Cerca

Under 17 A-B

Ha 15 anni, viene dall'Ucraina e si ispira a Messi: Michele Zagaryuk in volo verso la Serie A

L'ex Trevigliese, arrivato in Italia nel 2020, in estate andrà alla Cremonese: «Sogno anche la Nazionale»

Viene dall'Ucraina, ha 16 anni e si ispira a Messi: Michele Zagaryuk vola verso la Serie A

Michele Zagaryuk in maglia Trevigliese

A Černivci, sud-ovest dell'Ucraina, c'è una squadra che milita in terza serie e che dal 1958 sforna talenti: il Bukovyna Chernivtsi. Uno degli ultimi gioielli nati e cresciuti nella Bucovina del Nord se l'è preso in prestito l'Italia nel 2020, quando si trasferì con la famiglia nella bergamasca per inseguire il proprio sogno, o meglio sogni: diventare un calciatore di Serie A ed esordire con la Nazionale Ucraina. «Il calcio è la mia vita: la cosa più importante dopo la famiglia, non posso vivere senza». Parola di Michele Zagaryuk, diamante classe 2006 che nell'ultima stagione si è messo in mostra con la maglia Trevigliese - giocando da sotto età - guadagnandosi la grande chiamata da una realtà che il prossimo anno riassaporerà la Serie A: precisamente dalla Cremonese, squadra che lo accoglierà dal prossimo luglio per rafforzare la propria Under 17.

UNA PANORAMICA DALL'ALTO DELLO STADIO DEL BUKOVYNA CHERNIVTSI

STORIA

Partiamo dalla fine: «Da questa nuova avventura mi aspetto molto: lavoro da diverso tempo per andare nei professionisti e sono pronto a ciò che sarà: spero di soddisfare le aspettative di tutti. Ringrazio poi la Trevigliese, hanno creduto in me e voglio sottolineare il ruolo avuto sia dagli allenatori sia dai dirigenti». Così Zagaryuk si prepara alla sua prossima avventura che, 2 anni dopo il suo arrivo in Italia, lo vedrà finalmente impegnato in un campionato Nazionale. Non che non ci abbia già provato il giovane ucraino, la cui volontà appena dopo il suo arrivo nella Penisola - rimasta poi tale - fu quella di mettersi in mostra per guadagnarsi la chiamata dell'Atalanta. La grande occasione è però arrivata visto che sembrerebbe tutto fatto per il suo passaggio alla Cremonese, società che avrebbe vinto la concorrenza dell'Albinoleffe per accaparrarsi le sue prestazioni.

Zagaryuk nel pre-gara di Sported Maris-Trevigliese con la bandiera dell'Ucraina

CARATTERISTICHE

Da qui il quesito: di che giocatore si tratta? La parola chiave è qualità: tanto nel dribbling quanto nel tiro e nel palleggio. Tutto rigorosamente con il piede sinistro, facendo sprecare i paragoni con uno dei più grandi mancini della storia: Lionel Messi. «È il mio idolo indiscusso: mi piace come gioca e la sua capacità nel dribbling. Inoltre siamo due giocatori simili sia per caratteristiche che per qualità». Paragone azzardato? Forse, ma è sufficiente vedere per credere. Chi ha avuto la fortuna di vederlo all'opera racconta di un numero 10 puro, un fantasista capace di giocare in qualunque ruolo dal centrocampo in su: in poche parole, quel tipo giocatore che in qualsiasi formazione si ritaglierebbe il suo spazio senza alcun problema. 

LA SCHEDA DI MICHELE ZAGARYUK

  • NOME: Michele Zagaryuk
  • NAZIONALITÀ: Ucraina
  • ANNO: 2006
  • RUOLO: Esterno, fantasista
  • PIEDE: Sinistro
  • SKILLS: Velocità e dribbling
  • IDOLO: Lionel Messi
  • SQUADRA DEL CUORE: Manchester City

Zagaryuk in azione

NUMERI

Cosa perfettamente riuscita a Zagaryuk, diventato fin da subito uno degli elementi imprescindibili nella rosa di Pietro Galbiati. Le sue prestazione hanno infatti permesso ai biancocelesti di salvarsi senza dover passare dai playout, forti di 26 punti in 22 partite e un ottavo posto a 7 lunghezze dalla zona calda (clicca per la classifica). L'apporto dell'ucraino è raccontato perfettamente dai numeri: 1559 minuti spalmati in 18 presenze, quest'ultime arricchite da 5 gol, una media di 7.2 per partita ed una quantità industriale di assist e occasioni create. Il trasferimento si concretizzerà il prossimo luglio, anche se di allenamenti in maglia grigiorossa Zagaryuk ne ha già fatti diversi: «Mi sono confrontato spesso con i miei futuri compagni ed ho notato che c'è una grande differenza con il calcio Regionale. La più grande credo sia nella velocità di scelta e di pensiero, dopodiché inizialmente non è stato facile integrarmi tecnicamente ma tuttavia, quando ho conosciuto i compagni, tutto è filato liscio».

LE STATISTICHE 2021/2022 DI MICHELE ZAGARYUK

  • CAMPIONATO: Under 17 Élite
  • PRESENZE: 18
  • MINUTI GIOCATI: 1559
  • MEDIA VOTO: 7.2
  • GOL: 5
  • MINUTI/GOL: 312
  • AMMONIZIONI: 3

Uno scatto di Michele Zagaryuk

PERCORSO

Facendo un passo indietro, o meglio 11, si riesce a capire meglio il ruolo del calcio nella vita di Zagaryuk. Tutto ha inizio in Ucraina nel 2011, quando all'età di 5 anni approccia al mondo del calcio al Bukovyna Chernivtsi, squadra del paese natale. Tra i gialloverdi ci resta fino al 2020, precisamente fin quando non si trasferisce in Italia. I ricordi della madre patria sono diversi, uno su tutti un pomeriggio leggendario su un campo di calcio: «Stavo giocando una finale e mancavano pochi minuti alla fine. Eravamo sotto nel punteggio e sono riuscito a segnare superando ben 5 giocatori e battendo il portiere: è sicuramente il gol più importante della mia vita». Successivamente l'esperienza nel calcio nostrano, laddove di ricordi legati al calcio può dire di averne già parecchi: i principali? I sigilli contro Franciacorta e Sported Maris. «Il sigillo più bello è stato contro il Franciacorta: ho saltato 4 uomini più il portiere: una bellissima sensazione. Il più importante contro lo Sported Maris: eravamo 2-2, mancavano 3 minuti e sono riuscito a segnare una doppietta».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400