Cerca

Under 17-Under 16

Alcione-Como, il test match termina 1-1: al vantaggio orange di Ciceri risponde il gol beffardo di Arrighi

Alla prima stagionale al Kennedy le due squadre convincono per intensità: botta e risposta tra i ragazzi di Brunetti e quelli di Corti

Alcione-Como Under 17

Simone Pagni (Alcione) e Sebastiano Merone (Como) si contendono il possesso del pallone

Si è conclusa senza nessun vinto e nessun vincitore l'amichevole di lusso giocata stamattina sul rettangolo verde del Kennedy, che ha visto affrontarsi l'Alcione Under 17 di Brunetti e il Como Under 16 di Corti. Il tabellino segna 1-1 dopo un match intenso ed equilibrato sotto tutti i punti di vista ma tutt'altro che noioso, visto e considerato che si è trattato della prima uscita ufficiale della stagione per entrambe le compagini, reduci dalle prime settimane di preparazione e quindi appesantite dal carico di lavoro. Un peso, però, che non sembra farsi sentire a vedere l'intensità con cui fin da subito si lotta su ogni pallone. La voglia di tornare a sentire l'erba, seppur sintetica, sotto i tacchetti era fin troppa, dopotutto.

Pronti. Partenza. Via. I padroni di casa, in classica divisa orange, si schierano con una difesa a quattro, davanti la quale si destreggiano Rebaudo, da cui passano tutti i palloni in fase di possesso, affiancato dalle due mezzali. Più avanzato gioca Vecchi trequartista alle spalle delle due punte, Arizzi più centrale e Cenetti che gli ronza attorno da una parte all'altra del campo. Nell'altra metà i blues rispondono con un classicissimo 4-4-2, con gli esterni che lavorano in ampiezza e i due centrocampisti centrali Merone e Ortelli che dettano il gioco. Davanti Mastromatteo è il perno dell'attacco, poco più dietro Rispoli partecipa alla costruzione della manovra. È un inizio di fuoco per l'Alcione, con Arizzi che al 7' indirizza sul primo palo un traversone rasoterra servito da Torresani e costringe subito Pisoni ad un gran intervento di istinto, con il pallone che finisce sul fondo e concede il primo corner del match, non prima di accarezzare il palo esterno facendo salire un brivido al portiere blues. Non passano nemmeno tre minuti e arriva la risposta degli ospiti, con Lacerenza che, dopo uno scontro fortuito tra due difensori orange, si ritrova palla tra i piedi in posizione defilata ma non proibitiva sulla destra dell'area, ma spreca alto un ottimo pallone. La partita si gioca soprattutto in mezzo al campo, con i comaschi che provano più volte a far girare la palla da una parte all'altra prima di trovare l'imbucata centrale e con gli orange che invece tentano di giocare la palla più velocemente sulle corsie esterne, ma il pressing reciproco davvero asfissiante non lascia spazio a grandi giocate individuali. Al contrario sulle corsie laterali c'è spazio, e gli esterni macinano metri. Arriva al 15' proprio dall'esterno un'azione personale di Mastromatteo, che lascia sul posto con un bel dribbling Lauriola, ma che mette in mezzo un pallone troppo debole che non giunge a destinazione permettendo a Gasparetto di allontanare la minaccia. Per tutto il primo tempo le difese, in modo particolare i centrali difensivi di entrambe le squadre, giocano una partita perfetta, senza sbavature, e rendono la vita davvero difficile ai reparti offensivi. Bisogna attendere il 30' per la giocata più bella del primo tempo: è di nuovo Arizzi che riceve palla di spalle e riesce stranamente a girarsi indisturbato e calciare da fuori area un pallone preciso, che scheggia la parte superiore della traversa. Numerosi ribaltamenti di fronte in una ricerca incessante dell'occasione giusta, ma le difese sono davvero troppo attente e concedono poco e nulla. Sul finire del primo tempo è Bobbo, su un calcio d'angolo per i comaschi, a incornare di testa da pochi metri, ma il pallone si spegne debole tra le braccia sicure di Petris. Si va a riposo sullo 0-0.

