Cerca

Under 17 Serie A e B

Como-Monza: la doppietta di Cattaneo e le reti di El Haddad e Orlando suggellano un netto trionfo esterno

Prova di forza per i ragazzi del tecnico Riccardo Munguzzi che conquistano tre punti preziosi a fronte di un Como non sempre lucido ma comunque combattivo

Como-Monza

Le due formazioni si salutano al fischio d'inizio

È una macchina da guerra il Monza messo in campo nella giornata di oggi da Riccardo Monguzzi e che espugna il Lambrone con roboante 0-4. Guidati da un ispiratissimo Davide Cattaneo che con una doppietta mozzafiato mette subito la partita sui binari giusti, i brianzoli non si saziano facilmente e aumentano gradualmente il distacco. Prima è El Haddad - su assist del solito Cattaneo - a mettere la propria firma sul tabellino con un gol che congela il primo tempo e aumenta le crepe nelle speranze di rimonta del Como, infine arriva nella seconda frazione la rete definitiva di Orlando che permette ai Brianzoli di archiviare una gara spinosa con una indiscutibile prova di forza schierando al meglio tutte le proprie risorse.

Destro, sinistro, montante. Dopo un inizio placido al 5’ c'è il primo squillo della partita, e porta le tinte rosse del Monza: la squadra sale bene e Cattaneo filtra un ottimo pallone per Infantino, che però pecca di lucidità sotto porta e tira il pallone direttamente su Piombino, bravo comunque a restare in posizione. Il ritmo si alza per ambo le squadre, con il Monza che cerca di portare il proprio gioco fondato sulla circolazione rapida palla a terra e il Como che prova a costruire innescando gli attaccanti con dei lanci lunghi mirati e pressing sul primo tocco avversario. Al 12’ buona punizione conquistata dal Como che però ancora fatica a trovare una via chiara per la porta avversaria. Cicconi incita i suoi che provano a fluidificare i propri movimenti e al 17’ su una palla recuperata da Restelli si sviluppa una buona salita collettiva che però non trova la conclusione sperata. Al 20’ la situazione di stallo si sblocca in favore degli ospiti: Fossati illumina con un lancio lungo e calibrato che finisce direttamente sui piedi di Cattaneo, abile e scattare sul filo del fuorigioco. Il numero 8 controlla con qualità il pallone e si lascia alle spalle i due difensori, insaccando la sfera alle spalle di Piombino e portando i suoi in vantaggio. Neanche il tempo per il Como di cercare una reazione convincente che bisogna subito fare i conti con un altro gol: è ancora Cattaneo, largamente il migliore in campo, a segnare il 2-0 per il Monza von uno splendido tiro al volo da fuori area che si insacca sotto la traversa. Il Como cerca di tenere insieme i pezzi e Settimo si procura un buon tiro dalla distanza che però è troppo centrale per impensierire Greco, sinora poco coinvolto. Poco dopo segue un altro tentativo dei padroni di casa con Lanzarotti innescato da Colombo, ma il numero 9 viene pescato in fuorigioco. C’è ancora Como nei minuti seguenti con una sequela di buoni tiri tutti però respinti dalla difesa monzese. Proprio nel momento di massima reazione dei padroni di casa, però, il Monza sente l’odore del sangue e segna la terza rete al 42': stavolta è El Haddad a iscriversi al tabellino è abilissimo a chiudere una grande salita collettiva e una triangolazione che coinvolge Infantino e Cattaneo: l'attaccante si ritrova così la palla sui piedi ampiamente dentro l’area piccola e appoggia il pallone in rete. Primo tempo glaciale per gli ospiti che capitalizzano tutto quello che possono senza sprecare nulla.

