Cerca

Under 17 Élite

Promossi, bocciati e rimandati, 8ª giornata: l'Accademia Inter e il Cimiano si dividono Milano, Scanzorosciate sugli scudi, male la Masseroni

La Vogherese riparte di forza, il Villa Valle è in crisi d'identità mentre da rivedere il Mariano dopo il primo tempo di Seguro

Tursi, Cimiano

Tursi, classe 2005 del Cimiano di Cristiano Gazzola

Torna la seconda rubrica dedicata all'Under 17 e all'Under 15 Élite: Promossi e Bocciati, ai quali aggiungiamo i rimandati. Come raccontato a questo link, da quest'anno vi basterà scannerizzare un qualsiasi qr-code del giornale per diventare utenti premium della nostra applicazione (Android e Ios), con la possibilità di leggere - sempre sulla nostra app - articoli come questo, AllenaTalk e addirittura le partite a pagamento seguite il weekend successivo. In poche parole, bentornato Promossi e Bocciati! In attesa delle fotogallery, dei prossimi raduni delle Rapp e di "Regionali Unposted" e ovviamente di "AllenaTalk".

Prima di iniziare è doveroso chiarire subito qualche punto. Il primo riguarda nella finalità di questa rubrica, la quale non intendere offendere ed etichettare nessuno e in alcun modo. Un po' come facciamo nel pre-campionato con i nostri prospetti punti e le quote, anche questa rubrica non è altro che un modo diverso di raccontare il weekend calcistico. Senza la volontà, come detto, di etichettare o sparare sentenze. Dopodiché, anche in questo caso, siete invitati a fare uno screenshot della vostra "pagella" e salvarlo sulla vostra galleria: se la settimana seguente avrete meritato una promozione a pieni volti - oltre ad avere sicuramente il vostro spazio - potrete rivendicare quanto scritto da noi stessi. Che, lo ripetiamo ancora una volta dopo averli ribadito a più riprese - l'ultima volta qualche settimana fa con i nostri prospetti punti - storicamente ci abbiamo preso poco. Ma bando alle ciance, veniamo a noi: chi sono i promossi di questo weekend? I bocciati? I rimandati?

PROMOSSI

• ACCADEMIA INTER

Ancora una volta a pieni voti l'Accademia Inter, che non sembra volersi fermare e centra una vittoria tutt'altro che scontata nella sfida interna contro la Sestese. La squadra di Moffa ha rappresentato un ostacolo duro da superare, visto che ci sono voluti gli straordinari nella ripresa per chiudere definitivamente la gare e imporsi con il parziale di 3-1. Prosegue così il momento magico dei nerazzurri, che mantengono saldamente il primo posto in classifica in attesa di una sfida affascinante tra un paio di settimane contro i rivali di sempre dell'Alcione. E se la squadra della coppia Bergomi-Chieppa continuerà a giocare così, siamo certi che ci sarà da divertirsi.

• VOGHERESE

Chi riparte e lo fa con forza è la Vogherese, che dopo un periodo a dir poco nero torna a fare bottino pieno nel momento forse più delicato, ovvero lo scontro diretto contro l'Accademia Bustese. La squadra di Spalla si è trovata di fronte a sé un undici decisamente rinvigorito dopo l'avvicendamento Loi-Merizio, ma nonostante ciò si è presa con merito, dedizione e talento tre punti d'oro ai fini della classifica. Se sotto il punto di vista del gioco i vogheresi si sono dimostrati dalla prima giornata una delle squadre più preparate, ciò che mancavano erano i punti: missione compiuta. Scontro diretto vinto e una classifica che pian piano sta tornando a sorridere.

• CIMIANO

Serve ribadirlo? Il Cimiano è la vera regina dell'ottava giornata. E non potrebbe essere altrimenti, considerando l'impresa titanica di Gazzola che si è preso, in un colpo solo: derby con l'Enotria, posto privilegiato nelle zone alte della classifica ed una dose di fiducia non indifferente per le prossime uscite prima della sosta natalizia. Un tripudio rossonero in via Don Calabria, scatenato dal sigillo di Toscano ad inizio ripresa che ha permesso ai padroni di casa di festeggiare. Una giornata da incorniciare, nella quale sono arrivate conferme per quanto riguarda la solidità difensiva e il talento in mezzo al campo. E se poi i gol arriveranno ancora con più continuità, ci sarà da divertirsi.

