Cerca

Under 17 Serie A e B

Monza-Milan: Orlando e compagni sono autori di una buona partita, ma gli episodi sorridono ai rossoneri: la decide Zeroli dagli undici metri

Partita nella partita quella tra Monza e Milan, in cui i ragazzi di Monguzzi giocano bene ma non riescono ad essere incisivi sottorete. I rossoneri, dal canto loro, sono più attendisti e alla fine portano a casa i tre punti

Monza-Milan Under 17 A e B

Monza e Milan appena entrate in campo, assieme alla terna arbitrale

Alla fine è il Milan a spuntarla per 1-0 sul campo del Monza, al termine di una partita che si può assolutamente definire tirata per diverse porzioni di gara. I rossoneri sono partiti più forti, ma il diesel biancorosso del Monza col passare dei minuti diventa più pericoloso, almeno fino a quando i ragazzi di Monguzzi ne hanno fisicamente parlando. A decidere il match per il Milan è Zeroli, su calcio di rigore nel corso del primo tempo. Il Monza ha provato a riacciuffare il risultato, ma il muro difensivo degli ospiti ha retto bene. Gli ospiti, inoltre, nel finale di secondo tempo hanno rischiato anche di andare vicini al raddoppio, ma al triplice fischio di Vailati il risultato dice 0-1 e, dunque, festeggiamenti rossoneri.

Episodi rossoneri, diesel biancorosso. Milan che vuole immediatamente mettere le cose in chiaro nella partita e dopo una manciata di secondi arriva immediatamente alla conclusione con Rossi, il cui tiro sibila vicino all’incrocio dei pali alla sinistra di Vergani. Il pressing dei rossoneri è asfissiante e i padroni di casa fanno fatica ad uscire dalla propria metà campo, ma quando riescono a saltare la prima pressione riescono ad avanzare e trovare gli attaccanti in area con dei traversoni interessanti. La partita la fanno gli ospiti, ma le sortite offensive del Monza sono avvolgenti e al 10’ i biancorossi arrivano alla conclusione dai 16 metri con Arpino, che prova a piazzarla, senza però trovare lo specchio della porta. Col passare prende coraggio il Monza, che cerca di restare in maniera costante sulla trequarti avversaria, pur senza riuscire a concludere verso la porta difesa da Torriani. Al 15’ sono proprio i biancorossi a sfiorare il vantaggio: un traversone di Orlando sembra destinato a non trovare nessuno in area, ma tra le maglie rossonere sbuca Infantino, che la spizza di testa, indirizzandola all’angolino. Vergani, tuttavia, è ben posizionato e riesce a bloccare la sfera. El Haddad ci prova su calcio da fermo, circa da 20 metri, al 24’: la traiettoria è buona, ma la palla calciata dal numero 10 monzese non si abbassa a sufficienza e finisce leggermente alta sopra la traversa. Al 26’ però arriva una fiammata rossonera, che con un tiro di Rossi, la ribattuta corta di Torriani e la caparbietà di Mangiameli conquista un rigore: sul dischetto Zeroli, che spiazza il portiere e porta in vantaggio il Milan. La partita continua a farla il Monza, ma ci sono più errori individuali, dei quali il Milan approfitta per provare a pungere i padroni di casa. I ragazzi di Monguzzi, in ogni caso, non sembrano aver accusato più di tanto il colpo dello svantaggio e continuano a fare la partita. Il Milan prova a trovare il raddoppio al 40’, ma il tiro rossonero viene rimpallato da un ottimo Bartesaghi, che libera immediatamente la situazione su una conclusione velenosa di Perrucci. Sfiora la doppietta anche Zeroli, che di testa, tutto solo, non riesce ad inquadrare la porta quando le lancette sul cronometro indicano il 42. Conclude il primo tempo in attacco il Monza, nonostante il crescendo del Milan.

Gara combattuta. Il Monza parte subito forte e dopo appena 25 secondi è Ferrandino a concludere potentemente verso la porta, con un rasoterra da buona posizione, ma Torriani si stende bene e riesce ad evitare il pareggio dei padroni di casa. Al di là di questa conclusione, i biancorossi sembrano confusi e non riescono in questo avvio di secondo tempo a eludere la pressione del Milan, che recupera costantemente palla all’altezza della trequarti. Esattamente come nel primo tempo, però, con l’andare dei minuti il Monza acquisisce sicurezza e inizia a macinare metri, prendendo controllo del campo. Gli ospiti, dal canto loro, sembrano aver preso confidenza con questa situazione e sono più tosti a centrocampo, dimostrandosi pronti alle ripartenze per pungere i padroni di casa. Al 15’ prova di mezza punta Nahrudnyy a trovare l’angolino basso da posizione defilata, ma Vergani è reattivo e devia in angolo nonostante la distanza ravvicinata. La partita si accende e al 20’ Arpino ci prova dalla distanza, ma il tiro finisce lontano dai pali rossoneri. Blackout difensivo al 23’ da parte dei padroni di casa, che non riescono a spazzare il pallone e finiscono per riconsegnare il possesso, in area, al Milan: ci vuole un’uscita coraggiosa di Vergani a chetare gli animi. Nell’ultima parte di gara i rossoneri, probabilmente sfruttando anche la stanchezza dei padroni di casa, hanno preso il controllo del campo, facendo circolare la palla per tutto il rettangolo di gioco e creando diversi pericoli nell’area monzese. Contropiede pericolosissimo del Milan al 41’, ma la conclusione di Nahrudnyy trova il guantone di Vergani, che copre bene il suo palo. Questa è sostanzialmente l'ultima emozione della gara, che di qui a poco si concluderà per 0-1: tre punti al Milan e bicchiere mezzo pieno per il Monza, che ha firmato una discreta prestazione.

