Cerca

Under 17

Il poker nel derby porta i ragazzi di Mariani ad un passo dal titolo

Moiraghi apre e Scavone chiude, mentre ai ragazzi di Mangone gira tutto storto

Festa Viscontini Under 17

Il Presidente della Viscontini, il tecnico Mariani e la squadra festeggiano la vittoria

Con una vittoria molto convincente la Viscontini si aggiudica il derby della zona 7 schiantando 4 a 0 i rivali della Triestina. I tre punti raccolti oggi dalla truppa di Mariani portano i gialloblù a più sei proprio sui rivali della Triestina, ed ora con sole due giornate da disputare la vittoria del campionato dista solo un punto. Al 4-3-3 schierato dai padroni di casa gli ospiti rispondono con un solido 3-5-2 vista l'assenza sulla trequarti dello squalificato Bucciero. L'equilibrio si rompe dopo un quarto d'ora con l'incornata di Moiraghi, la bomba di Canali raddoppia e Maullu la chiude già nel primo tempo. Nella ripresa Scavone corona una grande prestazione calando il poker. Poco da fare per i ragazzi di Mangone, che hanno dato tutto ma a cui è obiettivamente girata anche un po' male, sebbene la superiorità degli ospiti oggi, come concretezza e gioco, è apparsa evidente. 

MOIRAGHI INDIRIZZA, CANALI CONTINUA E MAULLU STENDE

La gara vista la posta in palio inizia come c'era da aspettarsi con gran ritmo ed intensità da entrambe le parti; il primo brivido arriva già al secondo minuto, quando il portiere ospite Petrella commette una leggerezza durante il giro palla facendo intercettare la sfera a Camara, ma per fortuna dell'estremo difensore il mancino immediato del 7 termina abbondantemente a lato. Dall'altra parte del campo rispondono immediatamente presente Scavone e Montrasi: il 9 innesca il 10 in verticale, che libera una conclusione potente sul primo palo, ma Gargarella respinge senza difficoltà. Il duo offensivo ospite si dimostra subito molto caldo, passa qualche minuto ed è Montrasi a servire Scavone, che perde il tempo per calciare contrastato dalla difesa, sulla palla vagante arriva di gran carriera Ciaciulli ma il destro termina a lato. Qualche minuto e la Visco va vicina al gol ancora una volta con Montrasi, sinistro a giro a lato di centimetri. Il gol è nell'aria: da piazzato Latella pesca Ciaciulli, che di testa impegna non poco Gargarella. Il forcing ospite continua, e al 17' il famoso "gol nell'aria" si concretizza: punizione dalla destra di Latella, traversone che attraversa tutta l'area trovando in agguato sul secondo palo Moiraghi, che da due passi incorna battendo l'estremo difensore avversario. I padroni di casa provano a scuotersi usando le fasce, Pitrelli ha una buona occasione da calcio di punizione, ma il potente sinistro si infrange sulla barriera. Reagire non basta, ci si mette anche la sfortuna: dai 25 metri tenta la conclusione Canali, il tiro sembra decisamente velleitario, ma la sfera vista la pioggia e le raffiche di vento probabilmente cambia direzione ingannando Gargarella, che non riesce a respingere clamorosamente, ed è 2-0 Viscontini. L'estremo difensore di casa probabilmente avrebbe potuto fare di più, sarebbe da capire quanto realmente abbia inficiato il vento in questo caso, visto che la parata sembrava decisamente alla portata del giocatore. Dopo il raddoppio la gara inizia a farsi più nervosa e spezzettata, con gli ospiti che si limitano ad aspettare e riparte con i soliti Scavone e Moltrasi, che ha un'altra bella occasione sulla sinistra e lascia partire un diagonale potente, ma Gargarella si rifà dell'errore precedente facendo una bella parata. Poco prima della fine del tempo, al 43', arriva anche il tris: grande azione corale sviluppatasi da destra a sinistra al limite dell'area avversaria, Scavone illumina per Maullu tutto libero a sinistra, che stoppa e calcia per il 3-0 mandando in giubilo i tifosi ospiti.

