Cerca

Under 17 Élite

Aldini-Vogherese: Vallecaro come Milito e Scatigna come Eto'o, José Vaccaro ne fa cinque a Pep Spalla e volta in testa alla classifica

Finisce 5-1 per i Falchi, avanti nel primo tempo sfruttando le ripartenze e bravi ad attutire il colpo e chiuderla nella ripresa. Di Sonetti il gol bandiera dei vogheresi

Aldini Under 17 Élite

L'Aldini Under 17 in festa dopo il pokerissimo casalingo contro la Vogherese

Talento cristallino, immensa qualità tecnica e due gol - uno su rigore ed uno di testa - di pregevole fattura: Diego Milito? No, Mathias Vallecaro. Grande velocità, propensione al dribbling e due gol che hanno ubriacato la difesa ospite: Samuel Eto'o? No, Gianluca Scatigna. L'Aldini dello "Special One" Mariano Vaccaro batte 5-1 la Vogherese, si dimostra superiore al "guardiolismo" di Davide Spalla e riparte come meglio non poteva dopo il brusco stop di Venegono. Dire che la stagione dei Falchi si concluderà con un Triplete come quella dell'Inter di Josè Mourinho nel 2010 è azzardato, certo è che Vaccaro e i suoi possono dormire sonni tranquilli e godersi il momentaneo primo posto in classifica in attesa delle partite di domani. Alle doppiette stratosferiche della coppia d'oro Vallecaro-Scatigna è seguito il sigillo di Carollo, in gol pochi istanti prima il triplice fischio con un grandissimo destro al volo su assist di Di Natale appena quindici minuti dopo aver calciato fuori un calcio di rigore. Il "guardiolismo" di Spalla - sostituito in panchina da Campagnoli perché squalificato - dura solo un tempo, ma tanto è bastato per dimostrare la forza di un gruppo che nonostante i due ko consecutivi ha tutto per fare un campionato di vertice. A rendere meno amara la sconfitta per i vogheresi ci ha pensato Sonetti, che poco prima del triplice fischio ha accorciato le distanze con un bel colpo di testa su assist di Diop

Spalla come Guardiola. Spalla come Guardiola, Vaccaro come Mourinho: una delle rivalità più accese degli ultimi anni è il riassunto perfetto per raccontare l'avvio della sfida tra Aldini e Vogherese, roba capace di soddisfare i palati più raffinati e convincere i detrattori più convinti del calcio giovanile Regionale. L'avvio della squadra di Spalla porta con sé tutto il meglio del cosiddetto "guardiolismo": fraseggi veloci, zero punti di riferimento, continui cambi di fronte e baricentro alto. I primi sono pane per i denti di Molinari e Pozzoli, mediani capaci di dialogare con qualità e servire con costanza il quartetto offensivo: qui subentrano i punti di riferimento e i cambi di fronte. Jaupi e Sonetti partono rispettivamente da sinistra e da destra ma con il loro movimento creano non pochi problemi a Montefusco e Anelli, mentre Penuti risulta un riferimento offensivo capace di abbinare quantità e qualità. La dimostrazione principe di tutto ciò è il gran destro di Jaupi, sul quale all'Aldini serve il miglior Morena per salvare il risultato (43'). A far la differenza nel primo tempo è però l'ultimo aspetto: il baricentro alto. Un'arma a doppio taglio per la Vogherese, che dopo un ottimo avvio si vede costretta ad andare a riposo sotto di due gol a fronte delle enormi qualità dei padroni di casa in ripartenza, che a campo aperto creano non pochi grattacapi al quartetto formato da Nicolò Daprati, Pirola, Pilotto e Saidi, quest'ultimo sostituito nel finale del primo tempo da Scarano. Il parziale del primo tempo è probabilmente un po' troppo severo, mentre diventa ancor più pesante ad inizio ripresa e, come normale che sia, il "guardiolismo" lascia spazio ad una voglia di rivalsa che fa saltare tutti gli schemi. Il premio agli sforzi dei ragazzi di Spalla arriva poco prima del triplice fischio, quando Sonetti mette la ciliegina sulla torta ad una sua prova superlativa e batte Morena con un bel colpo di testa su cross del subentrato Diop (45').

