Cerca

Under 16

Ha 15 anni, ma è il più "vecchio" della società

Il sogno è quello di poter esordire, in futuro, in prima squadra

Alessandro e Roberto Parisotto

Alessandro Parisotto ha 15 anni ed è il più "vecchio" tesserato della società in cui gioca, l'Atletico Volvera. Attualmente fa parte del gruppo Under 16 allenato da Stefano Gili, ma sono ben sette gli anni in cui Alessandro ha vestito i colori dell'Atletico Volvera. Non sono consecutivi questi sette anni, infatti dopo aver fatto il suo primo anno nella categoria dei Piccoli Amici con il Volvera è andato all'Airaschese. Dopo un solo anno è tornato a Volvera quando, ormai, la proprietà era cambiata. Da lì ha fatto tutta la trafila passando per i pulcini, gli esordienti fino ad arrivare nel settore giovanile.

In campo. Sul rettangolo di gioco Alessandro gioca prevalentemente a destra in qualità di terzino, anche se all'inizio, durante la stagione all'Airaschese, faceva la punta. Tatticamente è molto bravo e intelligente: tiene bene la posizione ottenendo una valida prestazione difensiva, ma anche con la palla fra i piedi riesce a trovare i compagni sviluppando al meglio la manovra offensiva. I suoi pregi e i suoi difetti li racconta il Direttore Sportivo dell'Atletico Volvera e papà Roberto Parisotto: «La sua caratteristica migliore credo sia la freddezza: non perde il controllo ed è molto calmo, non va mai in affanno. Mentre uno dei punti in cui deve migliorare è la resistenza fisica». Anche il papà Roberto ha fatto un percorso simile a quello del figlio, ma fuori dal campo. Dopo aver fatto il dirigente della squadra di Alessandro sia con il Volvera sia con l'Airaschese è passato a seguire la Scuola Calcio e il Settore Giovanile per poi diventare Direttore Sportivo l'anno scorso. 

Il sogno. Infine Alessandro ha un sogno sul campo per il futuro: «Giocare con la prima squadra dell'Atletico Volvera» a testimonianza anche del legame con la società e del progetto del Volvera stesso nei confronti dei giovani. Questo, però, non è l'unico sogno di Alessandro che, in futuro, spera di poter andare all' Estádio do Dragão a vedere il suo Porto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400