Cerca

Under 17

Romano Banco-Virtus Abbiatense: il Bonvento porta i biancoverdi di Santannera a giocarsi il primato con lo Zibido

Padroni di casa che ribaltano il vantaggio iniziale di Amore, peccato per il nervosismo sopra le righe che rovina il finale di una bella partita fra due ottime squadre

Francesco Prettato Romano Banco Under 17

Capita Francesco Prettato, decisivo con il suo assist per il gol della vittoria firmato da Bonvento

Tre punti in uno scontro diretto pesano molto durante la stagione e quelli che il Romano Banco strappa in casa contro un'arcigna Virtus Abbiatense sono importantissimi, se si conta che i biancoverdi rimontano il gol dello svantaggio firmato da Amore al 12'. Il tiro da fuori di Magnoni e il tap-in sotto porta del neoentrato Bonvento regalano la vittoria a Santannera. Una partita tirata che alla fine è stata, purtroppo, rovinata dal nervosismo sopra le righe sia in campo che in tribuna, che ha portato a una rissa finale dopo il triplice fischio. Tre gol come le espulsioni, due durante la gara, doppia ammonizione per Pisi e rosso diretto per Ghizzoni, come, a gara finita, quella di girone Girone.

Pioggia di emozioni. Passando alla cronaca, sul sintetico di Buccinasco, che permette di giocare a palla a terra nonostante la pioggia battente per 90 minuti, le due squadre si affrontano a viso aperto, ma con moduli di gioco diversi. Un 4-3-3, ormai classico, per i padroni di casa con Ferrara al centro dell'attacco con ai suoi lati Magnoni e Mahamuhandirange. 4-3-1-2, invece, per gli ospiti con Albanese alle spalle della coppia Rallo e Amore. Proprio questi due confezionano il gol del vantaggio al 12' con Rallo che riesce a mantenere il possesso del pallone a pochi passi dalla linea di fondo e dopo alcuni contrasti con gli avversari, tiro di sinistro da posizione angolata che chiama alla respinta Broglia, palla vagante sul quale si trova, da perfetto rapace dell'area di rigore, Amore che al volo di sinistra deposita nella porta sguarnita. La partita si stappa e le due squadre esprimono un calcio piacevole e fatto di tanti duelli individuali, favoriti anche dalla condotta del fischietto di giornata, il signor Carenza, che lascia correre molto. Al 17' il Romano Banco trova il pareggio grazie a un vivace Mahamuhandirange che, dopo aver lottato sulla sinistra, appoggia per l'accorrente Magnoni che, senza pensarci, lascia partire un destro a filo d'erba che si insacca alla destra di Rivolta che può solo sfiorare. Tanti duelli a centrocampo con i padroni di casa, complice la struttura fisica dei propri calciatori, a far girare il pallone e provare a pungere con delle belle trame offensive, grazie anche ai movimenti a venire incontro di Ferrara. Mentre la Virtus, sfrutta molto bene la fisicità di Amore e Rallo che duellano per permettere ai centrocampisti, guidati da Albanese, di inserirsi e provare a concludere da fuori. Proprio dopo due tiri dalla distanza, di Rallo e Albanese, il primo da 35 metri e sopra la traversa di poco, al 32' il Romano Banco va vicinissimo al vantaggio con Ferrara, che da azione di calcio d'angolo, riesce a stoppare il pallone a pochi passi dal lato destro dell'area piccola, salta un avversario portandosi palla sul sinistro, e tiro secco, che viene respinto con i piedi da Rivolta. Neanche 60 secondi ed ecco la risposta della Virtus: cross dalla destra di Zacchi che pesca in area sul secondo palo l'inserimento di Canclini, che però non riesce a colpire in maniera pulita la sfera, che termina sul fondo di poco. Al 37' gli ospiti trovano di nuovo il vantaggio, ma se lo vedono annullato per un fuorigioco molto dubbio di Amore su un rimpallo in area, dove molto probabilmente è un calciatore del Romano Banco a deviare per ultimo con conseguenti proteste dei ragazzi di Del Moro. I biancoverdi di Santannera non si spaventano e, anzi, finisce in crescendo la prima frazione. Sono Ghizzoni, Magnoni e Ferrara ad andare vicinissimi al gol, ma il primo e l'ultimo trovano sulla propria strada un attento Rivolta, mentre l'autore dell'1-1 non riesce a deviare di tacco un cross rasoterra di Ferrara.

