Cerca

Under 16

Colpi di genio e giocate "calienti", la decide il capitano di testa all'ultimo minuto

Il destro di Amadio mette in difficoltà i viola che agguantano 3 punti pesanti in chiave secondo posto

Luca Barone Cenisia Under 16

Luca Barone, difensore centrale e capitano del Cenisia Under 16

E' successo di tutto in via Revello! Colpi di genio e catastrofici errori difensivi conducono il match tra Cenisia e Barracuda sul risultato di 3-2 con i padroni di casa che agguantano la vittoria allo scadere, grazie alla svettata aerea di capitan Barone, che tocca il cielo e regala ai suoi una preziosa vittoria consolidatrice della seconda posizione.

I viola vanno in vantaggio con il piattone radente di Corrarati, rapace nell' approfittare del disastro in disimpegno di Petrencic, per poi farsi recuperare pochi minuti più tardi dalla fiammata di Amadio, il quale, ringrazia la dormiveglia difensiva del Ceni e buca con freddezza la porta difesa da Carantoni. La seconda frazione si apre con il gioiello su punizione disegnato dal delicato mancino di Grande, replicato ancora una volta dal destro "caliente" di Amadio che decide di mettere sotto al sette un calcio piazzato dai 25 metri. La caparbietà del Barracuda si genuflette dinanzi all'impetuoso stacco di Barone che, all'ultimo minuto regolamentare, mette le molle sotto i tacchetti e regala i 3 punti ai suoi.

I ragazzi di  Tabarrani si presentano con un atipico 3-5-2 al quale risponde il 4-4-2 insidioso dei rossoblu del Barracuda; lo stile di gioco offerto dalle due compagini è simile: spinta sulle fasce e duetto offensivo con costanti movimenti ad elastico che mandano in difficoltà ambedue le retroguardie. I primi minuti di gioco sono tinti di viola con  i padroni di casa mettono in difficoltà i ragazzi di Barberi, grazie alla spinta di Actis e Grande sulle fasce, abili nel creare superiorità e panico negli ospiti che vacillano anche per vie centrali a causa dell'intelligenza calcistica di Di Stefano che, con le sue sponde illuminanti, crea varchi per gli incursori.

Il primo evento significativo coincide con il vantaggio dei padroni di casa: al minuto numero 16, Petrentic pasticcia in disimpegno facendosi sottrarre ingenuamente la sfera da Actis che, recupera con grande cinismo, per poi porgerla a Di Stefano; il nove è  svelto nel servire con assoluto altruismo Corrarati il quale, a tu per tu con Bonora, ringrazia il suo compagno di reparto e porta in vantaggio i viola.

Il gol del Cenisia scuote gli animi dei rossoblu, che alzano il baricentro e si fanno spazio nella metà campo avversaria grazie alle incursioni palla al piede di capitan Daniele Amo e alle giocate soliste di bomber Chaouay; il Barracuda non riesce mai a superare il muro difensivo composto dai triumviri Barone-De Marco-Testore  fino allo scoccare del 30' minuto quando, dopo una clamorosa incomprensione tra Barone e Testore, la sfera giunge sul destro affilato di Amadio che diviene una stalattite davanti al portiere e ristabilisce il punteggio di parità.

La prima frazione si chiude sul risultato di 1-1, con gli ospiti sulle ali dell'entusiasmo e i viola in difficoltà a mettere il muso nella metà campo dei rossoblu. Dopo i quindici minuti di break ,il Cenisia, entra con un appiglio decisamente differente rispetto agli ultimi minuti del primo tempo e dopo soli sette giri di lancette si ritrova nuovamente in vantaggio grazie al dolce mancino di Grande che, dal limite dell'area, colpisce delicatamente e indirizza sotto al sette un calcio piazzato defilato; il 20 viola confeziona un vero e proprio colpo di genio che tarpa le ali all'entusiasmo degli ospiti e riporta in vantaggio i suoi.

Verso la metà della seconda frazione, la pioggia diviene sempre più impetuosa e le squadre si allungano drasticamente. Il Barracuda non ci sta e prova in tutti i modi a riagguantare il pareggio. I padroni di casa tremano quando Chaouay ci prova con un piazzato da fuori che vede la drastica ed attenta risposta di Carantoni; il destro del 9 suona  la carica agli ospiti che  si catapultano ulteriormente  in avanti e vengono premiati al 33' grazie al gioiello di Amadio: il dieci sprigiona un destro su punizione che si trasforma in opera d'arte tra l'intersezione dei due legni. I rossoblu si riappendono al pareggio ad appena sette minuti dalla fine ed il ceni vede scivolare il secondo posto sul quale è labilmente stanziato.

Ma i viola non ci stanno, vogliono a tutti i costi la vittoria e la ottengono lottando fino all'ultimo respiro! Il gol decisivo porta la firma di capitan Barone che, dopo una partita di insolite sbavature, trova la forza di andare a sfiorare il cielo con la lunga criniera e colpisce con cattiveria la sfera che prende in controtempo Bonora; l'estremo difensore  può soltanto osservare l'inesorabile rimbalzo che conduce la sfera in gol.

Improvvisamente il Cenisia è in festa ed il Barracuda è piegato sul suolo bagnato; questa partita ha racchiuso all'unisono la crudeltà e bellezza che caratterizzano il calcio conferendo l'amara beffa agli ospiti  e la clamorosa vittoria ai viola che consolidano la seconda posizione.   

