Cerca

Under 17

Masseroni-Ausonia: prima uscita per la squadra di Marco Berti, illuminante Simone Donida con una doppietta

Nell'amichevole con la Masseroni, l'Ausonia si fa rimontare dopo esser passata in vantaggio per due reti a zero, ma arrivano segnali positivi dalla squadra neroverde

Simone Donida Under 17 Ausonia

Simone Donida, protagonista della gara dell'Ausonia con una doppietta segnata

In quello che viene definito di solito "calcio estivo" il risultato non è la cosa più importante, perché ciò che conta è constatare come si muove la squadra e che tipo di segnali arrivano in ottica partite ufficiali. Per questo motivo può dunque sorridere Marco Berti al termine di Masseroni-Ausonia: il match è terminato per 3-2 in favore dei padroni di casa, ma gli ospiti sono stati in vantaggio fino a cinque minuti dal termine, quando poi sostanzialmente i cambi della Masseroni hanno fatto la differenza. Per i neroverdi da sottolineare la prova di Simone Donida e, in generale, di tutto il reparto offensivo, che è riuscito a dialogare bene e trovarsi spesso nello stretto, segno di un gruppo che sta apprendendo i dettami del nuovo tecnico. Discreta anche la partita fatta dalla linea a quattro del centrocampo e del muro difensivo, che ha appunto retto per quasi tutta la partita le sortite di una Masseroni evidentemente più avanti in condizione. Il risultato, insomma, premia la Masseroni, che ha disputato una buona partita, ma come detto in apertura, Berti può guardare con una buona dose di ottimismo al futuro della stagione 2021/2022.

Freddezza e cinismo. Al fischio d'inizio, partono più forti i padroni di casa, ma la linea difensiva dell'Ausonia, composta da Cogrossi, Schiesaro e De Filippis riesce ad arginare senza troppi problemi le imbucate e le avanzate della Masseroni, cercando poi di servire immediatamente gli esterni di centrocampo per far ripartire l'azione. Al 5' la punta biancazzurra si inserisce con i tempi giusti e prova a battere il portiere con un bel terzo tempo di testa: il riflesso di Borotac tra i pali è splendido e con la mano devia la palla sulla traversa, tenendo a galla i suoi. Il primo pericolo da parte dell'Ausonia arriva per vie centrali, con Parretta che al 10' si ritrova il pallone tra i piedi, alza la testa, vede la porta e lascia partire una bella staffilata che mette in difficoltà il portiere di casa, che non riesce a trattenere e sulla ribattuta di Menfalout è costretto a rifugiarsi in corner. Due minuti dopo sono ancora i neroverdi ad attaccare, questa volta con Basso, che scende sulla fascia e dal vertice destro dell'area prova a piazzare il tiro a giro, ma il centrale della Masseroni esce bene e riesce a immolarsi, facendo restare il colpo in canna all'avversario. Col passare dei minuti prende coraggio la squadra di casa, che inizia a palleggiare bene a centrocampo, provando anche a concludere in porta, ma le chiusure della difesa e i tuffi dell'estremo difensore mantengono il risultato in pareggio. Parità che sfuma al 20', con l'Ausonia che passa in vantaggio grazie a Simone Donida, che di testa gonfia la rete sfruttando un cross all'altezza del secondo palo: ospiti in avanti. La Masseroni prova ad avere una reazione, ma il massimo che riesce a fare è al 37', con un tiro piazzato che però è facile preda tra le braccia di un Borotac sicuro in uscita bassa.

Finale al cardiopalma. Il secondo tempo vede, nelle fasi iniziali, un'Ausonia più convinta, per cercare di consolidare immediatamente il vantaggio, tant'è che al 2' arriva subito la prima conclusione: Parise serve a rimorchio Gentile, che avanza di qualche metro e prova la gran botta dalla distanza, ma il pallone finisce alto sulla traversa. I ragazzi di Berti si trovano bene nello stretto, ma non riescono a mettere a segno l'ultimo passaggio, trovando spesso l'opposizione di una Masseroni molto attenta in difesa. I pericoli degni di nota arrivano da un'ottima gestione degli ospiti dei calci da fermo, tant'è che proprio così al 15' arriva il raddoppio, sempre ad opera di Simone Donida. La Masseroni sembra mollare un po' gli ormeggi e l'Ausonia sfiora addirittura il terzo gol, ma una manciata di secondi dopo si riapre tutto: sono i cambi a fare la differenza e al 21' accorciano le distanze i padroni di casa, con una ripartenza fulminante. La partita si fa combattuta a centrocampo ma negli ultimi dieci minuti i ragazzi di Berti soffrono la migliore condizione atletica degli avversari, che pareggiano al 36' e un minuto dopo, in seguito ad una serie di ribattute in area, passano in vantaggio, portando il risultato sul 3-2. L'Ausonia prova a buttarsi in avanti a testa bassa negli ultimi minuti di gara, ma di lì a poco arriva il triplice fischio che chiude la partita.