Francesco Prettato Romano Banco Under 17

Finale rovente. Ripresa che inizia senza alcuna modifica da parte dei due allenatori, contenti delle proprie formazioni titolari. La prima occasione è ancora per i padroni di casa che al 10' colpiscono un palo interno con Li Greci, innescato dal colpo di testa dell'indemoniato Magnoni. Provvidenziale la deviazione con la gamba sinistra di Rivolta sul diagonale di destro della mezz'ala avversaria che spinge il pallone sul palo invece che nell'angolino. Reazione immediata dei ragazzi di Del Moro con il più pericoloso dei suoi: Rallo. Il numero 11 si conquista un calcio di punizione dal limite e si incarica della battuta. Sinistro potente, ma di poco impreciso che termina alto sopra la traversa di pochissimo. Partita che si accende anche sotto il punto di vista agonistico e che al 26' vive il suo apice: Pisi, subentrato e già ammonito, interviene in ritardo a centrocampo, l'arbitro estrae il cartellino giallo, ma inspiegabilmente lo rimette in tasca. Proteste vibranti, ma anche legittime, dei biancoverdi che accerchiano il signor Carenza, che torna sui suoi passi e fa vedere il secondo cartellino giallo al 13 ospite. Ed ecco le proteste, questa volta degli ospiti con gli animi che si scaldano anche in tribuna. Gara che si innervosisce molto, con l'arbitro che fatica a mantenere il controllo, e che inficia lo spettacolo in campo di una partita fin lì giocata molto bene dalle due squadre. Al 34' da azione di calcio d'angolo il Romano Banco trova il gol del vantaggio. Palla alta sul secondo palo di Guidobono con il suo sinistro, sul secondo pallo capitan Prettato va a duello area, la sfera rimane al limite dell'area piccola con il difensore che riesce da terra a rimettere il pallone in mezzo dove Bonvento, tutto solo, spinge in rete. Proteste anche qui dei giocatori, e dei tifosi, della Virtus Abbiatense per un fuorigioco dell'autore del gol. I padroni di casa si godono serenamente il vantaggio solo per due minuti visto che dopo un fallo, giustamente fischiato su Amore, Ghizzoni viene espulso per qualche parola poco elegante verso l'arbitro. O almeno questo è quello che intende il fischietto di giornata visto che il centrocampista prova a spiegare di avercela avuta con un avversario. Fatto sta che si torna in parità numerica, ma ad andare vicinissimo al gol è il Romano Banco. Per due volte Mahamuhandirange ha la palla per chiudere la gara fra il 42' e il 43', ma davanti a Rivolta spreca malamente, prima di destro e poi di sinistro, quando tutti erano pronti a festeggiare il gol del 3-1. Poco male finisce, dopo 5 minuti di recupero, con la vittoria dei biancoverdi che tallonano lo Zibido, vittorioso per 2-1 in casa il Barona, e prossimo avversario mercoledì 17. Ma dopo il triplice fischio succede di tutto con un capannello di giocatori che entrano in contatto con dirigenti e arbitro che faticano a riportare la calma. Dopo alcuni minuti di alta tensione, sia in campo che in tribuna, torna il sereno con le rispettive squadre che si chiariscono nell'area spogliatoi. Nel parapiglia generale a pagare con il cartellino rosso è Girone.

IL TABELLINO

Romano Banco-Virtus Abbiatense 2-1
RETI (0-1, 2-1): 12' Amore (V), 17' Magnoni (R), 34' st Bonvento (R).
ROMANO BANCO (4-3-3): Broglia 6, Seidita 6, Alari 6.5, Doria 7 (28' st Panariello 6.5), Girone 6, Prettato 8, Magnoni 7.5 (16' st Bonvento 7.5), Ghizzoni 6, Ferrara 6.5, Li Greci 7 (16' st Guidobono 7), Mahamuhandirange 7. A disp. Romanò, Romanò, Lorello. All. Santannera 7.5. Dir. Magliano.
VIRTUS ABBIATENSE (4-3-1-2): Rivolta 6.5, Licciardi 6 (19' st Calabria 6), Cozzi 6, De Gaetano 6.5, Casati 6, Cova 6.5, Zacchi 6 (41' st Khedr sv), Canclini 6.5 (13' st Pisi 5.5), Amore 6.5, Albanese 6.5, Rallo 7. A disp. Salem, Monea, Moya Diaz. All. Del Moro 6.5. Dir. De Gaetano.
ARBITRO: Carenza di Milano 6.
ESPULSI: 26' st Pisi (V), 36' st Ghizzoni (R), 51' st Girone (R).
AMMONITI: Seidita (R), Pisi (V), Pisi (V).

