Cerca

Under 17 Élite

Angolo Statistiche, Erling Haaland Awards: Vecchi segna come un treno, De Leo è impressionante mentre Algarotti pare come una sentenza

356 gol con 164 marcatori diversi nelle prime sei giornate: chi ha la migliore media minuti/gol della categoria?

Samuele Algarotti e Giulio Vecchi

Samuele Algarotti (Brusaporto) e Giulio Vecchi (Alcione) sono tra i calciatori più prolifici

Passaggio, tiro e gol. Immaginate questa scena per 356 volte, con 164 protagonisti diversi e solamente in sei giornate: niente male, no? Questi i numeri dell'inizio di stagione dell'Under 17 Élite, prima puntata della nuova rubrica "Angolo Statistiche": sei abbonato? Per te questo e molto altro, come "AllenaTalk", "Regionali Unposted", "Promossi, bocciati e rimandati" e "Regionali-Photos". Non sei abbonato ma hai comprato il giornale? Ti basta scaricare la nostra applicazione (Android e Ios), scannerizzare un qualsiasi qr-code e diventerai utente premium per una settimana: attraverso la sezione notizie della nostra applicazione potrai leggere contenuti a pagamento come questo, accedere alle statistiche complete e molto altro.

Numeri. Dove eravamo rimasti? Passaggio, tiro e gol. Che sia di testa, di piede o da un calcio piazzato poco importa: la gioia di segnare una rete è immortale, specie per chiunque abbia toccato con mano anche solo una volta nella vita l'ebrezza di vedere il pallone gonfiare la rete. Quanti gol vengono segnati ogni giorno nel mondo? Dai campi di periferia al campetto dell'oratorio, passando per la Champions League e i campionati maggiori dell'Europa e del mondo, probabilmente un numero difficile anche solo da immaginare. Tuttavia, tornando all'Under 17 Élite, ci sono numeri più modesti che ci permettono di analizzare questo inizio di stagione. Nella fattispecie quelli che prenderemo in esame sono in primis due: 164 e 365. Il primo rappresenta il numero di calciatori andati a segno in questi primi 540 minuti di campionato. Tanti? Pochi? Considerando che l'Under 17 Élite conta 36 squadre, probabilmente il giusto visto che in media ogni squadra conta tra i quattro e i cinque marcatori diversi. Il secondo racconta invece il numero totale di gol segnati. Tanti? Pochi? Anche in questo caso, considerando che si sono giocate 107 partite (una in meno del canonico, visto il rinvio di Alcione-Accademia Bustese del quinto turno) il numero è tutto sommato giusto, ovvero tra i tre e i quattro gol per partita.

Nomination. La nostra attenzione si focalizza ora su altri tre numeri: 99, 120 e 137. Rispettivamente le reti messe a segno nei gironi A, B e C. tutto ciò ci riconduce poi al nocciolo della questione, ovvero i primi nominati per l'Erling Haaland Awards: coloro che, indipendentemente dal ruolo che ricoprono in campo, si stanno prendendo la scena potendo contare di una media-gol di una rete per partita o addirittura superiore, un po' come ci ha abituati il giovane attaccante norvegese in forza al Borussia Dortmund. Sono in totale tre, divisi più o meno equamente nei tre gironi: cinque nell'A, sei nel B e due nel C. Qualche nome? Provate a indovinare: da Samuele Algarotti a Daniele Taiocchi, passando per Gabriele Oliva e Lorenzo De Leo. Tutti centravanti con il gol nel sangue, ai quali bisogna però aggiungere giocatori meno offensivi ma capaci comunque di segnare gol a raffica: i vari Alessio Luci, Alessandro Pellegrino e Giulio Vecchi. 

GIRONE A

Come detto, nel primo raggruppamento troviamo ben cinque talenti capaci di prendersi la scena in questo inizio di stagione. Per i primi due bisogna far visita in via Felice Orsini, casa dell'Aldini e di David Carollo e Gianluca Scatigna. Rispettivamente con una media di un gol ogni 56 e 69 minuti, i due bomber di Mariano Vaccaro hanno trascinato i Falchi in questo super inizio di stagione. Il primo sta vivendo un momento magico: sono quattro i gol messi a segno nelle ultime tre settimane, distribuiti tra le sfide con la Vogherese (una rete) e con la Masseroni (tre reti). Un ruolino di marcia di tutti rispetto, così come quello di Gianluca Scatigna. I gol del fantasista sono invece cinque, tutti messi a segno nelle prime quattro giornate. Poi due settimane di stop, in attesa di questo fine settimana nel quale potrà tornare a fare ciò che gli riesce meglio: gol.