Colpo di grazia. La seconda frazione di gara si apre con un Monza intenzionato a chiudere i conti dal primo minuto: Piombino infatti è costretto a prodigarsi in due interventi di spessore già nel primo minuto. Il Como tuttavia prova comunque a riaprire la gara con una buona salita e riproponendo le proprie convinzioni calcistiche. Ma il vero punto di svolta per la squadra di Cicconi arriva dalla panchina e si tratta del neo entrato Chinetti: l’esterno prima si invola verso la porta costringendo Greco al primo intervento salvifico della sua partita, poi sullo sviluppo del corner seguente colpisce la traversa con un colpo di testa, mostrando ai compagni una strada per riaprire i giochi. Come nel primo tempo tuttavia la giornata del Como sembra essere segnata: sul primo ribaltamento utile all’11’ Orlando riesce a controllare un’apertura dal lato opposto e, messo fuori posizione il difensore, calcia verso la porta con un tiro insidioso che coglie Piombino di sorpresa portando la gara sul conclusivo 4-0. L’inerzia della partita pende ormai per gli ospiti nonostante il Como cerchi comunque di non lasciare il campo senza combattere, sfruttando la fisiologica tranquillità del Monza e soprattutto il proprio sovrannumero generato dall’espulsione del difensore D’Aietti. Il Monza però riesce a reggere gli ultimi tentativi avversari e non corre eccessivi rischi, riuscendo a conservare il risultato fino al fischio finale.

 

IL TABELLINO

COMO-MONZA 0-4
RETI: 20' Cattaneo (M), 29' Cattaneo (M), 42' El Haddad (M), 11' st Orlando (M).
COMO (4-4-1-1): Piombino 6, Baldaro 6 (9' st Chinetti 7), Anghel 6, Restelli 6.5, Viganò 5.5, Rodolfo Masera 6, Boccardo 6 (9' st Angelini 6), Settimo 6 (36' st Verga sv), Lanzarotti 6.5 (9' st Piccirillo 6), Colombo 6 (36' st Suarato sv), Bossi 6 (36' st Marmo sv). A disp. Frigerio, Grandi, Zappa. All. Cicconi 6.
MONZA (4-4-2): Greco 6.5, Ferrandino 6.5 (15' st Usardi 6), Pedrazzini 6.5, Fossati 7, D'Aietti 6.5, Colombo 6.5, Arpino 6 (15' st Ragusa 6), Cattaneo 8 (15' st Brugarello 6), Infantino 7 (9' st Di Vito 6, 28' st Speroni 6), El Haddad 7 (15' st Kamberaj 6), Orlando 7.5 (28' st Grumo 6). A disp. Maffi, Caccia. All. Monguzzi 7.5.
ARBITRO: Carsenzuola di Legnano 6.5.
ASSISTENTI: Martinelli di Seregno e Maninetti di Lovere.
ESPULSO: 26' st D'Aietti (M).
AMMONITI: Arpino (M), D'Aietti (M), Colombo (C), Settimo (C), Boccardo (C).

LE PAGELLE

COMO

Piombino 6 Le reti subite non devono essere lette come una sua mancanza, eccezion fatta per il quarto gol dove poteva fare qualcosa di più.
Baldaro 6 Il match è sfiancante per l’esterno basso, impegnato a contenere per molta parte della gara
9’ st Chinetti 7 Nettamente uno dei migliori dei suoi. Entra e va due volte vicino al gol, oltre a offrire energia e qualità.
Anghel 6 Come tutto il reparto arretrato soffre gli arrembaggi avversari a cui però cerca di opporsi strenuamente.
Restelli 6.5 Buon apporto al centrocampo dove cerca di giocare le sue migliori carte.
Viganò 5.5 È una giornata difficile per la difesa di casa e lui risente molto dell’inerzia della gara.
Rodolfo Masera 6 Come il compagno di reparto fatica a tenere a galla la linea di difesa ma ci prova fino in  fondo.
Boccardo 6 Cerca di offrire velocità e istinto alla squadra.
9’ st Angelini 6 Entra in un momento complicato e non riesce ad esprimersi al meglio.
Settimo 6 Non è sempre concentrato al massimo ma prova comunque a lavorare dei buoni palloni (36’ st Verga sv).
Lanzarotti 6.5 La sua è una posizione di sacrificio: cerca di sobbarcarsi il peso dell’attacco provando a impensierire la difesa avversaria.
9’ st Piccirillo 6 Prova a smuovere le acque offrendo forze fresche all'attacco.
Colombo 6 Cerca di agire tra le linee collegando il centrocampo e la punta ma la maglia offensiva del Monza gli rende la giornata difficile (36’ st Suarato sv).
Bossi 6 Cerca di ampliare gli spazi facendo da raccordo tra i reparti (36’ st Marmo sv).
All. Cicconi 6 Partita complicata per i suoi ragazzi che in ogni caso cercano di non mollare fino al fischio conclusivo.

