, per il Bergamasco che si è presentata in quel di Piovera con una panchina molto risicata (un solo giocatore in panchina) contro una squadra che, con questa vittoria, balza al terzo posto in classifica alle spalle delle irraggiungibili, o quasi, Turricola  e Fortitudo. I padroni di casa si schierano con un 4-3-3 che spesso diventa un 2-3-5 con la spinta sulla fasce degli scatenati Hammouda a destra e Guglielmi (detto Bambu) a sinistra. La manovra avvolgente dei padroni di casa mette subito in difficoltà i viola di Rispoli che, benché chiusi a riccio, con una sola punta, cinque centrocampisti e quattro difensori non riescono a contenere la spinta veemente degli alessandrini. E così, nonostante la buona volontà e la determinazione a combattere su ogni pallone, tutta la gara seguirà questi binari e un destino segnato sin dall'inizio. Il solo Sakhi non può bastare, corre dal limite di un'area all'altra per tutta la gara, sfiorando in varie occasioni di andare a rete, ma arrivando sempre troppo stanco, solo e accerchiato almeno da tre avversari nei metri finali. Permettendosi addirittura, nei minuti finali di togliere dalla porta, evitando il quarto gol, un pallone di testa sul tiro cross dai 30 metri di Armano. Quest'ultimo, altro mattatore, sul fronte opposto, della partita. Dai suoi piedi partono tanti suggerimenti per i compagni avanzati e non ultimo ha anche il merito di aver aperto la strada alla vittoria finale col suo gol. 

Maestra sul piedi stallo E' subito Asca, sin dai primi minuti, a dirigere la musica e suonare le giuste note che addormentano il Bergamasco. Bastano, infatti, solo cinque minuti e i locali vanno in vantaggio: servito al limite dell'area, Armano arpiona la palla, ipnotizza due avversari e con un sinistro chirurgico infila l'angolino basso a sinistra di Hanoune che resta impietrito. Trascorrono tre minuti e a raddoppiare ci prova Salierno, su assist di Gay, che in audace spaccata di destro trova ben piazzato  l'estremo difensore che blocca sicuro. Al quarto d'ora arriva il raddoppio di Castellano, il quale intercetta il pallone al limite dell'area, su rinvio difensivo, e senza pensarci due volte di piatto lo indirizza nel sette a sinistra di Hanouone. Al 22' c'è lavoro per Ravelli che deve intervenire in tuffo a fil di palo sulla botta da fuori area di Barbin. Due minuti dopo Abid ha sul sinistro il pallone per accorciare, ma al momento del tiro Bognanni recupera e lo mura. Ghiotta occasione, al 28', per Sabli che a pochi metri dalla porta spara alto. Il tempo scorre senza particolari pericoli per entrambi i portieri ma con possesso palla dell'Asca che non ne vuol sapere di mollare la presa.

Immutabile spartito A meno di miracoli che non arrivano la gara continua così come era finita nella prima frazione di gioco, i ragazzi di Caria vogliono il terzo gol per mettere in cassaforte il capitale. E così al primo minuto Salierno, più assistman che goleador, taglia una gran palla sulla destra per Gay che salta un avversario e spara sul portiere che in due tempi neutralizza. L'attaccante di casa "ingrifato" cerca il gol, ma il suo diagonale forte e teso, dopo un bel dribbling, finisce sull'estero della rete. Al 6' Sakhi mette in vetrina i suoi prodotti, velocità e destrezza nel gestire il pallone, partito da destra pianta in asso due avversari e lascia partire un fendente che attraversa tutto lo specchio terminando la sua corsa sul fondo a fil di palo. Lo stesso giocatore vince, all'11', un contrasto in mezzo al campo e senza indugi se ne va fino all'area di rigore, dove però trova Hammouda che dalla fascia destra lo intercetta e gli porta via la palla. Insistente e determinata, rinvigorita a centro campo dall'entrata di Camillo, al 19' l'Asca porta a tre le reti con un bello scambio tra Armano e Salierno il quale si gira e indirizza forte su Hanoune che respinge corto; più lesto di tutti arriva Gay che fa tris. A questo punto Caria, giustamente, opera sei sostituzioni dando spazio alla lunga panchina di cui dispone. Ma ormai paga del risultato l'Asca affonda, ma senza più cattiveria. L'ultima bella azione la regala Sakhi che al 31' prima salva sulla linea respingendo di testa una bordata da fuori area di Armano, e poi rincorrendo la stessa palla se la porta a zonzo a grande velocità verso la porta avversaria. Forse è la volta buona, macché! Al limite dell'area due difensori lo bloccano, anche perché il giocatore arriva sfinito, troppo solo. Remi in barca negli ultimi dieci minuti con tanta accademia.