Vaccaro come Mourinho. Il modulo non sarà il 4-2-3-1 che tanto ha fatto sognare i tifosi interisti nel 2010, ma la mentalità imposta ai suoi da Vaccaro assomiglia molto a quella trasmessa dallo "Special One" agli eroi del Triplete. Undici Falchi che diventano undici leoni: così l'Aldini ha tenuto botta all'avvio stratosferico della Vogherese, dopodiché è stata la qualità a fare il suo. Quella difensiva porta nome e cognome precisi: Jacopo Noris. Il capitano milanese è il faro della retroguardia di casa, completata da Mazzola al centro e dalla coppia Montefusco-Anelli sulle corsie. Per quella offensiva non basterebbe un papiro: Gjonaj in mediana è ovunque, Esposito e Cozzi garantiscono entrambe le fasi mentre in avanti il tridente Conte-Vallecaro-Scatigna si cerca, si trova ma soprattutto segna. Il vantaggio parte dai piedi di Scatigna, la cui velocità costringe Pilotto all'intervento in area giudicato poi falloso dal direttore di gara: sul dischetto si presenta Vallecaro che spiazza galante e fa 1-0 (8'). Il raddoppio arriva poco prima della mezz'ora: una punizione apparentemente innocua di Anelli pesca in area Vallecaro, il cui stacco è poderoso e punisce Galante, il quale forse avrebbe potuto fare qualcosina di più (29'). Il tris arriva invece ad inizio ripresa ed è un autentico show di Scatigna: l'esterno semina il panico sulla destra, salta di netto Pilotto e Pirola e insacca in diagonale uno dei gol più belli di questo inizio di stagione (12'). È l'inizio di un altra partita. Complice una Vogherese nervosa ma allo stesso tempo vogliosa di riaprirla, l'Aldini trova molti più spazi e a 30' ha l'occasione di calare il poker: Nicolò Daprati atterra in area Scatigna, per il direttore di gara è ancora calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta il subentrato Carollo, che col mancino incrocia troppo e calcia fuori. Il poker è però solamente rimandato, visto che dopo appena cinque minuti Scatigna si mette ancora in proprio e con un destro terra-aria all'incrocio non lascia scampo a Galante e fa 4-0 (35'). Prima del triplice fischio c'è gloria anche per Carollo, che si riscatta alla grandissima dopo il rigore sbagliato e ribadisce in rete con un gran destro al volo un ottimo cross del neo entrato Di Natale (46').

IL TABELLINO

ALDINI-VOGHERESE 5-1
RETI (4-0, 4-1, 5-1): 8' rig. Vallecaro (A), 29' Vallecaro (A), 12' st Scatigna (A), 35' st Scatigna (A), 44' st Sonetti (V), 45' st Carollo (A).
ALDINI (4-3-3): Morena 6, Anelli 6 (39' st Ferrando sv), Montefusco 6.5 (13' st Procopio 6.5), Noris 7.5, Gjonaj 7 (28' st De Gasperi 6), Mazzola 7, Esposito Bruno 7, Cozzi 6.5, Conte 7.5 (21' st Carollo 7), Vallecaro 8 (33' st Chieregato sv), Scatigna 8.5 (41' st Di Natale 6.5). A disp. Peverelli, Colaci, Regis. All. Vaccaro 7. Dir. Attici.
VOGHERESE (4-2-3-1): Galante 6.5, Daprati N. 6, Pirola Gab. 6, Molinari 7, Pilotto 6 (16' st Cafaro 6), Saidi Mohamed 6.5 (37' Scarano 6), Daprati L. 7 (28' st Diop Serigne 7), Pozzoli 7 (19' st Abdelmoeti 6), Penuti 6.5, Jaupi 7 (8' st Sorgon 6.5), Sonetti 7.5. A disp. Luongo, Zhuri, Cadaleta, Caruana. All. Campagnoli 6.5. Dir. Zanardi.
ARBITRO: Godino di Milano 6.
AMMONITI: Gjonaj (A), Anelli (A), Procopio (A), Morena (A), Penuti (V), Abdelmoeti (V), Galante (V), Pilozzo (V).
NOTE: Rigore fallito 30' st Carollo (A).