IL TABELLINO

Masseroni-Ausonia 3-2
RETI (0-2, 3-2): 20' Donida Simone, 15' st Donida Simone.
AUSONIA (3-4-3): Borotac 6.5, Cogrossi 5.5, Schiesaro 6, De Filippis 6.5, Donida Samuele 6.5 (11' st Marchello 5.5), Gentile 6.5 (14' st Elatky 6), Parretta 6 (1' st Sciancalepore 6), Basso 6.5, Parise 6.5, Donida Simone 7.5, Menfalout 6 (11' st Melchiorre 6). A disp. Curci. All. Berti 6.5.
NOTE: Masseroni in gol al 21' st, al 36' st e al 37' st.

LE PAGELLE

AUSONIA
Borotac 6.5
Sui gol subiti si è ritrovato in situazioni di uno contro uno e poco poteva, anzi, in occasione del secondo gol degli avversari, il portiere è riuscito quasi a sfiorare il doppio miracolo. Ha dimostrato di avere buone qualità e si è esibito in un paio di interventi spettacolari.
Cogrossi 5.5 
Attento in difesa, a volte va in difficoltà a causa della velocità dei diretti avversari, soprattutto nel finale, momenti in cui va in affanno: è lui che perde l'uomo in occasione del gol che accorcia le distanze.
Schiesaro 6
Al centro della difesa ha anche il compito di far ripartire l'azione quando conquista palla, servendo i compagni a centrocampo o allargando sulle fasce: ci riesce abbastanza bene. Nel finale anche lui va un po' in affanno contro i subentrati della squadra avversaria.
De Filippis 6.5
Della linea a tre è il più impegnato per quasi un'ora, perché dal suo lato arrivano le sortite più pericolose. Lui riesce a tenere botta per tutta la partita e da quelle parti i neroverdi non subiscono particolari pericoli, anche grazie ai suoi interventi difensivi.
Donida Samuele 6.5
Buone sgroppate sulla fascia, le combinazioni con il compagno del reparto offensivo sono ottime e spesso e volentieri riesce a creare situazioni di superiorità numerica. Dai suoi piedi partono dei bei cross e da quei cross nascono delle azioni potenzialmente pericolose.
11' st Marchello 5.5 
Spinge meno del compagno che va a sostituire, anche perché il diretto avversario, anche lui entrato nel secondo tempo, è fresco e molto veloce, quindi è costretto a restare bloccato nella sua metà campo, ma l'avversario lo brucia in entrambe le occasioni del suo gol.
Gentile 6.5
Metronomo della squadra, palla al piede cerca sempre di servire i compagni più larghi e poi non esita assolutamente: si butta costantemente in avanti per accompagnare l'azione. Quando vede la porta non disdegna nemmeno la conclusione dalla distanza, mettendo in mostra delle buone doti balistiche. 
14' st Elatky 6
Il suo compito è sostanzialmente quello di gestire il pallone in palleggio, così da aspettare che si aprano degli spazi e servire a quel punto i compagni che si sono liberati. Inizialmente ci riesce, poi va un po' in affanno perché viene circondato dalle maglie dei padroni di casa.
Parretta 6
Non si vede tantissimo, ma il suo è un lavoro sporco, volto a recuperare palloni, sradicandoli dai piedi degli avversari, per poi affidarli al compagno di reparto. Anche lui, però, dà il suo apporto alla manovra offensiva, provando la botta dalla distanza, anche se non ha fortuna.
1' st Sciancalepore 6
I suoi compiti sono praticamente gli stessi del compano di squadra che va a sostituire, cercando di spezzare in fase di interdizione la manovra degli avversari.
Basso 6.5
Un vero e proprio motorino su quel lato del campo, fa costantemente su e giù per la fascia, ripiegando quando serve per la fase difensiva e lanciandosi in avanti, in maniera molto propositiva, nei momenti in cui la squadra è in possesso e deve attaccare. Sempre nel vivo dell'azione.
Parise 6.5 Dialoga estremamente bene con i compagni di squadra, che con lui fraseggiano nello stretto e sfruttano gli spazi che si creano da queste triangolazioni. Costantemente al servizio del reparto offensivo, è autore di una prova generosa, in cui cerca di mandare costantemente l'attaccante centrale in gol.
Donida Simone 7.5
Una doppietta e tanta voglia di mettersi in mostra per questa prima uscita stagionale: sempre concentrato, per tutta la durata del match, non si limita a rendersi pericoloso nell'area avversaria, ma si abbassa anche a centrocampo per dare supporto ripiegando.
Menfalout 6
La sua è una gara a fasi alterne: si illumina a sprazzi, ma in alcuni momenti sparisce un po' dall'andamento della partita. In ogni caso, quando cerca di rendersi pericoloso come può e di supportare i compagni.
11' st Melchiorre 6
Anche lui cerca di mettere in area un buon numero di palloni che possano rivelarsi pericolosi e, oltre questo, cerca di dare una mano nei momenti in cui la squadra va in affanno.
All. Berti 6.5 Nonostante il risultato, la squadra segue per praticamente tutta la partita le sue indicazioni: i movimenti in attacco sono buoni e nella gestione delle palle inattive la squadra fa vedere buone cose. Può sorridere.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400