GESTIONE E POKER

La ripresa inizia così come era finito il primo tempo: la Visco prova a gestire la gara senza scoprirsi né schiacciarsi troppo. Nonostante la grande attenzione però la squadra di Mariani rischia di far riaprire la gara, Raffuzzi buca l'intervento al centro della difesa (praticamente l'unico errore della sua partita), favorendo la percussione di Camara, che però a tu per tu con Petrella si fa ipnotizzare e spara la palla contro il portiere, bravo nell'uscita bassa. Continua il piccolo momento di sbandamento, Canali sbaglia un retropassaggio e mette in porta inavvertitamente Ahmed, ma è ancora una volta ottima l'uscita bassa di un attentissimo Petrella. Continua il buon momento della Triestina, sostenuta da un pubblico bollente, Ahmed allarga sulla destra per Camara, che lascia partire un traversone interessante, troppo lungo per Pitrelli dall'altra parte. L'11 però furbescamente aggancia e rimette in mezzo per l'inserimento perfetto di Formiga che impatta benissimo di testa, ma la conclusione a botta sicura si stampa sulla traversa. Nonostante gli sforzi il risultato rimane invariato, ed i padroni di casa iniziano ad innervosirsi ed a perdere le distanze tra i reparti. Con una magia sulla trequarti campo Scavone si libera della marcatura di Sala, innesca il solito Montrasi che rientra e calcia trovando però l'opposizione provvidenziale di Sala stesso. Alla mezz'ora l'episodio: Montrasi supera Pennacchi, che lo stende inavvertitamente, il direttore di gara indica il dischetto tra le ferventi proteste di giocatori e tribuna di casa. In un clima parecchio teso si presente lo stesso numero 10 dal dischetto, ma il sinistro ad incrociare viene ottimamente respinto dal riflesso di Gargarella. Passa qualche minuto e però il poker arriva: un Montrasi imprendibile si libera sulla destra servendo un assist al bacio per Scavone, che da centro area non può sbagliare e sigla il 4-0 mandando in delirio i suoi. Una bella uscita di Gargarella su Marongiu negli ultimi secondi di gara evita un parziale ancora più pesante. 
Sebbene la differenza in campo si sia vista il risultato è certamente severo per i ragazzi di Mangone, che avrebbero meritato il gol della bandiera e in alcuni momenti della gara hanno rischiato di riaprirla. Dall'altra parte una gara quasi perfetta della capolista che ha dimostrato tutta la sua forza, e soprattutto il perché dei 30 gol di differenza rispetto alla seconda della classe.

IL TABELLINO


TRIESTINA-VISCONTINI 0-4
RETI: 17' Moiraghi (V), 25' Canali (V), 43' Maullu (V), 40' st Scavone (V).
TRIESTINA 1946 (4-3-3): Gargarella 7, Bacchioni 6, Casali 6, Panizza 6.5, Pennacchi 6, Sala 5.5, Camara 6 (14' st Bianchini 6), Formiga 6.5 (28' st Anelli 6), Ahmed 6.5, Fumagalli F. 6, Pitrelli 6.5 (22' st Rastelli 6). A disp. Cerato, Clerici, Lanni, Rango, Basile. All. Mangone 6. Dir. Casali.
VISCONTINI (3-5-2): Petrella 7, Moiraghi 7.5, Forestieri 6.5 (15' st Torri 6), Ciaciulli 7, Canali 7.5, Raffuzzi 6.5, Rimini 6.5 (35' st Fumarola sv), Maullu 7 (39' st Carreri sv), Scavone 8 (43' st Marongiu sv), Montrasi 7, Latella 6.5 (40' st Peri sv). A disp. Fumarola, Bosoni, Pitalieri, Sorropago. All. Mariani 7.5. Dir. Raffuzzi.
ARBITRO: Giaretta di Milano 6.5.
AMMONITI: Pennacchi (T), Ciaciulli (V).

LE INTERVISTE

Triestina 1946, Mangone: «Oggi ci è girato tutto male. Una traversa ed un paio di occasioni non sfruttate non ci hanno permesso di riaprire la gara, questa è stata la grossa differenza tra noi e loro oggi».
Viscontini, Mariani: «Sono davvero molto soddisfatto della prestazione dei miei ragazzi, oggi non era facile visto quanto sentito è per noi questo derby. Ora ci manca solo l'ultimo sforzo per la conquista del titolo».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400