LE PAGELLE

ALDINI

Morena 6 Complicato valutarlo, visto che per novanta minuti ha effettuato solamente un intervento. Era il primo tempo e su Jaupi para bene, mentre è un po’ troppo ingenuo nel finale quando si fa ammonire per perdita di tempo sul 5-1. Leggerezza che si sarebbe potuta sicuramente evitare
Anelli 6 Dalla sua parte Jaupi fa un po’ quello che vuole in avvio, ma quando riesce a prendergli le misure viene fuori abbastanza bene. Si preoccupa più che difendere che di offendere, ma contro una squadra come la Vogherese può andare bene così. ha nelle corde anche molto altro e siamo certi lo mostrerà nel prossimo futuro (39’ st Ferrando sv).
Montefusco 6.5 Nel primo tempo lotta come un dannato e prova a fare quel che può come Sonetti, ma come il compagno di reparto nella ripresa alza il baricentro, entra in partita e viene fuori abbastanza bene alla distanza.
13’ st Procopio 6.5 Entra col giusto piglio mettendo in campo personalità e voglia di fare. Il momento è quello che è, visto che i suoi sono avanti 3-0, ma fa il suo senza particolari problemi.
Noris 7.5 L’ultimo ad arrendersi. L’ultimo a morire. Sempre in prima linea. Grande prestazione del capitano, soprattutto nel primo tempo quando ha una bella gatta da pelare avendo di fronte un reparto offensivo di talento come quello della Vogherese. Se nella ripresa la vita è ben più semplice il merito è anche suo.
Gjonaj 7 Detta i ritmi con talento, soprattutto quando non ha modo di mettere in campo le qualità in fase di impostazione. Durante il primo tempo, nelle poche volte in cui ha trovato campo per impostare, l’ha fatto in modo ottimale. Discorso molto simile della ripresa, durante la quale è risultato un punto i riferimento per l’intera Aldini
28’ st De Gasperi 6 Gioca una porzione di gara molto diligente, senza strafare e mantenendo la posizione con tranquillità.
Mazzola 7 Cosa passi per la testa di Noris non lo sappiamo, ma ad avercene di partner come Mazzola. In difesa sa fare tutto: abile in marcatura, risulta sul pezzo anche quando c’è da impostare e soprattutto quando c’è da soffrire. Come nel primo tempo.
Esposito 7 Si vede molto più i fase di interdizione, ma è proprio questo aspetto che lo rende uno dei migliori nel centrocampo biancorossblù. Dopodiché anche tecnicamente non si discute, anzi. Dai suoi piedi parte sempre qualcosa di interessante, e a Vaccaro va più che bene così.
Cozzi 6.5 Leggermente più in ombra rispetto ai compagni di reparto, pur mantenendo sempre alta la soglia dell’attenzione e giocando una partita di buon livello. Nella ripresa è l’ultimo a mollare, visto che corre senza sosta anche a risultato acquisito risultando molto importante.
Conte 7.5 Nel primo tempo ci prova per due volte ma non trova la porta. Poco male, visto che il suo lavoro tra i colossi della Vogherese spiana la strada a Scatigna e Vallecaro, con quest’ultimi che senza il lavoro “sporco” del nove non avrebbero di certo avuto la possibilità di fare ciò che hanno fatto.
21’ st Carollo 7 From zero to hero. Prima sbaglia un rigore calciando male a lato, poi si riscatta nel finale segnando un gol splendido che fa dimenticare eccome il rigore sbagliato.
Vallecaro 8 Devastante a dir poco. Nel primo tempo è una sentenza prima su rigore poi con un grande colpo di testa, mentre nella ripresa è altrettanto imprendibile e gioca una frazione da fuoriclasse assoluto. Sulla sinistra fa il bello e il cattivo tempo, lasciando solo le briciole ai diretti avversari (33’ st Chieregato sv).
Scatigna 8.5 Devastante a dir poco? No, Devastante con la “d” maiuscola. Nel primo tempo subisce il fallo che porta al rigore, ma è nella ripresa che inizia il suo show. Il primo gol è qualcosa di mai visto: salta di netto due avversai come fossero birilli, entra in area e davanti a Galante non si fa ipnotizzare. Qualche minuto più tardi cala il bis personale, calciando all’incrocio dal limite dell’area. Che volete dirgli?
41’ st Di Natale 6.5 Gioca pochi minuti ma tanto gli basta a mettere al centro un cioccolatino per Carollo: assist formidabile e ingresso importante. Che questo gli possa valere una maglia da titolare?
All. Vaccaro 7 Ripartire dopo il ko di Venegono non era certamente facile, ma la squadra di Vaccaro lo fa con talento, voglia, determinazione e anche un pizzico di fortuna. Che non guasta mai. Prova di estrema forza per i Falchi, forse non brillanti come al solito ma assolutamente letali a punire con cinque gol la Vogherese.