IL TABELLINO

CENISIA-BARRACUDA 3-2
RETI (1-0, 1-1, 2-1, 2-2, 3-2): 16' Corrarati (C), 30' Amadio (B), 7' st Grande (C), 33' st Amadio (B), 40' st Barone (C).
CENISIA (3-5-2): Carantoni 7, Actis 7, De Marco Mathias 7 (27' st Siccardi 6.5), Stefanucci 7, Testore 6.5 (35' st Mocciola sv), Barone 7.5, Grande 7 (16' st Munteanu 7), Tripepi 6.5 (12' st Aluisio 6.5), Di Stefano 7 (1' st Beggi 7), Giacoletto 6.5, Corrarati 7 (21' st Losito 6.5). All. Tabarrani 7.5. Dir. Aluisio - Stefanucci.
BARRACUDA (4-4-2): Bonora 6.5, Palermo 6 (32' st El Anbar sv), Petrencic 6.5, Basso 6.5 (27' st Haissouf 6), Matees 6.5 (41' st Buhus sv), Uzoetoh 6, Ovia 6.5, Amo 7, Chaouay 6.5, Amadio 7.5, Bergamo 6 (1' st Chiapperini 6.5). A disp. Gioacas, Ravera, Milia. All. Barberi 6.5. Dir. Palermo.
ARBITRO: Michele Ianzano di Torino 7.

LE PAGELLE

CENISIA
Carantoni 7 Conferisce sicurezza con la sua abilità con i piedi, bravo a respingere il piazzato di Chaouay; buona prestazione.

Actis 7 Fondamentale in occasione del gol del vantaggio iniziale, non si ferma mai e riesce ad essere lucido in ogni sua scelta: imprescindibile.

De Marco Mathias 7 Attento e preciso, oggi quasi mai fuori posizione. Si fa valere anche con le sue folate palla al piede che spaccano in due il Barracuda.

27' st Siccardi 6.5 Dà il suo contributo in copertura.

Stefanucci 7 E' il fulcro del gioco, dà geometrie ed intensità; lotta con il gigante Amo senza mai tirarsi indietro.

Testore 6.5 Sbava in occasione del primo gol di Amadio e  volte pecca di attenzione ma nel complesso lavora bene con i tre dietro. Buona gestione del pallone nel gioco dalle retrovie.

35' st Mocciola sv

Barone 7.5 Con il suo carisma e fair play si differenzia dagli altri; oggi è artefice di un grande errore che porta al pareggio ospite ma si riprende con lo stacco imperioso che porta i tre punti ai suoi. Chapeau!

Grande 7 Inizia bene con grande spinta e buoni spunti individuali per poi spegnersi gradualmente. Rientra prepotentemente nel match con una magica punizione sotto al 7...una delizia per gli occhi di tutti!

16' st Munteanu 7 Macina km e da il suo contributo alla vittoria.

Tripepi 6.5 Si muove nell'ombra per coprire le linee di passaggio e chiudere gli spazi in mezzo al campo.

12' st Aluisio 6.5 Non trova spazio in mezzo alla trafficata mediana.

Di Stefano 7 Prezioso con le sua generosità per la squadra. Trova un assist intelligente per Corrorati, buona prestazione.

1' st Beggi 7 La sua velocità è indice di panico per ogni retroguardia. E' pericoloso in un paio di circostanze ma non trova la gloria.

Giacoletto 6.5 Luci ed ombre, lega bene il gioco ma spesso sbava tatticamente e lascia il via libera alle folate di Amo.

Corrarati 7 Duetta bene con Di Stefano, si sacrifica e trova la rete: partita da attaccante completo.

21' st Losito 6.5 Lotta e fa a sportellate.

All. Tabarrani 7.5 Agguanta una vittoria sofferta  pur avendo tante importanti pedine fuori per infortuni. Trasmette grinta e determinazione che permettono ai suoi di festeggiare la vittoria all'ultimo respiro, ottima prestazione e secondo posto al sicuro (per adesso)!

BARRACUDA

Bonora 6.5 Può fare poco in occasione di tutti e tre i gol, sventa un paio di insidie e suona la carica ai suoi. Fa il possibile.

Palermo 6 Spinge poco, oggi la priorità era difendersi a denti serrati. Discreta prestazione.

Petrencic 6.5 Grave errore in occasione del primo vantaggio viola ma si riprende con il passare dei minuti , oggi macina km  e si difende bene. Buona prova.

Basso 6.5  Fa da diga in mezzo al campo, non lascia scoperte le linee di passaggio e lotta fino all'ultimo minuto della sua partita.

27' st Haissouf 6 Fa il suo nei minuti finali.

Matees 6.5 Domina il cielo nelle palle aeree ma volte sbava in disimpegno palla al piede. E' attento e non perde mai la posizione.

Uzoetoh 6 Spesso perde la posizione ma compensa con il suo grande atletismo affiancato dalla maestosa fisicità. Ha ottimo potenziale.

Ovia 6.5  Entra ed esce dal gioco, ma quando è nel vivo dell'azione è pericoloso con la sua velocità e fantasia.

Amo 7 Domina il centrocampo con le sue folate palla al piede. Ha tecnica, fisicità e visione ma pecca di continuità: oggi grande prestazione. 

Chaouay 6.5 Si accende e si spegne, ma quando il tasto è on fa il bello ed il cattivo tempo. Può portarsi a spasso intere difese.

Amadio 7.5 Leader indiscusso dell'offensiva rossoblù. Ne fa due ed il secondo è da applausi: ottima prestazione tecnica e carismatica.

Bergamo 6 Non sempre nel vivo del gioco nel primo tempo, fa staffetta con Chiapperini.

1' st Chiapperini 6.5 Secondo tempo di gran sacrificio, corre in copertura e spinge quando può.

All. Barberi 6.5 Nonostante la sconfitta è stata una grande prova di squadra, i suoi non si sono mai tirati indietro; adesso testa ai prossimi impegni!

Dir: Michele Ianzano di Torino 7 E' deciso e non interrompe esageratamente il gioco garantendo una buona fluidità; buona prestazione!

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400