IL TABELLINO

Monza-Milan 0-1
RETI: 26’ rig. Zeroli (Mi).
MONZA (4-4-2): Vergani 6.5, Ferrandino 6 (32’ st Usardi sv), Pedrazzini 6.5, Fossati 6.5, D’Aietti 6, Arpino 5.5, Orlando 6.5, Cattaneo 5.5 (24’ st Speroni 5.5), Zucco 5 (1’ st Di Vito 6), El Haddad 6 (32’ st Raccosta sv), Infantino 5.5 (24’ st Strada 5.5). A disp. Maffi, Caccia, Grumo, Brugarello. All. Monguzzi 6.5.
MILAN (4-3-1-2): Torriani 6, Casali 5 (15’ st Piantedosi 6), Bartesaghi 6, Malaspina 6.5, Eletu 6.5, Fontana 6, Rossi 6 (1’ st Tavernaro 5.5), Zeroli 7, Nahrudnyy 6.5 (42’ st Nicotra sv), Perrucci 5.5 (32’ st Longhi sv), Mangiameli 6 (32’ st Gramignoli sv). A disp. Lionetti, Paloschi, Ferroni, Barricchio, All. Lantignotti 6.
ARBITRO: Vailati di Crema 7.
ASSISTENTI: Nechita di Lecco e Stangoni di Sondrio
AMMONITI: Usardi (Mo).

LE PAGELLE

MONZA
Vergani 6.5 Buona prestazione la sua. Per tutta quanta la durata del match cerca di trasmettere sicurezza ai compagni e la difesa, infatti, regge bene quasi tutte le avanzate avversarie. Il gol subito è su rigore ed è una lotteria, ma si rende protagonista di alcune uscite coraggiose ma efficaci.
Ferrandino 6 Più bloccato in difesa che con un atteggiamento offensivo, è autore di una partita di amministrazione, in cui perlopiù si limita a gestire il pallone per poi far ripartire i compagni. (32’ st Usardi sv).
Pedrazzini 6.5 Sulla fascia gioca sostanzialmente da esterno aggiunto, tentando di farsi trovare sempre libero e sempre costantemente pronto a pungere gli avversari. Mette in bella mostra l’intesa con alcuni compagni grazie a diverse combinazioni degne di note. Buoni anche i movimenti di copertura in difesa.
Fossati 6.5 Vero e proprio faro della difesa monzese, gioca una partita molto buona, fatta di chiusure, anticipi e duelli aerei. Ciò che colpisce più di ogni cosa, però, è il suo acume tattico: sa bene quando spendere il fallo in maniera assolutamente intelligente.
D’Aietti 6 Lo si vede a tratti come vertice basso, fa perlopiù il cosiddetto lavoro invisibile e in generale cerca di rompere le trame avversarie. Tuttavia, non disdegna nemmeno il buttarsi avanti per provare qualche volta a innescare i compagni più a ridosso della porta.
Arpino 5.5 Al centro della difesa non gioca una brutta gara, ma quando gli avversari crescono e alzano il ritmo lui va eccessivamente in difficoltà, non riuscendo a tenere il passo degli attaccanti rossoneri. Chiude anche con una discreta dose di nervosismo.
Orlando 6.5 Parte in una maniera incredibile, dispensando giocate di qualità in ogni zona del campo in cui gravita. Può essere l’uomo in più di questo Monza, ciò che gli manca è solo un po’ di continuità all’interno della partita.
Cattaneo 5.5 Partita confusionaria del centrocampista, che non riesce ad incidere come vorrebbe e infatti non si segnalano giocate particolarmente indelebili nella sua prova, specialmente in attacco.
24’ st Speroni 5.5 Anche lui non riesce ad incidere tra le fila biancorosse, facendosi mangiare dalle maglie degli avversari e annaspando eccessivamente a centrocampo.
Zucco 5 Solo 45’ per lui e non sembra quasi mai coinvolto nella manovra dei compagni di squadra, restando spesso e volentieri isolato. Partecipa a qualche ripartenza, ma non riesce ad incidere come vorrebbe lui e probabilmente anche il suo allenatore.
1’ st Di Vito 6 Riesce a calarsi bene nel clima della partita, mettendo pressione alla difesa degli avversari e facendosi trovare sempre pronto per ricevere lo scarico dai compagni o per lanciarsi negli spazi.
El Haddad 6 Meglio nel primo tempo che nel secondo, palla al piede riesce a reggere l’urto con gli avversari, cercando di servire nel migliore dei modi i compagni. Da calcio piazzato ha buone abilità, ma oggi non è particolarmente fortunato. (32’ st Raccosta sv).
Infantino 5.5 Non la sua partita, decisamente. Fatica per tutto il tempo e non è mai coinvolto nella manovra del Monza, anzi. Cerca di dare una mano in copertura in alcuni frangenti, ma il tutto si rivela perlopiù inutile che altor.
24’ st Strada 5.5 Non incide e non riesce ad acclimatarsi nel match, anche perché quando entra gli avversari sono più in palla e non è quindi facile riuscire a dare un apporto concreto ai compagni.
All. Monguzzi 6.5 I suoi ragazzi a tratti spadroneggiano in mezzo al campo, riuscendo a controllare la partita e coprire bene ogni zona del rettangolo di gioco. Manca un po’ di qualità in avanti e si vede. La partita è stata decisa, sostanzialmente, da un episodio, ma i suoi hanno tirato fuori una prestazione di tutto rispetto.