VOGHERESE

Galante 6.5 Nel primo tempo para quel che può con talento e buona abilità, nella ripresa finisce per prenderne cinque ma ciò non toglie la sua buona prestazione.
Daprati N. 6 In grossa difficoltà nel contenere Vallecaro, soprattutto nel secondo tempo. Dopo aver limitato i danni in avvio la velocità del suo rivale lo mette in grossa difficoltà, tuttavia prova a contenerlo ove possibile.
Pirola 6 Discorso simile a quello fatto per il compagno di reparto. Dalla sua parte si trova uno Scatigna in stato di grazia, che nel secondo tempo non gliela fa vedere praticamente mai. Dalla sua c’è tuttavia un buon avvio, che gli vale una sufficienza sudata ma meritata.
Molinari 7 Gioca con classe in mediana: bravo sia nel corto che nel lungo, offre sempre soluzioni ai compagni di reparto e lo fa con talento. Cala vistosamente nella ripresa, come del resto l’intero undici ospite.
Pilotto 6 Prova a dir poco complessa per il capitano. Si trova di fronte a sé un Conte in stato di grazia, inoltre quando Scatigna e Vallecaro si accentrano gli creano non pochi problemi. In avvio prova a limitare i danni, ma è lontano dagli standard a cui ci ha abituati. la prova rimane discreta, ma può e deve offrire un contributo diverso.
16’ st Cafaro 6 Entra in un momento complesso e non riesce a cambiare più di tanto le cose. Rimane comunque vigile nella sua posizione pur toccando pochi palloni per provare a fare la differenza.
Saidi 6.5 Gioca meno di un tempo ma tanto gli basta per mostrarsi un difensore affidabile con indubbie qualità. Esce perché ammonito e un po’ troppo nervoso, lasciando un buco che pesa come un macigno ai suoi. Prova di grande talento, ma servirà averlo per tutti i novanta minuti.
37’ Scarano 6 Buttato nella mischia nel finale del primo tempo fatica nel contenere gli attacchi dei Falchi. Rimane una prova discreta al fianco di Pilotto, ma nella ripresa c’è da dire che l’atteggiamento è stato un po’ troppo arrendevole a fronte di un’Aldini dal baricentro più alto.
Daprati L. 7 Tra le linee risulta formidabile: si cerca e si trova costantemente con Penuti, allargando il gioco sulle corsie quando serve e creando superiorità numerica. Il tutto, tuttavia, solo nel primo tempo. Nella ripresa va solamente a sprazzi, ma resta una prova di assoluto spessore.
28’ st Diop 7 Entra e serve un assist al bacio per Sonetti: quanto gli basta per risultare il migliore dei subentrati per la Vogherese.
Pozzoli 7 Come Molinari ci mette il cuore e il talento. Staremmo parlando di una prova eccellente, ma nella ripresa cala e fatica nel mettere in campo il suo solito gioco. Tuttavia, conti alla mano, rimane una prova importante soprattutto se paragonata al tipo di partita.
19’ st Abdelmoeti 6 Entra e ci mette fisicità, non riuscendo però a mischiare le carte in tavola. Dalla sua c’è la consapevolezza di averci quantomeno provato.
Penuti 6.5 Inizio sprint, secondo tempo quasi da fantasma. In avvio resta la difficoltà nel costruirsi occasioni anche solo potenziali, ma dalla sua c’è un lavoro utilissimo per la squadra. Questo, più che la ripresa, gli vale una sufficienza piena per il carisma e il cuore messo in campo.
Jaupi 7 Parte forte e va vicino anche al bersaglio grosso. Nella ripresa ha meno spazi da attaccare e cala un po’, ma rimane un pomeriggio positivo per lui nonostante non sia riuscito nell’intento di indirizzare le partita sui giusti binari.
8’ st Sorgon 6.5 Entra e lo fa con qualità, sebbene il momento non sia dei migliori. Assieme a Diop una delle mosse migliori di Spalla nella ripresa.
Sonetti 7.5 Il migliore. Sicuramente un talento assoluto, visto che per tutti i novanta minuti è una spina nel fianco costante per la difesa avversaria. Nel finale trova anche un gol meritatissimo, a coronamento di un pomeriggio - sebbene amaro per il risultato - personalmente positivo.
All. Campagnoli 6 L’inizio è uno show, ma l’attenzione in fase di non possesso non è stata delle migliori. Vista la squalifica di Spalla prende lui le redini della Vogherese, in un pomeriggio tuttavia abbastanza complicato ma il cui risultato è probabilmente un po’ severo.

ARBITRO
Godino di Milano 6 Tralasciando gli episodi (vengono valutati, giustamente, quasi esclusivamente in Serie A) va in grossa difficoltà sin dai primi minuti, quando approccia alla gara probabilmente nella maniera sbagliata. Lontano dall'azione, lascia qualche dubbio la gestione dei cartellini ed in generale quella tecnica durante la partita. Certo, arbitrare in un clima come quello di via Orsini - tra insulti e proteste continue dagli spalti - non era certamente facile, e dalla sua c'è il fatto di aver portato a termine una partita senza aver influito minimamente sul risultato finale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400