Cerca

Under 17 Élite

Promossi, bocciati e rimandati, 9ª giornata: prima volta Folgore Caratese, Cimiano da matita rossa, Manara e Pavoniana da favola

Male l'Uesse Sarnico e il Villa Valle, la Masseroni riparte decisa e la Sestese è bella solamente per metà

Alessandro Vita, Folgore Caratese

Alessandro Vita, classe 2005 della Folgore Caratese

Torna la seconda rubrica dedicata all'Under 17 e all'Under 15 Élite: Promossi e Bocciati, ai quali aggiungiamo i rimandati. Come raccontato a questo link, da quest'anno vi basterà scannerizzare un qualsiasi qr-code del giornale per diventare utenti premium della nostra applicazione (Android e Ios), con la possibilità di leggere - sempre sulla nostra app - articoli come questo, AllenaTalk e addirittura le partite a pagamento seguite il weekend successivo. In poche parole, bentornato Promossi e Bocciati! In attesa di tutte le altre rubriche che potete conoscere a questo link.

 PROMOSSI

• MASSERONI

Battere la Vogherese non è affatto un'impresa semplice, specie se sei reduce da un momento negativo dal quale sei costretto ad uscirne il prima possibile per non perdere il contatto con le prime della classe. Per questo la manita della Masseroni è un qualcosa da incorniciare: una vittoria larga, sudata, meritata e decisamente fondamentale per la rincorsa alla zona playoff. La reazione chiamata da Viola è finalmente arrivata, visto che i bianconeri si son mangiati in un sol boccone gli ospiti e si sono portati a casa tre punti d'oro, oltre ad un'iniezione di fiducia non indifferente. E ora sotto con Accademia Bustese e Sestese per concludere al meglio il girone d'andata.

• UNIVERSAL

Invincibili, solidi, sognatori. Tre aggettivi per descrivere i giovani classe 2005 dell'Universal, artefici assieme a Giuseppe Puleo del miracolo giallorosso. Sì, miracolo, perché ciò che sta vivendo la società di Solare è qualcosa di inimmaginabile: terzo posto in classifica con una partita da recuperare, quella contro la Cedratese che si giocherà il giorno della festa della Madonna. E se tutto andrà come vorrebbe sicuramente Puleo, il secondo posto in classifica parlerebbe da sé. Il tutto è stato permesso poi dalla prova di forza contro l'Accademia Bustese, battuta 5-0 senza possibilità di replica dopo un match dominato e giocato con grande intelligenza.

• FOLGORE CARATESE

Se la Folgore non si scorderà mai la sua prima volta è azzardato dirlo, ma la gara contro il Villa Valle ha tutto per rimanere ben impressa nelle menti dei giovani biancocelesti. Soprattutto in quella di Raffaele D'Antuono, l'ultimo a mollare nonostante otto sconfitte in altrettante gare. Che la Folgore non stesse vivendo un inizio di stagione entusiasmante lo si capisce guardando i numeri, ma il campionato dei brianzoli possiamo dire che inizi proprio ora: la vittoria di misura contro Terzi ha infatti tutto per rappresentare un punto d'inizio, dopo giornate passate a collezionare ko nonostante solamente contro l'Enotria si sia vista una netta inferiorità. Opera dei 2005 brianzoli ma soprattutto di D'Antuono, caparbio nel non mollare e a crederci fino in fondo. E ora la sfida col Villa...

• MANARA

Secondo ko consecutivo per il Manara. Se il trionfo contro il Villa dell'ottava giornata ha rappresentato un punto di svolta della stagione dei bersaglieri, quello contro i milanesi del Cimiano ha reso la squadra di Santambrogio una delle sorprese più belle. Dopotutto, quando batti tra le mura amiche squadre del calibro di Lombardia Uno e Cimiano, che si può dire? Soffermandosi sulla prova di due giorni fa, i bersaglieri sono stati letali nel segnare tre gol nel giro di quindici minuti, indirizzandola e con talento e mantenendo poi il sangue freddo contro un avversario, il Cimiano, che nonostante le assenze si è dimostrato una delle realtà più interessanti del girone. "C'è poco da dire, stiamo sognando": sarà questa la frase che caratterizzerà la settimana del Manara?

• CREMA

Sembrava impossibile e invece la squadra di Stefano Carera ha ottenuto la prima vittoria in campionato in una delle partite più difficili dell’anno, facendo davvero vedere i sorci verdi alla fortissima squadra sarnicense. Una grande iniezione di fiducia per i cremaschi, questa, ora non più all'ultimo posto in graduatoria e pienamente consapevoli di poter affrontare - d’ora in avanti - qualsiasi squadra del girone senza più timori reverenziali. La salvezza non è più un miraggio. Promosso.

• PAVONIANA

Grandissima prova da parte dei ragazzi di Girolamo Maccarinelli, riusciti nell’impresa di ribaltare in maniera rocambolesca la partita proprio in un finale al cardiopalma, quando la Trevigliese sembrava ormai prossima alla vincita dell’intera posta in palio. Le prestazioni di Alberto Mazzocchi e Roberto Musinschi hanno impreziosito la grande generosità complessiva dei compagni, i quali non hanno mai desistito nel voler raggiungere questa importantissima vittoria. La festa negli spogliatoi nel post gara la dice lunga sulla carica adrenalina di questo genere di partite. Promossa.