Gianluca Scatigna e Mathias Vallecaro, Aldini

Sbarchiamo poi a Voghera per conoscere meglio Francesco Penuti, centravanti boa della squadra di Davide Spalla e capace di mettere a segno già cinque gol in sei partita diventando il capocannoniere del girone. Alla doppietta all'esordio contro la Cedratese è seguita quella all'Universal, arrivando poi alla rete di lusso di via Cilea contro l'Accademia Inter. Per lui la media di un gol ogni 85 minuti, appena migliore di quella di Riccardo Nagy. Le difficoltà di questo inizio di stagione dell'Accademia Bustese non ingannino: i granata possono contare su un centravanti che sa come fare gol. Per la precisione sono tre le reti messe a segno in questa stagione, caratterizzate tuttavia da un minutaggio inferiore ai rivali come spiegato dalla media di un gol ogni 87 minuti. L'ultimo bomber che prendiamo in considerazione è un talento che tuttavia non rappresenta il classico prototipo di attaccante: Giulio Vecchi. Classe 2005 dell'Alcione, è stato fin qui il più costante in zona gol per gli orange andando a segno per ben tre volte a fronte dei 267 minuti giocati. Il totale racconta di una media che si avvicina molto al gol per partita (uno ogni 89 minuti).

GIRONE B

Sono ben sei i nominati per questo girone, dei quali ben tre indossano la stessa maglia: quella dell'Enotria. Parliamo di Alessandro pellegrino, Davide Chiodi e Lorenzo De Leo. Partiamo da quest'ultimo, centravanti con un fisico imponente e capace di saltare l'avversario con una facilità invidiabile, non lasciando scampo a chiunque malauguratamente si trovi tra lui e la porta. Il motivo sono i cinque gol messi a segno in sei partite, i quali lo stanno facendo viaggiare ad una media di un gol ogni 81 minuti. Poco meglio di lui ha fatto invece Davide Chiodi, esterno dei rossoblù capace di gioire per ben quattro volte nel giro di un mese o poco più. Alle firme contro la Folgore e la Tritium è seguita quella probabilmente più pesante, ovvero nella sfida interna contro il Ponte San Pietro. Contro i bergamaschi accolse in area il pallone battendo Moroni e portando i suoi in vantaggio per 1-0. La media anche in questo caso è impressionante: un gol ogni 85 minuti. Il viaggio in via Cazzaniga si conclude con il calciatore più rappresentativo dei rossoblù: Alessandro Pellegrino. Una media strepitosa quella del fantasista della Rapp e capocannoniere del girone, capace di andare a segno per ben sei volte in altrettante partite. E se consideriamo che Alessandro Ferraioli non ha mai voluto fare a meno di lui, capiamo bene la media: un gol ogni novanta minuti.

Spazio ora ad altri tre bomber, uno dei quali è stato purtroppo toccato da un brutto infortunio che lo terrà lontano dal campo ancora per diverso tempo. Parliamo di Gabriele Oliva, centravanti del Cimiano capace di far sorridere Gazzola per ben tre volte in questo inizio di stagione, tutte condensate nella sfida d'esordio in via Don Calabria contro la Tritium. Con un gol ogni settanta minuti si piazza al secondo posto della nostra speciale classifica, visto che al primo c'è un ragazzo bergamasco reduce da una straordinaria tripletta contro la capolista Enotria: parliamo di Daniele Taiocchi, punto fermo del Villa Valle. Ai gol messi a segno nella sfida ai milanesi vanno aggiunti quelli nel derby bergamasco contro il Ponte e nella trasferta di Cernusco Lombardone contro la Brianza Olginatese. Il totale? Un gol ogni 66 minuti. Serve altro? Per Alessio Luca forse sì, visto che nonostante non rappresenti il prototipo di classico numero nove sta trascinando la Cisanese di Andrea Ronchi a suon di gol. Per la precisione cinque: uno alla Vis Nova, due alla Folgore ed altrettanti alla Tritium. Numeri che gli stanno permettendo di viaggiare alla media di un gol ogni 84 minuti: mica male, vero?

GIRONE C

Samuele Algarotti e Simone Pistugia: pochi ma buoni. Sono infatti solamente due i bomber capaci di viaggiare ad una media anche solo minimamente paragonabile a quella di Erling Haaland. Tale ruolino di marcia ha permesso al primo di essere convocato con la Rapp Under 17 di Daniele Tacchini, il quale avrà sicuramente spulciato i seguenti numeri: sette gol, capocannoniere del girone ma anche dell'intera categoria e la media di un gol ogni 67 minuti. Semplicemente letale il centravanti gialloblù, al quale va aggiunto quello granata Simone Pistugia, punto fermo nello scacchiere di Davide Gritti e capace di andare a segno già tre volte a fronte dei "soli" 215 minuti giocati. D'altronde, anche in questo caso, la media non mente: un gol ogni 72 minuti, essendo entrato per ben quattro volte su sei dalla panchina.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400