Cerca

Under 16

La coppia più bella del mondo: Pomponio e Pampuro portano sulla cima più alta la Fortitudo

Non c'è scampo per il Turricola, benché si batta con coraggio e grinta, sebbene di misura, viene sconfitta da un'inarrestabile Fortitudo

La coppia più bella del mondo: Pomponio e Pampuro portano sulla cima più alta la Fortitudo

La festa della Fortitudo per la vittoria del campionato

Una vera festa dello sport al "Don Dante " di Borgo San Martino! Un pubblico inverosimile per numero e passionalità. Almeno in trecento e più si sono accalcati sulle tribune per applaudire la Fortitudo ed il Turricola, che hanno dato spettacolo durante tutto il campionato ed anche in questa gara si sono affrontate a viso aperto, ma soprattutto  senza cattiverie. Mai facinoroso ma sempre gioiosamente acclamante, uno spettacolo che si vorrebbe sempre vedere sugli spalti. Una cornice veramente degna di questo derby che, benché predestinato, ha ripagato gli spettatori paganti e non. Infatti tantissimi ragazzi e ragazze tra i 15 e 18 anni, amici anche di scuola, sono accorsi in questo bellissimo pomeriggio di sole ad applaudire i propri beniamini. La Fortitudo esce, così, vittoriosa dal terreno di gioco senza strafare, concedendo agli avversari l'onore delle armi. Comunque anche una vittoria dei padroni di casa avrebbe, forse, rimandato la festa perché i punti che dividono le due squadre sono tanti. Ma i ragazzi del duo Montessoro-Spinoglio hanno voluto alleviare i patemi e le paure sia degli allenatori che di tutti i genitori e "genitrici" presenti alla gara. Entrare nei dettagli tecnici e tattici della gara dopo che si è dominato un campionato con una sola sconfitta ed un pari risulta un dettaglio sterile ed inutile, ci sarà tempo per farlo alla fine delle tre giornate che restano. In questa gara hanno giocato le emozioni, la passione, e la genuinità giovanile per concludere una volata iniziata venti gare fa. Non fanno testo i tre cartellini rossi comminati da Zarrilli, arrivati tutti alla fine della gara, a parte quello su calcio di rigore al 30' della ripresa.

Pomponio in "primis" Ai blocchi di partenza si nota subito che muscoli e nervi dei padroni di casa rispondo meno di quanto  non lo facciano quelli degli avversari. Che, chiaramente, sentono sì il peso della gara, ma sono consapevoli che quantunque andasse male dovrebbero fare un punto nelle tre gare restanti. Il Turricola, invece, spera sempre, finché la matematica non li condanna, in una improbabile rimonta. Forse, chissà! Il primo tiro in porta  lo confeziona Chornyavskyy su disimpegno difensivo, al 5', ma troppo lento e centrale è facile preda delle braccia di Camillo. Scampato il pericolo sale in cattedra la Fortitudo che attacca in blocco compatta, alzando molto il baricentro della squadra. Artefice di questa strategia è sicuramente Pomponio che si prodiga sia in fase offensiva che in fase di recupero palloni. Ben coadiuvato da tutti i compagni, Pampuro, Rizzi, e Turco tra i più attivi. Vari tentativi e tiri in porta si susseguono per almeno mezz'ora spesso vanificati dalla bravura di Fabris e dai suoi compagni, molto attenti, per esempio Piano e Balocco. Non al massimo della forma Montiglio che sin dalle prime battute appare impacciato nelle ripartenze. Il vantaggio degli ospiti arriva al 36' su angolo da destra battuto con precisione millimetrica da Mancinelli per la testa di Pomponio che gira in rete con prepotenza e precisione tra un nugolo di avversari.

Pampuro in "secundis" La ripresa vede una leggera reazione dei padroni di casa. Ma gli ospiti non vogliono correre pericoli e consci di ciò rimangono guardinghi nella loro metà campo, pronti a ripartire ed approfittare dello sbilanciamento offensivo degli avversari. La prima palla gol, comunque, se la procura Pomponio che cerca una prodezza di sinistro dalla tre quarti, ma il suo sinistro lambisce l'incrocio e si perde sul fondo. Al 16' una ghiotta occasione sui piedi di Corona non trova la giusta conclusione: l'attaccante sfugge alla guardia dei difensori centrali ed entra in area leggermente sbilanciato dall'intervento di Manca, perde così l'attimo fuggente e viene recuperato da Prencisvalle. Nel frattempo si ricompatta la Fortitudo e per il Turricola si richiudono gli spazi. Al 30' Boscain, entrato al posto di Mancinelli uscito per crampi, viene sgambettato da Salaris, rosso per somma di ammonizioni, per Zarrilli è rigore, che Pampuro trasforma con estrema freddezza. Quando ormai la partita volge al termine in pieno recupero Corona se ne va di forza e infila Camillo in uscita. Inutile l'assalto finale per raggiungere un pari che comunque non avrebbe rovinato la festa della Fortitudo, alla quale bastava anche il pari per raggiungere con tre giornate di anticipo la meritata ed agognata  vetta. 

IL TABELLINO

Turricola T.-Fortitudo 1-2
RETI (0-2, 1-2): 36' Pomponio (F), 30' st rig. Pampuro (F), 42' st Corona (T).
TURRICOLA T. (4-4-2): Fabris 6.5, Fossarello 6.5, Salaris 6.5, Ait Mansour 6.5, Piano 7, Balocco 6.5, Montiglio 6.5 (17' st Cotoia 6), Patrucco 6.5 (38' st Caligiuri sv), Corona 7.5, Chornyavskyy 6.5, Gega 6.5. A disp. Mangia, Doati, Xhelaj, Troka, Turkawi, Meloni. All. Ghiotto 6.5.
FORTITUDO (4-4-2): Camillo 6.5, Avidano 6.5, Ottone 7, Cellini 7, Manca 7, Prencisvalle 7, Turco 7 (41' st Osenga sv), Rizzi 7 (38' st Spina sv), Pomponio 8, Mancinelli 7 (19' st Boscain 6.5), Pampuro 7.5. A disp. Cordone, Prete, Busato, Massola, Tassisto. All. Spinoglio - Montessoro 7.5.
ARBITRO: Zarrilli di Casale 7.5.
ESPULSI: 30' Salaris (T), 43' st Caligiuri (T), 46' st Chornyavskyy (T).

