Cerca

Monza-Inter Under 17: Owusu quasi da record ma i nerazzurri non la chiudono, Dell'Acqua leva le castagne dal fuoco e ruba il pari

Monza-Inter
A volte un solo episodio vale una partita intera. Lo sa bene il Monza di Lasalandra, che non si arrende all’Inter di Zanchetta, troppo in forma per essere scalfita, ma non abbastanza cinica da portare a casa i tre punti. Nell’1-1 di Concorezzo sono senza dubbio superiori i nerazzurri, che giocano un bel calcio e sfruttano a pieno la superiorità numerica a partire dal primo tempo, ma concedono il finale di gara ai biancorossi, che portano a casa il primo punto del campionato. Lampo e profondo rosso. I secondi sulle lancette sono solo 45, ma i nerazzurri, al primo pericolo, sono già avanti: Owusu innesca Sarr, che prova la conclusione di prima intenzione murata in corner da Dilernia. Sullo stesso corner battuto da Bonavita è proprio la zampata imperiosa dello stesso Owusu a non lasciare scampo a Pala, che non può proprio nulla: è vantaggio Inter. La gara è molto tattica e i ritmi sono estenuanti. Dopo 7 minuti, esce dal guscio il Monza che sfiora il pareggio sempre su azione da corner: Calacoci scodella in area per Parietti, che stacca sul secondo palo ma non inquadra la porta per un soffio. Piove sul bagnato in casa Monza perché al quarto d’ora arriva il cartellino rosso per Dilernia: Owusu verticalizza per Sarr che sfrutta la meglio la sua rapidità e costringe alla trattenuta il difensore biancorosso, che da ultimo uomo costringe il direttore di gara ad estrarre dal taschino il cartellino più scuro. In superiorità numerica gli ospiti possono permettersi di gestire meglio il vantaggio acquisito e con ricercatezza provano ad ottenere il raddoppio che sfiorano al 25’ quando Kamate prova il destro dalla distanza e per poco non coglie impreparato Pala che non trattiene ed evita il pasticcio per qualche centimetro salvando sulla linea. L’Inter inevitabilmente domina e tre minuti più tardi è la punizione di Bonavita a sfiorare il palo alla destra dell’estremo difensore biancorosso. Al 40’ è sempre e solo Inter con l’iniziativa personale di Menegatti, che si accentra convergendo da destra e lascia partire un mancino potente e preciso, che colpisce in pieno l’incrocio dei pali. È lo stesso Menegatti a chiudere all’attacco allo scadere con un sinistro preciso sul primo palo che impegna Pala, costretto a distendersi e a far andare i suoi con il minimo svantaggio all’intervallo. Assedio nerazzurro e fatal episodio. L’inferiorità numerica, unita ad un leggero divario tecnico, fanno sì che il match abbia un determinato indirizzo. A partire forte infatti sono ancora i nerazzurri, che dopo soli due minuti sono in area avversaria con il neo-entrato Curatolo, che aggira Battistelli, apre per Owusu, ma la conclusione di quest’ultimo viene murata dalla difesa brianzola. Al 12’ è ancora Owusu ad accentrarsi e a concludere con il destro, ma Pala è bravo a distendersi e a respingere. Al 21’ è il Monza ad avere una clamorosa occasione: corner di Dell’Acqua, colpo di testa sul secondo palo di Arpino e palo pieno, col pallone a rimpallare nuovamente in area di rigore e a costringere Raimondi ad un intervento prodigioso. Ma nulla è scritto e al 28’ si ristabilisce la parità numerica: Pelamatti, poco dopo aver sostituito Perin, entra in assoluto ritardo su Pandini e viene spedito anzitempo sotto la doccia dal direttore di gara. Il Monza può così prendere coraggio, ma il match point lo ha ancora l’Inter con Owusu, che sfrutta un errore di impostazione da parte dei brianzoli, ma non riesce a superare Pala in uscita. La gara si fa molto più frizzante e un minuto più tardi è Cereghini a sfiorare il pareggio con un colpo di testa su piazzato che sfiora il palo di un soffio, il tutto però in posizione irregolare. Non è quindi clamoroso quel che avviene al 43’ quando il Monza riacciuffa il pari grazie alla conclusione dalla distanza di Dell’Acqua, che prova il destro dal limite e trova la risposta poco decisa di Raimondi, che non trattiene e fa passare il pallone sotto le sue gambe, compiendo di fatto una papera. L’Inter di Zanchetta, che non l’ha chiusa, si trova quindi a rincorrere e a cercare la vittoria nel finale e nei minuti di recupero è provvidenziale Pala, che compie un intervento prodigioso sul colpo di testa di Curatolo, salvando di fatto il risultato. Finisce così 1-1 a Concorezzo: ai nerazzurri non basta l’assedio perché il Monza conquista il primo punto del campionato.

