Cerca

Alcione-Brianza Olginatese Under 17: Boeron e Bianco stendono i bianconeri, Vairani accorcia le distanze nel finale

boreonalcione
Vittoria sofferta ma meritata per l'Alcione che grazie ai gol di Daniel Boeron e Marco Bianco batte una Brianza Olginatese combattiva e messa bene in campo. Il tecnico De Lillo, per l'occasione in panchina con l'Under 17 in attesa della guida ufficiale per la prossima stagione, ha convinto tutti schierando una squadra che ha dimostrato maturità e concretezza. Ancora più sorprendente, però, è proprio la magia del numero 17 Daniel Boeron che, all'improvviso, cerca la porta da una distanza siderale e la insacca di poco sotto l'incrocio. A raddoppiare ci pensa Bianco, con il centravanti ex Rhodense, assistito da Lanzi. Il gol di Vairani non serve a nulla agli ospiti che tornano a casa con l'amarezza di aver giocato una buona gara senza aver però centrato il risultato. Equilibrio iniziale. L'Alcione si aggiudica una sfida amichevole dal sapore di rivincita. Sono passati 720 giorni dalla finale regionale in cui gli orange sfidarono i bianconeri di Andrea Terzi, perdendo ai calci di rigore. In quell'occasione, il 19 Maggio 2019, i marcatori furono Apicella e Grazioli e i tempi regolamentari finirono 1-1. Oggi, però, è tutta un'altra storia, anche se è sempre la Brianza Olginatese a partire con il piede di guerra. Al 18' ci prova con un gran tiro dalla distanza di Jacopo Curioni ma Musitano è bravissimo a deviare. I bianconeri non demordono e al 30' arriva l'occasione più interessante della prima frazione: Andrea Vairani, successivamente autore di un gol, si allarga sulla fascia destra e trova una conclusione diagonale che colpisce il palo. Arriva allora il momento di reagire per i padroni di casa che non ci stanno a subire l'assalto. Al 35' Viscusi serve Di Miceli che con un grande tiro sfiora il palo difeso da Rusconi. Non c'è neanche un minuto per riprendersi da questa conclusione per i bianconeri, poiché al 36' è invece Marulli a provarci dalla grande distanza ma il portiere si distende e compie un miracolo. L'arbitro fischia la fine della prima frazione e le squadre vanno a riposare sul risultato di 0-0. Secondo tempo da urlo. Succede tutto nella ripresa. Se il primo tempo si era chiuso a reti inviolate, il secondo si apre con un Alcione devastante capace di trovare due gol spaventosamente belli in soli due minuti. Prima è Boeron a inventare dalla sinistra e a calciare dalla distanza battendo Rusconi impotente, poi Bianco, grazie all'insistenza e alla caparbietà di Lanzi, autore dell'assist, a insaccare con cinismo. La partita sembra decisa e una reazione sembra difficile, considerando anche l'ottima prestazione della linea difensiva orange. Gli ospiti, però, attaccano con pazienza e studiano gli avversari con calma per provare a costruire l'azione letale. L'Alcione invece prova a variare il copione cambiando modulo e scambiando gli esterni. Bisogna aspettare il 30' per vedere la partita riaprirsi, quando Adriano è bravissimo a servire centralmente Vairani che non si lascia scappare l'occasione e insacca senza indugi. L'assalto bianconero però non va oltre e le azioni create per pareggiare non si concretizzano. Paradossalmente è l'Alcione a chiudere in attacco quando al 36' Rusconi si distende compiendo un altro prodigio sul tiro dalla distanza di Lanzi. L'arbitro fischia la fine e gli orange festeggiano una vittoria che, dopo due anni, sa un po' di vendetta.

IL TABELLINO

ALCIONE - BRIANZA OLGINATESE 2-1 RETI: 5' st Boeron (A), 6' st Bianco (A), 30' st Vairani (B)   ALCIONE (4-3-3): Musitano 6.5, Federici 6.5 (1' st Boreon 7.5), Tinelli 6.5 (1' st Curridori 6), Di Maggio 6.5 (1' st Lanzi 7), Tucci 6.5, Mocchi 6.5, Viscusi 6, Castelli 6.5 (1' st Artusa 6), Giambertone 6.5 (1' st Bianco 7.5), Di Miceli 6.5, Marulli 6.5 (1' st Dragone 6). A disp. Dantes, Curridori, Artusa, Dragone, Bianco, Boeron, Lanzi, Bacis. All. De Lillo 7. BRIANZA OLGINATESE (4-3-3): Rusconi 7, Caldera 6.5, Fera 6.5 (1' st Antonuccio 6), Franzin 6, Renna 6 (1' st Carenini 6.5), Zaffaroni 6.5, Curioni 6.5 (1' st Nhaiji 6), Casati 6.5, Adriano 7 (1' st Faye 6), Vairani 7, Mitrovic 6 (1' st Viviani 6.5). A disp. Nhaiji, Antonuccio, Carenini, Faye, Viviani. All. Colleoni 6.5. ARBITRO: Pavesi di Milano 7. AMMONITO: Franzin (B).