MONZA

Greco 6.5 Poco impegnato nel corso del primo tempo, si limita ad amministrare la difesa. Nel secondo si oppone ai tiri avversari quando chiamato in causa.
Ferrandino 6.5 Esegue un lavoro presidiando la propria area e allargandosi quando può.
15’ st Usuardi 6 Entra per offrire freschezza al reparto difensivo e ci riesce in chiaroscuro.
Pedrazzini 6.5 Spinge con continuità sulla propria fascia restando però attento a non lasciare troppi spazi scoperti.
Fossati 7 Solido e ordinato, intercetta di testa numerosi lanci lunghi.
D’Aietti 6.5 Lavora molto bene con il compagno di reparto mantenendo sempre la posizione, peccato per l’espulsione rimediata nel secondo tempo.
Colombo 6.5 Lavora bene a fianco dei propri compagni e ha più di una buona intuzione.
Arpino 6 Non sempre preciso nella gestione dei possessi, ma comunque presente.
15’ st Ragusa 6 Entra quando il risultato è netto e si limita ai propri compiti.
Cattaneo 8 Assoluto protagonista della giornata: una doppietta d’autore che non lascia spazio ad alcun tipo di replica. MVP.
15’ st Burgarello 6 Non brilla ma ha dei buoni movimenti che cerca di proporre con continuità.
Infantino 7 La triangolazione sul gol del 3-0 una chiave di lettura della sua partita: non segna ma cerca sempre di lavorare con la squadra.
9’ st Di Vito 6 L’inerzia lo condiziona alternando buone idee a giocate poco convincenti.
28’ st Speroni 6 Entra in un momento in cui la squadra ha bisogno di non adagiarsi sugli allora, offre pochi minuti di concentrazione.
El Haddad 7 Non solo la terza rete di squadra: coadiuva bene i compagni di reparto, avanzando quando può palla al piede.
15’ st Kamberaj 6 Entra con la giusta cattiveria ma non è sempre concentrato sulle dinamiche della gara.
Orlando 7.5 Bravo nel velocizzare il gioco e non lasciare punti di riferimento agli avversari. La rete è il giusto riconoscimento per la gara disputata.
28’ st Grumo 6 Non ha molti minuti per esprimersi e cerca di aiutare la squadra a tirare i remi in barca.
All. Monguzzi 7.5 Riccardo La partita sulla carta non è facile ma lui prepara al meglio i suoi ragazzi che lo ripagano mettendo la gara in cassaforte il prima possibile.

ARBITRO
Carsenzuola di Legnano 6.5
La partita rischia di scaldarsi sin dai primi minuti ma lui riesce comunque a tenerla sui binari giusti ammonendo quando necessario.

LE INTERVISTE

Soddisfatto il tecnico del Monza, Riccardo Monguzzi: «Bisogna chiarire subito che la partita non era scontata visto gli ultimi risultati del Como: sapevamo di dover fare una grande prestazione innanzitutto sotto il profilo agonistico. Quello che ha fatto la differenza però è stato riuscire a disputare la gara che volevamo anche sotto il profilo dei principi messi in campo, che è ciò che ci permette di giocare bene. Io ho sempre fiducia in questi ragazzi e so che la domenica mettono in campo tutto ciò per cui lavorano durante i quattro allenamenti settimanali. Nel settore giovanile noi lavoriamo esattamente per questo».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400