Rivoluzioni. È la prima stagionale e bisogna sperimentare, provare, valutare. Lo sanno bene i due tecnici, e infatti il volto delle squadre si configura rivoluzionato dopo la prima frazione, con otto undicesimi nuovi per parte. La difesa orange, impeccabile durante il primo tempo, cambia tutti i suoi interpreti. A centrocampo rimangono Rebaudo centrale e Pagni sul centro-sinistra, più avanti resta Vecchi. Tutti gli altri entrano freschi. Sulla sponda blues al 5' del secondo tempo cambiano tutti dalla metà in su, dietro, invece, Mastai si sposta dalla corsia di destra a quella opposta e al suo posto va Pasqual, che dal centro si sposta laterale, lasciando il suo posto ad Airaghi. Ed è proprio dalla parte di Pasqual che al 15' affonda Vecchi, mette un traversone basso e il neoentrato Ciceri sbuca tra due difensori lariani e insacca alle spalle di Leoni. 1-0 per i padroni di casa. La partita si accende e le squadre concedono un po' di più. Poco più tardi ancora dalla sinistra è Cozzi a sprecare l'occasione del raddoppio calciando alto da pochi passi. Non tarda ad arrivare la controffensiva dei blues: al 20' è Arrighi a mancare appuntamento con il gol, calciando benissimo da fuori area un pallone che finisce di poco a lato alla sinistra del portiere. Appuntamento solo rimandato di pochi minuti però, perché al 26' è Frizzato ad approfittare di un pasticcio al limite dell'area della difesa orange e serve di nuovo Arrighi che calcia basso un pallone insidioso, trova una deviazione beffarda del difensore e insacca alle spalle di Gasperi che, ingannato dalla traiettoria, non può veramente nulla. È 1-1. Solo una l'occasione degna di nota prima del triplice fischio del direttore di gara, con Caimi che imbucato da una palla lunga arriva davanti a Leoni e prova un pallonetto che il portiere blues riesce a intercettare e a rallentare quel tanto che basta per l'intervento provvidenziale di Bobbo che mette in angolo e nega il gol ad un passo dalla linea.

IL TABELLINO

ALCIONE-COMO 1-1
RETI (1-0, 1-1):
16' st Ciceri (A), 27' st Arrighi (C).
ALCIONE (4-3-1-2): Petris 6.5 (18' st Gasperi 6), Lauriola 6 (1' st Gabba 6.5), Torresani 7 (1' st Baldi 6.5), Gasparetto 7 (1' st Ciceri 7.5), Rebaudo 7, Caremoli 6.5 (1' st Lombardo 6), Notarianni 6.5 (1' st Cozzi 6.5), Pagni 6.5, Arizzi 7 (1'st Caimi 6.5), Vecchi 7.5, Cenetti 6.5 (1'st Gorla 6.5). A disp. Di Munno. All. Brunetti 6.5.
COMO (4-4-1-1): Pisoni 7 (1' st Leoni 6), Mastai 6.5, Bignami 6 (5' st Airaghi 6.5), Pasqual 6.5, Bobbo 7.5, Lacerenza 6.5 (5' st Mazzaglia 6.5), Merone 7 (5'st Galafassi 6.5), Ortelli 7 (5' st Piras 6.5), Pinotti 6 (5' st Arrighi 7.5), Rispoli 6.5 (5'st Frizzato 7), Mastromatteo 6.5 (5'st Testa 6). A disp. Mantovani. All. Corti 6.5.
ARBITRO: Rastellino di Seregno 6.5.

LE PAGELLE

ALCIONE

Petris 6.5 Pochi tiri e domenica tranquilla, anche grazie al lavoro dei quattro difensori.
1' st Gasperi 6 Beffato da una deviazione su cui poteva fare ben poco.
Lauriola 6.5 Sempre attento e il Como da quella parte non sfonda.
1' st Gabba 6.5 Le sue ripartenze veloci mettono in difficoltà la difesa comasca.
Torresani 7 Mette a disposizione la corsa e serve l'assist per il quasi gol di Arizzi. Spinta costante sulla mancina.
1' st Baldi 6.5 Dà il cambio a Torresani nella ripresa e dalla sua parte grossi pericoli non ne arrivano anche per merito suo.
Gasparetto 7 Sempre attento, non sbaglia nulla. Sostituisce anche Rebaudo davanti alla difesa a metà secondo tempo, e fa bene molto bene anche lì. Jolly preziosissimo che ogni allenatore vorrebbe avere.
1' st Ciceri 7.5 Entra a gara in corsa, dietro fa tutto alla grande e segna anche il gol del momentaneo 1-0. Abbina una buona fase difensiva a una buona capacità di fare male nell'area avversaria. Partecipa bene anche al giro palla durante la costruzione del gioco.
Caremoli 7 Solidità difensiva al fianco di Gasparetto. Controlla le punte lariane con buon tempismo.
1' st Lombardo 6 Centro-sinistra nella ripresa quando va a comporre il nuovo tandem difensivo con Ciceri. Sfortunato in un paio di occasioni, ma tiene botta.
Rebaudo 7
Trascinatore, da lui passano tutti i palloni. Regìa di sostanza con tanti palloni recuperati e lavorati nel migliore dei modi per i compagni di reparto e non solo.
Notarianni 6.5 Duello alla pari con Mastai. Buon lavoro da mezz'ala sulla destra.
1' st Cozzi 6.5 Una buona conclusione e un discreto lavoro di raccordo.
Pagni 6.5 Tanta grinta in mezzo al campo, non cede nemmeno un centimetro ai suoi dirimpettai.
Arizzi 7 Partita difficile, deve fare a sportellate e non è semplice. Prova a fare gol e per pochi centimetri non ci riesce. La sua però è una prestazione da centravanti consumato.
1'st Caimi 6.5
Frizzante e volitivo, quando gli arriva la palla succede sempre qualcosa.
Vecchi 7.5 Anima della trequarti orange, mette ordine ma soprattutto serve l'assist per il gol dell'1-0. Un'azione favolosa sulla sinistra conclusa con un cross basso che Ciceri deve solo appoggiare in rete. Ottima tecnica e tanti strappi verticali che spezzano la mediana del Como.
Cenetti 6.5 Prova in tutti i modi a trovare spazio tra le fila serrate dei lariani. Tanto movimento, gli sono arrivati pochi palloni ma comunque è riuscito a fare la sua parte.
1' st
Gorla 6.5 Spirito di sacrificio finché non deve abbandonare il campo nel finale per una botta al piede.
All. Brunetti 6.5 Non male come prima uscita. Il sistema di gioco funziona e la squadra è ben assemblata.