IL TABELLINO

Asca-Bergamasco 3-0
RETI: 5' Armano (A), 15' Castellano (A), 19' st Gay (A).
ASCA (4-3-3): Ravelli 6.5, Bognanni 7, Guglielmi 7 (26' st Venieri 6), Hammouda 7 (20' st Monfredini 6), Sabli 6.5 (20' st Pavanello 6), Castellano 7 (15' st Camillo 6.5), Girardengo 6.5, Armano 7.5, Salierno 6.5 (23' st Mamouni 6), Ilardo 6 (10' st Ivaldi 6), Gay 7. A disp. Gatti, Buzzi. All. Caria 7.
BERGAMASCO (4-5-1): Hanoune M. 6.5, Shakaj 6.5, Gonzalez 6, Giunta 6, Barbin 6.5, Hanoune N. 6.5, Mouadny 6, Aggoub 6, Addich 6 (20' st Ercole 6), Sakhi 7, Abid 6. All. Rispoli 6.
ARBITRO: Lamnaouar di Alessandria 6.5.


LE PAGELLE

Asca

Ravelli 6.5 Una sola parata, ma importante nel momento in cui gli avversari avrebbero accorciato.

Bognanni 7 Sicurezza e tempismo nei contrasti, in due occasioni sul velenoso Sakhi.

Guglielmi 7 Uno stantuffo sulla fascia sinistra nel fermare palloni e nel loro smistamento in avanti. 

23' st  Mamouni 6 Poco lavoro per la sua squadra sempre in attacco.

Hammouda 7 Sulla fascia destra iniziative personali sempre efficaci e proficue. 

20' st Monfredini 6 Sulla falsa riga del compagno di reparto si limita a controllare la fascia.

Sabli 6.5 Recuperi e raddoppi le sue armi migliori, spreca una buona occasione per segnare.

20' st Pavanello 6 Nei minuti restanti non fa rimpiangere il compagno.

Castellano 7 Al 15' del primo tempo si prende il lusso di sganciarsi e andare a fare il gol del raddoppio.

15' st Camillo 6.5 Non fa rimpiangere Castellano dando nuova linfa e spinta a centrocampo.

Girardengo 6.5 Fa buona guardia e filtro davanti alla difesa, spendendo molte energie.

Armano 7.5 Buona tecnica individuale nel controllo e nel tiro. Sa dribblare, anche sin troppo, quando invece dovrebbe servire i compagni.

Salierno 6.5 Gara intelligente sia in aiuto ai compagni che nel proporsi come punto di riferimento in attacco.

23' st Mamouni 6 Svolge con equilibrio i minuti a fine gara.

Ilardo 6 E' il primo ad essere sostituito, forse non stava bene! In effetti si è mosso pochissimo da esterno alto. 

10' st  Ivaldi 6 Spinta e verve in attacco.

Gay 7 Buoni inserimenti sulla estrema sinistra conditi dal gol del tre a zero.

All. Caria 7 Squadra preparata a puntino per la ripresa giusta dopo il lungo periodo di sospensione.


Bergamasco 

Hanoune M. 6.5 Tre gol imparabili ma anche parate che limitano i danni. Gli avversari arrivavano da tutte le parti.

Shakaj 6.5 Sottoposto a bombardamento si difende con le unghie e con i denti.

Gonzalez 6 Qualche incertezza nei contrasti ne limitano il rendimento.

Giunta 6 Nella zona centrale dell'area mostra alcune incertezze.

Barbin 6.5 Non si limita sol a compiti difensivi ma appena può si sgancia rendendosi pericoloso.

Hanoune N. 6.5 In molte occasioni ultimo baluardo a limitare i danni a centro area.

Mouadny 6 Copre in difesa sotto la spinta degli avversari. difficile impostare il gioco.

Aggoub 6 Nella morsa avversaria riesce solo a difendere e filtrare, quando ci riesce.

Addich 6 Col numero nove ma schierato sulla sinistra con compiti di copertura sulla fascia.

20' st Ercole 6 Di nome mano di fatto, fisico asciutto e mingherlino ma pieno di grinta.

Sakhi 7 Un vero atleta per capacità atletiche, ma anche tanta personalità nella gestione dei pochi palloni giocati. Passo di classe superiore.

Abid 6 Di poco aiuto, anche lui, al compagno di reparto Sakhi. Solo tanta difesa.

All. Rispoli 6 Sotto il profilo della determinazione la sua squadra ha dato tanto. la panchina è troppo corta.


LE INTERVISTE

Mohamed Sakhi, attaccante Bergamasco: «Ce l'ho messa tutta, me la sono giocata fino all'ultimo, ma non sono riuscito ad andare in gol. Peccato».

Filippo Armano, attaccante Asca: «Abbiamo giocato una bella gara e ci siamo meritati questa vittoria. Dovrò migliorare sul piano collaborativo distribuendo più palloni ai miei compagni attaccanti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400