Cerca

Under 17 Élite

Seguro-Aldini: Vallecaro-Scatigna sono d'oro e Mazzola è un predestinato, Buonaurio prima segna poi sbaglia dagli undici metri e illude Silipo

Vincono di misura i Falchi di Vaccaro al termine di novanta minuti di altissimo livello: una grande prova di Conte trascina i ragazzi di via Orsini

Seguro 2005

I classe 2005 del Seguro scelti da Silipo per l'esordio in campionato contro l'Aldini

«Questa partita sarebbe potuta finire in ogni modo». Breve e conciso, il commento di Mariano Vaccaro - tecnico dell'Aldini - riassume perfettamente quanto visto in via Sandro Pertini. Un rigore di Vallecaro in apertura ed un sigillo da tre di Scatigna: quanto è bastato ai Falchi per battere 2-1 il Seguro ed espugnare un campo che, da qui alla fine della regular season, difficilmente vedrà la squadra di Silipo uscire ancora con zero punti in tasca. Per questo il trionfo della squadra di Vaccaro acquisisce ancor più valore, al termini di novanta minuti di grande lotta, cuore ed anche un pizzico di sofferenza dopo il gol di Buonaurio su rigore che ha fissato il punteggio sul momentaneo 1-1. È proprio l'esterno il condottiero dei blues, protagonisti a dire il vero di una partita non eccellente. Vuoi le grandi aspettative dopo un pre-campionato da sogno, vuoi l'emozione della prima in casa, i 2005 di Silipo si sono dovuti arrendere al cospetto di un'Aldini quadrata, ben messa in campo e determinata. Quest'ultimo aspetto, sommato a due disattenzioni da matita rossa dei padroni di casa, porta ai due gol dei Falchi: nel primo Orticoni è ingenuo e regala il rigore agli ospiti, nel secondo Aguirre sbaglia un contrasto e permette a Scatigna di involarsi verso la porta difesa da Masini. Nel mezzo, come detto, il gol ad inizio ripresa di Buonaurio che ha accorciato momentaneamente le distanze. Il sette blues avrebbe anche la chance di pareggiarla ancora nel finale sempre dagli undici metri, ma Morena è miracoloso e regala tre punti d'oro a Vaccaro.

Differenze. 4-2-3-1 contro 4-3-1-2: il primo è del Seguro, trascinato dalla classe di Atlante e dalla velocità sulle corsie di Ragaiolo e Buonaurio; il secondo dell'Aldini, con Mazzola assoluto protagonista (da sotto età) oltre a Gjonaj e Conte. Quest'ultimo, pur senza andare in gol, è stato il faro della squadra di Vaccaro. Lo dimostra il gol di Scatigna, bravo ad approfittare di una classica "spizzata" proprio del suo centravanti e battere Masini in uscita. In poche parole, è proprio il secondo ad aver funzionato meglio. Probabilmente la differenza l'ha fatta la capacità di andare un po' contro la propria natura, come ha fatto l'Aldini: da squadre che predilige il fraseggio e il gioco in ampiezza, quella di Vaccaro è diventata un mix di cinismo, rapidità e concretezza. Dall'altra parte il Seguro ah dalla sua una grandissima reazione nella ripresa: il pari di Buonaurio è un segnale inequivocabile, mentre le tre occasioni firmate da Atlante e Rondanini prima (tiri fuori di poco) e da Orticoni poi (colpo di testa su calcio d'angolo) dimostrano quanto detto all'inizio da Vaccaro: avrebbe potuto vincerla chiunque. Ciò che resta, dati alla mano, è un 2-1 in favore dell'Aldini: risultato giusto? Sbagliato? La risposta è la conseguenza di ciò che abbiamo detto poco fa, mentre rappresenta perfettamente un altro aspetto, ovvero al distanza tra le due squadre. Un gap praticamente nullo, confermato dalla partita di questo sabato e da quanto visto in campo: in poche parole, immaginare Aldini e Seguro appaiate in zona playoff è tutt'altro che utopia.

Le parole. Umori contrastanti per Silipo e Vaccaro. E non potrebbe essere altrimenti, visto che l'epilogo di una partita giocata sul filo del rasoio è spesso capace di farti passare, come suol dirsi, "dalle stelle alle stalle". «Sinceramente pensavo avremmo giocato una partita diversa - commenta Silipo - soprattutto per quanto fatto vedere nelle amichevoli prima del campionato. In ogni caso è una sconfitta che ci può stare, soprattutto per come abbiamo approcciato alla partita». Il rammarico per il tecnico sta proprio per non aver messo la freccia nel momento migliore: «Siamo stati bravi a rimetterla a posto - prosegue il giovane tecnico - ma purtroppo è finita male. In poche parole, potevamo sia vincerla che perderla». La testa ora è alla prossima contro l'Accademia Bustese: «Speriamo di poter far bene la prossima. Saremo contro una squadra preparata e in un campo, sarà importante ripartire subito», ha chiosato il tecnico. Diverso il discorso anche in casa Aldini, anche se vaccaro non vuole abbassare l'asticella della concentrazione in vista delle prossime uscite: «Ho visto tanto entusiasmo: è stato meritato, importante ma anche emozionante. In tutto ciò si percepisce però una cosa - sottolinea il tecnico - ovvero che siamo poco abituati a tutto questo». In generale, la soddisfazione però certamente non manca soprattutto per aver portato a casa una vittoria in un campo come quello del Seguro: «Devo fare i complimenti ai nostri avversari - prosegue Vaccaro - perché sono una squadra davvero molto forte ed hanno un'identità ben precisa. Posso dire che questa sia una vittoria abbastanza particolare, soprattutto se consideriamo le modalità e il fatto che sia arrivata in questo modo ed in questo momento dell'annata».

IL TABELLINO

SEGURO-ALDINI 1-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2): 3' rig. Vallecaro (A), 6' rig. st Buonaurio (S), 20' st Scatigna (A).
SEGURO (4-2-3-1): Masini 6, Rondanini 6.5, Albetti 6 (24' st Santamato 6), Mazzitelli 6, Aguirre 6, Orticoni 5.5, Buonaurio 6.5, Solazzo 6 (6' st Tremolada 6), Pullano 6 (11' st Olmari 6), Atlante 6, Ragaiolo 6.5. A disp. Benini, La Tina, Dossena, Preatoni Nicolas, Giuliani, Facchinelli. All. Silipo 6.5. Dir. Buonaurio.
ALDINI (4-3-1-2): Morena 7.5, Mazzola 7.5, Montefusco 7, Morella 7, Gjonaj 7.5 (23' st Procopio 6.5), Colaci 7, Anelli 7, Cozzi 7, Conte 7.5, Regis 7 (13' st Scatigna 7), Vallecaro 7 (36' st Di Natale sv). A disp. Finoli, Chieregato, Carollo. All. Vaccaro 7.5. Dir. Attici.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400