LE PAGELLE

ALCIONE Musitano 6.5 Oggi molto in forma, respinge le conclusioni degli avversari con grandi riflessi e non si fa mai trovare disattento. Sul gol di Vairani una dormita difensiva lascia l'attaccante senza copertura e dunque lui non ne ha colpe.  Federici 6.5 Alterna bene le due fasi, mette tanta corsa nel primo tempo, poi viene sostituito. Si dimostra solido, fa passare pochissimi palloni e fa ripartire la squadra quando è troppo schiacciata. Il suo contributo è preziosissimo.  1' st Boeron 7.5 Gol-capolavoro. Si vedeva che era ispirato dal modo in cui dominava la fascia. Pochi minuti dopo la sua entrata in campo prova un tiro dalla distanza da posizione defilata e riesce a trovare una conclusione perfetta che si abbassa al punto giusto e trafigge il portiere.  Tinelli 6.5 Importantissima la sua spinta sulla fascia. Nonostante ciò nella prima frazione i padroni di casa non riescono ad arrivare al gol. Lui però gioca un'ottima gara fatta di tanto sacrificio.  1' st Curridori 6 Sostituisce Tinelli nella seconda frazione per dare una spinta in più alla squadra. Sulla sua fascia la squadra spinge molto, grazie al suo contributo così come quello di Boeron.  Di Maggio 6.5 Gioca una buonissima prima frazione in cui gli attaccanti avversari non riescono a sfondare. Trascina la sua squadra come un leader e non concede nulla agli avversari.  1' st Lanzi 7 Assist di pregevole fattura per il compagno di squadra e tante occasioni d'oro capitate sui suoi piedi. Una sua conclusione a botta sicura rischia di ferire ulteriormente i bianconeri ma Rusconi è bravo a dirgli di no.  Tucci 6.5 Chiude le porte agli avversari. Una grande solidità difensiva e fisicità gli permettono di dare al suo allenatore e ai suoi compagni la giusta sicurezza. Pedina imprescindibile dello scacchiere di De Lillo.  Mocchi 6.5 Soliti interventi decisivi in fase difensiva ad anticipare gli attaccanti. Si riconferma un muro difficilmente penetrabile. Non cala l'attenzione e rimane impeccabile anche nella ripresa.  Viscusi 6 Non riesce a rendersi pericoloso quanto vorrebbe. Tenuto a bada dai difensori avversari non splende come in altre prestazioni. Quando ha la palla però può dare i brividi all'intera retroguardia avversaria. Castelli 6.5 Grintoso come sempre in mezzo al campo. Ripete una grande prestazione dopo quella contro il Ponte San Pietro. Vive un buono stato di forma e si vede.  1' st Artusa 6 Entra in campo con grande grinta e forse con troppa rabbia, tanto che in seguito a delle proteste ha un prolungato battibecco con l'arbitro. In campo, comunque, ci mette tutto fino all'ultimo respiro.  Giambertone 6.5 Oggi non ha segnato ma ha più volte rischiato di colpire ancora. Vede la porta come pochi e non gli si può concedere nessuno spazio o, altrimenti, potrebbe essere letale.  1' st Bianco 7.5 Insacca cinicamente il gol vittoria una volta servito da Lanzi a porta sguarnita. Ci riprova anche con un pallonetto che finisce di pochissimo fuori. Vicino alla porta fiuta il gol e si rivela tra i più pericolosi della sua squadra. Di Miceli 6.5 Un po' in ombra rispetto al suo solito ma comunque va vicino al gol nel primo tempo quando, servito da Viscusi, sfiora il palo alla destra di Rusconi.  Marulli 6.5 Non riesce a essere decisivo nell'unica frazione di gioco disputata. Importante però per la squadra grazie al suo pressing e alle tantissime palle recuperate, così come per un tiro dalla distanza che viene respinto in maniera miracolosa dal portiere. 1' st Dragone 6.5 Entra nel secondo tempo e carica la squadra, non si ferma mai e lotta su tantissimi palloni a centrocampo. Un cambio che ravviva davvero la partita. All. De Lillo 7 Allena da poco un gruppo che gioca bene e batte un avversario a dir poco ostico. Prova a cambiare modulo tra la prima e la seconda frazione e il risultato gli dà la ragione. BRIANZA OLGINATESE Rusconi 7 Riflessi incredibili sulla deviazione a botta sicura di Lanzi, stupisce tutti con una serie di parate che mostrano la sua grande reattività e abilità nel tuffo. Senza di lui il passivo poteva essere decisamente più pesante. Caldera 6.5 Gioca sulla fascia destra e si fa valere contro un avversario molto forte come Viscusi. Molto bravo in fase difensiva, soprattutto nel primo tempo non lascia che gli avversari passino di là.   