COMO

Pisoni 7 Sempre pronto, miracoloso su Arizzi all'avvio.
1' st Leoni 6 Ciceri sbuca tra due difensori, su quel tiro può fare ben poco. Per il resto non ha grosse occasioni per mettersi in mostra.
Mastai 6.5 Duello duro con Notarianni nella ripresa, tiene botta e spinge con discreta continuità appena ne ha la possibilità.
Bignami 6 Scopre la titolarità a pochi istanti dall'inizio a causa del forfait di Mantovani, ci mette un po' ad entrare in partita anche perché il gioco dell'Alcione pende dalla sua parte.
5' st Airaghi 6.5 Si piazza a destra e tiene alta la linea senza andare quasi mai in affanno.
Pasqual 6.5 Al centro non concede nulla, non è lo stesso sulla fascia dove il discorso è più complicato. Apporto fisico comunque molto importante.
Bobbo 7.5 Un muro da cui non passa nessuno. Chiusure in diagonale sempre sul pallone e pericoli limitati al minimo indispensabile. Trova anche il tempo e il modo di andare a stuzzicare il portiere avversario sulle palle inattive.
Lacerenza 6.5 Spreca un occasione ghiotta, ma è sempre sul pezzo.
5' st Mazzaglia 6.5 Si piazza in mezzo al campo a far girare il gioco, regia pulita e precisa con ritmi sempre giusti.
Merone 7 Coordina il centrocampo e dialoga perfettamente con Ortelli. Cerca e spesso trova Mastai.
5' st Galafassi 6.5 Poco meno di un tempo utile per mettere benzina nelle gambe. Si piazza in mediana e porta a casa la pagnotta.
Ortelli 7 Bel duello in mezzo al campo con Rebaudo, dà tutto e recupera tantissimi palloni.
5' st Piras 6.5 Si piazza sul centro-sinistra e dà il giusto supporto e copertura a Mazzaglia.
Pinotti 6.5 Tiene bene la posizione e riesce spesso a rientrare verso il centro del campo, anche se non riesce a concretizzare la sua partita è positiva.
5' st Arrighi 7.5 Qualità in mezzo al campo, segna un gol fortunoso che però rende giustizia al tentativo precedente finito fuori di un niente. Ingresso decisivo, i suoi movimenti e le sue idee scardinano la difesa dell'Alcione.
Rispoli 6.5 Ha tante idee e molte di queste sono buone, tenta di imbucare Mastromatteo ma non trova gli spazi giusti.
5' st Frizzato 7 Bravo ad approfittare forse dell'unica disattenzione della difesa avversaria: ruba palla e appoggia ad Arrighi la palla che diventa il tiro che porta al pareggio.
Mastromatteo 6.5 Domenica difficile votata al sacrificio, ci mette tanta grinta e cerca di far salire la squadra.
5' st
Testa 6 Non ha occasioni per andare al tiro, ma il suo movimento è costante.
All. Corti 6.5
La differenza di età non si vede, formazione con buone qualità tecniche e ben organizzata. Nella ripresa disegna il centrocampo con il rombo e le cose vanno ancora meglio.

ARBITRO
Rastellino di Seregno 6.5 
Gara non particolarmente difficile, pochi episodi complicati e un solo dubbio sul gol dell'1-1 forse viziato da un piccolo fallo in avvio di azione. Per il resto, direzione decisamente positiva.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400