LE PAGELLE

Turricola

Fabris 6.5 Nessuna responsabilità sui due gol ma attento ad evitarne qualcuno in più.

Fossarello 6.5 Ha tanto da lavorare su Turco e se la cava bene, si propone anche come sponda sulla fascia.

Salaris 6.5 Si batte come un leone e  questa foga al 30' della ripresa lo tradisce, fallo su Boscain con rigore e secondo cartellino con rosso.

Ait Mansour 6.5 Sulla mediana sinistra opera molti raddoppi di marcatura sulle incursione degli attaccanti.

Piano 7 Non è bastata la sua capacità di dirigere bene la difesa e darsi da fare anche in fase di ripartenza.

Balocco 6.5 I suoi raddoppi di marcatura e contrasti in area hanno limitato i danni.

Montiglio 6.5 Non è stata la sua miglior partita, forse ha senti troppo "la voglia di non perdere".

Patrucco 6.5 Non sempre ha trovato spazi e tempi giusti per poter esser di valido aiuto per gli avanti. 

Corona 7.5 Mai domo, mai fermo sempre propositivo e volitivo il gol in pieno recupero è il giusto premio alla sua grinta.

Chornyasvkyy 6.5 Buona gara, ma fine a gara il suo temperamento lo tradisce con rosso.

Gega 6.5 Temperamento e volontà a volte non bastano, comunque una buona prestazione.

All. Ghiotto 6.5 Buona organizzazione di gioco ma forse qualche ragazzo lo ha deluso sul piano  psicologico.

Fortitudo

Camillo 6.5 Poco impegnato ma dimostra sempre sicurezza nelle uscite e nel dirigere la difesa.

Avidano 6.5 Montiglio non gli dà grandi problemi anche perché viene poco servito.

Ottone 7 Quando si sgancia sulla fascia diventa incontenibile, peccato che non lo faccia spesso.

Cellini 7 Si prodiga molto in fase difensiva davanti alla difesa intervenendo sui portatori di palla.

Manca 7 Una sola incertezza al 5' minuto del primo tempo, ma poi si rifà alla grande nel prosieguo.

Prencisvalle 7 Una roccia difficile da superare e da sbriciolare. denota una spiccata personalità quando serve.

Turco 7 Sa leggere al momento giusto certe situazioni che lo portano spesso in zona tiro. 

Rizzi 7  Mette ordine nelle fasi di ripartenza, e detta i tempi in fase di impostazione. 

Pomponio 8 Una gran gol di testa e sempre alla ricerca dello specchio per potersi rimirare quando fa gol. Doti tecniche di pregio.

Mancinelli 7 Piedino d'argento nelle punizioni, ma anche tanta visione di gioco.

Pampuro 7.5 Cuore, polmoni e tanta abnegazioni in tutti i settori del campo. Freddo nell'esecuzione del rigore.

All.ri Montessoro-Spinoglio 7.5 Si dice che due sono meglio di uno, ma nel calcio non sempre è vero. Questi due giovani armati di entusiasmo e competenze hanno messo su una bella squadra.

                                                            Interviste

Mister Ghiotto: << Inutile nascondere che giocavamo contro una squadra tosta con alcuni elementi con tasso tecnico sicuramente molto valido. Sicuramente il divario in classifica e la quasi impossibilità di una rimonta non ci hanno permesso di affrontarli con tutte le potenzialità possedute dai miei ragazzi, alcuni dei quali erano troppo nervosi ed hanno sentito la gara più di altri. Mi sono piaciuti di più nella partita di andata. Per quanto riguarda l'intero campionato non siamo partiti col piede giusto, perché abbiamo avuto molte defezioni sia a causa del covid, che per qualche incidente di percorso sotto l'aspetto fisico di alcuni giocatori. Mancano ancora tre partite e penso che potremmo risalire di nuovo in classifica. Tenendo conto che c'è ancora lo scontro diretto tra Fortitudo e Asca>>.

Mister Spinoglio, visibilmente emozionato: << Nonostante i tanti problemi, lungo questo percorso così entusiasmante ma travagliato, siamo riusciti a raggiungere questo prestigioso traguardo. Grazie alla capacità di questo "gruppo famiglia" che ha saputo reagire nel modo giusto partita dopo partita, dimostrando e mettendo in campo le doti sia fisiche che tecniche, seguendo anche i nostri modesti insegnamenti>>. 

Mister Montessoro, inzuppato di bollicine italiane, << Se siamo riusciti a raggiungere questo risultato il primo plauso va ai nostri meravigliosi ragazzi, che si sono sempre impegnati con spirito di sacrificio nonostante il covid e altri acciacchi. Faccio i complimenti alle nostre dirette avversarie, Turricola e Asca, che con le loro prestazioni, sempre ad alto livello, sono state per noi uno stimolo a non mollare mai e migliorarci sempre di più>>.

Pomponio, attaccante Fortitudo,<< Felicissimo per aver vinto questo campionato. Colgo l'occasione per ringraziare anche i miei compagni che mi hanno aiutato a realizzare tanti gol e fare in modo che la squadra arrivasse a conquistare questo insperato traguardo>>.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400