MILAN
Torriani 6 Copre bene i pali e risponde bene quando viene chiamato in causa dagli avversari, che a dire la verità tengono il pallone ma tirano poco. Lui comunque fa il suo, mantenendo sempre alta la concentrazione.
Casali 5 Lo si vede veramente poco per tutta la durata della partita. Sulla sua fascia non ci sono particolari pericoli, e lui potrebbe approfittarne per spingere ma, di fatto, non prova mai ad avviare l’azione per i suoi compagni, tantomeno si fa trovare pronto in posizione avanzata.
15’ st Piantedosi 6 Difensivamente entra bene, perché copre gli spazi e chiude bene sulle avanzate degli avversari, ma il quid in più lo dà in avanti, dove mette dei buoni palloni per la testa dei compagni.
Bartesaghi 6 Il terzino fa avanti e dietro per tutta la partita, cercando di dare una mano ai compagni in tutte le fasi. Lui segue l’andamento della squadra, crescendo quando la squadra fa meglio e andando un po’ in affanno quando il Milan lascia campo agli avversari.
Malaspina 6.5 Bene bene in difesa, dove non si fa infilare quasi mai dalle imbucate degli avversari, che appunto mancano negli ultimi 10/15 metri di campo, anche grazie alla sua presenza da vero leader difensivo. Bene anche nel gioco aereo.
Eletu 6.5 Buona prova a centrocampo, davanti la difesa, perché riesce a dare le giuste geometrie quando i rossoneri sono in controllo e quando gli avversari sono più spigliati si abbassa e dà una sostanziale mano ai compagni della retroguardia.
Fontana 6 Non male la sua prova. Anche se non si rende protagonista di interventi particolarmente spettacolari o che rubano l’occhio, riesce a tenere botta ed a far sì che il portiere non sia poi così tanto impegnato.
Rossi 6 Inizia molto bene, dimostrandosi subito uno dei più in palla tra le fila dei rossoneri. Si spegne offensivamente quando gli avversari fanno meglio, ma in fase di copertura dà il suo apporto. Quando il Milan torna a spingere, però, è meno incisivo rispetto all’inizio.
1’ st Tavernaro 5.5 Partita senza infamia e senza lode da parte sua, che perlopiù galleggia in campo e aspetta il pallone, invece che andarselo a contendere con gli avversari che impostano dal basso.
Zeroli 7 Inizia molto bene la sua gara, dispensando qualità e recuperando un buon numero di palloni. Si rende spesso pericoloso nella prima parte di gara, poi si spegne, ma resta comunque sempre nel vivo del match. Trasforma il rigore e, di fatto, è il match winner della partita.
Nahrudnyy 6.5 Va a corrente alternata, perché sparisce per lunghi tratti della gara, ma poi si accende all’improvviso e con i suoi strappi e le sue conclusioni (tutte di mezzo esterno) mette in seria difficoltà la difesa avversaria. (42’ st Nicotra sv).
Perrucci 5.5 Fatica non poco in attacco a trovare la sua posizione in campo e quando probabilmente ci riesce è tardi, perché prima gli avversari gli prendono le misure e poi la sua gara finisce. (32’ st Longhi sv).
Mangiameli 6 Cerca come può di tenere alta la squadra quando il Milan parte dal basso e quando il possesso è a ridosso della porta avversaria fa molto movimento. Tuttavia, le sue giocate sono perlopiù fumose e per nulla concrete. (32’ st Gramignoli sv).
All. Lantignotti 6 La sua squadra non gioca una partita perfetta, anzi. Il match è deciso da un episodio, ma è indubbio che i suoi ragazzi avessero più qualità nei piedi rispetto agli avversari e per questo motivo lui è tranquillo per tutta la partita, tant’è che i suoi chiudono in crescendo.

ARBITRO
Vailati di Crema 7 Dirige bene una partita a tratti molto fisica, riuscendo a mantenere sempre lo stesso metro di giudizio. I padroni di casa hanno un po’ di dubbi sul rigore, ma dagli spalti l’impressione è che il contatto ci sia stato.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400