BOCCIATI

• SEGURO

Insufficienza da matita rossa per il Seguro, che cade rovinosamente contro l'Alcione. Non tanto per il risultato - un 3-1 che tutto sommato, numeri alla mano, ci può anche stare - quanto per l'atteggiamento, visto che i blues non sono praticamente mai entrati in partita, travolti dall'uragano orange incapaci di uscirne. L'avversario non si discute assolutamente, ma i ragazzi di Silipo si sono dimostrati solamente i lontani parenti da quelli visti, ad esempio, pochi chilometri più a nord e giusto qualche settimana fa contro l'Accademia Inter. Il "mea culpa" di Silipo probabilmente farà solo del bene all'ambiente, chiamato adesso a ripartire già da sabato contro la Cedratese.

• VILLA VALLE

È una spirale pericolosa quella in cui si trova il Villa Valle, un vortice dal quale è necessario uscire il prima possibile per non finire risucchiati quasi definitivamente nelle zone più basse della classifiche. Il momento horror dei giallorossi è certificato dalla prova di Verano, resa ancor più complessa sia da l'ennesimo errore individuale che è costato il gol che da qualche decisione arbitrale che ha lasciato discutere. Ciò che resta a Terzi è una squadra che necessita di nuova linfa, un vigore apparentemente perso ma probabilmente ancora dentro i giallorossi: dopotutto, non ne fai quattro a Giussano contro la Vis Nova per caso... Anche qui sarà importante ripartire, visto che le prossime sfide che attendono i bergamaschi assomigliano molto al più classico dei "dentro o fuori" prima del panettone.

• CIMIANO

Dalle stelle alle stalle. Le prime sono quelle su cui il Cimiano ha festeggiato il trionfo nel derby contro l'Enotria, le seconde caratterizzano invece la settimana post trasferta di Barzanò, che ha visto i rossoneri uscire con le ossa rotte dopo un 4-0 decisamente pesante. Pensanti tuttavia anche le assenze, visto che Gazzola è stato costretto a fare a meno di sei potenziali titolari, tra piccoli infortuni, squalifiche e stop destinati a durare mesi. Ciò non toglie quanto messo in campo a Barzanò, in una partita resa subito in salita dopo aver subìto tre gol in meno di quindici minuti e che ha visto i milanesi in costante difficoltà. Niente drammi: la sfida alla Cisanese - altra squadra rivelazione come il Manara - è un'occasione ghiotta per ripartire, poi ci sarà la Folgore e forse sapremo dove potrà arrivare questo Cimiano.

• UESSE SARNICO

Dispiace per il Sarnico di Mauro Pozzoni, incorso in una bruttissima domenica nella quale ha perso la seconda piazza in solitaria contro l'avversario che meno ti aspetti. Dopo la vittoria contro la Virtus Ciserano Bergamo ed inizio stagione, paradossalmente è arrivata la sconfitta contro l'ultima della classe verso la fine di questo girone d’andata: come ribadisce lo stesso tecnico blues, mantenere la concentrazione altissima nell’arco di tutta la regular season è cosa davvero difficilissima.

• FRANCIACORTA

Siamo ormai alla quinta giornata senza più vittorie per questa compagine amaranto che aveva stupito tutti ad inizio stagione. Pure stavolta contro lo Scanzorosciate poteva ottenere qualcosa di più se avesse avuto maggior lucidità sotto porta: gli uomini di Bertoni devono lavorare su questo aspetto se vorranno nuovamente far la differenza. Paradossalmente, nonostante questa seconda parta d’andata in calando, il Franciacorta è ancora in zona playoff e potrebbe rimanerci molto a lungo se riuscirà a ritrovare lo spirito della partenza.

RIMANDATI

• ACCADEMIA BUSTESE

Ancora ko l'Accademia Bustese, che dopo averne prese sei dall'Alcione è costretta ad inchinarsi contro l'Universal. Se la gara contro gli orange era parsa proibitiva già alla vigilia, quella contro i giallorossi avrebbe potuto (e dovuto) rappresentare la svolta. Così non è stato, visto che Fabrizio Loi è costretto a leccarsi nuovamente le ferite dopo tre sconfitte e 15 gol subiti nelle sue prime tre gare. Ma non tutti i mali vengono per nuocere, visto che il ko di Solaro ha comunque raccontato di una squadra che con la testa e le gambe c'è, ora servono solo i risultati. Particolare non da poco, ma si potrà ripartire sicuramente.

• SCANZOROSCIATE

Stavolta non è arrivata la vittoria ma sembrerebbe quasi ingeneroso rimandare questa compagine che, nonostante le assenze e la trasferta difficile, è riuscita comunque a non perdere la partita. Effettivamente a questa squadra manca un terminale offensivo che possa risolvere e finalizzare la grande mole di gioco proposta della squadra, e pertanto Gorrini dovrà trovare al più presto qualche soluzione al riguardo, visto che il discorso playoff non è poi così lontano. Rimandato.

• TREVIGLIESE

Nel momento migliore la Trevigliese ha dovuto alzare bandiera bianca, facendosi così superare in virtù della differenza reti dalla stessa Pavoniana che è riuscita a sconfiggerla nel proprio terreno amico al termine di un incontro intenso e tirato fino all'ultimo minuto. Il sostituto Zerbi non è riuscito a dare la carica giusta fino alla chiusura, e l'assalto finale dei bresciani ha fatto la differenza: Galbiati dovrà ora cercare altre vie per gestire meglio il risultato. Rimandato.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400