IL TABELLINO

MONZA-INTER 1-1 RETI (0-1, 1-1): 1' Owusu (I), 43' st Dell'Acqua (M). MONZA (4-3-3): Pala 6.5, Pandini 6.5, Basilico 5.5, Arpino 6 (29' st Gittini sv), Battistelli 6.5, Dilernia 4.5, Calacoci 5.5, Dell'Acqua 7, Parietti 5.5 (1' st Melseaux 5), Dell'Orti 6 (17' st Formenti 6), Castaldo 6 (20' st Cereghini 6.5). A disp. Malivindi, Pedrazzini, Majuri, Leone, Cattaneo. All. Lasalandra 7. INTER (4-3-1-2): Raimondi 5.5, Marocco 6, Perin 6.5 (20' st Pelamatti 5), Bonavita 7 (14' st Uberti 6), Nava 6.5, Zambelli 6.5, Menegatti 7 (14' st Clerici 6), Kamate 6.5, Owusu 7.5, Quieto 6 (1' st Curatolo 6.5), Sarr 7.5 (30' st Motti sv). A disp. Basti, Peretti, Stante, Straccio. All. Zanchetta 6.5. ARBITRO: Ranieri di Como 7. ASSISTENTI: Morotti di Bergamo e Bettani di Treviglio. ESPULSI: 15' Dilernia (M), 28' st Pelamatti (I).

LE PAGELLE

MONZA Pala 6.5 Rischia grosso in qualche situazione ma nel complesso si oppone bene alle conclusioni avversarie e nel finale è strepitoso. Pandini 6.5 Tiene ben salda la corsia di destra, è vero lo puntano spesso, ma lui si fa rispettare, su di lui l’intervento da rosso di Perin. Basilico 5.5 Dalla sua parte Owusu, Sarr e Menegatti sfondano agevolmente, potrebbe sicuramente fare di più. Arpino 6 Regge l’urto in mediana, i contrasti a fine partita sono moltissimi. Non alza bandiera bianca e colpisce anche il palo. (29’ st Gittini sv). Battistelli 6.5 Nel primo tempo quando viene puntato da Sarr va sempre in difficoltà, nella ripresa cresce e chiude murando e tamponando. Dilernia 4.5 La sua ingenuità a partita appena iniziata costa carissima: l’intervento era assolutamente evitabile. Calacoci 5.5 Con più verve avrebbe sicuramente potuto lasciare il segno, un po’ svogliato. Dell’Acqua 7 La mediana interista nel primo tempo lo ingabbia (non riesce ad esprimersi e a lasciar tracce) ma nella ripresa si rende spesso pericoloso, soprattutto sui piazzati e trova la rete del pareggio. Parietti 5.5 Nel primo tempo sfiora il gol, prova a giocare spalle alla porta ma è sempre ben contenuto. 1’ st Melseaux 5 Non riesce ad incidere: fisicamente si nota il suo impatto, ma a livello di gioco fatica a costruire e sbaglia troppe scelte. Dell’Orti 6 Sacrificato, serviva un cambio per compattare la difesa: la scelta sul sostituito ricade su di lui. 17’ Formenti 6 Entra molto bene in partita, imposta da dietro con tranquillità. Castaldo 6 Prova spesso a puntare Marocco per creare superiorità, lotta su ogni pallone. 20’ st Cereghini 6.5 Prova a dare la scossa ai suoi, il cambio di marcia si vede. All. Lasalandra 7 L’espulsione di Dilernia, quasi inutile sottolinearlo, taglierebbe le gambe a chiunque. I suoi provano comunque a proporre gioco, la superiorità nerazzurra è evidente, ma acciuffano il pareggio con un grande cuore. INTER Raimondi 5.5 Spettatore non pagante nel primo tempo, nella ripresa si esalta compiendo un grande miracolo in mischia, ma è decisiva la sua papera sul tiro di Dell’Acqua che vale il pari. Marocco 6 Si sgancia poco e rimane spesso dietro a dare manforte, nel complesso gioca una discreta partita. Perin 6.5 Al contrario di Marocco si sgancia eccome, quando punta i difensori avversari genera panico. 20' st Pelamatti 5 Poco dopo l'entrata in campo si fa buttare fuori, la sua scelleratezza pesa. Bonavita 7 Dirige l’orchestra in maniera sublime, il corner del vantaggio è solo una delle tante perle. 13’ st Uberti 6 Dà un’alternativa in più in mezzo, gestisce bene i palloni transitanti Nava 6.5 Sicuro e preciso, l’impostazione parte sempre dai suoi sapienti piedi. Zambelli 6.5 Meno raffinato e più deciso, non tira indietro la gamba e tiene alta la linea. Menegatti 7 S’illumina con grande continuità, il suo mancino è pericolosissimo, scheggia la traversa. 13’ st Clerici 6 Si posiziona sulla trequarti e offre un buon contributo ai suoi, sfiora il gol di testa. Kamate 6.5 Se Bonavita dipinge, lui non bada a spese negli interventi, si spreme per la squadra. Owusu 7.5 Suo il gol lampo che sblocca la gara e le giocate per tutti i 90’, sono sempre di un certo livello. Quieto 6 Si accende ad intermittenza ma riesce sempre a proporre buone trame di gioco, manca forse l’ultimo passaggio. 1’ st Curatolo 6.5 Genera scompiglio e nel finale il suo colpo di testa sarebbe valso l’all-in. Sarr 7.5 Semplicemente immarcabile: il fisico di Simy e la progressione di Osimhen fanno di lui un mix letale. (29’ st Motti sv). All. Zanchetta 6.5 Per come si era messa la partita i suoi avrebbero potuto fare molto di più: il dominio è netto ma con un gol in più i suoi l’avrebbero chiusa e portata a casa ma così non è, e arriva il pari. ARBITRO: Ranieri di Como 7 Direzione impeccabile. Tutte le decisioni prese si riveleranno azzeccate al termine della gara.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400