Cerca

Domenico Guerrisi, storia di un bomber fuori categoria

acdaafc0-53f5-49df-9e36-f69904e87569
Basiglio-Voghera andata e ritorno. È questo il primo capitolo dell'avventura di Domenico Guerrisi, che attualmente fa scintille nell'Atletico Alcione Under 17, nel calcio a 11 milanese. Ed è proprio nel comune lambito dal fiume Olona che il nostro bomber conosce il suo mentore, la sua guida, il suo padre calcistico, ovvero Damiano Di Trani. L'esordio del centravanti avviene nel 2017 con la maglia grigiorossa nel Campionato Giovanissimi Fascia B Milano e il risultato finale è ottimo, a tre punti dalla perfezione. Il Basiglio Milano 3 si ferma al secondo posto, dietro all'Assago ma davanti ad altre squadre blasonate come Barona e Rozzano Calcio. Sono i gialloblù ad andare ai regionali, ma Guerrisi segna una caterva di gol, e questa è un'enorme soddisfazione. Guardando i risultati, la fase primaverile non sarà buona come quella autunnale, ma a stupire, a segnare e a emozionare c'è sempre lui. Sì, perché Guerrisi lotta su ogni pallone, vince tutti i duelli aerei, si sacrifica e la butta dentro. Termina la stagione, ne inizia un'altra. Guerrisi continua a fare gol e fa volare i suoi compagni. Arriva un ottimo quarto posto, dietro alle tre solite rivali: Barona, Rozzano Calcio e Assago. L'avventura del nostro bomber con i grigiorossi finisce qui, ma è solo un arrivederci. Dopo 6 mesi trascorsi a Voghera, Guerrisi torna a Basiglio, ma Di Trani allena la categoria superiore, dopodiché entrambi vanno nel quartiere meneghino di Baggio, sponda Atletico Alcione: qui i due si ricongiungono e qqla storia ricomincia, forse più emozionante dei capitoli precedenti. [caption id="attachment_241195" align="alignnone" width="899"] Guerrisi, numero 7, palla al piede Guerrisi, numero 7, palla al piede[/caption] «In un campionato provinciale non ho mai visto uno come Guerrisi. È uno che di sicuro può fare la differenza anche nei tornei regionali, se non addirittura in un élite». Comincia così il racconto dell'allenatore biancoarancio sul suo centravanti. Una frase di potenza, che in due righe lascia immaginare facilmente tutto il valore del giovane attaccante, ora sedicenne. E la prima gara ufficiale conferma le parole del tecnico. Esordio sulle rive del Naviglio Grande, sponda Nuova Trezzano, vittoria per 6-1, tripletta e pallone portato a casa. Purtroppo finora le sue reti con l'Atletico Alcione sono solo queste tre, causa covid. Per trovare altre marcature bisogna tornare indietro, alle amichevoli pre-campionato. Dopo due sconfitte, senza sfigurare, contro i pari età dei cugini dell'Alcione e contro la Tritium, arriva un pareggio contro l'RG Ticino, successivamente due vittorie su Bresso e Accademia Pavese. Cosa c'è di speciale in questi risultati? Sicuramente il fatto che tutte e tre le sfidanti partecipano ai campionati regionali, e poi i gol di Guerrisi. A un bomber di razza non interessa se sta giocando in amichevole o in campionato, lui vuole solo segnare, vincere. Continua il racconto di Di Trani: «Domenico è semplicemente incontrastabile quando alza l'asticella. Non lo ferma nessun difensore, infatti è molto conosciuto dalle retroguardie avversarie. Ha una forza aerea micidiale ed è molto bravo a fare le sponde per i suoi compagni. Secondo me è difficile trovare un giocatore con le sue caratteristiche, forte come lui, in questa categoria. È un fuoriclasse e sono sicuro che quest'anno farà tanti gol». Come non detto, l'esordio è dei migliori. Guerrisi fa tripletta, due gol arrivano su palla inattiva, grazie soprattutto alle sue doti aeree. Il tecnico è contento: «Sotto l'aspetto del risultato è andata bene e sono molto soddisfatto. Stavamo facendo molto bene in allenamento e nelle amichevoli pre-campionato. Forse siamo incappati in qualche difficoltà perché era l'esordio, ma quest'anno puntiamo a vincere il campionato. Siamo forti, abbiamo tanti ragazzi di valore e mi aspetto il meglio da loro. Inoltre, questa stagione è arrivato anche qualche buon innesto, come il portiere Lorenzo Servida. Anche lui, come Domenico, è fuori categoria, un giocatore da regionale». Il tecnico biancoarancio non si ferma agli obiettivi di squadra, ma si ferma a immaginare il futuro del suo bomber: «Se continua ad allenarsi così sono sicuro che "da grande" si toglierà tante soddisfazioni. Se dovesse andare male, potrebbe giocare benissimo in Promozione, ma se va bene farà la differenza anche in Eccellenza. È un ragazzo speciale, se rimane umile magari potrà fare bene anche in Serie D». La società è ambiziosa, Guerrisi altrettanto. Stando alle parole di Di Trani, il suo centravanti sta per spiccare il volo.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400