Cerca

Inter-Cagliari Under 17: Vinciguerra-Caddeo, la squadra di Testoni espugna il campo nerazzurro e manda ai playoff il Milan

inter cagliari under 17 - vinciguerra + caddeo

Vinciguerra e Caddeo, autori delle reti che hanno deciso il match

Vittoria di grande prestigio per il Cagliari di Testoni, che vince sul campo dell’Inter con un gol per tempo a firme Vinciguerra e Caddeo e chiude così il girone secondo in classifica alle spalle solo del Milan, che può festeggiare così l’accesso ai playoff senza dover aspettare il recupero col Monza. Le squadre si presentano a specchio, con due formazioni sulla carta alla ricerca dell’equilibrio, considerando l’importante posta in palio. Kamatè e Idrissi partono infatti larghi e si accentrano sempre col proprio sinistro, così come fanno dalla parte opposta Semenza e Pulina. Davanti per i nerazzurri la coppia Sarr-Curatolo, il Cagliari risponde con Gabor-Vinciguerra. Inter lenta, Cagliari frizzante. Fin dalle prime battute a cercare di fare maggiormente gioco è la squadra di Zanchetta, che si trova però davanti due linee di difesa e centrocampo molto compatte e che non lasciano varchi. Il Cagliari è poi sempre abile e veloce nel ripartire, sfruttando la linea alta della squadra nerazzurra e attaccandola spesso con lanci a scavalcare la difesa. Così, dopo un pericoloso colpo di testa di Sarr su sviluppi d’angolo, l’Inter non riesce più a farsi pericolosa, complice una manovra troppo lenta e prevedibile. Il Cagliari, da par suo, si rende minaccioso prima con colpo di testa di Vinciguerra su cross di Murru e poi con doppia occasione Vinciguerra-Carboni su cui Delvecchio si fa trovare pronto. Dopo pochi minuti arriva la rete ospite: Idrissi recupera palla a metà campo e innesca Gabor, splendido nel trovare Vinciguerra davanti a Delvecchio, col numero 11 che non perdona. I ragazzi di Zanchetta subiscono il colpo e non riescono a reagire; è anzi il Cagliari ad andare vicino al raddoppio in più occasioni prima dell’intervallo. Prima è ancora uno scatenato Vinciguerra a ricevere al limite, a girarsi e a concludere di poco largo col destro; Delvecchio è poi chiamato nuovamente ad una doppia parata per negare la gioia del gol sia a Pulina che a Gabor. Si va così negli spogliatoi con gli ospiti avanti, ma con la partita ancora in bilico. L’Inter ci prova, Caddeo la chiude. Uscita dagli spogliatoi, la squadra nerazzurra ha subito l’opportunità di trovare la via del pareggio, ma Sarr, ben innescato da Kamatè, vede Costanzo negargli la rete. I ragazzi di Testoni reagiscono però immediatamente e Delvecchio deve ancora superarsi, prima su un colpo di testa del solito Vinciguerra e successivamente su un pericoloso sinistro di Idrissi, che si vede strozzato in gola l’urlo del gol. L’Inter mantiene sempre il baricentro alto e cerca di stabilirsi con costanza nella metà campo ospite, con una reazione che appare però più di nervi che di gioco; le occasioni però non mancano, seppur quasi sempre murate dalla difesa sarda, con Costanzo chiamato comunque a mettere in mostra le proprie qualità in un paio d’occasioni. Dopo la mezz’ora però i ragazzi di Zanchetta fisicamente pagano lo sforzo e il Cagliari ha spazi per cercare di chiudere la gara; ci prova ancora Vinciguerra, che con un destro sporco colpisce la base del palo. È poi Caddeo, a pochi minuti dal termine, a trovare un gran destro dalla distanza che muore all’angolo della porta difesa da Delvecchio e che sigilla il successo ospite. La squadra di Testoni può così festeggiare una vittoria prestigiosa che regala il secondo posto matematico alle spalle del Milan, che a sua volta ringrazia e vola ai playoff.

IL TABELLINO

INTER-CAGLIARI 0-2 RETI: 16' Vinciguerra (C), 41' Caddeo (C). INTER (4-4-2): Delvecchio 7.5, Marocco 6 (1' st Perin 6.5), Pelamatti 6 (1' st Uberti 6.5), Bonavita 6 (1' st Motti 6), Peretti 6, Zambelli 6, Ortelli 6 (20' st Straccio 6), Kamate 6.5 (29' st Menegatti sv), Curatolo 6, Semenza 6 (1' st Clerici 6), Sarr 6. A disp. Basti, Maiullari, Guercio. All. Zanchetta 6. CAGLIARI (4-4-2): Costanzo 7, Felleca 6.5 (16' st Maccioni 6.5), Murru 6.5 (16' st Adamo 6), Manunta 6.5, Carboni 7 (30' st Galante sv), Pintus 7, Idrissi 6.5 (16' st Deriu 6), Caddeo 7, Gabor 7 (30' st Cogotti sv), Pulina 6.5, Vinciguerra 7.5 (46' st Casu sv). A disp. Porcu, Thairi, Murtas. All. Testoni 7.5. ARBITRO: Galasso di Ciampino 7. ASSISTENTI: Morotti di Bergamo e Taverna di Bergamo. AMMONITI: Caddeo (C), Motti (I).

LE PAGELLE

INTER Delvecchio 7.5 È chiamato più volte ad opporsi ai tentativi avversari, soprattutto targati Vinciguerra. Splendido nella ripresa sul sinistro di Idrissi, non smette mai di incoraggiare i compagni. Marocco 6 Tanti errori tecnici, spinge poco e con scarsa lucidità. Quando Pulina lo punta va in difficoltà. 1’ st Motti 6 Non riesce a dare il contributo di spinta necessario, dietro soffre poco. Pelamatti 6 Spinge tanto, ma spesso riceve da fermo ed è costretto a tornare indietro. Qualche cross dalla trequarti che però al Cagliari non fa male. 1’ st Perin 6.5 Ha gamba ed entra fresco, viene spesso cercato dai compagni e punta quasi in ogni occasione Adamo. Buon impatto. Bonavita 6 Non riesce a prendere in mano il centrocampo nerazzurro e commette qualche errore di troppo. Poco lucido anche in fase di interdizione. 1’ st Uberti 6.5 Entra con la cattiveria agonistica giusta, riconquista qualche buon pallone e prova a fare ripartire i suoi. È però poco assistito. Peretti 6 Soffre tantissimo i continui movimenti di Vinciguerra, che non gli dà mai punti di riferimento. Giornata di sofferenza. Zambelli 6 Anche lui in difficoltà di fronte alla coppia Gabor-Vinciguerra, i quali si muovono molto e lo disorientano. Ortelli 6 Nel primo tempo molto in ombra, fatica a farsi notare dai compagni e a trovare giocate importanti. Sale leggermente di colpi nella ripresa, ma non basta. 20’ st Straccio 6 Non riesce ad incidere sulla trequarti, pochi palloni giocati e mancanza di inserimenti davanti. Kamatè 6.5 Tecnicamente non pulitissimo, rimedia col gran fisico, che gli permette qualche recupero importante in interdizione e qualche strappo palla al piede per spaccare la difesa sarda (29’ st Menegatti sv). Curatolo 6 In ombra, tocca pochissimi palloni. Quei pochi che avrebbe a disposizione per trovare la porta li spreca, specie su un pallonetto nella ripresa che avrebbe richiesto invece maggiore cattiveria. Semenza 6 Fatica ad accendere la luce sulla trequarti. Tocca anche lui poche volte la sfera ed è un po’ fuori dal gioco. 1’ st Clerici 6 Prova, almeno inizialmente, a dare la scossa, ma si perde poi tra le maglie della difesa cagliaritana. Sarr 6 Pochi spunti degni di nota. Ha una sola grande occasione ad inizio ripresa, ma il suo sinistro è troppo centrale per far male a Costanzo . All. Zanchetta 6 La squadra oggi non gioca un buon calcio e fisicamente paga lo scontro con i pari età del Cagliari. Mercoledì lo attende la Cremonese per cercare di chiudere l’anno con una vittoria. CAGLIARI Costanzo 7 Mantiene la porta inviolata in una partita molto insidiosa; è ben protetto dai compagni e, quando non riescono a chiudere loro, abbassa sempre puntuale la saracinesca. Felleca 6.5 Buona intesa con Pulina, nella prima frazione cerca a volte di sovrapporsi e creare scompiglio. Cede al caldo e alla stanchezza nella ripresa. 16’ st Maccion 6.5 Non soffre mai, allineandosi con diligenza ai centrali difensivi e non facendosi mai saltare. Murru 6.5 Semenza gioca molto largo dalle sue parti, ma il terzino sardo non si fa mai impensierire e chiude sempre con attenzione. 16’ st Adamo 6 Soffre le avanzate di Perin dalle sue parti; un po’ timido nell’aggredire la palla, è però lucido in numerosi contrasti. Manunta 6.5 Cerca di dare geometrie ai suoi, si fa però notare maggiormente in fase di interdizione con tanti contrasti vinti. Carboni 7 Sarr e Curatolo hanno vita dura oggi con i due centrali ospiti, che non lasciano passare neanche le briciole e chiudono con precisione ogni tentativo nerazzurro (30’ st Galante sv). Pintus 7 Compagno ideale di Carboni, si intende perfettamente col numero 5 e in coppia abbassano il muro di fronte agli attacchi ospiti. Idrissi 6.5 Col suo mancino tende quasi sempre ad accentrarsi. Veloce, manca di qualità in alcune rifiniture. Si vede negato il gol dal Delvecchio, che su di lui compie un miracolo. 16’ st Deriu 6 Entra per fare legna in mezzo al campo e ci riesce, complice un’Inter nel finale piuttosto stanca. Caddeo 7 Ottima personalità in mezzo al campo, ci mette spesso anche la gamba in interdizione. Splendido il destro da fuori che regala il raddoppio ai suoi. Gabor 7 Poche giocate, ma tutte importanti e di qualità. Meraviglioso il filtrante che lancia Vinciguerra a segnare il vantaggio (30’ st Cogotti sv). Pulina 6.5 Spesso coinvolto nella prima frazione, cala un po’ nella ripresa. Non manca però come apporto in fase difensiva. Vinciguerra 7.5 Un’iradiddio. Movimenti continui a mettere in crisi la difesa nerazzurra, freddezza nello scavalcare Delvecchio per l’1-0 e tante occasioni su cui il portiere avversario si deve superare (46’ st Casu sv). All. Testoni 7.5 La squadra gira splendidamente e fisicamente è in forma; è quasi un peccato che la stagione debba chiudersi qui. Domina su un campo difficile e porta a casa una grande vittoria. ARBITRO: Galasso di Ciampino 7 Partita corretta, la gestisce con serenità e saggezza. Ottima direzione di gara nel complesso.