LE PAGELLE

ROMANO BANCO
Broglia 6 Praticamente non effettua nessuna parata importante se si esclude la respinta sul tiro di Rallo che ha porta al tap-in vincente di Amore che ha stappato la partita. Nel finale qualche pallone sporco dalle sue parti che controlla bene, sia con le mani che con i piedi.
Seidita 6 Molto attento a non farsi superare nel primo tempo quando Rallo gli gioca di fronte e non è mai una passeggiata affrontarlo. Il lavoro in copertura, comunque svolto bene, non gli permette di essere di appoggio in fase di manovra.
Alari 6.5 Non sbaglia nella parte finale quando la Virtus Abbiatense alza il baricentro alla ricerca del pareggio. Qualche bella uscita palla al piede e un paio di sgroppate sulla sinistra che fanno respirare la squadra.
Doria 7 Fa correre il pallone e la manovra dei suoi ne trae beneficio visto che gli avversari faticano a intercettare le linee di passaggio. Bene anche in modalità schermo su Albanese che per fisico e qualità è sempre insidioso da affrontare. (28' st Panariello 6.5).
Girone 6 Macchia una ottima partita difensiva con l'espulsione dopo il triplice fischio nel parapiglia finale. Utile a raddoppiare una volta su Rallo e l'altra volta su Amore.
Prettato 8 Il capitano sente il clima inglese fra pioggia e manto, artificiale, perfetto e sfoggia tempismo e grinta che lo associano a Giorgio Chiellini, anche se con più capelli rispetto a al difensore della Juventus. Battute a parte, non sbaglia un intervento in chiusura e fornisce l'assister per il gol decisivo di Bonvento. Si guadagna i suoi primi 30 punti per la corsa al Pallone d'Oro di categoria.
Magnoni 7.5 Un destro chirurgico riporta la partita sui giusti binari per i padroni di casa. Tante belle giocate e un gol sfiorato di tacco che avrebbe buttato giù le piccole tribune scoperte del centro sportivo di via Alessandro Manzoni.
16' st Bonvento 7.5 Per un attaccante è vitale farsi trovare al posto giusto, al momento giusto. Insacca da pochi passi dopo il tocco di Prettato che consegna la vittoria al Romano Banco. Qualche pallone tenuto in avanti nel finale incandescente.
Ghizzoni 6 Anche lui, come Girone, con il cartellino rosso getta alle ortiche una grandissima partita fatta di intercetti e progressioni in avanti. Che abbia detto qualche parolina irriguardosa all'arbitro o a un avversario poco importa, è comunque un'ingenuità arrivata pochi minuti dopo il gol del vantaggio e in superiorità numerica.
Ferrara 6.5 Fatica a smarcarsi dalla doppia marcatura di Casati e Cova che con la loro fisicità gli cancellano tanti palloni. Quando capisce che si deve staccare, quasi a ricoprire il ruolo di trequartista, diventa un fattore determinante, sia quando decide di calciare da fuori, sia quando gioca di sponda per i compagni.
Li Greci 7 Specialmente nel primo tempo, in coppia con Magnoni, crea moltissimi problemi alla difesa della Virtus sul lato destro del proprio attacco. Giocate mai banali e fine a se stesse.
16' st Guidobono 7 Dal suo sinistro nasce sempre qualcosa di pericoloso, vedi il calcio d'angolo che porta al gol vittoria. Da quando entra si incarica di ogni calcio piazzato. Gestisce il pallone come se danzasse e sguscia fra gli avversari, più grossi di lui, come Beep Beep con Willy il coyote.
Mahamuhandirange 7 Una continua spina nel fianco con le sue giocate sulla sinistra. Bravo a vedere il rimorchio di Magnoni e a servirlo con i giri giusti. Nel finale ha per due volte l'occasione di chiudere anticipatamente la partita ma spara sempre fuori e questo non può che condizionare il suo voto finale. Per sua fortuna i tre punti arrivano lo stesso.
All. Santannera 7.5 Una squadra che sa stare in campo e sa quello che fa. Mercoledì lo scontro diretto a Zibido per provare l'aggancio e prendersi il primo posto in coabitazione.