• MANARA

Probabilmente non è stato il miglior Manara della stagione quello versione Milanese che ha battuto il Villa in via Ussi. Anzi, sicuramente Santambrogio avrà qualcosa da dire per la prestazione, decisamente lontana dagli standard dei bersaglieri di Barzanò. Tuttavia, ed è un bene sia così, nel calcio vince chi fa un gol in più dell'avversario. Così il Manara si è preso tre punti importantissimi per la lotta salvezza, i quali gli permettono di godersi un posto per ora tranquillo in graduatoria con ben dodici punti ottenuti in otto giornate. Una prestazione non esaltante, ma la concretezza che ha contraddistinto i biancocelesti gli ha permesso di festeggiare una domenica da favola.

• SPORTED MARIS

Vittoria assolutamente non scontata per la compagine di Cremona, giunta al secondo successo di stagione dopo quello ottenuto a Molinetto di Mazzano contro il Ciliverghe. Ora la Sported vede il cancello d'uscita dalla zona playout a sole 3 lunghezze, praticamente ad una sola partita di distanza. Non è più un miraggio. La cura Borghetti sta funzionando e partita dopo partita il costante crescendo dei biancoverdi è palpabile. Di certo, se la giocherà finché la matematica non dirà la sua. Contro la Vighenzi una grande prova, soprattutto sul profilo della reazione. E anche se ora arriveranno Virtus e Scanzo, il tecnico dovrà tenere compatta la squadra per concentrare tutto il fuoco in un sol momento: il 12 dicembre contro il Darfo.

• SCANZOROSCIATE

Vincere aiuta a vincere e sembra proprio quello che sta succedendo allo Scanzorosciate di Giorgio Gorrini. Subito incappato in avvio in una serie davvero negativa di risultati, sprofondato nei bassifondi della classifica e distante anni luce dalla zona playoff, nel momento peggiore della sua stagione eccolo invertire il trend nello scontro-salvezza contro il Darfo al 7° turno. Qualcuno poteva pensare ad una casualità, al fatto che ogni tanto capita a tutti un po' di fortuna. Ma all’8° turno ecco il secondo indizio che fa una prova: la vittoria sul Brusaporto. Manca solo l'ultimo tassello, quello che porterebbe alla certezza di rivedere lo Scanzo risalire la corrente alla caccia dei playoff, distanti solamente una gara di cammino.

BOCCIATI

• MASSERONI

Prosegue il periodo buio della Masseroni, a secco di vittorie da un mese esatto quando i bianconeri s'imposero di misura sul campo dell'Universal (1-2). Da lì una striscia negativa di ben quattro partite, di cui tre perse ed una pareggiata. Un bottino di punti talmente magro che ha rilegato al momento la squadra milanese al settimo posto in classifica: essendo la stessa molto ristretta, il secondo posto dell'Universal momentaneamente dista soli due punti, proprio per questo non è né necessario né tantomeno giusto fare drammi. Certo è che urge una ripartenza convinta, magari già domenica contro la Vogherese.

• VILLA VALLE

Sulla falsariga dei milanesi c'è il Villa Valle, il cui momento negativo sta facendo riflettere e non poco Andrea terzi. I giallorossi, finiti ko in malomodo contro la Cisanese, stanno pagando un atteggiamento e decisamente sbagliato contro le cosiddette "piccole", o meglio squadre di metà classifica visto che in questo campionato di "piccole" proprio non ce ne sono. Lo dimostrano i due zero consecutivi contro Manara e Cisanese, e se anteposti alla clamorosa rimonta contro l'Enotria e alla vittoria contro la Vis Nova, dimostrano che il problema dei bergamaschi sia tutt'altro che di natura tecnica. Per questo la luce in fondo al tunnel c'è eccome, bisogna solo avvicinarsi.

• FRANCIACORTA

Crisi nera, nerissima per la compagine di Davide Bertoni. Il Franciacorta s’è perso e sembra ormai desistere dal lottare per il vertice. Perdere dalla Virtus poteva anche starci, ma non in un modo così largo e demotivante. Aldilà delle attenuanti generiche, questa per la formazione franciacortina è esattamente la quarta giornata priva di vittorie. Un filotto davvero preoccupante, un punto raccolto su 12 a disposizione nelle ultime 4 uscite rappresenta un bottino troppo magro per non esserne allarmati. Adesso arriverà lo Scanzorosciate, una formazione in ascesa: una vittoria potrebbe ancora soffiare sulle ceneri di qualche speranza di gloria.

• VIGHENZI

Aveva illuso un po' tutti la Vighenzi dopo la prima parte di stagione, affrontata con grande caparbietà e buoni risultati a dispetto di un calendario non di certo favorevole, per usare un eufemismo. Il problema è che quando tutti si aspettavano la svolta, agevolata da partite sulla carta più semplici, l'esito è risultato di quelli disattesi. Perdere in casa con la Sported frena e non di poco le aspettative-playoff della compagine gardesana, anche se 4 punti non sembrerebbero così tanti da colmare da qui alla fine. Il problema è che ce ne sono invece meno - molto meno - dai playout, e questo non è assolutamente rassicurante. Adesso arriverà il derby salvezza contro il Ciliverghe, poi ci sarà il Crema: per chiudere in bellezza l'andata servono 9 punti.

RIMANDATI

• MARIANO

Seguro-Mariano 1-0. Nulla di cui stupirsi: i blues di Silipo sono un'ottima squadra ma soprattutto in un momento magico, di contro l'undici di Muoio soffre e non poco un fastidioso "mal di trasferta". Per questo tocca rimandare i comaschi, protagonisti di un ottimo secondo tempo, a seguito però di un approccio tutt'altro che convinto. I ragazzi di Muoio pagano proprio un inizio a dir poco thriller, il quale ha permesso al Seguro di indirizzarla e poi gestirla. In questo caso la classifica fa tutt'altro che preoccupare, certo è che per ottenere una salvezza tranquilla servirà fare punti anche fuori casa.

• VILLA

Gioca bene ma non segna: questo il Villa versione scontro diretto contro il Manara. La squadra di Albore ha dalla sua un buon approccio e grande propensione al lavoro, ma ciò che è mancato è la lucidità e la freddezza negli ultimi sedici metri. Tuttavia, quando c'è da vincere, il gol - per usare un eufemismo - è un qualcosa di abbastanza importante. Niente drammi: i bianconeri hanno dimostrato di poter fare male a chiunque, soprattutto in casa. Il campionato è lungo e i successi siamo certi che arriveranno.

• BRUSAPORTO

Il Brusaporto di Tommy Rizzoli sembra aver accusato enormemente l’avvicendamento in vetta e da quando ne è stato disarcionato dalla Virtus non sembra più lo stesso. Da 3 giornate non vince più, ed è stranissimo per una squadra che precedentemente ne aveva messe in fila 5 senza mai perdere un colpo. Ma non c'è solo una questione psicologica dietro a tutto questo, più che altro la squadra di Rizzoli è costretta a fare i conti con una coperta troppo corta che costringe il tecnico ad inventarsi soluzioni d'emergenza. Soprattutto dietro le mancanze si stanno facendo sentire e nella prossima partita contro il Darfo mancherà anche bomber Algarotti causa espulsione rimediata nell’ultima uscita. Aldilà di tutto, il cammino non è ancora compromesso.

• TREVIGLIESE

Nel momento in cui la Trevigliese poteva fare il salto di qualità ed attestarsi stabilmente in zona playoff contro ogni pronostico d’inizio stagione, ecco la compagine di Galbiati farsi bloccare dal fanalino di coda Crema. Questi sono punti sicuramente gettati alle ortiche e sarebbero serviti per garantire ulteriormente tranquillità alla compagine biancazzurra oltre a quella già ottenuta con i 13 punti portati in cascina fino ad oggi. Galbiati da fuori non ha portato dirigere l’orchestra come suo solito e la compagine del traghettatore Zerbi ha raccolto il primo pareggio di questa gestione dopo la vittoria sulla Sported e la sconfitta col Ciliverghe. Ancora un turno e Galbiati tornerà a guidare i suoi dal campo per le ultime due gare prima della pausa natalizia. In attesa dei primi movimenti di mercato, per adesso squadra rimandata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400