LE INTERVISTE

A commentare la partita per l’ Inter è il tecnico Andrea Zanchetta, che analizza così la sconfitta odierna: «Abbiamo giocato male, commettendo troppi errori sia a livello tecnico che di posizionamento. Abbiamo pagato anche fisicamente, come purtroppo ci è capitato spesso quest’anno; nonostante tutto siamo riusciti a creare comunque le occasioni per pareggiare ». Chiamato ad esaminare la stagione che sta per volgere al termine, l’allenatore nerazzurro aggiunge poi: «A quest’età i ragazzi non possono essere giudicati solo per i risultati che ottengono sul campo; ci sono stati miglioramenti durante l’anno, ma i miei giocatori sanno che ci sia ancora tanto lavoro da fare per crescere, sia a livello fisico che tecnico ». Sponda Cagliari, è invece entusiasta il tecnico Riccardo Testoni: «È sempre bello vincere su un campo come questo, contro avversari prestigiosi e di grande caratura. È stata una stagione difficile, causa pandemia, e inizialmente la squadra ha fatto molta fatica; abbiamo preso delle batoste, ma quando è iniziato questo girone la squadra ha ritrovato entusiasmo e alcuni ragazzi, che sembravano in difficoltà, hanno reagito alla grande. L’obiettivo rimane sempre quello di farli crescere e il percorso formativo messo in atto va in questa direzione ».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400