VIRTUS ABBIATENSE
Rivolta 6.5 Salva con i piedi almeno tre gol che sembrano fatti. Quando non è risolutivo lui ci pensa il palo interno a dargli una mano. Da rivedere sulle uscite alte visto che più di una volta, anche se non paga dazio, è indeciso ed esce a vuoto.
Licciardi 6 Mahamuhandirange è un brutto cliente perchè unisce fisicità e velocità. Meglio nella ripresa visto che nel primo tempo non viene aiutato dai compagni.(19' st Calabria 6)
Cozzi 6 Primo tempo in apnea, e non per l'acqua, visto che il Romano Banco attacca e molto dalla sua parte con l'agilità della coppia Magnoni-Li Greci.
De Gaetano 6.5 Fisico e movimenti giusti per schermare il più possibile la sua difesa dalle volate avversarie. Li Greci, capito l'andazzo, si allarga sulle fasce per non incappare nel robusto mediano di Del Moro.
Casati 6 Il capitano della Virtus è indeciso in più di un'occasione quando si tratta di allontanare e pulire l'area. Una volta viene salvato da Rivolta, nelle altre riesce a metterci lui stesso una pezza con qualche scivolata possente. Anche nei rinvii dal fondo è tutt'altro che impeccabile.
Cova 6.5 Rispetto al compagno di reparto è meno impreciso e bada di più alla sostanza. Ferrara spesso gli sbatte addosso con il numero 9 che decide che è meglio girare lontano.
Zacchi 6 Poco ispirato e spesso fuori dalla manovra dei suoi e preso in mezzo dal giro palla avversario che fa una fatica matta a intercettare. Esce nel finale anche se la sostituzione poteva starci anche qualche minuto prima. (41' st Khedr sv).
Canclini 6.5 Nel primo tempo prova l'inserimento a fari spenti in più di un'occasione e ha anche la possibilità di sparare verso la porta di Broglia, ma il suo destro al volo è un po' masticato e finisce sul fondo.
13' st Pisi 5.5 Entra e nel giro di 13 minuti prende due gialli sacrosanti che costano l'uomo in meno ai suoi e permettono al Romano Banco di alzare il proprio baricentro fino alla rete del 2-1 definitivo.
Amore 6.5 Attaccante da area di rigore e si vede. Ha praticamente un pallone giocabile negli ultimi 16 metri e la trasforma in gol senza pensarci due volte. Dopo la rete al 12' fatica e lotta per trovare spazio e permettere alla sua squadra di alzare il raggio d'azione, ma purtroppo per lui non ci riesce molte volte.
Albanese 6.5 Primi 20 minuti di rodaggio poi i compagni lo trovano spesso fra le linee anche perchè è bravo lui a non sostare nella stessa zolla dove è facilmente marcabile da Doria. Non riesce a rendersi pericoloso con il tiro da fuori con abbastanza continuità per diventare un pericolo.
Rallo 7 Quando prende palla dà sempre la sensazione che debba nascere qualcosa di pericoloso e a conti fatti è così. Si costruisce dal nulla la possibilità di calciare in porta nell'occasione che ha portato al vantaggio di Amore. Peccato per quella posizione dal limite che si è guadagnato, ma calcia alto sopra la traversa. Uno dei pochissimi che usa la testa nei minuti finali quando gli animi caldissimi portano all'epilogo finale.
All. Del Moro 6.5 Ottima partenza con un fase difensiva arcigna e un attacco pungente. Come il centrocampo molla un attimo e il Romano Banco trova delle trame pericolose i suoi perdono il pallino del gioco. Certamente l'espulsione di Pisi porta la gara sui binari dei padroni di casa dopo che fino a qual momento entrambe le squadre provavano a vincerla.

ARBITRO
Carenza di Milano 6 Lascia molto correre e la gara ne beneficia. Commette l'errore di espellere Pisi solo dopo le proteste del Romano Banco dopo aver tirato fuori e rimesso il cartellino giallo dalla tasca. Da lì la partita gira e fatica molto a tenere gli animi sotto il livello di guardia e che esplodono appena dopo il triplice fischio finale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400