Fera 6.5 Gioca una prima frazione senza reti comportandosi ottimamente in fase difensiva. Non riesce a essere altrettanto pericoloso davanti anche perché le dimensioni del campo condizionano la precisione dei passaggi dei compagni. 1' st Antonuccio 6 Entra ed è un po' in difficoltà davanti all'esuberanza di Boeron. L'azione del gol del numero 17 tuttavia non inizia sulla sua fascia e lui non ha grandi responsabilità sulla sconfitta finale.  Franzin 6 Ammonito un po' ingenuamente per un tocco di mano che fortunatamente avviene appena fuori dall'area di rigore. Si riprende però e recupera la concentrazione non sbagliando più in maniera evidente.  Renna 6 Gioca una buona prima frazione in cui la sua squadra regge gli avversari e non lascia niente al caso. Sbaglia qualche tocco di troppo, ma forse il campo piccolo non lo aiuta. 1' st Carenini 6.5 Entra nella seconda frazione, molto difficile per i suoi compagni, ma gioca una buona partita con tanta grinta e aggressività. Zaffaroni 6.5 Una buona prova per il difensore che dimostra di essere più che affidabile. Nel primo tempo, in particolare, è bravissimo a non far passare gli avversari e a curarsi delle marcature preventive. Curioni 6.5 Quando trova la conclusione è molto pericoloso per gli avversari e solo un portiere in grande forma come Musitano poteva dirgli di no. In difesa non si lascia sorprendere e non commette sbavature giocando tutto sommato una buona gara.  1' st Nhaiji 6 Entra ma non riesce, nel tempo a disposizione, a fare la differenza in fase realizzativa. Molto importante però il suo contributo per far salire la squadra e provare a completare la rimonta. Casati 6.5 Buona prova in cui ha cercato spesso di trovare il passaggio decisivo per i compagni con delle interessanti verticalizzazioni. All'inizio sembra non trovare le giuste misure ma man mano aggiusta la mira.  Adriano 7 Lotta contro la retroguardia avversaria e spesso ha la meglio grazie alla sua fisicità. Serve l'assist al compagno che si fa trovare pronto e insacca in rete. Un gladiatore in campo ma anche un grande altruista. 1' st Faye 6 Entra e fornisce subito una gran dose di energia alla squadra, instancabile sulla fascia. Esterno rapido e difficilmente contenibile. Spesso però tiene troppo la palla e finisce per perderla.  Vairani 7 L'istinto del bomber lo guida e gli fa realizzare un bellissimo gol che riapre i giochi. Viene servito centralmente da Adriano e riesce a spiazzare il portiere con un piattone forte e angolato.  Mitrovic 6 Non incide particolarmente in avanti. Non si fa notare molto in campo e questo non è buono per un attaccante. Nonostante ciò gioca una partita di grande sacrificio per i compagni. 1' st Viviani 6.5 Entra bene in campo e gioca una buona partita a cui manca solo il gol. La fortuna, però, non è dalla sua parte e lo lascia a bocca asciutta.  All. Colleoni 6.5 La sua squadra non riesce a prendere bene le misure perché abituata a campi di dimensioni più grandi. Nonostante ciò la partita si rivela fin da subito agguerrita ed equilibrata e i suoi danno grande filo da torcere agli avversari pur non riuscendo ad acciuffare il pareggio.  ARBITRO Pavesi di Milano 7 Si fa rispettare dai giocatori in campo, alza la voce quando c'è bisogno e non esagera con i cartellini. Gestisce una gara agguerrita con grande ordine.

LE INTERVISTE

L'allenatore vittorioso Leonardo De Lillo commenta così la prestazione dei suoi: « Ho schierato i ragazzi come era solito fare il loro vecchio mister. Ho provato poi a variare nel secondo tempo cambiando modulo e sono molto soddisfatto. Il nostro progetto è quello di creare un gruppo competitivo e affiatato per la Juniores e mi sembra che siamo sulla buona strada». Il tecnico dei bianconeri Giordano Colleoni, invece, si mostra soddisfatto nonostante la disfatta: « Abbiamo appena iniziato a lavorare insieme e penso che questa sia una buona prestazione contro una grande squadra. Dal punto di vista fisico siamo avanti e ne sono felice. Questa è solo la seconda volta che giochiamo e abbiam dato filo da torcere fino alla fine».

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400