Cerca

Nerviano Under 17: grandi aspettative per i bianconeri guidati dall'esperienza di Domenico Scrugli

Nerviano Under 17
Domenico Scrugli è dallo scorso giugno l’allenatore del Nerviano Under 17; quest’anno il tecnico ha lavorato poco con i ragazzi, facendo soltanto qualche allenamento a settembre prima della seconda sosta, e riprendendo soltanto ora, proprio come le altre società con allenamenti e amichevoli. In passato l’allenatore ha giocato in squadre vicine a dove abitava, a livello dilettantistico: tra le tante spiccano il Legnano e la Folgore Legnano 2 (ai tempi militavano rispettivamente in Seconda e Prima Categoria). Il bagaglio di esperienza, per quanto riguarda la panchina, è di 30 anni: Scrugli inizia ad allenare all’età di 32 anni nella squadra dove lui stesso era giocatore, ovvero il Legnano 2; successivamente si trasferisce alla Folgore Legnano dove vince due campionati giovanili, poi le esperienze al Solbiate Olona, a Rescaldina. Per il tecnico anche una parentesi al Parabiago dove allena la Juniores e diventa vice in prima squadra. Successivamente, Scrugli decide di tornare a casa, ovvero alla Folgore Legnano, fino ad arrivare in quel di Nerviano. Il tecnico racconta: «Preferisco allenare i ragazzi e le categorie giovanili, ho più dialogo con loro e mi trovo molto meglio; ho provato ad allenare prime squadre composte da uomini maturi, ma mi trovo decisamente meglio con i ragazzi». L’allenatore del Nerviano è stupito dalla società: «Quando sono arrivato non mi aspettavo la serietà e la professionalità che c’è dietro questa grande realtà. La società ha fatto un grandissimo lavoro, occupandosi delle categorie in modo particolare e cercando giocatori interessanti per il bene della società. Non solo la nostra categoria è stata rinforzata, ma anche i 2005 e la Juniores. L’ultimo nostro acquisto è arrivato da un mese, un difensore centrale molto forte che arriva dalla Real Vanzaghese e che sicuramente troverà spazio l’anno prossimo. Le aspettative che ho sono quelle di puntare in alto, abbiamo una rosa molto forte e valida, puntiamo a vincere il campionato e giocarci ogni partita alla pari con tutti; questi ragazzi meritano e si impegnano per migliorarsi, sono convinto che faremo un grande campionato. Il capitano della rosa è Alessandro Morlacchi, era già capitano l’anno scorso essendo il più “vecchio” in rosa, molto valido e con tanto carattere, i ragazzi lo seguono e lo rispettano in ogni situazione». Il tecnico conclude l’intervista presentando il suo staff: «Non ho un vice allenatore, sono in contatto con un mio amico, vediamo se entro settembre verrà a darmi una mano. Il mio staff è composto da due dirigenti, Vanni Morlacchi e Pino Ingallina, svolgono un grande lavoro, preparano il materiale per gli allenamenti e non ci fanno mancare niente, sono veramente molto bravi».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400