Cerca

Under 17

Avevano solo sei giocatori, ora sono ad un passo dai Regionali: l'incredibile anno del Sedriano

Lo spareggio vinto contro il Parabiago fa ben sperare ai ragazzi di Alfonso Rivolta

Sedriano

Gli abbracci tra i giocatori del Sedriano dopo il 4-0 rimediato nello spareggio contro il Parabiago

La storia ha dell'incredibile: meno di un anno fa, l'Under 17 del Sedriano si trovava travolta dagli eventi. Dopo la terza giornata di campionato, infatti, il mondo del calcio giovanile si ferma nuovamente a causa della pandemia e la squadra, allora militante nel campionato Under 16 Regionale con una rosa di 22 giocatori, si ritrova ad averne tesserati soltanto 6. Da allora - più precisamente da luglio - la situazione si è completamente ribaltata: ricostruita da zero, la squadra di Alfonso Rivolta è adesso ad un passo dal tornare a gareggiare nel tanto agoniato campionato dei Regionali.

«In campionato c'erano almeno tre squadre che partivano come favorite, vale a dire Parabiago, Mazzo ed Arconatese», racconta Rivolta, che prosegue «Il Sedriano, di giornata in giornata, ha cominciato a macinare punti, inserendosi in classifica in questo terzetto. Alla fine del girone di andata, la situazione è già delineata: il Parabiago è in testa, il Sedriano lo segue dietro ad un solo punto, più staccate si trovano Mazzo ed Arconatese. Per tutto il girone di ritorno, le prime due proseguono la loro fuga, arrivando all'ultima giornata di campionato con i granata in testa alla classifica e la mia squadra subito dietro di 3 punti: il Mazzo, a questo punto, si posiziona al terzo posto, con 10 punti di differenza, mentre l'Arconatese ne ha 13. Destino vuole che l’ultima giornata di campionato ci sia lo scontro diretto, in casa del Parabiago: i padroni di casa hanno 2 risultati utili su 3 per vincere questo campionato che sembra oramai assegnato».

I novanta minuti successivi, però, racconteranno una storia totalmente diversa. Al fischio finale, il Sedriano si trova sul 2-1: «Chiudiamo così un anno di sacrifici, in cui non abbiamo mai mollato, agganciando la capolista a 43 punti. Per il regolamento, in caso di parità, si deve disputare il pareggio. A distanza di soli quattro giorni dalla prima gara, Parabiago e Sedriano si scontrano nuovamente, questa volta ad Inveruno, un campo neutro. La nostra vittoria è ancora più spettacolare e netta della prima, terminata 4-0. Dopo 14 vittorie, una sconfitta ed un pareggio, finalmente ci aggiudichiamo la vittoria del campionato, e con quella, la possibilità di giocarci le finali provinciali per guadagnare il titolo di Regionali per il prossimo anno».

L'emozione è alle stelle: lo stesso Rivolta passa poi a spiegare com'è stato vincere questo campionato, qual è stato il segreto, ma soprattutto, come è stato portare a casa una delle vittorie più importanti della propria carriera: «Alleno da 34 anni», racconta «ma quello che è stato fatto quest'anno è stato un vero e proprio miracolo: partire con un gruppo disomogeneo e totalmente sconosciuto è stata la cosa più difficile da affrontare, ma ricordo bene che alla prima giornata ho detto ai ragazzi che avevamo come obiettivo quello di vincere questo campionato e ci siamo riusciti. La cosa più difficile da fare, poi, è stato cercare di dare loro una mentalità vincente. Abbiamo lavorato molto con la palla per recuperare numerosissime carenze che ognuno di loro si portava dal proprio passato calcistico. Inoltre, la cosa che ho sempre cercato di fare è stato di dare fiducia e stimoli sempre nuovi, cercando di alzare sempre di più l'asticella nelle richieste, e devo dire che questi ragazzi hanno avuto il pregio di venire di accontentarmi e di starmi dietro in tutto questo percorso».

Una strada, quella delle due squadre, che è strettamente intrecciata l'una all'altra: già l'anno scorso, si trovavano nello stesso girone. A tal proposito, il tecnico racconta: «Prima della partita d'andata, mi sono fermato a parlare con i dirigenti del Parabiago. Mi ricordo che mi raccontarono di aver perso 4 giocatori dall'anno prima, io risposi che di 22 me ne erano rimasti 6. Il Parabiago era la squadra nettamente più forte di tutte. Il nostro merito è stato quello di non averli mai mollati. Giocare contro di loro nell'ultima giornata, per giunta sotto di tre punti, e riuscire a superarli è stato il primo miracolo. Ma ancora più esaltante è stato lo spareggio giocato davanti ad oltre 300 persone: una battaglia che si è conclusa a nostro favore. Questo è stato il secondo miracolo. Battere due volte in quattro giorni una squadra che in un'annata intera non aveva mai subìto sconfitte, non è cosa da poco: ci vuole testa, cuore e gambe e maturità, qui noi siamo stati superiori».

Ora manca l'ultimo ostacolo, il più importante: quello delle finali per aggiudicarsi i Regionali del prossimo anno. Il sorteggio è stato fatto pochi giorni fa, più precisamente il 15 aprile: data d'inizio il 24 aprile. La prima gara verrà disputata tra Sedriano ed Amor Sportiva, poi ci sarà lo spareggio di entrambe contro il Canegrate: «Sono a Sedriano da sei anni. Nelle stagioni precedenti con l'annata 2003 abbiamo guadagnato il Regionale Under 15 e con l'annata 2004 il Regionale Under 16. Per me è importante chiudere la trafila con la conquista del Regionale Under 17: se ci riusciamo, questo sarà il terzo miracolo».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tita73

    19 Aprile 2022 - 10:01

    Inoltre, il mister non dice che nella partita ha inserito negli 11 titolari, 8 giocatori 2006 regionali, lasciando in tribuna i ragazzi 2005 che ha fatto cosi tanto crescere durante questa stagione sportiva. Vabbè, poi scriviamo frasi inventati dal Sig. Rivolta, che avrebbe parlato con un dirigente del Parabiago....li ho sentiti tutti, ma niente. Probabilmente si è confuso con un suo dirigente!!

    Report

    Rispondi

  • tita73

    19 Aprile 2022 - 09:57

    Inoltre, il mister non dice che nella partita ha inserito negli 11 titolari, 8 giocatori 2006 regionali, lasciando in tribuna i ragazzi 2005 che ha fatto cosi tanto crescere durante questa stagione sportiva. Vabbè, poi scriviamo frasi inventati dal Sig. Rivolta, che avrebbe parlato con un dirigente del Parabiago....li ho sentiti tutti, ma niente. Probabilmente si è confuso con un suo dirigente!!

    Report

    Rispondi

  • tita73

    19 Aprile 2022 - 09:57

    Inoltre, il mister non dice che nella partita ha inserito negli 11 titolari, 8 giocatori 2006 regionali, lasciando in tribuna i ragazzi 2005 che ha fatto cosi tanto crescere durante questa stagione sportiva. Vabbè, poi scriviamo frasi inventati dal Sig. Rivolta, che avrebbe parlato con un dirigente del Parabiago....li ho sentiti tutti, ma niente. Probabilmente si è confuso con un suo dirigente!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti